Google Plus è sempre più solo

Pensato come la piattaforma che facesse da snodo per tutti i servizi della Grande G, si ridurrà progressivamente alla funzione di social network. E non sarà più necessario per agire su YouTube
Pensato come la piattaforma che facesse da snodo per tutti i servizi della Grande G, si ridurrà progressivamente alla funzione di social network. E non sarà più necessario per agire su YouTube

Era stato pensato per rappresentare un’identità trasversale presso tutti i servizi di Google, non semplicemente come un profilo di social network: Google Plus, di annuncio in annuncio, sta procedendo a ridimensionare le proprie ambizioni. Si sta configurando, nelle parole di Mountain View, “come un posto in cui le persone si intrattengono sulla base dei loro interessi”.

“Quando abbiamo lanciato Google+ – ricorda Bradley Horowitz, ai vertici della divisione ora denominata Streams, Photos, and Sharing – volevamo aiutare le persone a scoprire, condividere e connettersi attraverso i servizi di Google come si fa nella vita reale”. Horowitz ammette però che certe scelte, anche sulla base di una certa “confusione” venutasi a creare presso gli utenti, “andavano ripensate”.

Il processo delineato ora appariva già tracciato dalle scelte operate dalla dirigenza negli scorsi mesi: l’ apertura agli pseudonimi , la recisione del vincolo con Gmail si sono avvicendati in un turbinio di cambi ai vertici che ha ridisegnato la vocazione di Google+, sempre più indipendente , sempre meno spina dorsale dei servizi a sfondo social della Grande G.
Nel corso della recente conferenza per sviluppatori Google I/O la sezione di Google+ dedicata alla gestione e alla condivisione delle immagini è diventata sostanzialmente superflua , pronta a cedere il passo a Google Foto; si è già a buon punto, conferma Mountain View, nel processo di riassegnare certe funzioni come la condivisione delle posizioni a Hangouts e ad altre applicazioni “alle quali realmente appartengono”. In questo modo , spiega Horowitz, “si otterrà un Google+ meno dispersivo, più utile, più coinvolgente”.

Oltre a sfrondare Google+ di funzioni, l’altro degli aspetti su cui Mountain View sta lavorando è quello della dissociazione dei profili Plus dai servizi della Grande G: “nei prossimi mesi, tutto quello che sarà necessario per condividere contenuti, comunicare con i propri contatti,creare un canale YouTube e altro sarà un account Google”. Il distacco comincerà con YouTube , il cui vincolo con Plus è stato in passato molto dibattuto : a partire dalle prossime settimane non sarà più necessario un profilo Google+ per caricare contenuti, commentarli o creare un canale. I commenti ai video, spesso sede di feroci confronti, oltre ad essere gestiti con un nuovo sistema per garantire visibilità maggiore ai contributi di valore, già a partire da oggi rimarranno confinati su YouTube e non verranno associati ai profili di Plus.

“Vogliamo formalmente cancellare il concetto che l’appartenenza a Google+ sia necessaria per ogni cosa su Google, ad eccezione che per lo stesso Google+”, spiega Horowitz in un post sul proprio profilo. C’è da procedere con cautela , però, poiché i vincoli tra i servizi sono ancora da sciogliere. Nei prossimi mesi sarà possibile decretare la rimozione del proprio account Google Plus senza conseguenze, ma la Grande G raccomanda ai propri utenti di avere pazienza: l’effetto che si otterrebbe ora sarebbe quello di trascinare nell’oblio anche il proprio canale YouTube.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 07 2015
Link copiato negli appunti