Google, via libera su DoubleClick

Come già ventilato nei giorni scorsi le autorità antitrust europee confermano: nessun ostacolo all'acquisizione del colosso dei banner da parte del colosso dell'advertising

Roma – Ci sono voluti sei mesi ma alla fine la Commissione Europea ha dato oggi il suo ok all’acquisizione di DoubleClick da parte di Google, un’operazione che fin dal suo annuncio ha suscitato polemiche a non finire.

Dopo le segnalazioni dei consumatori, preoccupati dalla fusione tra il colosso dei banner e il più importante player del search advertising, le autorità antitrust europee avevano deciso di avviare un round di indagine. Secondo la UE, dunque, l’acquisizione non solleva problematiche particolari né per i consumatori né per la concorrenza sul mercato.

Secondo la UE , dunque, la fusione non metterà all’angolo i concorrenti di Google anche perché gli inserzionisti che oggi si rivolgono a Google e DoubleClick godono già ora di importanti alternative “in particolare aziende vertiali come Microsoft, Yahoo e AOL”.

Per Google tutto questo si traduce nella possibilità di gestire il più imponente sistemone sparabanner a cui si appoggiano inserzionisti di tutto il Mondo, più un insieme di rapporti e relazioni commerciali destinati ad amplificare la sua presenza nel mercato dell’advertising online.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Durex scrive:
    Re: creature senzienti...
    Bello vedere un post intelligente una volta tanto nelle idiozie nel 98% dei frequentatori di questo sito. Quoto in maniera esagerata
  • Il consiglier e scrive:
    Ma perchè
    continuare a riempire i thread di idiozie e battaglie verbali?Ma lavorare no?Programmare neanche?Scopare costa troppa fatica?Torniamo tutti a fare i nerd nelle nostre stanze buie usando il sistema che preferiamo ed evitiamola di sparare cacate. E usiamo gli strumenti dello stesso sito di PI in maniera costruttiva e utile per tutti.
  • emmecci4867 scrive:
    ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
    Perchè MediaWorld vende l'Asus EEE PC solo on-line?Perchè costa troppo poco e svolge le stesse funzioni di portatili che costano molto molto di più. Ecco perchè non lo fanno neanche vedere nei negozi.Lo stesso avviene con il Pc dell'Everex: i prezzi dei PC sono tenuti artificialmente alti, la maggior parte degli acquirenti non ha bisogno di altro che di un Pc con un editor di testo, un browser, un programma per la posta elettronica, un player multimediale e poco altro. Per fare queste cose basta un modestissimo PC da due soldi, i mostruosi PC che vendono ora hanno una potenza che alla maggior parte degli utenti non serve assolutamente a nulla.E' questo il motivo per il quale, ad esempio, Windows Vista è così avido di risorse, per vendere potentissimi PC che alla maggior parte dei clienti non servirebbero a nulla nel caso le risorse venissero gestite con un minimo di efficienza.Così va la vita, fino a quando c'è chi è disposto a buttare i suoi soldi nel cesso non ho alcun problema, ma quando i soldi sono i miei (leggi amministrazione pubblica e soldi che pago di tasse) allora il discorso cambia ed anche parecchio.:(
    • Renji Abarai scrive:
      Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
      ok ora aspetta che passi la sbronza e pensa in modo razionale.L'EEE se fosse disponibile mediaworld lo darebe più che volentieri dato che non durano più di 3 o 4 ore da quando gli arrivano.E nonostante tutto vendono anche altri notebook tutto il giorno.Ti assicuro che non li hanno allo store perchè c'è carenza nella distribuzione italiana.E i negozi non amano smistarli tanto perchè se facessero il prezzo imposto di 299.00 (anche se poi a 320.00 li vendono comunque) hanno un guadagno inferiore al 5% dal costo di distribuzione.Eppure tutti gli altri PC si vendono.Sia desktop da 2000 euro che notebook da 1500.Saranno tutti ciecati o alcuni VOGLIONO la potenza per sfruttarla?
      • emmecci4867 scrive:
        Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC

        Saranno tutti ciecati o alcuni VOGLIONO la
        potenza per
        sfruttarla?Se il portatile più economico che trovi in un negozio costa 500 euro lo paghi 500 euro, se ne costa 299 lo paghi 299. Ecco da dove derivano i fantomatici "problemi di distribuzione", altro che storie. P.S. Se uno spende 2000 euro ha evidentemente esigenze diverse oppure è uno dei tanti che comprano per apparire, in ogni caso prodotti come l'Asus EEE Pc e gOS dell'everex aprono un nuovo business ma uccidono altri mercati molto più redditizi.
        • Durex scrive:
          Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
          PLONK
        • Renji Abarai scrive:
          Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
          mi porti degli esempi?Io posso citarti almeno 4 importatori che distribuiscono anche i Mediaworld e hanno gli arrivi previsti per i negozi a Maggio.Prima sono tutti prenotati e non arrivano.Tu sei nel settore come me oppure parli per sentito dire?Se rientri nel primo caso contattami per PM che vediamo di conoscerci e fare un po di affari assieme.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 marzo 2008 15.09-----------------------------------------------------------
          • Bill the Gates scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            Modificato dall' autore il 12 marzo 2008 15.09
            --------------------------------------------------Vai Renji spaccolo a questo, solito bonifico giornaliero di 5$ a risposta contro i cantinariTi AdoroIl tuo adorabile Gates!
      • Nifft scrive:
        Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
        - Scritto da: Renji Abarai
        Eppure tutti gli altri PC si vendono.
        Sia desktop da 2000 euro che notebook da 1500.
        Saranno tutti ciecati o alcuni VOGLIONO la
        potenza per
        sfruttarla?La prima che hai detto...
      • Ferraiolo scrive:
        Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
        - Scritto da: Renji Abarai
        Eppure tutti gli altri PC si vendono.
        Sia desktop da 2000 euro che notebook da 1500.
        Saranno tutti ciecati o alcuni VOGLIONO la
        potenza per
        sfruttarla?ad alcuni SERVE la potenza, magari vuoi usare qualche videogioco, magari vuoi usarci photoshop, magari vuoi scaricarci da internet, magari vuoi solo il picci figoso, magari sei stanco di vedere le cartelle del tuo vecchio PC che sio aprono lentamente e per cambiarlo vai in negozio e scegli tra quello che trovi.....
        • Renji Abarai scrive:
          Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
          io concordo.Sono quelli che son coninti che i pc da 299 euro facciano concorrenza agli altri che vedono sempre il complotto senza pensare che un utente acquista in base alle necessità e in base al budget.Se io voglio un assemblato da 200 euro senza OS e da Mediaworld/Marcopolo/Auchan non lo trovo e ho solo quei soldi da spendere non ripiego di certo.Alzo il culo e vado in un negozio che me l'assembla come voglio io.Se voglio un Pc da fare concorrenza alla nasa vado e cerco. Non lo trovo dalle solite catene? vado in un negozio e me lo faccio come voglio.2 sono le cose che contano davvero: necessità e budget.La terza componente è la voglia di girare per negozi e siti internet.Ma molti se la scordano e poi piangono.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 marzo 2008 15.45-----------------------------------------------------------
          • emmecci4867 scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC

            Se io voglio un assemblato da 200 euro senza OS e
            da Mediaworld/Marcopolo/Auchan non lo trovo e ho
            solo quei soldi da spendere non ripiego di
            certo.
            Alzo il culo e vado in un negozio che me
            l'assembla come voglio
            io.Lavorerai nella distribuzione ma evidentemente non hai mai lavorato in un supermercato. "Ripiegano",ripiegano eccome se ripiegano!Ripiegano che è una bellezza!Ho lavorato più di due anni in una grande catena di distribuzione di prodotti informatici, se avessi 100 lire per ogni poveretto che ho visto buttare soldi in PC di cui non aveva alcun bisogno sarei più ricco di Bill Gates!Dopo aver illustrato le specifiche tecniche nel dettaglio la domanda tipica,immancabile era ESATTAMENTE QUESTA:C'è l'ha internet? Certo signora! Questo era l'argomento principe per rifilare portatili da 1000 Euro, HA INTERNET! Vedrà che belle ricerche potrà fare suo nipotino!
          • Durex scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            PLONK
          • rotfl scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            - Scritto da: Durex
            PLONKMa sai almeno cosa vuol dire o credi che sia un rumore tipo "bang", "bum", "prot"?
          • emmecci4867 scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            Dimenticavo, se il problema è il budget ci sono sempre le finanziarie, altrimenti come fa suo nipotino a fare le ricerche per la scuola? Interessi zero e via! Un altro Core Duo per navigare sul sito del Corriere e scrivere ricette di cucina...
          • Renji Abarai scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            quella è ignoranza del cliente.E le finanziarie devono essere approvate.Se io ho 300 euro e quelle voglio spendere, scommetti che trovo quelche mi serve senza ripiegare?Basta consumare un po di più la suola delle scarpe.
          • emmecci4867 scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC

            Se io ho 300 euro e quelle voglio spendere,
            scommetti che trovo quelche mi serve senza
            ripiegare?
            Basta consumare un po di più la suola delle
            scarpe.Non c'è bisogno di consumarsi le suole, basta ordinare on line come nel caso dell'Asus e ti viene recapito dove vuoi tu: http://compraonline.mediaworld.it/webapp/wcs/stores/servlet/LoadProduct?catalogId=20000&storeId=20000&langId=-1&partNumber=p-523075&descrizione=1Ma come mai sugli scaffali non ce n'è traccia? La storia dei problemi di distribuzione non sta in piedi dal momento che vendono regolarmente on-line dalla fine di Febbraio.In genere i supermercati fanno di tutto per avere i prodotti di maggior richiamo sugli scaffali dal momento che attirano pubblico, arrivano addirittura a vendere merce sotto costo pur di attirare gente. In questo caso invece manca dagli scaffali e si trova regolarmente in vendita on line. Sono 2 mesi che cerco di VEDERNE uno ma è impossibile ed abito a Milano mica a Pizzighettone! Però se faccio l'ordine on-line mi viene assicurata la consegna entro due giorni, io lo trovo per lo meno singolare!
          • Durex scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            giusto emmecci, quotoper gli altriPLONK
          • rotfl scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            - Scritto da: Durex
            giusto emmecci, quoto
            per gli altri

            PLONKMa sai cosa significa, almeno?
          • Durex scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            Certo che si :) si usa per dire che qualcuno è OT o rompe in qualche modo.La cosa più bella è che al sol sentire PLONK io mi ammazzo dalle risate, è onomatopeico e idiota come piace me, anzi, come me :)Ora resta da capire, chi è OT o rompi... io o gli altri?In ogni caso...PLONK
          • rotfl scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            - Scritto da: Durex
            Certo che si :) si usa per dire che qualcuno è OT
            o rompe in qualche
            modo.

            La cosa più bella è che al sol sentire PLONK io
            mi ammazzo dalle risate, è onomatopeico e idiota
            come piace me, anzi, come me
            :)Veramente non e' proprio cosi'... :$ Significa "Put Lamer (o Loser) On KillFile"... ma non essendoci qui il killfile o qualsiasi sorta di filtro non significa nulla... :D
          • Andrea scrive:
            Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
            La cosa e' strana, io come venditore (ho un negozio di pc) ho faticato a trovarli all'inizio. Il primo e' arrivato settimana scorsa ed e' andato via dopo 2 giorni di vetrina, l'altro e' arrivato oggi ed e' andato in vetrina. E ora i miei fornitori ce l'hanno con ampie scorte ^_^
      • .... scrive:
        Re: ESATTAMENTE COME L'ASUS EEE PC
        In Italia il prezzo imposto è vietato...- Scritto da: Renji Abarai
        ok ora aspetta che passi la sbronza e pensa in
        modo
        razionale.
        L'EEE se fosse disponibile mediaworld lo darebe
        più che volentieri dato che non durano più di 3 o
        4 ore da quando gli
        arrivano.
        E nonostante tutto vendono anche altri notebook
        tutto il
        giorno.
        Ti assicuro che non li hanno allo store perchè
        c'è carenza nella distribuzione
        italiana.
        E i negozi non amano smistarli tanto perchè se
        facessero il prezzo imposto di 299.00 (anche se
        poi a 320.00 li vendono comunque) hanno un
        guadagno inferiore al 5% dal costo di
        distribuzione.
        Eppure tutti gli altri PC si vendono.
        Sia desktop da 2000 euro che notebook da 1500.
        Saranno tutti ciecati o alcuni VOGLIONO la
        potenza per
        sfruttarla?
  • Anonimo scrive:
    Una telefonata o 1000 telefonate?
    A leggere i vostri commenti pare che il motivo del ritiro di questa linux box low cost sia stato causato da migliaia di telefonate di utenti insoddisfatti.E perche' invece non si analizza piu' a fondo l'eventualita' di *una sola telefonata* di un fornitore insoddisfatto?Una cosa del tipo:"Ue'!, togliete dalla vendita quel coso, altrimenti come facciamo noi a fare business sui SO preinstallati e sui SW preinstallati?Noi pensavamo che gli utenti fossero tutti scemi e passassero la notte in tenda davanti ai negozi per essere i primi a comprare il nostro SW l'indomani all'apertura. Qui invece emerge che c'e' una enorme fetta di utenti che si e' fatta furba, e ha capito che si puo' fare a meno di spendere soldi in software. Questa cosa nuoce alla nostra immagine. Togliete dalla vendita subito se volete continuare a godere della nostra protezione.Salutiamo vossia."
  • Daniele scrive:
    NON MI CI GIRANO UORD E I GEIMS
    Sarà invece che il giorno dopo i clienti arrivavano al supermercato incazzati perché non riuscivano ad installarci i programmi craccati ed i giochi?Quanti utenti comuni sanno cos'è linux?Il supermercato avrà fatto 2+2 ed avrà pensato che gli conveniva perdere i 2 soldi che ci guadagnava piuttosto che avere l'ufficio reclami pieno e un po di clienti offesi in meno.No?
    • anonymous scrive:
      Re: NON MI CI GIRANO UORD E I GEIMS

      Il supermercato avrà fatto 2+2 ed avrà pensato
      che gli conveniva perdere i 2 soldi che ci
      guadagnava piuttosto che avere l'ufficio reclami
      pieno e un po di clienti offesi in
      meno.

      No? No. wall mart non fornisce assistenza.
      • Peano scrive:
        Re: NON MI CI GIRANO UORD E I GEIMS
        Infatti il buon Daniele ha scritto ufficio reclami. Smettetela di ragionare da informatici quando si tratta di marketing o acquisto in grandi catene.Lavorate e capirete che anche se non esiste servizio assistenza o ufficio reclami, il cliente chiama lo stesso e vuole soddisfazione.L'utente non sa distinguere win da linux da mac e vuole fare ciò che fa con win, nello stesso e identico modo su linux, non si trova e scassa al negozio. fine della storia.
        • Anonymous scrive:
          Re: NON MI CI GIRANO UORD E I GEIMS
          - Scritto da: Peano
          Infatti il buon Daniele ha scritto ufficio
          reclami. che, in quanto tale, si occupa dei reclami e non dell'assistenza.
          Smettetela di ragionare da informatici
          quando si tratta di marketing o acquisto in
          grandi
          catene.io sono un tecnico.l'utente si può anche infilare una scopa nel culo e ramazzarmi la stanza, per quel che mi riguarda.
          Lavorate e capirete che anche se non esiste
          servizio assistenza o ufficio reclami, il cliente
          chiama lo stesso e vuole
          soddisfazione.prima regola: il cliente è stupido.seconda regola, variante marketing: frega il cliente più che puoiseconda regola, variante tecnica: educa il cliente così rome meno i cojons.io seguo la seconda regola, tu?
          L'utente non sa distinguere win da linux da mac e
          vuole fare ciò che fa con win, nello stesso e
          identico modo su linux, non si trova e scassa al
          negozio. fine della
          storia.immagino che per te tutto=giochini , perchè sennò non si spiega come puoi uscirtene con delle baggianate del genere a cuor leggero...(tra l'altro, wine funziona egregiamente)
    • Funz scrive:
      Re: NON MI CI GIRANO UORD E I GEIMS
      - Scritto da: Daniele
      Sarà invece che il giorno dopo i clienti
      arrivavano al supermercato incazzati perché non
      riuscivano ad installarci i programmi craccati ed
      i
      giochi?

      Quanti utenti comuni sanno cos'è linux?
      E perché questo discorso non viene mai fatto per MACOS?
    • Andrea scrive:
      Re: NON MI CI GIRANO UORD E I GEIMS
      troll, si chiamano GHEIMS.ah gia', e poi wallmart NON DA assistenza.
  • biffuz scrive:
    Linux nei supermercati?
    Che bello, un computer che costa poco! E il commesso dice che posso farci tutto quello che ci posso fare con gli altri!...Pronto, assistenza? Ho comprato il nuovo computer, ma se metto dentro un CD non parte... sul manuale del CD c'è scritto che devo cliccare su autorun.exe, a parte il fatto che ci ho messo mezz'ora a trovarlo, questo coso mi dice che non riconosce il tipo di file, che faccio? Come non si può??? Il commesso mi ha detto che ci posso fare tutto come sugli altri computer! Che razza di fregatura mi avete venduto?
    • anonymous scrive:
      Re: Linux nei supermercati?

      Pronto, assistenza? Ho comprato il nuovo
      computer, ma se metto dentro un CD non parte...
      sul manuale del CD c'è scritto che devo cliccare
      su autorun.exe, a parte il fatto che ci ho messo
      mezz'ora a trovarlo, questo coso mi dice che non
      riconosce il tipo di file, che faccio? Come non
      si può??? Il commesso mi ha detto che ci posso
      fare tutto come sugli altri computer! Che razza
      di fregatura mi avete
      venduto? :-o4--
      • quoto scrive:
        Re: Linux nei supermercati?
        - Scritto da: anonymous

        Pronto, assistenza? Ho comprato il nuovo

        computer, ma se metto dentro un CD non parte...

        sul manuale del CD c'è scritto che devo cliccare

        su autorun.exe, a parte il fatto che ci ho messo

        mezz'ora a trovarlo, questo coso mi dice che non

        riconosce il tipo di file, che faccio? Come non

        si può??? Il commesso mi ha detto che ci posso

        fare tutto come sugli altri computer! Che razza

        di fregatura mi avete

        venduto?

        :-o
        4--Mi pare eccessivo, 2+, comunque quanto descritto è più o meno il livello medio degli ingegnieri in italia... pensate un pò gli altri
        • .... scrive:
          Re: Linux nei supermercati?
          Vedo che siamo tra colleghi qui...

