HP e IBM, licenziamenti strategici

I pezzi grossi tagliano e annunciano nuovi piani per il futuro. Ma se per Palo Alto è chiaro che si tratta delle conseguenze dell'addio a WebOS, per Armonk tutto è avvolto nel mistero

Roma – Tempo di crisi, tempo di tagli. E anche i più grandi colossi della tecnologia, come IMB e HP, si vedono costretti a ridimensionare il proprio personale .

HP ha licenziato 275 lavoratori , per lo più tecnici, che si occupavano dello sviluppo di WebOS , il sistema operativo per i dispositivi mobile diventato open source. Se si considera che all’inizio dell’anno i dipendenti che si occupavano di WebOS erano circa 600, quasi la metà della divisione è stata mandata a casa .

HP ha diffuso un comunicato in cui afferma: “Dato che WebOS sta portando avanti il passaggio dai servizi mobile all’open source non ha più bisogno di esperti d’ingegneria o di altre relative figure considerate prima necessarie. Puntiamo a creare una squadra più piccola e più efficiente che sia più preparata a sviluppare il sistema open source di WebOS e, a lungo termine, il software HP”. Infine assicura: “HP sta lavorando per ridistribuire i dipendenti colpiti da questi cambiamenti in altri ruoli in azienda”

L’annuncio di HP non sembra inaspettato: WebOS ha difficoltà a decollare e appena il mese scorso Jon Rubinstein, ex CEO Palm, aveva abbandonato Hewlett-Packard .
Sembra poi che molti tagli abbiano interessato i lavoratori che si occupavano dell’hardware. Se confermato, forti dubbi si addenserebbero sui propositi di HP di produrre altro hardware WebOS.

Non se la passano meglio gli uomini e le donne IBM, mille dei quali l’azienda ha deciso di fare a meno negli Stati Uniti: e si teme che il numero di licenziamenti possa aumentare . Quasi la metà dei dipendenti erano precari o lavoravano da casa. La notizia è stata data da Alliance@IBM/CWA Local 1701 , una sorta di sindacato dei lavoratori IMB legato alla Communications Workers of America .

Big Blue ha rilasciato un comunicato in cui non ha confermato chiaramente i licenziamenti, ma ha parlato di un “riequilibrio” della forza lavoro, vale a dire la riduzione dei dipendenti in alcune aree e l’assunzione di nuovi lavoratori in altre . “Questa flessibilità consente a IMB di rimanere competitiva e rilevante in un settore che cambia continuamente e, data la natura concorrenziale della nostra attività, non discutiamo pubblicamente i dettagli dei nostri piani di assunzione”.

Come tutti gli altri giganti della tecnologia, dal 2010 IBM non dichiara i numeri del suo organico . Dato che nel 2009 i lavoratori statunitensi in Big Blue erano 105mila, diversi sindacati stimano che, attualmente, il numero sia sceso a meno di 100mila.

Tuttavia, a differenza di HP che ha di fatto terminato le attività di un ramo aziendale con l’apertura di WebOS, IBM non sembra essere costretta a fare scelte drastiche. Tutt’altro. Big Blue ha infatti terminato il 2011 con una crescita del 7 per cento e un fatturato di 106,9 miliardi di dollari. Il riassetto dell’organico potrebbe dunque essere davvero la premessa di una svolta strategica.

Gabriella Tesoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Enterprise Profession al scrive:
    Re: David Braben: e chi sarebbe?

    Qeusto Braben da dove spunta?Dai, magari sei un po' troppo giovane, ti perdoniamo:http://en.wikipedia.org/wiki/David_Braben
  • bruttolo scrive:
    Che noia
    vabbe i flame sono divertenti. Ma tutti a lamentarsi che il sito e caduto e nessuno si rende conto che e un prodotto rivoluzionario (magari gia due o tre anni fa si poteva fare una cosa del genre, ma intanto questi sono stati i pirmi). Cioe con 30 euro ho un computer con cui vedere i vido a 1080p. E non devo programmare in C o cos'altro come con arduino. Ci metto la scheda sd e parte Linuxma gli stolti guardano il dito e non la luna
    • brain scrive:
      Re: Che noia
      - Scritto da: bruttolo
      vabbe i flame sono divertenti. Ma tutti a
      lamentarsi che il sito e caduto e nessuno si
      rende conto che e un prodotto rivoluzionario
      (magari gia due o tre anni fa si poteva fare una
      cosa del genre, ma intanto questi sono stati i
      pirmi). Cioe con 30 euro ho un computer con cui
      vedere i vido a 1080p.Vero, il chip video non lo puoi proprio programmare ;)
      E non devo programmare in
      C o cos'altro come con arduino. Ci metto la
      scheda sd e parte
      LinuxServe per la didattica, non è un media box, cos'hai contro la programmazione in C? :D
    • ... scrive:
      Re: Che noia
      ma quale rivoluzionario, ci sono prodotti simili da sempreil raspberry pi è anche mediocre come hardware (per non dire indecente)con 174$ ti compri la pandaboard che è opensource e monta l'omap4460, cioè un arm dual core a 1,5 ghz + 1gb di ram + gpu il raspberry pi è la solita trovata per vendere spazzatura a chi è abbastanza ignorante da comprarsela, questi avranno avuto qualche avanzo di magazzino che non sapevano come smaltire
      • collione scrive:
        Re: Che noia
        eh si, ok, però 180 testoni, cioè 6 raspberry pi messi insiememica stiamo parlando della spazzatura denominata netbook
  • collione scrive:
    Re: David Braben: e chi sarebbe?
    cacchio, i miei commenti anti-Maruccia sono stati puntualmente cancellatiMaruccia invece di cancellare i commenti, studia prima di scrivere (rotfl)
    • iome scrive:
      Re: David Braben: e chi sarebbe?
      - Scritto da: collione
      cacchio, i miei commenti anti-Maruccia sono stati
      puntualmente
      cancellati

