Googlerola, ovvero la farina del sacco di Page

di L. Annunziata - Una mossa quasi sfrontata, di sicuro un'azione coraggiosa come ci si aspetterebbe da un giovane CEO di un'azienda altrettanto giovane. Una mossa azzeccata
di L. Annunziata - Una mossa quasi sfrontata, di sicuro un'azione coraggiosa come ci si aspetterebbe da un giovane CEO di un'azienda altrettanto giovane. Una mossa azzeccata

Una frase attribuita a Steve Jobs, ma chissà a chi l’avrá “rubata” lui, suona pressapoco così: coloro i quali vogliono fare sul serio col software, devono creare il proprio hardware . Un approccio che nel corso degli anni ha premiato Apple, ma anche IBM, Sun, e volendo anche Oracle: la lista sarebbe lunga, tanto vale citare solo i primi attori di questa tendenza.

La mossa di Google, che in pieno agosto si è pappata Motorola Mobility per una cifra stellare , si inserisce in questo trend: molto del futuro di BigG passa dal mobile, Android è figlio di questa consapevolezza, e Larry Page novello CEO non si è fatto sfuggire un’occasione. Sarà il tempo a dire se avrá fatto un affare o se avrà puntato sul cavallo sbagliato. D’altra parte, Motorola é la sola azienda USA con qualche voce in capitolo nella questione smartphone, una scelta quasi obbligata se non si vuole dover continuamente volare in, e trattare continuamente con l’Asia.

La mossa di Page, seppur smaccatamente costosa, appare comunque dannatamente sensata: Motorola ha prodotto fino a questo punto dei buoni terminali Android , tra i migliori in circolazione, e ha lavorato con un buon risultato (seppur perfettibile) anche nel settore tablet con il suo Xoom . Viste le voci della scorsa settimana, poi, che vedevano prima Moto impegnata nel riflettere se adottare Windows Phone nel suo ecosistema, e poi ponderare addirittura un’azione di patent trolling su Android, meglio correre ai ripari e “bloccare” sul nascere una potenziale minaccia per il successo del sistema operativo mobile di Google.

Di sicuro in qualche misura la politica e la filosofia dell’approccio Moto ad Android cambieranno: fino a questo punto l’azienda è stata, ad esempio, molto restia a concedere agli utenti pieni poteri sui device da loro acquistati, mentre se Google intende tener fede al suo motto di bontà (“don’t be evil”, dicono a Mountain View) e ai suoi principi di apertura del software, dovrebbe imprimere una svolta open e generosa ai paradigmi di design e programmazione della appena acquisita azienda dell’Illinois.

Come detto, oggi appare impossibile anticipare quale sarà il risultato della mossa di Page: di certo servirà a ridurre drasticamente il problema principale che fin qui ha afflitto Android, ovvvero la profonda frammentazione dell’OS in tante (troppe) varianti per ciascun modello e produttore , dialetti che in molti casi hanno finito per esser quasi incomprensibili l’uno per l’altro o comunque poco interoperabili tra loro. Motorola a Mountain View significa uno, o dieci, dispositivi Nexus l’anno, modellati davvero sulle specifiche e sulle esigenze di Google, a fare da “standard” e probabilmente da best seller tra il pubblico.

Google dunque ha fatto benone a compiere il grande passo da software ad hardware? Probabilmente sì. Questa mossa è priva di rischi? Sì e no: Apple ci ha messo anni ad arrivare a creare un ecosistema coerente e solido che spazia dai PC agli smartphone, gli esempi di RIM e Palm, due navigati produttori che hanno stentato a produrre negli ultimi anni modelli all’altezza della competizione sul mercato, lasciano intendere che il successo non sará né scontato né garantito per BigG . Di buono per Mountain View c’è che il lavoro portato avanti da Motorola con i broadcaster e le TV potrebbe garantire un po’ di ossigeno alla sua fin qui poco fortunata Google TV.

Comunque si tratta di una notizia positiva per i consumatori: l’offerta Android sará piú solida negli anni a venire, affiancata da un connubio Nokia-Microsoft che fará sicuramente buone cose di Windows Phone, e i grandi produttori asiatici HTC, Samsung e LG (mettiamoci anche Sony-Ericsson) che terranno senz’altro viva l’arena con le rispettive proposte – sempre che nel frattempo la novità non li spinga a rivedere le proprie politiche e i propri piani per il sistema operativo da montare sui propri device. Per Google, invece, c’è da segnalare come il suo CEO sia in movimento e desideroso di imprimere il proprio marchio sulla nuova gestione : una circostanza che senz’altro i mercati finanziari non mancheranno di premiare, e che con un po’ di fortuna potrebbe segnare un ulteriore rilancio per le già ben avviate inziative di BigG.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 08 2011
Link copiato negli appunti