          Mi pare eccessivo, 2+, comunque quanto descritto
          è più o meno il livello medio degli ingegnieri in
          italia... pensate un pò gli
          altri
    • ma fammi il piacere... scrive:
      Re: Linux nei supermercati?
      Ma quando caxxo imparerete che un computer non è un tostapane?
    • utonti scrive:
      Re: Linux nei supermercati?
      Ma quando caxxo imparerete che un computer non è un tostapane?
  • mmmmhhh scrive:
    Perdono clienti per altri prodotti
    IMO il problema vero è che si perdono clienti per i prodotti di fascia più alta e per quelli scadenti di fascia bassa nella linea accessori.Un po' difficile vendere a 600$ un pc che di fatto non ti permette di fare molto di più quando il prodotto concorrente costa meno della metà. Altrettanto difficile vendere la stampante low-cost che non ha il supporto linux ma solo quello windows.Qui il problema è che il prodotto è andato troppo bene e quello che doveva essere un mercato di nicchia si stava trasformando in un mercato di massa senza che la distribuzione fosse pronta. Venderlo solo on-line significa far tornare il prodotto all'utenza limitata cui era destinato inizialmente, aspettando di vedere che aria tira nel mercato di massa con l'arrivo dei vari eeepc e cloni.
  • Lemon scrive:
    Svuotare il magazzino
    Non vuol dire niente, se ne avevano 10 fanno presto a svuotarlo.Secondo me la cosa più verosimile (senza scomodare Bill Gates con il forcone) è che si aspettavano più ordini, probabilmente il margine di guadagno non è conveniente per gestire scorte e spedizioni tra i negozi della catena. On-line si può ancora comprare (particolare sfuggito ai detrattori MS) perchè l'ordine viene gestito direttamente dal magazzino centrale oppure, è possibile, direttamente dai produttori del PC in cambio di una percentuale.Chi è concorde con me?
    • anonymous scrive:
      Re: Svuotare il magazzino
      - Scritto da: Lemonlemon, sei uno degli Ugo Limone?http://www.forumdeitroll.it/ms.aspx?m_id=1522296&m_rid=0
  • iome scrive:
    semplice...
    un pc dal basso costo e dal semplice OS porta con se una filosofia che da fastidio:Il 99% delle cose che si fanno al PC in casa si possono fare con pochi dollari e senza windows.La maggior parte della gente usa il pc per internet, email, testi, foto e poco altro.. tutta roba che si fa con un pc come questo. Se compri a 300$ non compri più a 900$ e walmart non fa più utili...
    • nodata scrive:
      Re: semplice...
      Sono d'accordo.
    • ahio scrive:
      Re: semplice...
      - Scritto da: iome
      un pc dal basso costo e dal semplice OS porta con
      se una filosofia che da
      fastidio:
      Il 99% delle cose che si fanno al PC in casa si
      possono fare con pochi dollari e senza
      windows.
      La maggior parte della gente usa il pc per
      internet, email, testi, foto e poco altro.. tutta
      roba che si fa con un pc come questo. Se compri a
      300$ non compri più a 900$ e walmart non fa più
      utili...completamente d'accordo...e soprattutto finalmente un post serio senza le solite guerre di religione
    • Lemon scrive:
      Re: semplice...
      - Scritto da: iome
      un pc dal basso costo e dal semplice OS porta con
      se una filosofia che da
      fastidio:
      Il 99% delle cose che si fanno al PC in casa si
      possono fare con pochi dollari e senza
      windows.
      La maggior parte della gente usa il pc per
      internet, email, testi, foto e poco altro.. tutta
      roba che si fa con un pc come questo. Se compri a
      300$ non compri più a 900$ e walmart non fa più
      utili...Dipende dal margine, puoi vendere anche un PC a 1000 ma guadagnare solo 20 euro, magari ne vendi uno a 300 e ne guadagni 40.
    • mondino scrive:
      Re: semplice...

      roba che si fa con un pc come questo. Se compri a
      300$ non compri più a 900$ e walmart non fa più
      utili...ma questa catena di supermercati è famosa per i prezzi bassissimi, non penso sia questo il motivo.
      • emmecci4867 scrive:
        Re: semplice...
        Io penso che invece sia proprio questo il motivo, ricorda che più costa un prodotto più è alto il margine di guadagno.Secondo te chi se la passa meglio un gioielliere oppure chi vende bigiotteria?
    • PGStargazer scrive:
      Re: semplice...
      e guardacaso proprio adesso che doveva uscire questohttp://www.everex.com/products/gpc_mini/gpc_mini.htm (vedi copia cache)ma tu guarda che coincidenzachi è il grosso fornitore che ha fatto pressione? :Dtroppo fastidioso un giocattolino simile anche se il processore è vecchiotto ma se i concorrenti tipo aopen e koala costano dai 1000 in su per non parlare di qualunque altro pc
  • Enjoy with Us scrive:
    Schifezza commerciale
    Ma come ammetti che il prodotto si vende benissimo, tanto da rimanerne senza scorte, ma poi non lo vuoi piu' commercializzare?Sento puzza di abuso di posizione dominante di un certo M$
    • pabloski scrive:
      Re: Schifezza commerciale
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ma come ammetti che il prodotto si vende
      benissimo, tanto da rimanerne senza scorte, ma
      poi non lo vuoi piu'
      commercializzare?

      Sento puzza di abuso di posizione dominante di un
      certo
      M$parli bene tu, perchè non hai ricevuto a casa la visita degli uomini in nero di zio Bill :D
    • iome scrive:
      Re: Schifezza commerciale
      semplicemente perchè molti pc a 300$ non fanno gli utili di pochi pc a 900$....
      • assd scrive:
        Re: Schifezza commerciale
        - Scritto da: iome
        semplicemente perchè molti pc a 300$ non fanno
        gli utili di pochi pc a
        900$....proprio per questo ci sono degli studi in merito PRIMA di mettere il prodotto sugli scaffali...beata ignoranza
    • Linaro scrive:
      Re: Schifezza commerciale
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Sento puzzaLavati...
    • carlo denaro scrive:
      Re: Schifezza commerciale
      sono veramente felice che ci sia gente che pensa! :)i dubbi sono legittimi infatti
    • koohnar scrive:
      Re: Schifezza commerciale
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ma come ammetti che il prodotto si vende
      benissimo, tanto da rimanerne senza scorte, ma
      poi non lo vuoi piu'
      commercializzare?

      Sento puzza di abuso di posizione dominante di un
      certo
      M$se il prodotto venderebbe bene allora nessuno potrebbe mai far cambiare idea a wal-martle notizie passano, girano, si alterano... e c'è sempre qualcuno che aggiunge un pizzico di vittimismo open source, tipico di chi vorrebbe evangelizzare la gente con la pietà, come succede in tutte le religioni minori (Protestantesimo, Testimoni di Geova, FreeSoftware, ecc..)
      • koohnar scrive:
        Re: Schifezza commerciale
        - Scritto da: koohnar
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Ma come ammetti che il prodotto si vende

        benissimo, tanto da rimanerne senza scorte, ma

        poi non lo vuoi piu'

        commercializzare?



        Sento puzza di abuso di posizione dominante di
        un

        certo

        M$

        se il prodotto venderebbe bene allora nessuno
        potrebbe mai far cambiare idea a
        wal-mart

        le notizie passano, girano, si alterano... e c'è
        sempre qualcuno che aggiunge un pizzico di
        vittimismo open source, tipico di chi vorrebbe
        evangelizzare la gente con la pietà, come succede
        in tutte le religioni minori (Protestantesimo,
        Testimoni di Geova, FreeSoftware,
        ecc..)pardon... se il prodotto "vendesse" (anonimo)
      • The_GEZ scrive:
        Re: Schifezza commerciale
        Ciao koohnar !
        le notizie passano, girano, si alterano... e c'è
        sempre qualcuno che aggiunge un pizzico di
        vittimismo open source, tipico di chi vorrebbe
        evangelizzare la gente con la pietà, come succede
        in tutte le religioni minori (Protestantesimo,
        Testimoni di Geova, FreeSoftware,
        ecc..)Cioè il computer non vendeva, ma loro si sono inventati che vendeva tantissimo per poi ritirarlo dal mercato e passare da stupidi ?Dei geni !
        • .... scrive:
          Re: Schifezza commerciale
          No, perché se ritirano un flop perdono il peso nelle successive trattative con altri vendor... invece ora possono dire "io ho tolto una cosa che vende per mettere il TUO PC... a quanto me lo volevi vendere??? No no... non se ne parla... altro sconto del 10% altrimenti rimetto quello che vende"...- Scritto da: The_GEZ
          Ciao koohnar !


          le notizie passano, girano, si alterano... e c'è

          sempre qualcuno che aggiunge un pizzico di

          vittimismo open source, tipico di chi vorrebbe

          evangelizzare la gente con la pietà, come
          succede

          in tutte le religioni minori (Protestantesimo,

          Testimoni di Geova, FreeSoftware,

          ecc..)

          Cioè il computer non vendeva, ma loro si sono
          inventati che vendeva tantissimo per poi
          ritirarlo dal mercato e passare da stupidi
          ?
          Dei geni !
  • Nilok scrive:
    Nessun Sistema Operativo
    Ave.Bisogna smetterla di pre-installare Sistemi Operativi sui PC in vendita.Ognuno si mette il Sistema che preferisce.Chissà che finalmente microsfot abbassi la cresta.A presto.Nilok
    • iome scrive:
      Re: Nessun Sistema Operativo
      certo perchè tutti sanno installare un SO.Vendiamo macchine senza ruote e sedili così tutti possono scegliersi quelli che vogliono...Credulonology da alla testa...
      • webwizard scrive:
        Re: Nessun Sistema Operativo
        - Scritto da: iome
        certo perchè tutti sanno installare un SO.

        Vendiamo macchine senza ruote e sedili così tutti
        possono scegliersi quelli che
        vogliono...

        Credulonology da alla testa...Già, perché bisogna essere dei geni fenomenali per fare dei restore CD. Non dirmi che gente come Dell o HP non riescono a fare installazioni unattended per Windows e Ubuntu, se vogliono. Appunto, se vogliono...
      • Nilok scrive:
        Re: Nessun Sistema Operativo
        Anche tu ti mostri per quello che sei visto che non sei in grado di contribuire alla discussione in corso restando in tema con il post e tentando di fare della discriminazione...attività ormai obsoleta.Allora vendiamo le automobili giù con il pieno di benzina, di una marca PRIVILEGIATA......A presto.Nilok
      • lol scrive:
        Re: Nessun Sistema Operativo
        (rotfl)(rotfl)(rotfl) Credulonology (rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: Nessun Sistema Operativo
        Basterebbe mettere in negozio in disco di installazione della tal marca. Se lo vuoi, acquisti il sistema operativo e l'assistenza al software, ma pagandola a parte e solo se la vuoi.Poi il disco è quello di ripristino, metti dentro, formatta tutto e s'installa come se fosse l'erede di Montezuma, come fanno adesso tutti i dischi di ripristino, già preconfigurati e pronti a chiederti subito nome, cognome, indirizzo e dati vari per schedarti e mandarti pubblicità.Ma il diritto di scegliere non dovrebbe essere negato, mai.Anche perché io vorrei poter comprare 3 portatili (per esempio) e una copia di Windows Academic (licenza full per 3 computer) e spendere 90 euro, non spendere 90x3 euro di Windows Vista Basic + 60x3 euro di Works che non uso.Pensaci, potresti volerlo fare anche te, un giorno. Non è poi così irreale.
        • nOra scrive:
          Re: Nessun Sistema Operativo
          - Scritto da: Davide Impegnato
          Anche perché io vorrei poter comprare 3 portatili
          (per esempio) e una copia di Windows Academic
          (licenza full per 3 computer) e spendere 90 euro,
          non spendere 90x3 euro di Windows Vista Basic +
          60x3 euro di Works che non
          uso.Guarda che Windows in versione Academic è solo in versione aggiornamento (la licenza)!Sempre stato così e sempre lo sarà!
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Nessun Sistema Operativo
            Quella è la Windows Vista Home Premium Upgrade Academic Edition ma c'è anche Windows Vista Academic che è una Basic FULL per 3 computer al costo di 89 - 90. Albergati l'ha citata fino all'inverosimile pur di convincere il mondo che Vista non costa di più di XP.
        • .... scrive:
          Re: Nessun Sistema Operativo
          Giusto,ma perché non venderli anche senza tastiera visto che la tastiera bella wireless l'ho già?? Perché non venderli senza RAM visto che ho già tanta RAM a casa??? O magari anche senza HD visto che l'ho già??Perché il vostro astio è solo contro il sistema operativo??- Scritto da: Davide Impegnato
          Basterebbe mettere in negozio in disco di
          installazione della tal marca. Se lo vuoi,
          acquisti il sistema operativo e l'assistenza al
          software, ma pagandola a parte e solo se la
          vuoi.

          Poi il disco è quello di ripristino, metti
          dentro, formatta tutto e s'installa come se fosse
          l'erede di Montezuma, come fanno adesso tutti i
          dischi di ripristino, già preconfigurati e pronti
          a chiederti subito nome, cognome, indirizzo e
          dati vari per schedarti e mandarti
          pubblicità.

          Ma il diritto di scegliere non dovrebbe essere
          negato,
          mai.

          Anche perché io vorrei poter comprare 3 portatili
          (per esempio) e una copia di Windows Academic
          (licenza full per 3 computer) e spendere 90 euro,
          non spendere 90x3 euro di Windows Vista Basic +
          60x3 euro di Works che non
          uso.

          Pensaci, potresti volerlo fare anche te, un
          giorno. Non è poi così
          irreale.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Nessun Sistema Operativo

            ma perché non venderli anche senza tastiera visto
            che la tastiera bella wireless l'ho già?? Perché
            non venderli senza RAM visto che ho già tanta RAM
            a casa??? O magari anche senza HD visto che l'ho
            già??

            Perché il vostro astio è solo contro il sistema
            operativo??Giusta obiezione. Ma la risposta è semplice: nei campi che tu hai citato, c'è concorrenza. Nel campo dei SO no.
      • rotfl scrive:
        Re: Nessun Sistema Operativo
        - Scritto da: iome
        certo perchè tutti sanno installare un SOUno che non e' capace di eseguire un'operazione assolutamente *BANALE* come installare un sistema operativo Windows o Linux (almeno certe distribuzioni) non sara' neanche capace di usarlo.
        Vendiamo macchine senza ruote e sedili così tutti
        possono scegliersi quelli che
        vogliono...Forse ti sfugge che i sedili sono assimilabili a pezzi hardware, non al software. O sei uno di quei pagliacci che qui su PI sosteneva che il sistema operativo non e' software? (rotfl)
        Credulonology da alla testa...Attacco assolutamente fuori luogo e che non c'entra nulla con l'argomento.
    • Nilok scrive:
      Re: Nessun Sistema Operativo
      Essere capace di comunicare....NO...eh?BAGAROSPO!
  • kattle87 scrive:
    Re: creature senzienti...
    - Scritto da: Ricky
    Poi c'e' un'altra considerazione da fare...gli
    utenti ora sanno che un pc da 199 dollari puo'
    fare tutto quello che SERVE REALMENTE
    FARE...Quoto...
  • Ste scrive:
    Qualcuno sa quale era il margine?
    Ovvero quanto ci guadagnava Wal-Mart su quel coso? Perchè non si può escludere che il prodotto fosse diventato "ingombrante" per i fornitori concorrenti. Un margine risicato in questo caso non compensa il peggiore trattamento ricevuto da parte di altri fornitori.Mi spiego meglio: diciamo che io produco i computer della marca X che Wal-Mart vende. Io vedo che questo "coso" mi toglie mercato e dico a Wal-Mart: guarda che deve sparire, almeno dallo scaffale, sennò il prezzo che ti faccio all'ingrosso te lo scordi (ricordiamoci che Wal-Mart in virtù delle sue dimensioni spunta ottimi prezzi all'ingrosso, sia per quantità che per potere contrattuale).Ora Wal-Mart decide se tenere o meno il "coso" in base a quanto ci guadagna o ci perde nel complesso.
    • Shpalman scrive:
      Re: Qualcuno sa quale era il margine?
      Evito di quotare tutto per non appesantire il post, ma hai ragione su tutta la linea.Non sono problemi tecnici a decidere se vendere o no, ma solo i margini di guadagno. Period!
    • iRoby scrive:
      Re: Qualcuno sa quale era il margine?
      Stavo pensando la medesima cosa e stavo per fare un post simile.Ricordo che Micro$oft per un periodo ha fatto regalie sottobanco i licenze software ai commessi del Wal-mart e di altri grandi market se gli comunicavano i produttori che vendevano PC senza sistema operativo o con sistemi operativi alternativi.Be Inc. nella causa per il comportamento anti-concorrenziale contro BeOS portò anche queste accuse in tribunale contro Micro$oft...
    • teddybear scrive:
      Re: Qualcuno sa quale era il margine?
      - Scritto da: Ste
      Ora Wal-Mart decide se tenere o meno il "coso" in
      base a quanto ci guadagna o ci perde nel
      complesso.Ho lavorato anni fa per una grande catena di Informatica. E se dico grande, intendo proprio grande grande.Su molti prodotti, la differenza tra prezzo di acquisto (alla catena) e prezzo di vendita (al dettaglio) era inferiore al 5%. Da cui dovevamo togliere anche ovviamente le spese. Considera che ci dovevano stare DUE ricavi nel mezzo. Si, tanti prodotti venivano venduti praticamente sottocosto, a ben pensarci. Però erano prodotti di prestigio.Considerare un prodotto come questo "una perdita" è sbagliato. Non è un prodotto che può fare concorrenza ad altri, perchè nella sua fascia di prezzo non esiste altro, quindi è un prodotto che, anche se venduto in perdita, tira. Tira clientela. Tanta.Personalmente, per la mia esperienza, a meno di altri motivi seri, questa decisione è un errore. Un grandissimo errore.Decisione loro, comunque.
      • PAPEROLIBER O scrive:
        Re: Qualcuno sa quale era il margine?
        Probabilmete ha ragione Teddy...hanno fatto una gigantesca caxxata e sarà il mercato a dirlo, quando migliaia di clienti se ne andranno incaxxati neri perchè non trovano più il PC che l'amico aveva comprato due giorni prima... E da dietro gli uffici di SWAL-SMART si vedra partire in volo il direttore di marketing che ha preso la "geniale" decisione..!!!!
      • Ageing drummer boy scrive:
        Re: Qualcuno sa quale era il margine?
        Avessi qualche soldino da parte, mi metterei a commerciarli io con delle bancarelle di fronte ai Wal-Mart! :-)
        • Mark Knoplfler scrive:
          Re: Qualcuno sa quale era il margine?
          Off topic... complimenti per la scelta del nick... è, come penso, la citazione del sottovalutato ma - a mio parere meraviglioso - pezzo dei Dire Straits "The man's too strong"?
          • Tonino scrive:
            Re: Qualcuno sa quale era il margine?
            Ragazzi ricordatevi due cose dell'economia:1) un prodotto non è buono per il venditore se vende ma se genera utili2) l'elasticità della domanda: è vero che il pc non aveva concorrenti in quella fascia di prezzo.. Ma se fregava vendite agli altri pc (che magari davano più margine a Wal-Mart) allora tenerlo magari era adirittura una perdita.Io non sono il direttore marketing quindi non ho i dati per fare queste analisi, ma sono del parere che se l'hanno tolto ci deve essere un riscontro.. quindi prima di fare delle considerazioni prima esponete delle teorie su cui farle.. se no altrimenti sono solo congetture
          • krane scrive:
            Re: Qualcuno sa quale era il margine?
            - Scritto da: Tonino
            Ragazzi ricordatevi due cose dell'economia:
            1) un prodotto non è buono per il venditore se
            vende ma se genera utili
            2) l'elasticità della domanda: è vero che il pc
            non aveva concorrenti in quella fascia di
            prezzo.. Ma se fregava vendite agli altri pc (che
            magari davano più margine a Wal-Mart) allora
            tenerlo magari era adirittura una perdita.
            Io non sono il direttore marketing quindi non ho
            i dati per fare queste analisi, ma sono del
            parere che se l'hanno tolto ci deve essere un
            riscontro.. quindi prima di fare delle
            considerazioni prima esponete delle teorie su cui
            farle.. se no altrimenti sono solo congettureQuindi dici che chiudiamo il forum e non facciamo postare nessuno a meno che qualcuno lavori al Wal-Mart ??Ma smettila !! !! Se non vuoi congetturare non entrare nei forum.
          • Tonino scrive:
            Re: Qualcuno sa quale era il margine?
            Non ho detto che non voglio congetture.. ho detto solo di supportare le proprie tesi.. questo fa la differenza tra una congettura e una considerazione..
      • Gaglia scrive:
        Re: Qualcuno sa quale era il margine?
        - Scritto da: teddybear
        Personalmente, per la mia esperienza, a meno di
        altri motivi seri, questa decisione è un errore.
        Un grandissimo
        errore.Concordo pienamente, ma devi metterci in mezzo gli eventuali "favori" offerti dallo zio.Perche' non venitemi a dire che lo zio non c'entra in questa storia :)
        • Bastard Inside scrive:
          Re: Qualcuno sa quale era il margine?
          - Scritto da: Gaglia
          - Scritto da: teddybear

          Personalmente, per la mia esperienza, a meno di

          altri motivi seri, questa decisione è un errore.

          Un grandissimo

          errore.

          Concordo pienamente, ma devi metterci in mezzo
          gli eventuali "favori" offerti dallo
          zio.

          Perche' non venitemi a dire che lo zio non
          c'entra in questa storia
          :)IMVHO potrebbero essere vere entramvbe le vostre congetture e in più anche una terza: Concordo pienamente sulle prime due ipotesi:1) Il PC ultraeconomico erodeva le vendite dei modelli più costosi (quale nonnetto non ha un nipotino in grado di dirgli che per web e posta quel PC è più che sufficiente e magari accompagnarlo a scegliere e a non farlo fregare?).2) MS potrebbe aver espresso il suo non gradimento e ventilato la possibilità di non ripetere agevolazioni speciali al di fuori del normale sconto per acquisto in grandi quantità sui suoi SW.E, come non pensarci, terza ipotesi3) anche INTEL potrebbe aver espresso il suo non gradimento, ricordiamoci che ci sono per esempio grandi catene e produttori che non vendono PC con CPU AMD, nonostante abbiano una richiesta non certo disprezzabile.Le tre cose non si escludono vicendevolmente, anzi, più motivi ci saranno stati, più WalMart sarà stata pressata alla decisione.
          • Ste scrive:
            Re: Qualcuno sa quale era il margine?
            Bhè ovvio che sono tutte congetture...il mio post iniziale era un po' una provocazione in effetti. Wal-Mart difficilmente rivelerà mai i sui dati di marketing sul prodotto (ovvero margine, quote, tipologia del cliente tipo per il prodotto ovvero segmento, ecc.).Riguardo agli altri fattori ipotizzati...tutti plausibili, nessuno dimostrabile.Scelta giusta (margini "stretti") o scelta sbagliata (perdita di clientela e volumi in un mercato dove i margini sono stretti di loro)? Una risposta giusta in assoluto non c'è. Tutto dipende da quale è la strategia di Wal-Mart, che potrebbe anche non essere quella massimizzare il proprio utile globale del settore, ma massimizzare qualche altra quantità (anche a scapito dell'utile).Di sicuro questa scelta "cozza" con la mission che Wal-Mart si da a livello di immagine: offrire prodotti al prezzo migliore sul mercato.Congetture...Però è bello fare "congetture" argomentate, anzichè prese di posizione non motivate.
          • Tonino scrive:
            Re: Qualcuno sa quale era il margine?
            Quoto in pieno.. è prorio quello che dicevo io prima :)Esprimere delle tesi (congetture) ma non su "sentimenti perosnali"- Scritto da: Ste
            Bhè ovvio che sono tutte congetture...il mio post
            iniziale era un po' una provocazione in effetti.
            Wal-Mart difficilmente rivelerà mai i sui dati di
            marketing sul prodotto (ovvero margine, quote,
            tipologia del cliente tipo per il prodotto ovvero
            segmento,
            ecc.).
            Riguardo agli altri fattori ipotizzati...tutti
            plausibili, nessuno
            dimostrabile.

            Scelta giusta (margini "stretti") o scelta
            sbagliata (perdita di clientela e volumi in un
            mercato dove i margini sono stretti di loro)? Una
            risposta giusta in assoluto non c'è. Tutto
            dipende da quale è la strategia di Wal-Mart, che
            potrebbe anche non essere quella massimizzare il
            proprio utile globale del settore, ma
            massimizzare qualche altra quantità (anche a
            scapito
            dell'utile).
            Di sicuro questa scelta "cozza" con la mission
            che Wal-Mart si da a livello di immagine: offrire
            prodotti al prezzo migliore sul
            mercato.

            Congetture...Però è bello fare "congetture"
            argomentate, anzichè prese di posizione non
            motivate.
    • .... scrive:
      Re: Qualcuno sa quale era il margine?
      Vedo che nelle cantine i concetti di gestione aziendale non sono ancora arrivati (e non mi stupisco, vista la quantità di flop...)- Scritto da: Ste
      Ovvero quanto ci guadagnava Wal-Mart su quel
      coso? Perchè non si può escludere che il prodotto
      fosse diventato "ingombrante" per i fornitori
      concorrenti. Un margine risicato in questo caso
      non compensa il peggiore trattamento ricevuto da
      parte di altri
      fornitori.

      Mi spiego meglio: diciamo che io produco i
      computer della marca X che Wal-Mart vende. Io
      vedo che questo "coso" mi toglie mercato e dico a
      Wal-Mart: guarda che deve sparire, almeno dallo
      scaffale, sennò il prezzo che ti faccio
      all'ingrosso te lo scordi (ricordiamoci che
      Wal-Mart in virtù delle sue dimensioni spunta
      ottimi prezzi all'ingrosso, sia per quantità che
      per potere
      contrattuale).

      Ora Wal-Mart decide se tenere o meno il "coso" in
      base a quanto ci guadagna o ci perde nel
      complesso.
    • .... scrive:
      Re: Qualcuno sa quale era il margine?
      Il margine di un prodotto è quanto di piu' segreto un'azienda voglia mantenere... quando senti qualcuno che ti dice quanto è un margine rifletti bene su quanto quest'informazione sia affidabile... è rarissimo che giri il dato vero, spesso sono dati falsi o inaffidabili...- Scritto da: Ste
      Ovvero quanto ci guadagnava Wal-Mart su quel
      coso? Perchè non si può escludere che il prodotto
      fosse diventato "ingombrante" per i fornitori
      concorrenti. Un margine risicato in questo caso
      non compensa il peggiore trattamento ricevuto da
      parte di altri
      fornitori.

      Mi spiego meglio: diciamo che io produco i
      computer della marca X che Wal-Mart vende. Io
      vedo che questo "coso" mi toglie mercato e dico a
      Wal-Mart: guarda che deve sparire, almeno dallo
      scaffale, sennò il prezzo che ti faccio
      all'ingrosso te lo scordi (ricordiamoci che
      Wal-Mart in virtù delle sue dimensioni spunta
      ottimi prezzi all'ingrosso, sia per quantità che
      per potere
      contrattuale).

      Ora Wal-Mart decide se tenere o meno il "coso" in
      base a quanto ci guadagna o ci perde nel
      complesso.
  • Cassio scrive:
    Avranno preso la bustarella da zio Bill
    Vendeva troppo bene, perché mai cessarne la vendita? BAH...
    • Anonimo scrive:
      Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
      - Scritto da: Cassio
      Vendeva troppo bene, perché mai cessarne la
      vendita?
      BAH...ne vendi a milioni, però 1 su 2 telefona perchè la stampante non va.Cosa fai?L'utente basso purtroppo si blocca anche con windows. Figurati se ad uno per telefono gli devi spiegare di aprire un file di testo, trovare un tag di configurazione e spiegare per telefono come cambiarlo.
      • bnmfhdsfhg scrive:
        Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Cassio

        Vendeva troppo bene, perché mai cessarne la

        vendita?

        BAH...
        ne vendi a milioni, però 1 su 2 telefona perchè
        la stampante non
        va.
        Cosa fai?nulla, visto che wallmart non fornisce quel tipo di assistenza post-vendita (ma solo la garanzia entro i termini di legge);quindi perche' smettere di venderlo?
      • assd scrive:
        Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Cassio

        Vendeva troppo bene, perché mai cessarne la

        vendita?

        BAH...
        ne vendi a milioni, però 1 su 2 telefona perchè
        la stampante non
        va.
        Cosa fai?
        L'utente basso purtroppo si blocca anche con
        windows. Figurati se ad uno per telefono gli devi
        spiegare di aprire un file di testo, trovare un
        tag di configurazione e spiegare per telefono
        come
        cambiarlo.come puoi ben immaginare la risposta sulla stampante di waltmart (se eventualkmente contattatta) sarebbe di rivolgersi ai produttori, non certo di dare assistenza telefonica sull'uso prodotto..scusa ma l'evidenza qui è la BUSTARELLA.Pensate che sia fantascienza? è la normale prassi nel commercio, che lo faccia M$ o lo faccia pinco srl.
      • antani scrive:
        Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
        - Scritto da: Anonimo
        1 su 2 telefona più realistico 1 su 20000, dono davvero poche le stampani che non supportano linux.
        • Dio scrive:
          Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
          Tutte le Canon non lo supportano. E sono, per ironia della sorte, le stampanti migliori del pianeta.
          • antani scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            - Scritto da: Dio
            Tutte le Canon non lo supportano. E sono, per
            ironia della sorte, le stampanti migliori del
            pianeta.L'hai letto sul topolino, vero?Guarda qui: http://www.openprinting.org/printer_list.cgi?make=Canonla maggior parte, tra cui quasi tutte quelle in commercio, sono listate come perfettamente funzionanti o quasi perfettamente funzionanti. Circa un 20% funzionano parzialmente, mentre un 10% non funziona (queste sono quasi tutte vecchissimi modelli). La principale eccezzione sono le stampanti fotografiche professionali, roba che costa vari keuro. P.S. che siano le migliori del pianeta è una tua opinione, legittima, ma non molto diffusa.
    • Overture scrive:
      Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
      Finchè ci sarà gente come te, linux non potrà mai diffondersi...
      • Rettifichia mo scrive:
        Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
        Beh, non gente come lui, al più gente come quella che cita nel suo post :)
        • Overture scrive:
          Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
          Non dico che microsoft e Bill siano dei santi ma sarebbe ora veramente di maturare quell'ameba grigia che qualcuno si ostina a chiamare cervello ed a riconoscere i fallimenti di linux spesso nascono da una errata strategia di diffusione oltre che di evoluzione tecnica.La storiella che c'è sempre un complotto, una bustarella o un tentativo di corruzione ricorda dannatamente quel vizio tutto italiano di dare del cornuto all'arbitro ogni domenica.A volte ci può stare ma alla lunga stanca, almeno le persone intelligenti la pensano così... gli altri amen... esistono solo per permettere alle prime di capire di non essere ingenue e/o sceme...
          • Peano scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            - Scritto da: Overture
            Non dico che microsoft e Bill siano dei santi ma
            sarebbe ora veramente di maturare quell'ameba
            grigia che qualcuno si ostina a chiamare cervello
            ed a riconoscere i fallimenti di linux spesso
            nascono da una errata strategia di diffusione
            oltre che di evoluzione
            tecnica.
            La storiella che c'è sempre un complotto, una
            bustarella o un tentativo di corruzione ricorda
            dannatamente quel vizio tutto italiano di dare
            del cornuto all'arbitro ogni
            domenica.
            A volte ci può stare ma alla lunga stanca, almeno
            le persone intelligenti la pensano così... gli
            altri amen... esistono solo per permettere alle
            prime di capire di non essere ingenue e/o
            sceme...Ti ho letto, quoto appieno, giustissime osservazioni
          • Pippo scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            - Scritto da: Peano
            - Scritto da: Overture

            Non dico che microsoft e Bill siano dei santi ma

            sarebbe ora veramente di maturare quell'ameba

            grigia che qualcuno si ostina a chiamare
            cervello

            ed a riconoscere i fallimenti di linux spesso

            nascono da una errata strategia di diffusione

            oltre che di evoluzione

            tecnica.

            La storiella che c'è sempre un complotto, una

            bustarella o un tentativo di corruzione ricorda

            dannatamente quel vizio tutto italiano di dare

            del cornuto all'arbitro ogni

            domenica.

            A volte ci può stare ma alla lunga stanca,
            almeno

            le persone intelligenti la pensano così... gli

            altri amen... esistono solo per permettere alle

            prime di capire di non essere ingenue e/o

            sceme...

            Ti ho letto, quoto appieno, giustissime
            osservazioniQuoto.
          • MircoM scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            già, ipotizzare sempre complotti non aiuta nessuno.sarebbe ora di svelenire il clima.secondo me, un sistema come quello offerto da wal-mart non è il PC che si aspetta il tipico utente che acquista un PC al supermercato, tutto quì.IMHO, ovviamente.
          • Flavioweb scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            - Scritto da: Overture
            Non dico che microsoft e Bill siano dei santi ma
            sarebbe ora veramente di maturare quell'ameba
            grigia che qualcuno si ostina a chiamare cervello
            ed a riconoscere i fallimenti di linux spesso
            nascono da una errata strategia di diffusione
            oltre che di evoluzione
            tecnica.Tutto l'hardware UFFICIALMENTE supportato dalle varie distribuzioni GNU/Linux e dai vari vendor che scrivono driver permettendo alle loro periferiche di funzionare su questo sistema operativo, è attivo già SUBITO dopo l'installazione, senza nessun intervento da parte dell'utente. Nemmeno per installare un dirver.Le ormai poche periferiche che non hanno un software scritto per poter far comunicare un sistema GNU/Linux con il proprio HW, hanno bisogno di -assistenza- per avere qualche possibilità di funzionare, che non è comunque preclusa e vincolata alla sola volontà del produttore stesso di -perdere tempo- a scrivere driver.E' bello sapere che al mondo c'è gente come te che, utilizzando la sua perfettamente funzionate rete di neuroni e sinapsi, ritiene questa una errata strategia di diffusione e evoluzione tecnica.
            La storiella che c'è sempre un complotto, una
            bustarella o un tentativo di corruzione ricorda
            dannatamente quel vizio tutto italiano di dare
            del cornuto all'arbitro ogni
            domenica.Non c'è sempre un complotto...Però un po' di tempo fa su questa stessa rivista, si pubblicava un articolo nel quale si riportava la notizia che, Microsoft, aveva iniziato a vendere SuSE a Wall-Mart:http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1862142&r=PIa pensar male si fa peccato, però a volte s'indovina.
            A volte ci può stare ma alla lunga stanca, almeno
            le persone intelligenti la pensano così... gli
            altri amen... esistono solo per permettere alle
            prime di capire di non essere ingenue e/o
            sceme...E' anche bello sapere che sei portavoce di tutti gli intelligenti...Amen.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 marzo 2008 03.56-----------------------------------------------------------
          • Overture scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill

            Tutto l'hardware UFFICIALMENTE supportato dalle
            varie distribuzioni GNU/Linux e dai vari vendor
            che scrivono driver permettendo alle loro
            periferiche di funzionare su questo sistema
            operativo, è attivo già SUBITO dopo
            l'installazione, senza nessun intervento da parte
            dell'utente. Nemmeno per installare un
            dirver.E chi ha detto qualcosa su questo punto...Piuttosto dal momento che con questo pc non vengono fornite stampanti e scanner sicuramente compatibili cosa mi dici quando un utente comune, non avvezzo a cercare chissà dove informazioni in merito se li compra e poi vede che non funzionano ?Bisogna imparare a guardare oltre al proprio naso, ma è evidente che a molti conviene non farlo.
            Le ormai poche periferiche che non hanno un
            software scritto per poter far comunicare un
            sistema GNU/Linux con il proprio HW, hanno
            bisogno di -assistenza- per avere qualche
            possibilità di funzionare, che non è comunque
            preclusa e vincolata alla sola volontà del
            produttore stesso di -perdere tempo- a scrivere
            driver.
            E' bello sapere che al mondo c'è gente come te
            che, utilizzando la sua perfettamente funzionate
            rete di neuroni e sinapsi, ritiene questa una
            errata strategia di diffusione e evoluzione
            tecnica.Il fatto per il quale molte software house non supportano linux è direttamente legato all'eccessiva proliferazione di nuove e dubbiamente utili distribuzioni cosa affrontabile solo aprendo il codice: un'autentica eresia almeno fino a quando non s'è con l'acqua alla gola.

            Non c'è sempre un complotto...
            Però un po' di tempo fa su questa stessa rivista,
            si pubblicava un articolo nel quale si riportava
            la notizia che, Microsoft, aveva iniziato a
            vendere SuSE a
            Wall-Mart:

            http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1862142&r=PI

            a pensar male si fa peccato, però a volte
            s'indovina.Ma che vuol dire ? Wal Mart è una catena di supermercati, non è un microsoft o un linux store esclusivo. Sveglia ! Siamo nel libero mercato, tutti fanno concorrenza a tutti e chi ha il prodotto migliore dal punto di vista dei clienti vince.
            E' anche bello sapere che sei portavoce di tutti
            gli
            intelligenti...
            Amen.Mai stato portavoce di nessuno ma non mi aspetto che te possa capirlo, si vede lontano un miglio che sbavi di fronte ogni cosa che viene detta (o riportata come tale) da Stallman...Se si vuole sopravvivere a questo mondo bisogna imparare a conoscerlo e durante questo processo di apprendimento sentimenti e ideali vanno messi nel cassetto perchè finiscono solo per inquinare la percezione delle cose.
          • krane scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            - Scritto da: Overture

            Tutto l'hardware UFFICIALMENTE supportato dalle

            varie distribuzioni GNU/Linux e dai vari vendor

            che scrivono driver permettendo alle loro

            periferiche di funzionare su questo sistema

            operativo, è attivo già SUBITO dopo

            l'installazione, senza nessun intervento da

            parte dell'utente. Nemmeno per installare un

            dirver.
            E chi ha detto qualcosa su questo punto...
            Piuttosto dal momento che con questo pc non
            vengono fornite stampanti e scanner sicuramente
            compatibili cosa mi dici quando un utente comune,
            non avvezzo a cercare chissà dove informazioni in
            merito se li compra e poi vede che non funzionano
            ?Direi che fa la stessa cosa che farebbe con XP64bit, che supportava 4 stampanti in croce, o con Windows Server 2003 o 2008 che soffre dello stesso problema soprattutto per le stampanti domestiche. Oppure con Vista se hai una stampante di qualche anno fa.
            Bisogna imparare a guardare oltre al proprio
            naso, ma è evidente che a molti conviene non
            farlo.Bisogna imparare a guardare se l'hardware che si vuole comprare e' supportato dal sistema operativo che si vuole usare, capisco che se vai nel negozietto sotto casa ha quasi tutto hardware per XP, ma se allarghi un po' i tuoi orizzonti vedrai che la cosa e' meno banale del previsto.Del resto, solo per curiosita': ma tu se devi comprare dei coprisedili o tappetini per auto li compri a caso sperando che siano per qualche magia universali o cerchi il modello per la tua auto ?

            Le ormai poche periferiche che non hanno un

            software scritto per poter far comunicare un

            sistema GNU/Linux con il proprio HW, hanno

            bisogno di -assistenza- per avere qualche

            possibilità di funzionare, che non è comunque

            preclusa e vincolata alla sola volontà del

            produttore stesso di -perdere tempo- a scrivere

            driver.

            E' bello sapere che al mondo c'è gente come te

            che, utilizzando la sua perfettamente funzionate

            rete di neuroni e sinapsi, ritiene questa una

            errata strategia di diffusione e evoluzione

            tecnica.
            Il fatto per il quale molte software house non
            supportano linux è direttamente legato
            all'eccessiva proliferazione di nuove e
            dubbiamente utili distribuzioni cosa affrontabile
            solo aprendo il codice: un'autentica eresia
            almeno fino a quando non s'è con l'acqua alla
            gola.Il bello e' che tutte questo proliferare di distribuzioni usano lo stesso kernel, quindi gli stessi driver; questo evidenzia che non sai di cosa parli.

            Non c'è sempre un complotto...

            Però un po' di tempo fa su questa stessa

            rivista, si pubblicava un articolo nel quale

            si riportava la notizia che, Microsoft, aveva

            iniziato a vendere SuSE a Wall-Mart:
            http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1862142&r=PI

            a pensar male si fa peccato, però a volte

            s'indovina.
            Ma che vuol dire ? Wal Mart è una catena di
            supermercati, non è un microsoft o un linux store
            esclusivo. Vero, ma e' anche vero che microsoft per questi negozi e' come apple per un apple store.
            Sveglia ! Siamo nel libero mercato,
            tutti fanno concorrenza a tutti e chi ha il
            prodotto migliore dal punto di vista dei clienti
            vince.Anche AlCapone era un onest'uomo che ha dato da lavorare a tanta gente, ha solo avuto un banale problema di tasse che gli ha fatto cattiva pubblicita.

            E' anche bello sapere che sei portavoce di tutti

            gli intelligenti...

            Amen.
            Mai stato portavoce di nessuno ma non mi aspetto
            che te possa capirlo, si vede lontano un miglio
            che sbavi di fronte ogni cosa che viene detta (o
            riportata come tale) da Stallman...E vai di attacchi personali (rotfl)(rotfl)
            Se si vuole sopravvivere a questo mondo bisogna
            imparare a conoscerlo e durante questo processo
            di apprendimento sentimenti e ideali vanno messi
            nel cassetto perchè finiscono solo per inquinare
            la percezione delle cose.E si, come i dirigenti di Red hat... Sicuramente un branco di idealisti.Anche Microsoft avra' sicuramente distribuito Suse per idealismo.Ha... Ed hai dimenticato di dargli del cantinaro (rotfl)
          • Overture scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill

            Direi che fa la stessa cosa che farebbe con
            XP64bit, che supportava 4 stampanti in croce, o
            con Windows Server 2003 o 2008 che soffre dello
            stesso problema soprattutto per le stampanti
            domestiche. Oppure con Vista se hai una stampante
            di qualche anno
            fa.Ovvio ma vallo a spiegare alla massa. S'è abituata troppo bene quindi se proprio deve cambiare non vuole assolutamente rimetterci.

            Bisogna imparare a guardare se l'hardware che si
            vuole comprare e' supportato dal sistema
            operativo che si vuole usare, capisco che se vai
            nel negozietto sotto casa ha quasi tutto hardware
            per XP, ma se allarghi un po' i tuoi orizzonti
            vedrai che la cosa e' meno banale del
            previsto.Là fuori ci sono 6 miliardi di persone. Escludine pure 3/4 (che hanno problemi più importanti della diffusione del sw libero), gli 2 li devi istruire per bene. Comincia pure a prenotare l'aereo...

            Del resto, solo per curiosita': ma tu se devi
            comprare dei coprisedili o tappetini per auto li
            compri a caso sperando che siano per qualche
            magia universali o cerchi il modello per la tua
            auto
            ?Ecco, potresti cominciare il discorso ai 2 miliardi di utonti da istruire proprio così.

            Il bello e' che tutte questo proliferare di
            distribuzioni usano lo stesso kernel, quindi gli
            stessi driver; questo evidenzia che non sai di
            cosa
            parli.Sei te che non sai di cosa parli. Il tuo concetto di driver è condivisibile da chi ci capisce di informatica ma la massa considera "driver" il pacchetto composto da codice operativo+pannelli di configurazione. Se il primo lo puoi sistemare sui kernel il secondo va adattato come un qualunque software e l'eccessivo numero di distribuzioni rende la cosa molto difficile (anzi solo costosa, pochi milioni di utenti non giustificano lo sforzo)

            Vero, ma e' anche vero che microsoft per questi
            negozi e' come apple per un apple
            store.Se il mondo linux imparasse a organizzarsi e blablabla... (indovina come continua, tanto sei sempre qua a voler insegnare a tutti invece di fare l'utente attivo come ha scritto peano...)

            Anche AlCapone era un onest'uomo che ha dato da
            lavorare a tanta gente, ha solo avuto un banale
            problema di tasse che gli ha fatto cattiva
            pubblicita.(divagazione matematica: La moltiplicazione per scalari fa capire quanto sia inutile moltiplicare qualcosa per zero...) stesso discorso fare un discorso serio e misurato a coloro che non vogliono capire...

            E si, come i dirigenti di Red hat... Sicuramente
            un branco di
            idealisti.RedHat ha dalla sua solo il fattore tempo. Se fosse nata qualche anno dopo a quest'ora sarebbe già morta.
            Anche Microsoft avra' sicuramente distribuito
            Suse per
            idealismo.Lascia perdere non ci arrivi...

            Ha... Ed hai dimenticato di dargli del cantinaro
            (rotfl)Se ti sta bene lo dò a te tanto non fai niente per convincermi che non lo sei...
          • xbomber scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            - Scritto da: Overture
            Non dico che microsoft e Bill siano dei santi ma
            sarebbe ora veramente di maturare quell'ameba
            grigia che qualcuno si ostina a chiamare cervello
            ed a riconoscere i fallimenti di linux spesso
            nascono da una errata strategia di diffusione
            oltre che di evoluzione
            tecnica.
            La storiella che c'è sempre un complotto, una
            bustarella o un tentativo di corruzione ricorda
            dannatamente quel vizio tutto italiano di dare
            del cornuto all'arbitro ogni
            domenica.Non è che ci sia implicitamente per forza una bustarella.Io lavoro nel commercio, e ti assicuro che alcuni produttori importanti, sanno come fare pressione per evitare che si trattino prodotti alternativi.Usano senza tanti mezzi termini il ricatto, sapendo che il loro prodotto è indispensabile a scaffale e che se non c'è il prezzo giusto non si vende, di conseguenza, per dare il prezzo giusto, si assicurano che non vengano trattate alternative, o almeno vengano trattate solo con un'incidenza molto ridotta.Questa è la realtà nel mio settore, nessuna teoria di complotto, solo verità.
          • Overture scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            Ho detto che non succede mai ? No. A volte succede ma a volte anche no. La verità sta nel mezzo. A volte ci sono azioni non limpide da parte di microsoft ma molte volte i problemi e le cause stanno altrove...
        • Peano scrive:
          Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
          Linux si diffonderà solo grazie al bacino di utenza attiva che aiuterà a renderlo un sistema più accessibile grazie alla massa.Di certo non grazie ad un cristo che lavora in proprio con 2 lire e che si compra l'hardware e finisce per bestemmiare una linux box per problemi di compatibilità.Linux sta crescendo, non perchè l'utenza fa numero, ma perchè l'utenza attiva conta; l'utenza passiva per lo più soffre.Io studio informatica, il tempo e la voglia di divertirmi a ricompilare il kernel ce l'ho ad esempio in seguito ad un aggiornamento del kernel che mi manda in kernel panic. I miei che ci lavorano con il pc, e nella fattispecie mio padre che si diverte purtroppo a suonare con chitarra annessa a pc (povere le mie orecchie) non ha voglia nè competenza di sbattersi a configurare file di testo e rompe le pillole a me che invece lavoro ai driver della ALicorp per linux.Sbattetevelo in testa, non tutti vogliono sbattersi e non è il caso di fare una colpa all'utenza media se vedono un pc come una blackbox, nè è il caso di etichettarli come ignoranti.Finchè siamo tra informatici è un conto, ma si dà il caso che non siano tutti informatici e/o curiosi.L'informatica, sfortunatamente per tutti, va in questa direzione, e per chi non se ne fosse accorto le distro user friendly cercano proprio di evitare il più possibile l'approccio a file di testo e/o a smanettamento compulsivo.Ancora una volta... per me è una cosa divertente, per molta altra gente NO.E se mi dite che non è così, inizio a dubitare dei vostri insegnanti e delle vostre lauree :pOra seguirà una sequela di commenti che c'entrano poco o nulla con quanto ho detto e mi verrà dato erroneamente del sostenitore di M$, apple o linux (scegliete la distro voi), il discorso è che a mio parere la maggior parte degli utenti che usano linux qua dentro non contribuiscono attivamente a progetti della comunità, altrimenti non starebbero tutto il tempo a scrivere cazzate ma trarrebbero dalle critiche suggerimenti indiretti per migliorare il sistema. Ma si sa, parlare è decisamente più semplice, denigrare lo è ancora di più :)Fare qualcosa di concreto... beh, quello si che è un problema.Mi intristisce la sola idea che taluni talebani (mi riferisco ad altri thread, qui siete stati tutti molto moderati fino ad ora) usino codice scritto anche da me. :pSosteniamo linux, e riconosciamone i limiti, ma soprattutto riconosciamo i limiti dell'utente di massa :)E se vogliamo linux 4 president... fate gli utenti attivi, non gli attivisti :)E ora scusate, torno a codare drivers. Buona informatica
          • 123 scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            - Scritto da: Peano
            Linux si diffonderà solo grazie al bacino di
            utenza attiva che aiuterà a renderlo un sistema
            più accessibile grazie alla
            massa.
            Di certo non grazie ad un cristo che lavora in
            proprio con 2 lire e che si compra l'hardware e
            finisce per bestemmiare una linux box per
            problemi di
            compatibilità.
            Linux sta crescendo, non perchè l'utenza fa
            numero, ma perchè l'utenza attiva conta; l'utenza
            passiva per lo più
            soffre.
            Io studio informatica, il tempo e la voglia di
            divertirmi a ricompilare il kernel ce l'ho ad
            esempio in seguito ad un aggiornamento del kernel
            che mi manda in kernel panic.

            I miei che ci lavorano con il pc, e nella
            fattispecie mio padre che si diverte purtroppo a
            suonare con chitarra annessa a pc (povere le mie
            orecchie) non ha voglia nè competenza di
            sbattersi a configurare file di testo e rompe le
            pillole a me che invece lavoro ai driver della
            ALicorp per
            linux.
            Sbattetevelo in testa, non tutti vogliono
            sbattersi e non è il caso di fare una colpa
            all'utenza media se vedono un pc come una
            blackbox, nè è il caso di etichettarli come
            ignoranti.
            Finchè siamo tra informatici è un conto, ma si dà
            il caso che non siano tutti informatici e/o
            curiosi.
            L'informatica, sfortunatamente per tutti, va in
            questa direzione, e per chi non se ne fosse
            accorto le distro user friendly cercano proprio
            di evitare il più possibile l'approccio a file di
            testo e/o a smanettamento
            compulsivo.

            Ancora una volta... per me è una cosa divertente,
            per molta altra gente
            NO.
            E se mi dite che non è così, inizio a dubitare
            dei vostri insegnanti e delle vostre lauree
            :p

            Ora seguirà una sequela di commenti che c'entrano
            poco o nulla con quanto ho detto e mi verrà dato
            erroneamente del sostenitore di M$, apple o linux
            (scegliete la distro voi), il discorso è che a
            mio parere la maggior parte degli utenti che
            usano linux qua dentro non contribuiscono
            attivamente a progetti della comunità, altrimenti
            non starebbero tutto il tempo a scrivere cazzate
            ma trarrebbero dalle critiche suggerimenti
            indiretti per migliorare il sistema.

            Ma si sa, parlare è decisamente più semplice,
            denigrare lo è ancora di più
            :)
            Fare qualcosa di concreto... beh, quello si che è
            un
            problema.
            Mi intristisce la sola idea che taluni talebani
            (mi riferisco ad altri thread, qui siete stati
            tutti molto moderati fino ad ora) usino codice
            scritto anche da me.
            :p

            Sosteniamo linux, e riconosciamone i limiti, ma
            soprattutto riconosciamo i limiti dell'utente di
            massa
            :)

            E se vogliamo linux 4 president... fate gli
            utenti attivi, non gli attivisti
            :)

            E ora scusate, torno a codare drivers. Buona
            informaticaQuoto
          • MircoM scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            le parole stanno a 0... o usi vim, o non sei nessuno!!! @^ok, a parte gli scherzi, condivido in pieno il tuo post. cercare di stabilire quale sia il SO, o il browser, o la distribuzione, etc... migliore in assoluto non ha senso.ogni utente ha competenze e necessità diverse, quindi il setup migliore non può che variare da caso a caso.(troll3) ovviamente questo discorso non vale per gli editor di testo, (troll1) perchè in quel campo VIM è il migliore in assoluto, (troll3) CAPITO? (troll2)(altro che farfalle... http://xkcd.com/378/)
          • Peano scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            Sei un figo
          • flame inside scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            capperi visto solo ora.Scusate.No vim fa schifoforza emacs
          • Overture scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            Usate echo e

            truppa di niubbi !
          • Overture scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            come non quotare...
          • .... scrive:
            Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
            Mitico!!!- Scritto da: Peano
            Linux si diffonderà solo grazie al bacino di
            utenza attiva che aiuterà a renderlo un sistema
            più accessibile grazie alla
            massa.
            Di certo non grazie ad un cristo che lavora in
            proprio con 2 lire e che si compra l'hardware e
            finisce per bestemmiare una linux box per
            problemi di
            compatibilità.
            Linux sta crescendo, non perchè l'utenza fa
            numero, ma perchè l'utenza attiva conta; l'utenza
            passiva per lo più
            soffre.
            Io studio informatica, il tempo e la voglia di
            divertirmi a ricompilare il kernel ce l'ho ad
            esempio in seguito ad un aggiornamento del kernel
            che mi manda in kernel panic.

            I miei che ci lavorano con il pc, e nella
            fattispecie mio padre che si diverte purtroppo a
            suonare con chitarra annessa a pc (povere le mie
            orecchie) non ha voglia nè competenza di
            sbattersi a configurare file di testo e rompe le
            pillole a me che invece lavoro ai driver della
            ALicorp per
            linux.
            Sbattetevelo in testa, non tutti vogliono
            sbattersi e non è il caso di fare una colpa
            all'utenza media se vedono un pc come una
            blackbox, nè è il caso di etichettarli come
            ignoranti.
            Finchè siamo tra informatici è un conto, ma si dà
            il caso che non siano tutti informatici e/o
            curiosi.
            L'informatica, sfortunatamente per tutti, va in
            questa direzione, e per chi non se ne fosse
            accorto le distro user friendly cercano proprio
            di evitare il più possibile l'approccio a file di
            testo e/o a smanettamento
            compulsivo.

            Ancora una volta... per me è una cosa divertente,
            per molta altra gente
            NO.
            E se mi dite che non è così, inizio a dubitare
            dei vostri insegnanti e delle vostre lauree
            :p

            Ora seguirà una sequela di commenti che c'entrano
            poco o nulla con quanto ho detto e mi verrà dato
            erroneamente del sostenitore di M$, apple o linux
            (scegliete la distro voi), il discorso è che a
            mio parere la maggior parte degli utenti che
            usano linux qua dentro non contribuiscono
            attivamente a progetti della comunità, altrimenti
            non starebbero tutto il tempo a scrivere cazzate
            ma trarrebbero dalle critiche suggerimenti
            indiretti per migliorare il sistema.

            Ma si sa, parlare è decisamente più semplice,
            denigrare lo è ancora di più
            :)
            Fare qualcosa di concreto... beh, quello si che è
            un
            problema.
            Mi intristisce la sola idea che taluni talebani
            (mi riferisco ad altri thread, qui siete stati
            tutti molto moderati fino ad ora) usino codice
            scritto anche da me.
            :p

            Sosteniamo linux, e riconosciamone i limiti, ma
            soprattutto riconosciamo i limiti dell'utente di
            massa
            :)

            E se vogliamo linux 4 president... fate gli
            utenti attivi, non gli attivisti
            :)

            E ora scusate, torno a codare drivers. Buona
            informatica
    • Gaglia scrive:
      Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
      Quoto.
    • Mark scrive:
      Re: Avranno preso la bustarella da zio Bill
      Certo, l'unica spiegazione è questa, lo zampino di Microsoft.Che schifo.
  • Overture scrive:
    Si capiva benissimo perchè vendeva...
    199 dollari e ti fai il computer, l'os è secondario. Non mi stupirei se il grosso degli acquirenti appena portato a casa non l'ha ripulito da quel coso color mentadent per installarci come minimo una distribuzione seria se non xp craccato...
    • vac scrive:
      Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
      Certo, poi si saranno accorti che in un PC da 199 dollari ance winsoz fa cagare...
      • Overture scrive:
        Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
        Calma... Xp gira benissimo con i vecchi duron e questo coso non è molto meglio.
        • Ageing drummer boy scrive:
          Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
          - Scritto da: Overture
          Calma... Xp gira benissimo con i vecchi duron e
          questo coso non è molto
          meglio.Confermo, ho anche provato XP sul mio abaco colorato che usavo quando avevo 2 anni, e anche sul mio Sapien**no, e gira benissimo.Appena ho tempo, ci provo vista. Sai che spettacolo, gli effetti di Aero con le palline dell'abaco!!! :-)
          • quoto scrive:
            Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
            - Scritto da: Ageing drummer boy
            - Scritto da: Overture

            Calma... Xp gira benissimo con i vecchi duron e

            questo coso non è molto

            meglio.

            Confermo, ho anche provato XP sul mio abaco
            colorato che usavo quando avevo 2 anni, e anche
            sul mio Sapien**no, e gira
            benissimo.

            Appena ho tempo, ci provo vista. Sai che
            spettacolo, gli effetti di Aero con le palline
            dell'abaco!!!
            :-)Già fatto, le palle si muovono in 3D su tutto l'abaco, una ficata, è un pò lento a partire (come i motori diesel) ma poi va che è una freccia
    • Desu scrive:
      Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
      - Scritto da: Overture
      199 dollari e ti fai il computer, l'os è
      secondario. Non mi stupirei se il grosso degli
      acquirenti appena portato a casa non l'ha
      ripulito da quel coso color mentadent per
      installarci come minimo una distribuzione seria
      se non xp
      craccato...E' esattamente quello che avrei fatto io... Ovviamente rimanendo nell'open source, magari con una bella Debian che non fa mai male ;)
      • MircoM scrive:
        Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
        quotazzoeh... quando uno si abitua a debian... come si fa a passare ad un'altra distro? ;)
        • ahio scrive:
          Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
          - Scritto da: MircoM
          quotazzo

          eh... quando uno si abitua a debian... come si fa
          a passare ad un'altra distro?
          ;)ma esistono altre distro?
          • kattle87 scrive:
            Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
            lol sì ;) quelle che dichiarano una cosa "stable" due anni prima di Debian :P
          • Zoolander scrive:
            Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
            - Scritto da: kattle87
            lol sì ;) quelle che dichiarano una cosa "stable"
            due anni prima di Debian
            :Ptolte quelle rimane solo Slackware ;)
          • 00001111 scrive:
            Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
            - Scritto da: ahio
            - Scritto da: MircoM

            quotazzo



            eh... quando uno si abitua a debian... come si
            fa

            a passare ad un'altra distro?

            ;)

            ma esistono altre distro?Slackware
        • sante rotondi scrive:
          Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
          guarda quanti come me sono passati da debian o ubuntu ad arch linux e fattene una ragione :)( blog su linux ed eee pc )http://saten.wordpress.com
          • anonymous scrive:
            Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
            - Scritto da: sante rotondi
            guarda quanti come me sono passati da debian o
            ubuntu ad arch linux e fattene una ragione
            :)

            ( blog su linux ed eee pc )
            http://saten.wordpress.compresto segnatevi questo importantissimo sito: esso contiene le statistiche valide a livello *mondiale* della diffusione degli OS :-o :-o :-o
        • rgfds scrive:
          Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...

          eh... quando uno si abitua a debian... come si fa
          a passare ad un'altra distro?
          ;)quando uno si abitua a debian... QUANDO uno si abitua a debian???MAI
    • nonsenepuop iu scrive:
      Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
      Mah, onestamente non l'ho mai visto in nessun Wal-mart negli utlimi 14 mesi.
    • The_GEZ scrive:
      Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
      Ciao Overture !
      199 dollari e ti fai il computer, l'os è
      secondario. Non mi stupirei se il grosso degli
      acquirenti appena portato a casa non l'ha
      ripulito da quel coso color mentadent per
      installarci come minimo una distribuzione seria
      se non xp
      craccato...Ammesso che sia vero, che c'entra ?
      • Overture scrive:
        Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
        Come che centra...199 dollari col cambio attuale è una miseria ed anche se parliamo di un pc scabroso, un vero e proprio fondo di magazzino, è sempre una macchina completa che per un utilizzo basilare basta e avanza.gOS è una distribuzione scandalosa buona al massimo per un kiosk internet quindi o si cambia con un'altra distro stavolta seria o si mette xp, ma farselo rimborsare non conviene a quel prezzo.
        • mondino scrive:
          Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...

          gOS è una distribuzione scandalosa buona al
          massimo per un kiosk internet ti pare poco?
          • Overture scrive:
            Re: Si capiva benissimo perchè vendeva...
            Mi pare proprio niente non poco.La gente non vive in palazzi da 50 camere, non ha spazio per tenere svariati computer. Ne tiene uno che più cose riesce a fare e meglio è.
  • Ekleptical scrive:
    Problemi di assistenza?
    Non oso nemmeno immaginare le rotture di balle di clienti che si lamentavano che questo o quel dispositivo non funzionava o altri problemi tipici che un inesperto può riscontrare con Linux.Magari è per quello che han rinunciato?Nella vendita online il problema, guarda un po', non c'è!
    • Federico scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      I problemi che citi non li ho da anni, pur utilizzando Linux e avendolo installato a un sacco di gente nel corso del tempo. Dovresti provare a usarlo, ti accorgerai che quello che pensi non è vero.Comunque, per risponderti:1) se anche il problema che dici esistesse, è ovvio che non ti vendono un computer con una configurazione non funzionante, ma ti danno solo periferiche che funzionano con il tuo sistema operativo... se poi tu compri separatamente periferiche non compatibile non sono affari loro...2) nella vendita on line non cambia proprio niente, hai diritto alla stessa assistenzaE' evidente che il motivo è proprio il successo di un prodotto a costo così basso. Lo hanno detto chiaramente: non è quello che i nostri clienti cercano DAVVERO. Cioè: i clienti mi hanno svuotato il magazzino, ma io so che non è questo il prodotto che fa per loro. Il prodotto che fa per loro costa molto di più.
      • Overture scrive:
        Re: Problemi di assistenza?


        1) se anche il problema che dici esistesse, è
        ovvio che non ti vendono un computer con una
        configurazione non funzionante, ma ti danno solo
        periferiche che funzionano con il tuo sistema
        operativo... se poi tu compri separatamente
        periferiche non compatibile non sono affari
        loro...Giustissimo ma quando uno con windows si abitua che non ha neanche bisogno di leggere i requisiti di sistema di quello che compra perchè sicuramente ci troverà il driver per farlo andare, finisce per credere che sia la regola anche con linux (soprattutto se la cosa non è stata spiegata a fondo nel punto vendita e dubito fortemente che l'abbiano fatto). Quando poi scopre l'amara verità non è assolutamente scontato che capisca che l'errore è suo ed alla fine ciò che conta, dolenti o nolenti è il parere del cliente. Se lui si sente fregato non ci sono caxxi che tengono.
        E' evidente che il motivo è proprio il successo
        di un prodotto a costo così basso. Lo hanno detto
        chiaramente: non è quello che i nostri clienti
        cercano DAVVERO. Cioè: i clienti mi hanno
        svuotato il magazzino, ma io so che non è questo
        il prodotto che fa per loro. Il prodotto che fa
        per loro costa molto di
        più.Interessante interpretazione alternativa ma bisogna vedere se mai faranno uscire una configurazione migliore sempre basata su linux.Fino adesso anche con Dell non s'è visto chissà cosa... tutti sistemi al quanto scarsetti.Di certo per mettere quel gOS potevano preferire una distribuzione in piena regola.
        • Emoticon e video scrive:
          Re: Problemi di assistenza?
          - Scritto da: Overture
          finisce per credere che sia la regola
          anche con linuxc'è gente che crede qualunque cosa, e guai a provare ad istillargli il dubbio!"dio è l'apostrofo nelle parole un'uomo, un'esempio, un'amico"
          • Overture scrive:
            Re: Problemi di assistenza?

            "dio è l'apostrofo nelle parole un'uomo,
            un'esempio,
            un'amico" Bella sta frase. Chi l'ha inventata ?
      • jeffrey divo scrive:
        Re: Problemi di assistenza?
        - Scritto da: Federico
        1) se anche il problema che dici esistesse, è
        ovvio che non ti vendono un computer con una
        configurazione non funzionante, ma ti danno solo
        periferiche che funzionano con il tuo sistema
        operativo... se poi tu compri separatamente
        periferiche non compatibile non sono affari
        loro...è evidente che non sei un venditore.se mi tornano indietro 25 clienti che dicono "ho comprato questa fotocamera nell'altro reparto ma non funziona col computer che mi avete venduto voi!"ed a "fotocamera" puoi sostituire "card reader" "fotocamera" "microfono usb" "gadget qualsiasi" "modem" ecc ecc ...già si trovano tante cavolatine per win che non esistono per mac, già le trovavi per XP anche se tu avevi win98 ... sono cose che rompono le scatole ai clienti e i clienti non sono solo come vuoi tu.un venditore sa valutare cosa gli conviene [...] Lo hanno detto
        chiaramente: non è quello che i nostri clienti
        cercano DAVVERO. Cioè: i clienti mi hanno
        svuotato il magazzino, ma io so che non è questo
        il prodotto che fa per loro. Il prodotto che fa
        per loro costa molto di
        più.concordo
        • customer care scrive:
          Re: Problemi di assistenza?
          Se si parla di clienti di un grande magazzino, beh la questione si fa spinosa; immagino che riportino indietro stampanti USB dicendo che no n funzionano solo perche' non han collegato la porta USB al PC....
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Certamente, se uno si compra una stampante USB e la vuole attaccare a linux, ha ben poche possibilità di riuscire nell'impresa.Stato, rendi obbligatorio rilasciare le specifiche dell'hardware, in modo da poter scrivere i driver. Se ci sei, batti un colpo.Bersani, liberalizza. Lega-legalisation!
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Certamente, se uno si compra una stampante USB e
            la vuole attaccare a linux, ha ben poche
            possibilità di riuscire nell'impresa.Veramente con il nuovo sistema a zero configurazioni la attacchi e va, se supportata. Anche piu' facile che con linux.
            Stato, rendi obbligatorio rilasciare le
            specifiche dell'hardware, in modo da poter
            scrivere i driver. Chi ha obbligato Nvidia ? Dove sono i sorgenti dei driver Nvidia ?
            Bersani, liberalizza. Lega-legalisation!Yeeee... Legalizziamo...
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Spiegalo te, allora, alla mia lexmark x1250 all in one...Nessuno ha obbligato nvidia, infatti nvidia non rilascia le specifiche del proprio hardware. Infatti, non esistono driver per nvidia che non siano stati fatti attraverso tecniche di analisi varie."Nvidia will not provide the hardware specifications needed to add 3D support."http://xorg.freedesktop.org/wiki/nv
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Spiegalo te, allora, alla mia lexmark x1250 all
            in one...Pare che sia una stampante piuttosto sfigata: che funziona correttamente solo su XP; su Vista non scannerizza, su mac non funziona, su linux scannerizza solo da root. Hai scelto con il lanternino ;)Digli che e' una Z600/Z601 e funzionera', almeno su linux.
            Nessuno ha obbligato nvidia, infatti nvidia non
            rilascia le specifiche del proprio hardware.
            Infatti, non esistono driver per nvidia che non
            siano stati fatti attraverso tecniche di analisi
            varie.Ho capito il tuo problema: non sai leggere correttamente i dati tecnici... Altrimenti avresti capito che i driver che ti danno insieme ad X non sono proprietari ma ottenuti con tecniche di analisi, ma ormai quasi tutte le distro al primo lancio di X scaricano in automatico quelli del produttore, ad esempio: http://www.nvidia.it/object/linux_display_ia32_169.09_it.html
            "Nvidia will not provide the hardware
            specifications needed to add 3D support."
            http://xorg.freedesktop.org/wiki/nvE gia, Nvidia non ti da' i driver INSIEME a X, ma se non sbaglio non te li da' neanche INSIEME A Windows: hai mai installato un pc da un disco di XP o Vista che non fosse un disco di ripristino ? Non sai che i driver video vanno scaricati a parte su XP, Vista, Linux (Mac non lo so) ?
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Guarda che stiamo dicendo la stessa cosa. Io ti ho linkato la pagina dei driver NV di XORG, software libero, driver ottenuti attraverso "tecniche di analisi varie".Lo so anch'io che ci sono i driver ufficiali di nvidia, ma, come saprai meglio di me, fanno cacare e sono proprietari.Quello che io ho chiesto allo stato non sono i driver (quindi, non chiedo alcuno sforzo ai produttori), ma sono le specifiche. Uno stato che si definisce sovrano dovrebbe essere in grado di far funzionare la sua "potenza informatica" slegandosi da chi ha prodotto l'hardware, uno stato dovrebbe essere in grado di usare a pieno l'hardware che possiede. Il ministero della difesa e il ministero degli interni servono proprio a questo.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Guarda che stiamo dicendo la stessa cosa. Io ti
            ho linkato la pagina dei driver NV di XORG,
            software libero, driver ottenuti attraverso
            "tecniche di analisi varie".
            Lo so anch'io che ci sono i driver ufficiali di
            nvidia, ma, come saprai meglio di me, fanno
            cacare e sono proprietari.Bho, a me funzionano bene...
            Quello che io ho chiesto allo stato non sono i
            driver (quindi, non chiedo alcuno sforzo ai
            produttori), ma sono le specifiche. Uno stato che
            si definisce sovrano dovrebbe essere in grado di
            far funzionare la sua "potenza informatica"
            slegandosi da chi ha prodotto l'hardware, uno
            stato dovrebbe essere in grado di usare a pieno
            l'hardware che possiede. Il ministero della
            difesa e il ministero degli interni servono
            proprio a questo.A bhe, ma... Se il discorso e' questo non c'e' problema: in italia come stato sovrano non abbiamo neanche l'energia ed il cibo per essere autonomi, quindi il tuo discorso e' assolutamente inutile.Se tu facessi questo discorso al ministro della difesa ed a quello degli interni provocheresti loro un rapido suicidio o crisi di pianto incontrollato molto ma molto prima di toccare l'argomento "Sistemi operativi".
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?

            Se tu facessi questo discorso al ministro della
            difesa ed a quello degli interni provocheresti
            loro un rapido suicidio o crisi di pianto
            incontrollato molto ma molto prima di toccare
            l'argomento "Sistemi
            operativi".ihihihihi :D

            Lo so anch'io che ci sono i driver ufficiali di

            nvidia, ma, come saprai meglio di me, fanno

            cacare e sono proprietari.

            Bho, a me funzionano bene...Eh, si vede che non hai mai provato a usare l'uscita secondaria su un portatile (solo 640x480) o non hai mai provato l'ebrezza di comprare una nvidia "da newbe" a basso costo o una nvidia "appena uscita", ti posso garantire che i driver in questi casi sono un'oscenità.Per la mia nvidia geforce go 6150 ho dovuto attendere 5 mesi prima di avere dei driver nvidia che la supportassero, prima se installavo i driver non partiva nulla (driver pacchettizzati per suse sul sito ufficiale nvidia). A tutt'oggi, se io passo in terminale (ctrl+alt+f1) o quando spengo xorg il risultato è davvero entusiasmante: lampi di luce e righe bianche e verdi (il colore dello sfondo della suse che si spegne) che saltellano di qua e di là.I driver nvidia, come i driver ati, per quanto riguarda la mia personale esperienza (da non videogamer, solo utente che apprezza il 3D) fanno cacare. Se consideri che insegno e ho bisogno del proiettore...
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato

            Se tu facessi questo discorso al ministro della

            difesa ed a quello degli interni provocheresti

            loro un rapido suicidio o crisi di pianto

            incontrollato molto ma molto prima di toccare

            l'argomento "Sistemi operativi".
            ihihihihi :D


            Lo so anch'io che ci sono i driver ufficiali


            di nvidia, ma, come saprai meglio di me, fanno


            cacare e sono proprietari.

            Bho, a me funzionano bene...
            Eh, si vede che non hai mai provato a usare
            l'uscita secondaria su un portatile (solo
            640x480) So di questo problema: Ubuntu ha promesso di risolverlo entro il prossimo mese poi la soluzione verra' portata sulle altre principali distribuzioni.
            o non hai mai provato l'ebrezza di comprare
            una nvidia "da newbe" a basso costo o
            una nvidia "appena uscita", ti posso garantire
            che i driver in questi casi sono un'oscenità.E certo, non sono un newbie e mi guardo bene da fare aquisti cosi' sconsiderati; ma quello che dici vale anche per Vista: ho avuto portatili con Vista appena venduti che non disponevano neanche di tutti i driver del produttore perche' non esistevano ancora; scandaloso.
            Per la mia nvidia geforce go 6150 ho dovuto
            attendere 5 mesi prima di avere dei driver nvidia
            che la supportassero, Si e' successo anche con Vista: la morale e' informarsi prima di acquistare.
            prima se installavo i
            driver non partiva nulla (driver pacchettizzati
            per suse sul sito ufficiale nvidia). A tutt'oggi,
            se io passo in terminale (ctrl+alt+f1) o quando
            spengo xorg il risultato è davvero entusiasmante:
            lampi di luce e righe bianche e verdi (il colore
            dello sfondo della suse che si spegne) che
            saltellano di qua e di là.
            I driver nvidia, come i driver ati, per quanto
            riguarda la mia personale esperienza (da non
            videogamer, solo utente che apprezza il 3D) fanno
            cacare. Se consideri che insegno e ho bisogno del
            proiettore...Io uso cad e videogiochi 3D su linux e non ho mai avuto di questi problemi con Nvidia.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Guarda, io non sono un appassionato di HW e acquistare HW mi costa sacrificio perché devo star lì, informarmi, cercare se funziona tutto eccetera eccetera.Il la definisco un'autentica PASSIONE (nel senso pasquale del termine).Io ho comprato un computer, un annetto fa. Scheda video nvidia (ah, sì, i driver nvidia ci sono e sono una figata). Ho litigato come un matto per riuscire a farla andare in 3D. Questo soltanto perché non esistono le specifiche, perché le intel (con specifiche aperte) funzionano già in live.Non vedo come Ubuntu possa correggere il problema del proiettore, è un problema dei driver proprietari che non permettono di modificare l'opzione. Di contro, su schede video intel e ati va benissimo.Tra l'altro, ubuntu non funziona nemmeno sul mio portatile, non so per la mancanza di quale ftto driver proprietario di un qualche bus schifosissimo, quindi devo usare suse.HP pavilion dv6100, se non sbaglio. Non posso cercare le specifiche di ogni singolo cavetto nel mio computer, andiamo! è insensato giustificare questa cosa e pretendere di dire che "va bene così".
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Guarda, io non sono un appassionato di HW e
            acquistare HW mi costa sacrificio perché devo
            star lì, informarmi, cercare se funziona tutto
            eccetera eccetera.Se non ti informi aumenta il rischio che ti prendi un pacco, e vale per tutto, mica solo per l' hw del pc.
            HP pavilion dv6100, se non sbaglio. Non posso
            cercare le specifiche di ogni singolo cavetto nel
            mio computer, andiamo! è insensato giustificare
            questa cosa e pretendere di dire che "va bene
            così".Infatti non lo dico, e se tu quotassi si capirebbe meglio invece di saltare da palo in frasca ad ogni post.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?

            Se non ti informi aumenta il rischio che ti
            prendi un pacco, e vale per tutto, mica solo per
            l' hw del
            pc.Ma io m'informo, faccio questo sforzo. Ma tanto poi la fregatura sta dietro l'angolo, soprattutto se ci mettiamo qui a parlare di PC e di componenti interni. Figurarsi per un povero utente che non ci capisce nulla ma a cui piace l'idea di "usare software libero".Una persona che coglie la differenza (e io vado nelle scuole a spiegare questa differenza) tra software proprietario e software libero può apprezzare la differenza senza essere un hacker. Poi mi chiede e mi tocca dirgli "eh, stai attento perché potresti aver problemi con questo o quell'hardware".Il problema che capita più spesso in assoluto è il modem ADSL USB. Ma non posso dire all'utente "dovevi informarti prima", non ha senso. Io gli spiego, cerca di usare un modem con cavo di rete, ma lui mi risponde "cos'è un cavo di rete?"! che ci posso fare?Capisci perché non è giusto che non ci siano le specifiche e perché non è giusto scaricare le responsabilità sull'utente finale?Tu mi puoi dire compra intel e lascia stare amd, perché intel dà le specifiche meglio. Io potrei risponderti di comprare AMD perché Intel ha il 90% del mercato. Tu potresti rispondermi di comprare Intel perché AMD sfrutta gli immigrati sul confine messicano e li fa ammalare non proteggendoli. Io potrei risponderti non comprare Intel perché si è comportata male con OLPC. Potremmo andar avanti così per ore, su una buona dose di materie.Non esiste solo il problema del driver, nel mondo. Il fatto che si debba scegliere solo in base a quel parametro è estremamente limitante.Molti mi dicono "meglio windows o mac?" e io che gli rispondo? non posso dirgli mac, visto come la apple si comporta con l'ipod e il DRM, o come costruisce i componenti con i veleni (mai visto il sito di greenpeace? greenmyapple?).Ci sono tantissimi fattori da mettere in campo, non si può criticare un utente per la scelta che ha fatto soltanto in base al driver.Molti mi hanno criticato perché ho comprato HP, quando mi lamentavo della licenza SW che ho dovuto accettare. Però HP mi ha mandato a casa la batteria del bios nuova apposta, con posta celere, quando ne ho avuto bisogno e senza muovere il sedere dalla sedia.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Lo so anch'io che ci sono i driver ufficiali di
            nvidia, ma, come saprai meglio di me, fanno
            cacare e sono proprietari.Mah, funzionano.Ed il fatto che siano proprietari può non essere la condizione ideale, ma è la situazione di ogni periferica windows. Non ha alcuna influenza sulla scelta del SO.
            Uno stato che si definisce sovrano dovrebbe essere in
            grado di far funzionare la sua "potenza informatica"
            slegandosi da chi ha prodotto l'hardwareMa lo Stato 'libero' non può prescindere dal riconoscere il diritto alla proprietà privata. Ed il prodotto di un'azienda è a tutti gli effetti di proprietà di quella azienda.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ma io non chiedo i progetti del chip, io chiedo le specifiche per scrivere i driver, cosa ben diversa.Intel apre (tutte?) le specifiche, nonstante questo nessuno è in grado di fare processori come li fa lei. E l'apertura delle specifiche ha fatto la fortuna di intel (sennò MS non sarebbe mai nata, o giu di lì).Il progetto di un oggetto è una cosa, il COME SI USA è un'altra cosa. Io ho diritto a sapere come si usa.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Ma io non chiedo i progetti del chip, io chiedo
            le specifiche per scrivere i driver, cosa ben
            diversa.

            Intel apre (tutte?) le specifiche, nonstante
            questo nessuno è in grado di fare processori come
            li fa lei. E l'apertura delle specifiche ha fatto
            la fortuna di intel (sennò MS non sarebbe mai
            nata, o giu di lì).

            Il progetto di un oggetto è una cosa, il COME SI
            USA è un'altra cosa. Io ho diritto a sapere come
            si usa.Ed io sono d'accordo, in sostanza, con quello che dici. Ed in più è chiaro che sia interesse dell'azienda diffondere più possibile il 'come si usa' di un proprio prodotto.Si tratta, però, comunque di proprietà dell'azienda, e mancano gli strumenti giuridici che possono consentire ad uno Stato di fare imposizioni in questo senso. La mia obiezione è squisitamente giuridico-legale. Se l'autorità statale avesse le prerogative per sottrarre beni privati per 'il bene della collettività', non rimarrebbe spazio per la proprietà privata. I regimi comunisti (e non solo) sono diventati totalitari e privi di libertà proprio in questo modo. Sulla scorta di un non specificato 'bene collettivo', si sono giustificate le intrusioni dello Stato in ogni aspetto della vita. Sta a noi consumatori fare pressione sulle aziende. Spesso non funziona, ma (piano) le cose stanno cambiando. In breve, sosteniamo la libertà in ogni sua forma, lottiamo per avere ciò che è giusto (in questo caso specifiche e drivers liberi), ma salvaguardando i principi sui quali si basano le nostre richieste.O no?
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            No... ti faccio un esempio.Vai al supermercato e compri una casetta di legno. Per assurdo, una complicatissima, 4 piani, tutti pezzi da max 20 cm di lunghezza, con miriadi di viti e bulloni di ogni tipo, con incastri tutti uguali che non si capisce come va messa insieme. Questa è la nostra stampante, per esempio.Adesso, tu compri questa casetta e vai a casa. Poi scopri che devi chiamare per forza "ikea" (giusto per dire un nome importante) per fartela montare, perché non hai il libretto delle istruzioni. A tu la guardi, la giri, la rigiri, sai che potresti montarla anche da solo, avendo le istruzioni, ma non puoi. Le istruzioni sono le specifiche.Adesso ti chiedo: è giusto?Le specifiche di un oggetto non sono in realtà una proprietà, non danno un valore aggiunto all'oggetto, non creano ricchezza. Le istruzioni della casetta non "avvantaggiano la concorrenza che crea casette".Al contrario, se tu puoi scegli una casetta con le istruzioni, giusto? così puoi chiamare chi vuoi per fartela montare, se non hai voglia di montarla. Chi te la monta è il driver.Si aggiunga che l'esperienza di intel insegna proprio che la specifica non solo "non ha valore", ma rilasciare queste specifiche aiuta l'azienda che le rilascia.Di conseguenza, no, non ritengo che le specifiche possano essere tenute nascoste. E' una violazione della libertà, mentre l'obbligo di rilascio è uno strumento che permette l'esercizio di una libertà, quella di farsi montare la casetta da chi si vuole, il che vuol dire poter scegliere il sistema operativo, nel mio esempio.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Purtroppo, la stampane è quella e non ci posso far nulla, non ha le orecchie. Così come la mia webcam, i miei 2 sintonizzatori TV usb (terratec), la mia TERRATEC PHASE 88 RACK (400 di scheda audio), la mia scheda video integrata SiS e tutta una serie di hardware acquistato pre-linux che adesso non posso usare.Libertà di slegarsi da MS, ma quando mai, senza le specifiche?Aggiungo: i driver proprietari delle schede video sia nvidia che ati contengono software MS, per questo proprio non possono essere rilasciati i sorgenti da nvidia e ati. Nemmeno loro sono davvero padroni delle loro schede video.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Purtroppo, la stampane è quella e non ci posso
            far nulla, non ha le orecchie. Così come la mia
            webcam, i miei 2 sintonizzatori TV usb
            (terratec), la mia TERRATEC PHASE 88 RACK (400
            di scheda audio), la mia scheda video integrata
            SiS e tutta una serie di hardware acquistato
            pre-linux che adesso non posso usare.Capita quando si cambia sistema operativo: qui in ufficio sai quanta roba abbiamo dovuto buttare all'introduzione di XP ?Praticamente tutte le stampanti non USB non avevano driver per XP. E succedera' di nuovo con Vista.Anche quando cambi auto non puoi pretendere che i tappetini della prima vadano sulla seconda.
            Libertà di slegarsi da MS, ma quando mai, senza
            le specifiche?Basterebbe un po' di standardizzazione anche in quello :s
            Aggiungo: i driver proprietari delle schede video
            sia nvidia che ati contengono software MS, per
            questo proprio non possono essere rilasciati i
            sorgenti da nvidia e ati. Nemmeno loro sono
            davvero padroni delle loro schede video.Aggiungi anche link, prove, dimostranti questa tua ultima affermazione.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?

            Capita quando si cambia sistema operativo: qui in
            ufficio sai quanta roba abbiamo dovuto buttare
            all'introduzione di XP
            ?
            Praticamente tutte le stampanti non USB non
            avevano driver per XP. E succedera' di nuovo con
            Vista.Ma questo non è giusto. E lo sai perché non è giusto, perché il problema dei driver è essenzialmente dovuto alla posizione di monopolista di MS. Senza driver (decenti) nessun concorrente può anche solo pensare di impensierire il dominio MS. Di conseguenza lo stato dovrebbe tutelare la concorrenza, e l'unico modo per farlo è:* pretendere i driver* pretendere le specificheSe la prima non è attuabile (chi misura la qualità del driver? poi costa al produttore) la seconda è attuabilissima e dovrebbe essere obbligatoria. ACGM, mi senti? vuoi rispondere alle mail che ti mando?Il cambio di versione è una cosa. Non posso pretendere che la mia mozart midi del 486 vada su vista, sono d'accordo. Ma è assurdo giustificare terratec che vende la phase 88 rack con driver Vista che non funzionano. Così come non è giustificabile la totale assenza di driver per il principale concorrente di MS nei PC (cioè linux, ma anche MAC) appunto perché MS è in posizione dominante.Perché io devo andare in un Apple store per comprare una tavola grafica e scoprire che non va su linux?Non ci sono giustificazioni tecniche, non ci sono motivazioni che tengano, i produttori DEVONO rilasciare le specifiche per* libera concorrenza* sovranità dello statoUno stato deve essere in grado di sviluppare un proprio SO e deve essere in grado di farlo funzionare sull'hardware che acquista. Non pretendo i driver per ItaliaOS 0.1.1.0 ma pretendo le specifiche.
            Aggiungi anche link, prove, dimostranti questa
            tua ultima
            affermazione.http://www.hwupgrade.it/news/skvideo/amd-apre-i-propri-driver-ati-al-mondo-open-source_22447.htmlhwupgrade parla di "terze parti" per ati. Prendi una scheda video Ati, accendi linux con driver ati e fai dmesg | grep -i microsoftPer nvidia non trovo più l'articolo...:-(-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 marzo 2008 12.09-----------------------------------------------------------
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato

            Capita quando si cambia sistema operativo: qui

            in ufficio sai quanta roba abbiamo dovuto buttare

            all'introduzione di XP ?

            Praticamente tutte le stampanti non USB non

            avevano driver per XP. E succedera' di nuovo

            con Vista.
            Ma questo non è giusto. Lo so che non e' giusto.
            E lo sai perché non è giusto, perché il
            problema dei driver è essenzialmente dovuto
            alla posizione di monopolista di MS. Senza
            driver (decenti) nessun concorrente può
            anche solo pensare di impensierire il
            dominio MS. Io invece temo che sia piu' complesso: da una parte abbiamo delle specifiche che in teoria dovrebbero permettere un interfacciamento standard dell'hw; purtroppo i vari produttori hw usano la scusa del fatto che le specifiche stanno loro strette per introdurre funzionalita' proprietarie e costringere cosi' la gente ad aver bisogno di driver per far funzionare l'hardware.
            Di conseguenza lo stato dovrebbe tutelare la concorrenza, Gia, ma non uno stato qualsiasi: uno stato illuminato, saggio e sufficientemente potente a livello politico e militare:
            e l'unico modo per farlo
            è:
            * pretendere i driver
            * pretendere le specificheGia, ma puoi farlo solo con le aziende che sono nel tuo territorio nazionale, che succede se tu proponi una cosa del genere ad Intel e quella rifiuta ? 1) Invadi gli usa 2) Vieti a intel, amd e altri di importare hw nel tuo stato.
            Se la prima non è attuabile (chi misura la
            qualità del driver? poi costa al produttore) la
            seconda è attuabilissima e dovrebbe essere
            obbligatoria. ACGM, mi senti? vuoi rispondere
            alle mail che ti mando?E gia, purtroppo il corporativismo spinto in usa ha ribaltato i rapporti di influenza tra corporazioni e stato; si e' visto quanto l'antitrust che in passato era in grado di abbattere giganti come AT&T e StandardOil non e' riuscita a fare altrettanto contro il monopolio Microsoft.
            Il cambio di versione è una cosa. Non posso
            pretendere che la mia mozart midi del 486 vada su
            vista, sono d'accordo. Ma è assurdo giustificare
            terratec che vende la phase 88 rack con driver
            Vista che non funzionano. Così come non è
            giustificabile la totale assenza di driver per il
            principale concorrente di MS nei PC (cioè linux,
            ma anche MAC) appunto perché MS è in posizione
            dominante.Sono daccordo.
            Perché io devo andare in un Apple store per
            comprare una tavola grafica e scoprire che non va
            su linux?In altri tempi, quando c'erano tanti SO i driver servivano pochissimo e giusto per accedere a caratteristiche "strane" dell'hardware; ora una stampante USB non si riesce piu' ad usare come "stampante standard" come si faceva una volta.
            Non ci sono giustificazioni tecniche, non ci sono
            motivazioni che tengano, i produttori DEVONO
            rilasciare le specifiche per
            * libera concorrenza
            * sovranità dello statoGia, ma purtroppo a causa del corporativismo alcuni degli stati che potrebbero in teoria fare un discorso del genere sono serbini delle corporazioni.
            Uno stato deve essere in grado di sviluppare un
            proprio SO e deve essere in grado di farlo
            funzionare sull'hardware che acquista. Non
            pretendo i driver per ItaliaOS 0.1.1.0 ma
            pretendo le specifiche.Sarebbe bello, ma non come italia, che non ne avra' mai la forza, ma come europa o unione mondiale consumatori.

            Aggiungi anche link, prove, dimostranti questa

            tua ultima affermazione.
            http://www.hwupgrade.it/news/skvideo/amd-apre-i-pr
            hwupgrade parla di "terze parti" per ati. Prendi
            una scheda video Ati, accendi linux con driver
            ati e fai dmesg | grep -i microsoftAppena a casa provo.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?

            Gia, ma non uno stato qualsiasi: uno stato
            illuminato, saggio e sufficientemente potente a
            livello politico e
            militare:
            Gia, ma puoi farlo solo con le aziende che sono
            nel tuo territorio nazionale, che succede se tu
            proponi una cosa del genere ad Intel e quella
            rifiuta ?

            1) Invadi gli usa
            2) Vieti a intel, amd e altri di importare hw
            nel tuo
            stato.Beh, ok, forse l'Italia non ha un bacino di utenza da impensierire intel, che probabilmente lascerebbe il mercato senza grandi tragedie (intel che ha le specifiche aperte, eh!?) Ma l'unione europea, che ha un esercito e una potenza "non indifferente" (metà del "primo" mondo) potrebbe (dovrebbe) farlo. E l'Italia potrebbe (dovrebbe) farsi garante di questa cosa, come sta facendo all'ONU per la pena di morte.Si può fare. Non si VUOLE fare. Oppure i nostri governanti non ne capiscono nulle a vanno avanti a dire "ma che bello il drm" oppure "non si può avere un portatile senza coperchio?" (Bertinotti, terza carica dello stato).
            Sarebbe bello, ma non come italia, che non ne
            avra' mai la forza, ma come europa o unione
            mondiale
            consumatori.
          • MegaLOL scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Ma l'unione europea, che ha un esercito e una
            potenza "non indifferente" (metà del "primo"
            mondo) potrebbe (dovrebbe) farlo.Le forze armate dell'UE fanno ridere. Hanno avuto bisogno degli USA persino per piegare la Serbia. In un confronto con gli USA verrebbero ridotte a carne per hamburger.
            E l'Italia
            potrebbe (dovrebbe) farsi garante di questa cosa,
            come sta facendo all'ONU per la pena di
            morte.
            Combattere la pena di morte è tutto sommato facile, visto che poi non fai concretamente nulla.Ti ci vedo a imporre la moratoria alla Cina con la forza: il giorno che quelli minacciano di non comprare più nulla dall'UE, la pena di morte la ripristinano QUI per accontentarli.Ti è sfuggito un fatto fondamentale: la UE è l'evoluzione della Comunità ECONOMICA Europea. L'Economia è la sua ragione di esistere. L'Euro è esistito prima della Costituzione (che è ancora in alto mare). Questo la dice lunga sulle priorità dell'UE: money first.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Beh, lasciami dire una cosa. Piuttosto che la guerra, mille volte Windows.Detto questo, posso essere d'accordo con te sul fatto che l'UE nasca principalmente per motivi economici (posso!=sono).Il fatto di avere un monopolio, MS, è una pesante falla nella nostra economia: un'economia fondata sull'utilizzo di calcolatori funzionanti con software che non è sotto il controllo dell'UE stessa.Vuol dire che l'intera economia europea potrebbe essere messa sotto scacco da MS o dal governo USA (che ha potere decisionale, ovviamente, su MS) con un semplice WGA che tutti abbiamo nel computer, per esempio.L'economia dello sviluppo del software in EU sarebbe molto più fiorente se, alla base, non ci fosse software proprietario ma software libero. Questo perché in europa (e la cosa è lampante in Italia) l'azienda tipica è piccola: viviamo in una economia fatta di tante piccole microeconomie, le aziende, ogniuna con il suo piccolo segreto industriale (un po' di SW scaccio), che non sono in grado di mettere insieme un'attività di R&S seria tale da impensierire il duopolio MS - Apple (USA) se non attraverso la libera circolazione delle idee, cosa che si può fare soltanto con il software libero, che non prevede segreti.So che con il software libero si mangia di meno, ma questo vale soltanto se si ha una base solida da cui partire e si ha un certo mercato. Un'azienda italiana che fa software può essere tranquillamente sorpassata in qualità da MS in pochi giorni (miliardi e ore/uomo a disposizione davvero infinite): l'azienda italiana chiuderebbe all'istante.Questo vuol dire che con il software libero, facendo circolare la conoscienza, tutte le aziende insieme possono raggiungere risultati di eccellenza. Da sole, assolutamente no.E' un dato di fatto che il software prodotto in Italia, per quanto di qualità, sia più limitato anche solo di Office. Pensate voi a mettere in piedi, oggi, un'azienda in grado di fare una suite d'ufficio. Da panico se si vuole usare il software proprietario, relativamente più facile se si sfrutta il software libero.E' una questione di SOLIDITÀ dell'economia.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Il fatto di avere un monopolio, MS, è una pesante
            falla nella nostra economia: un'economia fondata
            sull'utilizzo di calcolatori funzionanti con
            software che non è sotto il controllo dell'UE
            stessa.Pensa che solo qualche mese fa usci' la notizia che la CIA fece controlli a campione su una partita di 15.000 Pc comprati dalla cina e destinati agli uffici dell'FBI: in quel caso e' stato necessario sezionare i chip e passarli sotto ad un microscopio elettronico per controllare che facessero solo cio' che dovevano.Siamo in un mondo fortemente interconnesso, e non c'e' la trasparenza necessaria tra vicini di casa, figurati ora che sono vicini anche quelli che prima venivano ritenuti lontani.
            Vuol dire che l'intera economia europea potrebbe
            essere messa sotto scacco da MS o dal governo USA
            (che ha potere decisionale, ovviamente, su MS)
            con un semplice WGA che tutti abbiamo nel
            computer, per esempio.Durante il famoso caso antitrust, quando microsoft venne minacciata di essere divisa in 3 societa' Bill rispose che piuttosto avrebbe ritirato i suoi prodotti dal mercato. In questo modo ha dimostrato come una corporazione era in grado di mettere in ginocchio tutti i client di ogni ufficio pubblico e privato negli states e del pianeta.
            L'economia dello sviluppo del software in EU
            sarebbe molto più fiorente se, alla base, non ci
            fosse software proprietario ma software libero.Poco ma sicuro, purtroppo il monopolio M$ lo impedisce, e' per questo che si e' formato il cartello pro linux da parte dei grandi vecchi a partire da IBM.
            E' una questione di SOLIDITÀ dell'economia.Il resto lo quoto.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ecco, appunto. Tu pensa che in Italia e in Europa si difende il monopolio di MS (software chiuso su cui non si ha alcun controllo) invece di cercare di rendersi indipendenti.Mi domando: ma qui in Italia c'è qualcuno che produce processori? o sono tutti importati?
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            ma secondo te?Ci sono persone che hanno paura dei termvalorizzatori, figurati lavorare in camere bianche per i processi produttivi delle CPU.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            http://www.hwupgrade.it/news/skvideo/amd-apre-i-pr...hwupgrade parla di "terze parti" per ati. Prendi una scheda video Ati, accendi linux con driver ati e faidmesg | grep -i microsoftNon mi risulta, son 200 messaggi non è che puoi essere un tantinello più preciso.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Dove 200 messaggi? in dmesg (hai fatto grep?) o nell'articolo?
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Nell'articolo ? Il grep non da nulla...
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Non riesco a focalizzare il tuo problema..Nell'articolo parla di "software di terze parti" che dovrebbero poi essere un pezzo di directx di MS, a quanto avevo capito a suo tempo.Se fai nel terminaledmesg | grep -i microsoftdovresti trovare dei messaggi dei driver ati in cui c'è scritto proprio dentro il nome di microsoft. Da qui si deduce che dentro ai driver proprietari di ATI c'è del software microsoft.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Non riesco a focalizzare il tuo problema..Non trovo i riferimenti a quello di cui parli. Era un post ? Non lo trovo.

            Nell'articolo parla di "software di terze parti"
            che dovrebbero poi essere un pezzo di directx di
            MS, a quanto avevo capito a suo
            tempo.Un pezzo di directx ?!!! Questa la vedo dura da sostenere.
            Se fai nel terminale

            dmesg | grep -i microsoft

            dovresti trovare dei messaggi dei driver ati in
            cui c'è scritto proprio dentro il nome di
            microsoft. Da qui si deduce che dentro ai
            driver proprietari di ATI c'è del software
            microsoft.Non compare nulla.... Sicuri di non aver preso qualche attribuzione, per pezzi di codice. I catalyst per win hanno bisogno di .net che ovviamente è (c) MS.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            No, sta scritto nell'articolo: vi sono infatti alcune funzionalità, come quella di copy protection e della gestione dei diritti di riproduzione di flussi video, il cui codice non può essere condiviso da AMD con terze parti. Non sono in grado di sostenere che vi siano dei pezzi di directX nei driver, infatti se noti sono stato elusivo, "dovrebbero"... non riesco più a trovare i riferimenti della cosa! :-(
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            No, sta scritto nell'articolo:
            vi sono infatti alcune funzionalità, come
            quella di copy protection e della gestione dei
            diritti di riproduzione di flussi video, il cui
            codice non può essere condiviso da AMD con terze
            parti.
            Non sono in grado di sostenere che vi siano dei
            pezzi di directX nei driver, infatti se noti sono
            stato elusivo, "dovrebbero"... non riesco più a
            trovare i riferimenti della cosa!
            :-(Credo che non sia un problema di microsoft, ma di diritti digitali DRM e relativo consorzio.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Se fai nel terminale

            dmesg | grep -i microsoft

            dovresti trovare dei messaggi dei driver ati in
            cui c'è scritto proprio dentro il nome di
            microsoft. Da qui si deduce che dentro ai
            driver proprietari di ATI c'è del software
            microsoft.Ma niente affatto!Si deduce solamente che c'è scritto microsoft! Ovvero che quei driver funzionano su diverse piattaforme. Quel che cambia sono le chiamate al sistema, ma non vuol certo dire che tutto il codice viene completamente riscritto. Se vuoi averne la certezza, puoi guardare direttamente i sorgenti. Da quando Microsoft consente la diffusione del proprio codice?
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            I driver ATI sono distribuiti come codice binario, non si può accedere al codice sorgente e quindi non si può verificare cosa c'è scritto dentro.I driver ATI sono distriuiti come codice binario, quindi non c'è nessun sorgente di microsoft distribuito con quei driver, solo codice (anche MS) compilato.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Ma questo non è giusto. No, non è giusto.
            * pretendere i driver
            * pretendere le specifiche
            Se la prima non è attuabile Perché no?
            la seconda è attuabilissima e dovrebbe essere
            obbligatoria.
            i produttori DEVONO rilasciare le specifiche
            per
            * libera concorrenza
            * sovranità dello statoNon credo che lo Stato possa prevaricare il diritto alla proprietà privata. Il prodotto di una azienda è a tutti gli effetti proprietà dell'azienda. A meno che non si attuino politiche stataliste degne della Russia Sovietica. Che fine farebbe la libertà d'impresa se un Governo potesse appropriarsi in questo modo del lavoro privato?
            Uno stato deve essere in grado di sviluppare un
            proprio SO e deve essere in grado di farlo
            funzionare sull'hardware che acquista.Uno Stato amministra e governa, non produce software.
            hwupgrade parla di "terze parti" per ati. Prendi
            una scheda video Ati, accendi linux con driver
            ati e fai

            dmesg | grep -i microsoftNon dimostra nulla. I driver ATI sono open source.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Link:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2218442&m=2220386#p2220386I driver ATI non sono OSS, sono driver binari. Sennò saremmo tutti qui a consigliare di usare ATI.
          • AtariLover scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            ERANO driver binari! Ora un team di Xorg sta lavorando sulle specifiche rilasciate da AMD per creare un driver opensource chiamato RadeonHD. Se vuoi lo puoi già provare, il pacchetto è xf86-video-RadeonHD o simili.Io lo sto usando e va abbastanza bene, anche se ancora non ha il supporto pre l'accelerazione 3DSe installi i catalyst si, allora sono ancora binari closed ;)Saluti!(atari)
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Purtroppo, la stampane è quella e non ci posso
            far nulla, non ha le orecchie. Così come la mia
            webcam, i miei 2 sintonizzatori TV usb
            (terratec), la mia TERRATEC PHASE 88 RACK (400
            di scheda audio), la mia scheda video integrata
            SiS e tutta una serie di hardware acquistato
            pre-linux che adesso non posso
            usare.

            Libertà di slegarsi da MS, ma quando mai, senza
            le
            specifiche?

            Aggiungo: i driver proprietari delle schede video
            sia nvidia che ati contengono software MS, per
            questo proprio non possono essere rilasciati i
            sorgenti da nvidia e ati. Nemmeno loro sono
            davvero padroni delle loro schede
            video.Lista un po' troppo lunga, magari con qualcosa ti posso aiutare. Le schede terratec usb di solito funzionano e generalmente meglio che sotto win,che modello è ? La stampante che stampante è ?Quantoai driver con Nvidia mai avuto problemi, per ATI gli open vanno bene e i closed sono in forte crescita.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Terratec Cinergy T2 (muto)Terratec Cinergy 400 (muto)Pinnacle Dazzle (muto)Lexmark x1250 (muta)Sis 651 (va tutto in CPU = lentissimo)Webcam d-linkWiFi Broadcom BCM94311MCG (neanche con ndiswrapper)Lettore SD-MMC RICOH R5C822 (va solo con SD e inserita al boot)Terratec phase 88 rack firewire(driver freebob né ffado funzionanti)Fireware Ricoh R5C832 (in parte funzionante, crash del driver)
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Dimenticavo, nokia 6020 e nokia 6150, sia USB che IR.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Dimenticavo, nokia 6020 e nokia 6150, sia USB che
            IR.Ho un n70 e va alla grande. :-)
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Terratec Cinergy T2 (muto)
            Terratec Cinergy 400 (muto)
            Pinnacle Dazzle (muto)Queste 3 posso dirti che funzionano per certo e senza alcun problema, le prime due out of the box, l'ultima tocca smanettare un po' di più, c'è da fare una piccola ricompilazione di v4l. Distro su cui ho provato Ubuntu 7.10
            Lexmark x1250 (muta)Per questa posso aiutarti solo per la stampante (fatto con una x75), lo scanner è tutta un'avventura e non possedendola si va poco lontano. Comunque le lexmark non sono un buon acquisto per chi usa linux.
            Sis 651 (va tutto in CPU = lentissimo)
            Webcam d-linkServe il modello
            WiFi Broadcom BCM94311MCG (neanche con
            ndiswrapper)Non mi pronuncio devo controllare
            Lettore SD-MMC RICOH R5C822 (va solo con SD e
            inserita al
            boot)Questo ce l'ho sul portatile e funziona, c'era un bug su una versione vecchia di Ubuntu che portava al problema che descrivi ma è stato risolto.
            Terratec phase 88 rack firewire(driver freebob né
            ffado
            funzionanti)Questa da ricerchina rapida sembrerebbe funzionante.
            Fireware Ricoh R5C832 (in parte funzionante,
            crash del
            driver)Non mi pronuncio devo controllareSu che distro li hai provati ? Per lo più sembrano problemi vecchi?
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ubuntu 7.04Ubuntu 7.10Suse 10.0OpenSUSE 10.2OpenSUSE 10.3Direi che la casistica è varia. Per la PHASE 88, da ricerchina rapida forse va, dopo 6 mesi di bestemmie in austrungarico ti posso garantire che non va.Le cinergy non vanno nemmeno morte, la 400 soltano per un po', dopo il kernel crasha. Per la Dazzle non ho mai provato a ricompilare v4l. Per la T2 basta vedere il manuale sul sito ufficiale per vedere che non va proprio "out of the box" .I cellulari che ho non posso scambiarli con un n70, quelli ho, su quelli ho i dati da backuppare.Broadcom l'ho vista trattare malissimo a un "superhacker", funzionata 3 secondi e poi morta.Per il lettore MMC (che userei) non c'è speranza, i driver supportano solo le SD. E le SD devono essere inserite al boot (suse 10.3).La lexmark fa driver proprietari per le stampanti, anche questa l'ho lasciata in mano a un paio di smanettoni incalliti, ma a parte delle bruttissime rigacce nere ciuccia-inchiostro non se ne è cavato molto.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Tu dimmi come si fa a far concorrenza a MS in queste condizioni..
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Tu dimmi come si fa a far concorrenza a MS in
            queste
            condizioni..Questo è il tuo punto di vista (Vista ?) ,io in casa ho solo macchine linux e un dualboot (win-lin) sul portatile...e sono più che soddisfatto.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Buon per te, ma se io voglio far qualcosa usando l'hardware qui sopra descritto e linux, non posso e sono costretto a usare windows.Addirittura, la PHASE 88 mi serve per fare una webradio, ma non la posso usare se non con XP (che dovrei comprare) e quindi non posso usare Rivendell e quindi dovrei comprare anche altro software di automazione, non posso usare jack quindi non posso mandare in streaming i dati al server senza un software (da acquistare) e quindi (dato le risorse limitate e scarse ) la webradio di cui sopra è ferma.Come si fa a non usare Windows? il software esiste, mancano i driver. Un bel successo.Personalmente regalo in giro copie (a mie spese) di linux, ma poi succede che "la scheda video non va bene", "il driver non c'è", "non posso usare la webcam", "bla bla bla" e il risultato è Windows.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            L'hardware sopra descritto sotto linux funziona il problema è che non hai avuto la pazienza di configurarlo.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Eh, vabbè, allora sono io che non ho pazienza. Sono arrivato a tirar pugni al computer perché non andava la scheda audio (e io sono un tipo abbastanza pacato), ma non è bastato.C'ho speso letteralmente mesi sulla sola scheda audio, ma non funziona. Non funziona non funziona non funziona. In compenso ho scoperto cos'è scons :-/
          • e cognome scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Da retta cerca un Lug nella tua zona,sono molto disponibili e non ti chiedono nulla.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Lo so, l'ho già fatto, c'abbiamo passato 2 gg assieme, ma nulla..:-(
          • e cognome scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Lo so, l'ho già fatto, c'abbiamo passato 2 gg
            assieme, ma
            nulla..:-(Mi par difficile che non ci abbiate cavato nulla, in che lug sei andato ? Alcuni dei settaggi son veramente banali da fare.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Parola di boyscout (anche se non sono boyscout), non funziona...
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Per le schede tv posso dirti che la T2 funziona out of the box, infili funziona, non c'è verso, le informazioni sul sito sono vecchie, da quando è uscita di produzione poi è open a tutti gli effetti (hanno rilasciato le specifiche), comunque io l'ho provata prima per un amico e non abbiamo avuto problemi. La Cinergy 400 TV è dichiarata come supportata persino dalla Terratec:http://www.terratec.it/prodotti/schede_tv/cinergy400TV.shtmlComunque ho provato un'altra scheda con il Philps SAA 7134 e funziona.Se un "superhacker" non te le ha fatte funzionare consiglio di rivolgersi a un banale bottegaio con un minimo d'esperienza.Il lettore a me funziona senza problemi di sorta....Qui ci sono le istruzioni per la stampante e lo scanner:http://wiki.ubuntu-it.org/Hardware/StampantiScanner/Lexmarkhttp://wiki.ubuntu-it.org/Hardware/StampantiScanner/LexmarkX1250L'impressione che si ha è che tu ti ostini troppo a saltare di qua e di la per cercare la soluzione immediata, prendi una distro e risolvi i problemi con quella. Ti consiglio Ubuntu o opensuse perchè son quelle più facili da gestire.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Son quelle che uso, ma risultati zero. Non ho mai provato lo scanner su ubuntu, seguirò la guida, ma comunque converrai con me che non sono soluzioni accettabili (2 pagine di guida!).Sono molto grato a tutti coloro che si sforzano di creare i driver, ma sono anche cosciente che il loro lavoro è perfettamente inutile, basterebbero le specifiche per ridurre drasticamente il lavoro da fare,risorse che potrebbero essere usate per creare soluzioni migliori e più stabili, ma letteralmente sprecate a fare ingegneria inversa di una stupida stampante da 30 euro.E tornando al discorso di gOS, un utente che si ritrova davanti una guida del genere gli viene il magone, se pensa al cdrom con i driver che giace abbandonato nella scatola della stampante.Grazie x i link.
          • AtariLover scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ocio che i catalyst se non gli ultimi non hanno il supporto xvideo, forse è per quello che non ti vanno le schede tv. Pure a me la POinnacle non va ma non è un problema della scheda, quanto dei driver video.Ad esempio TvTime si chiude ma facendolo partire da shell mi dice che manca il supporto xvideo dei driver Ati. Nella Catalyst 8.3 invece è stata aggiunta. Prova ad aggiornare ;)Spero di essere stata utile.Ciao!(atari)
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Aggiungo: i driver proprietari delle schede video
            sia nvidia che ati contengono software MSFalso. Non ha senso, né è dimostrabile. E comunque specifiche e codice dei driver ATI sono stati rilasciati alla comunità open.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Falso, l'ho appena dimostrato. E comunque AMD ha acquistato ATI e ha dichiarato che avrebbe volentieri aperto il sorgente dei suoi driver, ma non può farlo perché c'è dentro software altrui (se non sbaglio, pezzi di directX).Ancora falso, AMD non ha dato tutte le specifiche, solo alcune per creare driver 2D su alcuni modelli. Altre specifiche "sono in arrivo", ma non so sinceramente quando. Sicuro la FSF ha messo l'esigenza di avere driver 3D liberi tra le sue priorità maggiori. Segno che il problema è grave.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Falso, l'ho appena dimostrato. Cosa?
            AMD ha acquistato ATI e ha dichiarato che avrebbe
            volentieri aperto il sorgente dei suoi driver, ma
            non può farlo perché c'è dentro software altrui
            (se non sbaglio, pezzi di directX).I sorgenti sono già stati rilasciati. Alcuni driver non possono essere 'aperti' del tutto a causa del modulo DRM che non può essere svelato: sarebbe illegale.Il supporto alle DirectX (ovviamente) non servono nei driver per Linux.
            Ancora falsoCosa? Dovresti imparare l'arte della citazione.
            AMD non ha dato tutte le
            specifiche, solo alcune per creare driver 2D su
            alcuni modelli. Le specifiche sono complete, con l'eccezione succitata. Mancano ancora dei driver all'altezza di quelli nVidia e specifiche per alcune schede più vecchie.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            2 richieste: * link ai sorgenti dei driver originali ati?* perché ubuntu continua a mandarmi i driver ristretti?I driver ATI non sono a sorgente aperto. Se così fosse, i driver sarebbero in tutti i CD di linux, nei repo ufficiali e senza "restrizioni".Siccome in linux non esiste il DRM, il modulo succitato è inutile, come l'eventuale implementazione di directx.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            I driver ATI non sono a sorgente aperto. Se così
            fosse, i driver sarebbero in tutti i CD di linux,
            nei repo ufficiali e senza "restrizioni".L'apertura risale a pochi mesi fa. Non esistono ancora dei validi sostituti delle versioni 'chiuse', anche se sono state rilasciate almeno tre nuove versioni da fine ottobre ad oggi.
            Siccome in linux non esiste il DRM, il modulo
            succitato è inutile, come l'eventuale
            implementazione di directx.I chip DRM esistono sull'hardware, per cui il software di gestione deve tenerne conto, anche per essere in linea con le leggi in USA ed in altri Paesi. Le recenti dichiarazioni di AMD/ATI vanno nel senso di creare drivers con struttura maggiormente modulare per permettere il rilascio open source dei drivers delle nuove schede, escludendo il modulo 'chiuso'.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            No, ti sbagli.I driver non sono stati aperti. AMD ha rilasciato alcune specifiche per alcune schede e solo per la parte 2D. La comunità (non so se finanziata dalla stessa AMD) ha cominciato a scrivere dei driver su quelle specifiche, ma da qui a dire che i driver di ATI sono stati liberati, beh, il passo è "poco breve".Quindi, i driver di ATI non sono stati liberati, sono ancora binari. E' vero che esistono dei driver liberi (2D, solo per alcune schede, non ancora stabili).Ben diverso da regalare alla comunità i sorgenti di qualche MB di codice compilato.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            No, ti sbagli.
            I driver non sono stati aperti. Ho chiaro ricordo di aver appreso la notizia alcuni mesi fa ma non ho i link alle fonti, e non posso recuperarli ora. Per cui non insisto su questo punto, pur non ritenendomi convinto.
            E' vero che esistono dei
            driver liberi (2D, solo per alcune schede, non
            ancora stabili).Quelli sono drivers realizzati 'prima' delle aperture ATI, probabilmente destinati ad essere soppiantati.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Potrei darti questo link:http://pollycoke.wordpress.com/2007/09/10/amdati-supporta-pienamente-linux-un-sogno-che-diventa-realta/Per quanto pollycoke non sia esattamente una "fonte giornalistica attendibile".
          • AtariLover scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Per completezza link la pagina ai driver opensource di ATI: RadeonHDhttp://www.x.org/wiki/radeonhdAlexFalcone ha ragione ;) Li sto usando ora :D
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ma quelli non sono i driver di ATI, che al contrario sono chiusi.I driver di ATI sono binari e hanno il supporto 3D. I driver di xorg, i RadeonHD, sono di xorg, fatti con le specifiche di ATI, ma non sono di ATI.Non confondiamo. Se io ho una ati e uso il 3D, sto usando driver proprietari. Chiusi. Non aperti come si asserisce qui.
          • e cognome scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Gli "ati" open hanno supporto 3d....
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            I driver proprietari binari ati hanno il supporto 3DI driver xorg RadeonHD liberi non hanno il supporto 3D
          • e cognome scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            I driver proprietari binari ati hanno il supporto
            3D
            I driver xorg RadeonHD liberi non hanno il
            supporto
            3DNon esistono solo i radeonhd che sono gli ultimi usciti. I radeon xorg hanno supporto 3d da un bel po' e sono stati i primi a supportare aixgl... Da retta trova qualcuno che ci lavora da un po' con linux.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Spiegalo te, allora, alla mia lexmark x1250 all
            in one...Tralasciando il fatto che non mi pare una grande scelta, puoi provare con un driver simile, tra quelli inclusi con la distribuzione. Non ricordo quale, ma sicuramente ce ne sono due o tre che funzionano ugualmente.
            Nessuno ha obbligato nvidia, infatti nvidia non
            rilascia le specifiche del proprio hardware.Rilascia i driver.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Rilasciano entrambe i driver, che fanno uno più schifo dell'altro.E' incredibile, prima di conoscere linux non avevo nemmeno idea che si potesse star qui a sindacare sulla "qualità" di un driver, eppure..
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Rilasciano entrambe i driver, che fanno uno più
            schifo dell'altro.
            E' incredibile, prima di conoscere linux non
            avevo nemmeno idea che si potesse star qui a
            sindacare sulla "qualità" di un driver,
            eppure..Ma va ? Non c'eri quando su windows fossero meglio i driver video Catalist o i Detonator ???Eppure queste discussioni tra videogiocatori sotto windows erano molto diffusi.
          • Renji Abarai scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            ok dare contro a me... ma tra di voi... ;)Ehmm Davide non vorrei dirtelo ma spesso i driver "moddati" prodotti da terze parti sono il top nelle VGA per i vdeogiochi e per gli overcloccatori folli.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            No...:-(
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Rilasciano entrambe i driver, che fanno uno più
            schifo dell'altro.Io non rilevo problemi sui miei PC, fisso e portatile, entrambi equipaggiati con nVidia.
            E' incredibile, prima di conoscere linux non
            avevo nemmeno idea che si potesse star qui a
            sindacare sulla "qualità" di un driver, eppure..Io ho cominciato con DOS 6.22 a lamentarmi della qualità dei driver.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Certamente, se uno si compra una stampante USB e
            la vuole attaccare a linux, ha ben poche
            possibilità di riuscire nell'impresa.Non so come hai condotto i tuoi tentativi, ma non ho mai avuto alcun problema con stampanti laser, ink jet o multifunzione, USB o parallele che fossero.Nell'unico caso in cui non esisteva il driver adatto (una Xerox, modello molto recente), ne ho usato uno simile ed ha funzionato senza problemi. Nel giro di tre mesi il sistema ha installato come aggiornamento il driver corretto appena inserito nei repository.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2218442&m=2220083#p2220083Come sopra, tutta 'sta roba o non va oppure non va esattamente come dovrebbe.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2218442&m=222
            Come sopra, tutta 'sta roba o non va oppure non
            va esattamente come dovrebbe.Non contesto le tue opinioni, ma ho verificato personalmente che nella pratica spesso si può riuscire a far funzionare ciò che in teoria non dovrebbe. Questo a proposito di periferiche comuni come stampanti, scanner, macchine fotografiche. Mi pare però che la questione non fosse questa, ma la differenza tra i drivers. Voglio precisarlo per evitare fraintendimenti: ovviamente non sostengo che i driver non servono, ma soltanto che non si possono obbligare le aziende a 'liberare' del codice. Detto questo, è altrettanto ovvio che avere specifiche e drivers liberi sarebbe la situazione ideale. Spetta alle aziende, però, comprenderlo, non allo Stato espropriare.Spero di essere stato chiaro, poiché non so se potrò intervenire ancora nella discussione, per una volta interessante.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            No, sei stato chiarissimo. Ma io stesso sono cosciente del fatto che non si può obbligare un'azienda a "liberare" del codice, anche perché ci sarebbe il problema di "che licenza usare", cosa non da poco.Quello che io dico, molto più semplicemente, è che la documentazione relativa al funzionamento del dispositivo (in tutte le sue funzionalità) dovrebbe essere di dominio pubblico.Come già esposto, se per assurdo lo stato italiano dovesse cominciare a sviluppare ItaliaOS, non pretendo che tutti i produttori (anche quelli falliti) si mettano a sviluppare driver per ItaliaOS. Quello che chiedo (e che altri chiedono, FSF e FHF in primis) è che siano liberate le specifiche dell'hardware, in modo da poter scrivere dei driver, magari anche per un fantomatico ItaliaOS.http://www.freehardwarefoundation.org/
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Quello che io dico, molto più semplicemente, è
            che la documentazione relativa al funzionamento
            del dispositivo (in tutte le sue funzionalità)
            dovrebbe essere di dominio pubblico.Su questo parliamo la stessa lingua. Sono del tutto d'accordo. Il problema è qui. L'azienda non può essere obbligata, nemmeno dallo Stato. Se anche ci fosse una partecipazione statale nell'azienda produttrice dell'hardware, sarebbe necessario un accordo di fornitura dei relativi drivers o delle informazioni necessarie allo sviluppo.
            Quello che chiedo (e che
            altri chiedono, FSF e FHF in primis) è che siano
            liberate le specifiche dell'hardware, in modo da
            poter scrivere dei driver, magari anche per un
            fantomatico ItaliaOS.Ed anche su questo sono d'accordo senza eccezioni.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Link:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2218442&m=2220386#p2220386
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Problemi di assistenza?
        - Scritto da: Federico
        E' evidente che il motivo è proprio il successo
        di un prodotto a costo così basso. Lo hanno detto
        chiaramente: non è quello che i nostri clienti
        cercano DAVVERO. Cioè: i clienti mi hanno
        svuotato il magazzino, ma io so che non è questo
        il prodotto che fa per loro. Il prodotto che fa
        per loro costa molto di più.Ovvero, mi da un margine di guadagno maggiore.
    • Davide Impegnato scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      Boh, perché non dovrebbe esserci? l'assistenza va fatta comunque...comunque gOS l'ho provato, non è esattamente 'sto gran ché... una enlightenment modificata, cioè software non pronto per l'utilizzo: adesso siamo alla versione 0.16 sul sito ufficialehttp://www.enlightenment.org/p.php?p=download&l=enTra l'altro, non è nemmeno un desktop environment, non ha tutta una serie di applicazioni necessarie allo scopo. Nemmeno il 3D.Insomma, un linux decisamente "castrato" su hardware che, specifiche alla mano, può far girare ben altro che un'enlightenment.Pare che abbia venduto bene, però! :-) non sarebbe male avere il dato sugli effettivi difetti che hanno rilevato gli utenti. Che comunque sapevano di non comprare Windows.
      • Overture scrive:
        Re: Problemi di assistenza?
        Che
        comunque sapevano di non comprare
        Windows.Saresti pronto a scommetterci ?Quei pc li dovevano vendere non certo diffondere per il bene superiore dell'open source.Trovo molto più plausibile la possibilità che avranno fatto studiare ai dipendenti del reparto informatica una specie di blablabla dove avranno fatto credere ai possibili clienti che quella cosa lì era come windows se non perfino mac os x grazie alla barra in basso...Chiederesti mai all'oste se il suo vino è buono ?
        • 123 scrive:
          Re: Problemi di assistenza?
          - Scritto da: Overture
          Che

          comunque sapevano di non comprare

          Windows.

          Saresti pronto a scommetterci ?
          Quei pc li dovevano vendere non certo diffondere
          per il bene superiore dell'open
          source.
          Trovo molto più plausibile la possibilità che
          avranno fatto studiare ai dipendenti del reparto
          informatica una specie di blablabla dove avranno
          fatto credere ai possibili clienti che quella
          cosa lì era come windows se non perfino mac os x
          grazie alla barra in
          basso...

          Chiederesti mai all'oste se il suo vino è buono ?in america non c'è il diritto di recesso di un prodotto entro X giorni?se davvero non è quello che si aspettavano, reimballavano e si riprendevano i soldi...
          • Overture scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Può anche darsi che ci sia il diritto di recesso ma se la tiritera è stata scritta, studiata ed esposta per bene, ci sono buone possibilità che l'utente ci provi il tempo necessario a far decadere il diritto di recesso e comunque si tratta sempre di un computer a 199 dollari. Come ho già detto, chi non si trova finisce per infilarci o farci infilare xp anche di "dubbia" provenienza...
          • Shpalman scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Overture
            Può anche darsi che ci sia il diritto di recesso
            ma se la tiritera è stata scritta, studiata ed
            esposta per bene, ci sono buone possibilità che
            l'utente ci provi il tempo necessario a far
            decadere il diritto di recesso e comunque si
            tratta sempre di un computer a 199 dollari. Come
            ho già detto, chi non si trova finisce per
            infilarci o farci infilare xp anche di "dubbia"
            provenienza...No, dai. Vivo in America: ieri ho acquistato un laptop con Vista, ma domani lo riporto indietro.Sicuramente non mi faranno domande e mi daranno indietro tutti i soldi, fino all'ultimo centesimo.Vabbe', l'ho comprato da Office Depot, ma ho comprato anche da Wal Mart e poi restituito. Stessa cosa: ringraziano e ridanno i soldi fino all'ultimo centesimo.
          • kattle87 scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            sei ironico o serio? perchè non si capisce :( :'(
          • iRoby scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Beh ma da noi Auchan, Lidl e tutte le grandi catene se riporti (chi entro 7 giorni, chi entro 15, chi 30) ti restituiscono i soldi. L'importante che sia nell'imballo e in condizioni originali e ci sia lo scontrino.
          • Shpalman scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: kattle87
            sei ironico o serio? perchè non si capisce :( :'(Scusa, sono serio.In USA e' la prassi: compri qualcosa, non ti piace, lo restituisci e ti ridanno i soldi senza fare domande.Anzi, ringraziano.Funziona cosi' dappertutto, in USA. Per le esperienze che ho avuto in Italia, posso immaginare che tu mi abbia creduto ironico. In Italia puoi restituire solo se si verificano determinate coincidenze astrali...
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Se la tiritera è stata scritta, allora sapevano di non comprare Windows. Se non è stata scritta, allora avevano il diritto di recesso. Purtroppo stiamo discutendo senza dati, ipotizzando, non arriveremo mai a un risultato serio... :-(
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Se la tiritera è stata scritta, allora sapevano
            di non comprare Windows. Se non è stata scritta,
            allora avevano il diritto di recesso. Purtroppo
            stiamo discutendo senza dati, ipotizzando, non
            arriveremo mai a un risultato serio...
            :-(C'e' poco da ipotizzare, abbiamo delle certezze, forse tu non sei informato :Wal-mart NON fornisce assistenza sul software ne win ne' linux.In usa hai il diritto di recesso: se lo accendi e non ti piace, lo riporti indietro e ti ridanno immediatamente i tuoi soldi.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ma nemmeno Trony la fa, se compro un computer (per esempio) HP, è HP a dovermi fare assistenza. Non conosco le leggi americane in questo senso, ma mi sembrerebbe strano vedere Wal-Mart fare assistenza.Anche in Italia c'è il diritto di recesso nel caso dei computer, no? per via delle licenze accetti-non accetti bla bla bla... tanto più su internet, dove c'è il diritto di recesso comunque, anche se accetti la licenza..poi, ripeto, mai acquistato nulla in USA.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Ma nemmeno Trony la fa, se compro un computer
            (per esempio) HP, è HP a dovermi fare assistenza.HP l'assistenza te la fa sull'hardware.
            Non conosco le leggi americane in questo senso,
            ma mi sembrerebbe strano vedere Wal-Mart fare
            assistenza.Bhe, tel'ho appena detto.
            Anche in Italia c'è il diritto di recesso nel
            caso dei computer, no?Qua c'e' in teoria, la' funziona davvero bene.
            poi, ripeto, mai acquistato nulla in USA.Allora ascolta le opinioni di chi l'ha fatto, sono molto piu' attendibili delle sentenze che hai sparato fino ad ora in questo tread, nei quali hai dimostrato solo parecchia ignoranza.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            HP fa assistenza sia all'hardware che al software, vai a leggere il contratto di licenza che hai accettato la prima volta che hai acceso un computer con licenza OEM di HP (o di qualsiasi altro vendor).Infatti, prova tu ad accedere all'assistenza online di MS con una licenza OEM, non puoi, l'assistenza la fa il venditore.Assistenza che poi si riduce a "ha provato a ripristinare il sistema?", ma quella è un'altra storia.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            HP fa assistenza sia all'hardware che al
            software, vai a leggere il contratto di licenza
            che hai accettato la prima volta che hai acceso
            un computer con licenza OEM di HP (o di qualsiasi
            altro vendor).
            Infatti, prova tu ad accedere all'assistenza
            online di MS con una licenza OEM, non puoi,
            l'assistenza la fa il venditore.
            Assistenza che poi si riduce a "ha provato a
            ripristinare il sistema?", ma quella è un'altra
            storia.No e' la stessa storia, non sono due film separati.Perche' queste risposte ti vanno bene per windows e per linux pretendi di piu' ?
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Mai preteso da HP assistenza su linux. MAI. L'ho pretesa su Windows e la risposta è stata quella riportata (per la cronaca, non funzionava più il driver del lettore CD dopo 3 giorni che avevo il computer con Vista, dopo 5 giorni non funzionava più nemmeno il driver per la scheda audio).
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Quello del lettore è un problema noto, è capitato pure a me. Basta cancellare due righe dal registry e riavviare. Quand'è sparito il masterizzatore sul portatile nuovo mi ha fatto prendere un colpo, ho pensato fosse un problema hardware ma sotto linux funzionava benissimo...
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Io non lo sapevo e ho dovuto ripristinare. E siccome avevo già fatto la migrazione dei dati e non avevo più il pc vecchio, mi sono dovuto comprare un disco USB per salvare la mia roba.Grazie, HP e mammasoft.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Io ho preferito fare una ricerchina su google che sarà durata 10 secondi :-).Comunque il problema era chiaramente spiegato con soluzione sul sito della MS.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Il 18 febbraio, meno di un mese dopo il lancio di Vista?
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Il 18 febbraio, meno di un mese dopo il lancio di
            Vista?18 febbraio ?!!! Io il portatile l'ho comprato a Ottobre-Novembre, considerando che Vista lo uso poco e nulla al max sarà stato fine Novembre.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Eh, io l'ho comprato il 15 febbraio. E 3 giorni dopo il lettore DVD non andava. Ho cercato, ma non ho trovato.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Boh strano era un problema che risaliva fino alle RC...
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Guarda, io a suo tempo ho cercato e non ho trovato nulla (e la cosa mi è costata l'acquisto di un HD USB).Fa piacere sapere che il problema risalisse addirittura alle RC.
          • Overture scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Se la tiritera presenta gOS come un non windows/non mac os x migliore di windows/mac os x, oltretutto solo a 199 dollari i cretini che ci credono li trovi a fare la fila sul marciapiede.
          • iRoby scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ma gli USA non sono mica come "casa tua" dove il 90% del software è pirata.Quella che tutti gli utenti che comprano PC vuoti ci mettono Windows pirata invece che Linux è la solita ca%%ata FUD diffusa da Micro$oft...
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Beh, credo che non sia poi 'sta gran ca22ata, nel senso che molto probabilmente molti lo fanno (da valutare poi quanti, cosa vuol dire "molti" non si sa), ma di qui a obbligare tutti a comprare quello che non vogliono (SW MS), saturare il mercato, imporre DRM e regole al di fuori della legge, imporre restrizioni, fare accordi "segreti" per avere driver in esclusiva, fare accordi per avere soltanto pc con SW OEM MS eccetera eccetera eccetera, beh, ce ne passa..
          • Lemon scrive:
            Re: Problemi di assistenza?


            Quella che tutti gli utenti che comprano PC vuoti
            ci mettono Windows pirata invece che Linux è la
            solita ca%%ata FUD diffusa da
            Micro$oft...Non più di quella che sostiene che ogni apparecchio esista al mondo ci si debba mettere linux (xbox, ps2 ecc ecc)
          • Ferraiolo scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Lemon



            Quella che tutti gli utenti che comprano PC
            vuoti

            ci mettono Windows pirata invece che Linux è la

            solita ca%%ata FUD diffusa da

            Micro$oft...

            Non più di quella che sostiene che ogni
            apparecchio esista al mondo ci si debba mettere
            linux (xbox, ps2 ecc
            ecc)non "si debba" ma "si può"chi te la ha raccontata questa?
          • Overture scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            "casa tua" tienilo per te...
      • anonymous scrive:
        Re: Problemi di assistenza?
        $$$ e poff! sparito il problema.
        Che
        comunque sapevano di non comprare
        Windows.che miopia latente pérmea questi forum :-o
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: Problemi di assistenza?
          Sarà miopia, ma la versione 0 di un software non dovrebbe essere venduta. Dico, la versione ZERO!Se gli sviluppatori stessi ritengono che non sia pronta per "il grande pubblico", perché dovrebbe essere distribuita "al grande pubblico"?
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Sarà miopia, ma la versione 0 di un software non
            dovrebbe essere venduta. Dico, la versione
            ZERO!
            Se gli sviluppatori stessi ritengono che non sia
            pronta per "il grande pubblico", perché dovrebbe
            essere distribuita "al grande pubblico"?Ma chi sono questi sviluppatori stessi ?Ma li conosci che ti dicono queste cose ?Me li presenti ?
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Da che mondo è mondo, la versione ZERO di un software è una versione NON PRONTA. Chiamala "convenzione", ma è così.Come il secondo numero se è pari vuol dire che è una versione stabile e se dispari vuol dire che è una versione instabile. Convenzione.A leggere il numero di versione, si capisce "come la pensano gli sviluppatori".Ora, io non ho modo di verificare se ci fosse la versione 0.16 (stabile, non pronta) o la 0.17 (non stabile, non pronta), ma qualunque sia stata la scelta, si tratta di una versione ZERO, quindi per convenzione NON PRONTA.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Da che mondo è mondo, la versione ZERO di un
            software è una versione NON PRONTA. Chiamala
            "convenzione", ma è così.Guarda che vale solo per il kernel.
            Come il secondo numero se è pari vuol dire che è
            una versione stabile e se dispari vuol dire che è
            una versione instabile. Convenzione.Si, ma convenzione del kernel.
            A leggere il numero di versione, si capisce "come
            la pensano gli sviluppatori".Infatti, basta guardare una Debian Stabile.
            Ora, io non ho modo di verificare se ci fosse la
            versione 0.16 (stabile, non pronta) o la 0.17
            (non stabile, non pronta), ma qualunque sia stata
            la scelta, si tratta di una versione ZERO, quindi
            per convenzione NON PRONTA.Secondo te Vista che numero di versione avra (newbie)(newbie)
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?

            Secondo te Vista che numero di versione avrà
            (newbie)(newbie)Ovvio, esistono sempre le eccezioni, ma non è questo il caso. La numerazione del kernel è usata in tutta una serie di altro software bla bla bla..Se vuoi posso farti io un esempio ecclatante di qualcuno che non segue questa numerazione: KDE 3.5Mr. KDE non segue la numerazione convenzionale. Tra l'altro, non credo nemmeno che questa numerazione sia definita in qualche tipo di standard, quindi proprio non si può dire che tutti seguano questa numerazione. Ma enlightenment non fa eccezione.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato

            Secondo te Vista che numero di versione avrà

            (newbie)(newbie)
            Tra l'altro, non credo nemmeno che questa
            numerazione sia definita in qualche tipo di
            standard, Si e' definita ed e' quella del kernel, gli altri sono tuoi viaggi mentali.
            quindi proprio non si può dire che
            tutti seguano questa numerazione. La segue rigidamente SOLO il kernel.
            Ma enlightenment non fa eccezione.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Sarà..http://library.gnome.org/misc/release-notes/2.20//
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Sarà..
            http://library.gnome.org/misc/release-notes/2.20//In effetti non vedo nessuna regola a riguardo, sai indicarmela ?
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            2.18 -
            vecchia2.20 -
            corrente2.22 -
            prossimaNon c'è la regola , ma pare essere rispettata.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            2.18 -
            vecchia
            2.20 -
            corrente
            2.22 -
            prossima
            Non c'è la regola , ma pare essere
            rispettata.Probabilmente rispettano anche un sacco di altre regole, come quella di iniziare i nomi delle variabili con lettere che ne indichino se sono int, float, char, string ecc... Ma a te che cosa te ne cale ???
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            A me, nulla. A un vendor OEM magari "dovrebbe".
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            A me, nulla. Ma sei tu che stai qui a lamentarti.
            A un vendor OEM magari "dovrebbe".Se sa fare il suo mestiere sa distinguere un numero di relase.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Bene, allora visto che non sono un installatore OEM non ho diritto a criticare una scelta.
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Bene, allora visto che non sono un installatore
            OEM non ho diritto a criticare una
            scelta.Bhe, visto che si parla di un campo ben specifico quanto meno prima di criticare dovresti informarti sul perche' ed il percome e' stata fatta quella scelta e come funzionano i meccanismi attraverso i quali si decidono certe cose.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Tant'è vero che distribuzioni basate su enligthenment SERIE come opengeu (o geubuntu) dichiarano chiaramente di essere un misto tra enligthenment e altro, in questo caso GNOME. Perché Enlightenment non fornisce tutta una serie di servizi necessari a un computer desktop.
          • anonymous scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Sarà miopia, ma la versione 0 di un software non
            dovrebbe essere venduta. Dico, la versione
            ZERO![img]http://img182.imageshack.us/img182/6821/facepalmpicarqu2.jpg[/img]che ti stai dicendo?TeX è alla versione 3.141592 e si approssima a π, la prima alfa era alla versione 3, etcmetafont si approssima a e il compilatore smalleiffel è partito da -1.0 e si approssima sempre di più a zero, al momento siamo a -0.7 e qlc...ma chi l'ha detto che la "1" è la stabile? forse sotto win per la maggiorparte dei sw sarà così, ma sotto linux non c'è proprio nulla di scontato

            Se gli sviluppatori stessi ritengono che non sia
            pronta per "il grande pubblico", perché dovrebbe
            essere distribuita "al grande
            pubblico"?ti hanno telefonato per passarti queste..."informazioni" o la stai buttando li?chi te l'ha detto che "non è pronta" ? :-o
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            La versione 1 non è detto che sia stabile. Così come la versione
            uname -r2.6.22.17-0.1-defaultè stabile perché è x.6 -
            è il secondo numero che indica se è stabile o meno.La 0.16 è stabile, la 0.17 è instabile. Per convenzione. Che io sappia, l'unica a usare numeri a casaccio è Ubuntu, che indica anno.mese di rilascio (noterai, sia 4 che 10 che 6 sono pari).Ma se davanti c'è uno zero, vuol dire che non è pronta per essere usata. Men che meno se è una versione -1 (che davvero non ho mai incontrato).
          • anonymous scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            La versione 1 non è detto che sia stabile. Così
            come la
            versione


            uname -r
            2.6.22.17-0.1-default

            è stabile perché è x.6 -
            è il secondo numero che
            indica se è stabile o
            meno.

            La 0.16 è stabile, la 0.17 è instabile. Per
            convenzione. Che io sappia, l'unica a usare
            numeri a casaccio è Ubuntu, che indica anno.mese
            di rilascio (noterai, sia 4 che 10 che 6 sono
            pari).

            Ma se davanti c'è uno zero, vuol dire che non è
            pronta per essere usata. Men che meno se è una
            versione -1 (che davvero non ho mai
            incontrato). CVD:dai giudizi su cose che non conosci 8)
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Wikipedia: Enlightenment, also known simply as E, is a free software/open source window manager for the X Window System which can be used alone or in conjunction with a desktop environment such as GNOME or KDE. Enlightenment is sometimes deployed as a substitute for a full desktop environment. The latest stable release is version 0.16.8.12.Version 0.17, also referred to as DR17 or E17, is currently in development and is designed to be a full-fledged desktop shell http://en.wikipedia.org/wiki/Enlightenment_%28window_manager%29Devo per forza conoscere tutta la storia di tutte le versioni di tutti i pacchetti di tutto il mondo per poter scrivere su PI senza essere tacciato di eresia?
          • krane scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Wikipedia:
            Enlightenment, also known simply as E, is a
            free software/open source window manager for the
            X Window System which can be used alone or in
            conjunction with a desktop environment such as
            GNOME or KDE. Enlightenment is sometimes deployed
            as a substitute for a full desktop
            environment.

            The latest stable release is version 0.16.8.12.

            Version 0.17, also referred to as DR17 or E17, is
            currently in development and is designed to be a
            full-fledged desktop shell E quindi... Dove dice che TUTTE le numerazioni dispari sono instabili ?
            http://en.wikipedia.org/wiki/Enlightenment_%28wind
            Devo per forza conoscere tutta la storia di tutte
            le versioni di tutti i pacchetti di tutto il
            mondo per poter scrivere su PI senza essere
            tacciato di eresia?No, basta che non crivi MACRO caZVolate.
          • il Reclutator e scrive:
            Re: Problemi di assistenza?

            Devo per forza conoscere tutta la storia di tutte
            le versioni di tutti i pacchetti di tutto il
            mondo per poter scrivere su PI senza essere
            tacciato di
            eresia?...siete troppo fragili, una volta qui c'era di mooooooooolto peggio che discussioni al profumo di vaniglia come queste...Ragazzo, hai bisogno di farti le ossa per affrontare arroganti come quello:ogni tanto fatti un giro su www.forumdeitroll.it così impari a smontarli in 2 post 8)(cylon)
          • anonimo scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: il Reclutator e

            Devo per forza conoscere tutta la storia di
            tutte

            le versioni di tutti i pacchetti di tutto il

            mondo per poter scrivere su PI senza essere

            tacciato di

            eresia?

            ...siete troppo fragili,
            una volta qui c'era di mooooooooolto peggio che
            discussioni al profumo di vaniglia come
            queste...

            Ragazzo, hai bisogno di farti le ossa per
            affrontare arroganti come
            quello:
            ogni tanto fatti un giro su www.forumdeitroll.it
            così impari a smontarli in 2 post
            8)

            (cylon)Viva i troll!
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Pagina ufficiale di opengeu (distro basata su enlightenment): In this stage, Enlightenment alone is not enough to make you desktop fully functional, and it's strange that so many people are pretending Enlightenment to become a full Desktop Environment like Gnome, KDE or XFCE. http://opengeu.intilinux.com/Home.html
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ancora, questo è quello che sto dicendo IO. A che mi risulti (correggetemi se sbaglio), né E16 né E17 hanno l'automount, giusto per fare un esempio ecclatante della differenza tra desktop environment e enlightenment.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Se compri un paio di gomme Pirelli non puoi lamentarti che manca l'albero di trasmissione. :-) E è un windows manager maturo per il resto bisogna rivolgersi altrove.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Appunto, non si può pretendere di venderlo a chi non ha mai visto linux. C'è troppo terminale da usare.
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Ma non ti vendono il windows manager :-), le distro son già settate con quello che ti serve.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Provato gOS?io l'ho installato e non partiva nemmeno xorg di default, dovevo accedere da terminale e fare sudo /etc/init.d/gdm start :DEvidentemente questo non può succedere sui pc con gOS preinstallato (spero!) ma non mi sento di escludere a priori altri problemi. Certo che non c'era solo E, ma non mi sento di escludere mancassero altre cose (piallato poco dopo).Per provarlo, c'è la iso sul sito del produttore.http://www.thinkgos.com/
          • mmmmhhh scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Provato appena è uscita a suo tempo la notizia. Niente male, ma niente di particolarmente innovativo per chi gà usa ubuntu da un po'.Comunque non ho riscontrato nessun problema anzi m'è parsa una buona distro.
          • Anonymous scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Appunto, non si può pretendere di venderlo a chi
            non ha mai visto linux. C'è troppo terminale da
            usare. :sah, ora abbiamo capito:tu sei uno degli utenti "da cartolina" di linux...ti sono bastati 2 o 3 scrnshot per diventare subito un power-user :-o :-o :-otorna in edicola: forse è uscito àchergiurnal(rotfl)
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            No, sono cosciente del fatto che non tutti vogliono acquistare hacker journal e non tutti vogliono diventare power user.C'è gente che ha difficoltà a capire il concetto di cd (dove non si intende compact disk, ma change directory).
          • anonymous scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Ancora, questo è quello che sto dicendo IO. A che
            mi risulti (correggetemi se sbaglio), né E16 né
            E17 hanno l'automount, giusto per fare un esempio
            ecclatante della differenza tra desktop
            environment e
            enlightenment.mele con pere :-o
    • Overture scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      Sarebbe interessante sapere come è stato pubblicizzato e presentato al pubblico. Purtroppo quando si parla di linux sono veramente poche le persone che hanno la capacità e soprattutto il coraggio di farne una descrizione misurata con tutti i pro e soprattutto i contro. Se si trova il fanatico, sembra che sia sceso il Messia, diversamente che sia risorto Satana (chiaramente vestito di rosso quindi comunista, come ci ricorda Beppe Braida).Non mi stupirei, per il vecchio detto sull'oste, se l'avessero ostentato troppo e la gente trovandosi poi nei casini non abbia reagito male credendosi presa in giro.Di certo se è successa una cosa così, quello che poteva essere un ottimo cavallo di battaglia per diffondere linux s'è trasformato in un boomerang.
      • Davide Impegnato scrive:
        Re: Problemi di assistenza?
        Credo, per fare una stima "sommaria", che si possa prendere come termine di riferimento, qui da noi, EEEPC.Qualcuno ha visto EEEPC in negozio o su volantini, cosa c'era scritto?
        • Ferraiolo scrive:
          Re: Problemi di assistenza?
          - Scritto da: Davide Impegnato
          Credo, per fare una stima "sommaria", che si
          possa prendere come termine di riferimento, qui
          da noi,
          EEEPC.

          Qualcuno ha visto EEEPC in negozio o su
          volantini, cosa c'era
          scritto?qui a Genova non c'è scritto niente nei volantini di mediaworld se non Linux e Scheda HSDPA TIM inclusa.i primi tempi ce n'era la pila nel centro del reparto notebook acceso e la gente interesasta cliccava e soppesava, poi li hanno finiti e non fanno in tempo a farseli arrivare che sono già tutti piazzati (così dicono i commessi, io non lo so se è vero).in compenso i commessi sono molto equilibrati e se provi a chiedere loro ti elogiano la connettività e semplicità d'uso visto che "c'è gia configurato gmail, msn e skype".
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            Positivo il fatto che si potessero provare :) cosa che oggigiorno alla grande distribuzione è negata.Vorrei sottolineare una cosa, che non fa onore a ASUS e a EEEPC. Nelle pubblicità che ho visto, la skin utilizzata era MOOOOOOLTO simile a quella di XP.Mi confermate che la skin definitiva su EEEPC è uguale o si differenzia da XP? (barra grigia, pulsante X rosso)
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: Problemi di assistenza?
            http://punto-informatico.it/punto/20080125/instant_messaging.jpg:-/
    • picchiatello scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      - Scritto da: Ekleptical
      Non oso nemmeno immaginare le rotture di balle di
      clienti che si lamentavano che questo o quel
      dispositivo non funzionava o altri problemi
      tipici che un inesperto può riscontrare con
      Linux.
      Magari è per quello che han rinunciato?
      Nella vendita online il problema, guarda un po',
      non
      c'è!Sono piu' propenso a pensare alle rotture fisiche dell'hardware altrimenti lo avrebbero venduto senza s.o.dato che trattasi di wall mart.
    • bnmfhdsfhg scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      - Scritto da: Ekleptical
      Non oso nemmeno immaginare le rotture di balle di
      clienti che si lamentavano che questo o quel
      dispositivo non funzionava o altri problemi
      tipici che un inesperto può riscontrare con
      Linux.
      Magari è per quello che han rinunciato?
      Nella vendita online il problema, guarda un po',
      non
      c'è!wallmart non fornisce quel tipo di assistenza post-vendita, ma solo la normale garanzia entro i termini di legge
    • jeffrey divo scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      - Scritto da: Ekleptical
      Non oso nemmeno immaginare le rotture di balle di
      clienti che si lamentavano che questo o quel
      dispositivo non funzionava o altri problemi
      tipici che un inesperto può riscontrare con
      Linux.
      Magari è per quello che han rinunciato?
      Nella vendita online il problema, guarda un po',
      non
      c'è!ho pensato la stessa cosa e non uso linux
    • DHL scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      l'assistenza non la offriva la everest?
    • Ageing drummer boy scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      Esiste ancora questo troll? Mah!
    • pabloski scrive:
      Re: Problemi di assistenza?
      - Scritto da: Ekleptical
      Non oso nemmeno immaginare le rotture di balle di
      clienti che si lamentavano che questo o quel
      dispositivo non funzionava o altri problemi
      tipici che un inesperto può riscontrare con
      Linux.
      Magari è per quello che han rinunciato?
      Nella vendita online il problema, guarda un po',
      non
      c'è!vero ma ormai il numero di dispositivi che non va con Linux è alquanto limitatoi dispositivi più usati e cioè le fotocamere digitali, i router ADSL, le webcam e le pendrive sono tutti supportatifrancamente non penso sia stato questo il motivo scatenante, soprattutto perchè il PC in questione si rivolge ad una clientela entry-level che altro non fa che navigare e scrivere quattro documenti
      • krane scrive:
        Re: Problemi di assistenza?
        - Scritto da: pabloski
        - Scritto da: Ekleptical

        Non oso nemmeno immaginare le rotture di balle
        di

        clienti che si lamentavano che questo o quel

        dispositivo non funzionava o altri problemi

        tipici che un inesperto può riscontrare con

        Linux.

        Magari è per quello che han rinunciato?

        Nella vendita online il problema, guarda un po',

        non

        c'è!


        vero ma ormai il numero di dispositivi che non va
        con Linux è alquanto
        limitato

        i dispositivi più usati e cioè le fotocamere
        digitali, i router ADSL, le webcam e le pendrive
        sono tutti supportati
        francamente non penso sia stato questo il motivo
        scatenante, Sicuramente non lo e': poiche' questa catena NON offre quel tipo di assistenza (rotfl)
        soprattutto perchè il PC in questione
        si rivolge ad una clientela entry-level che altro
        non fa che navigare e scrivere quattro
        documenti
Chiudi i commenti