      Maruccia invece di cancellare i commenti, studia
      prima di scrivere
      (rotfl)io penso che chi continua a permettere la pubblicazione dei pezzi di maruccia, o e' vittima o complice: non vedo altre spiegazioni.
  • Macacaro scrive:
    Ma Raspberry PI...
    sta per Raspberry di Punto Informatico? (newbie)Parola di Macacaro! ;)
  • sentinel scrive:
    Re: David Braben: e chi sarebbe?
    - Scritto da: iome[CUT]

    Qeusto Braben da dove spunta?
    Amico, evidentemente ti sei perso un pezzo importantissimo della stora dell'home computing
  • Nome e cognome scrive:
    Marketing
    Quindi abbiamo imparato una lezione di marketing:- Creare hype per il rilascio di un nuovo prodotto, finire diverse volte su i piu' diffusi siti del settore, incitare gli utenti per "puntare la seglia alle 6:00am" per essere i primi per aggiundicarsi il giocattolo...NON funziona una ****** se hai solo 10.000 unita' da vendere, le prossime non si sa neanche quando saranno disponibili, i retailers sono (per essere gentili) dei principinati che sono andati sotto IMMEDIATAMENTE senza che si sia ancora riusciti a capire se si puo' ordinare, serve partita IVA, quando consegnano.Il DayOne lo si lasci fare ad Apple, i newcomers (auguri a tutti) almeno si risparmino l'hype se non sono in grado di predisporre le vendite.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Marketing
      - Scritto da: Nome e cognome
      Quindi abbiamo imparato una lezione di marketing:

      - Creare hype per il rilascio di un nuovo
      prodotto, finire diverse volte su i piu' diffusi
      siti del settore, incitare gli utenti per
      "puntare la seglia alle 6:00am" per essere i
      primi per aggiundicarsi il
      giocattolo...

      NON funziona una ****** se hai solo 10.000 unita'
      da vendere, le prossime non si sa neanche quando
      saranno disponibili, i retailers sono (per essere
      gentili) dei principinati che sono andati sotto
      IMMEDIATAMENTE senza che si sia ancora riusciti a
      capire se si puo' ordinare, serve partita IVA,
      quando
      consegnano.

      Il DayOne lo si lasci fare ad Apple, i newcomers
      (auguri a tutti) almeno si risparmino l'hype se
      non sono in grado di predisporre le
      vendite.Mah, forse nemmeno i creatori del progetto Raspberry si aspettavano un interesse così elevato...
    • Sathack scrive:
      Re: Marketing
      - Scritto da: Nome e cognome
      Quindi abbiamo imparato una lezione di marketing:

      - Creare hype per il rilascio di un nuovo
      prodotto, finire diverse volte su i piu' diffusi
      siti del settore, incitare gli utenti per
      "puntare la seglia alle 6:00am" per essere i
      primi per aggiundicarsi il
      giocattolo...

      NON funziona una ****** se hai solo 10.000 unita'
      da vendere, le prossime non si sa neanche quando
      saranno disponibili, i retailers sono (per essere
      gentili) dei principinati che sono andati sotto
      IMMEDIATAMENTE senza che si sia ancora riusciti a
      capire se si puo' ordinare, serve partita IVA,
      quando
      consegnano.

      Il DayOne lo si lasci fare ad Apple, i newcomers
      (auguri a tutti) almeno si risparmino l'hype se
      non sono in grado di predisporre le
      vendite.Ma hai idea di cosa voglia dire produrre una scheda così a sti prezzi!? Il flame si sta sollevando perchè è un produttino della maronna!
      • diego scrive:
        Re: Marketing
        - Scritto da: Sathack
        - Scritto da: Nome e cognome

        Quindi abbiamo imparato una lezione di
        marketing:



        - Creare hype per il rilascio di un nuovo

        prodotto, finire diverse volte su i piu' diffusi

        siti del settore, incitare gli utenti per

        "puntare la seglia alle 6:00am" per essere i

        primi per aggiundicarsi il

        giocattolo...



        NON funziona una ****** se hai solo 10.000
        unita'

        da vendere, le prossime non si sa neanche quando

        saranno disponibili, i retailers sono (per
        essere

        gentili) dei principinati che sono andati sotto

        IMMEDIATAMENTE senza che si sia ancora riusciti
        a

        capire se si puo' ordinare, serve partita IVA,

        quando

        consegnano.



        Il DayOne lo si lasci fare ad Apple, i newcomers

        (auguri a tutti) almeno si risparmino l'hype se

        non sono in grado di predisporre le

        vendite.

        Ma hai idea di cosa voglia dire produrre una
        scheda così a sti prezzi!?

        Il flame si sta sollevando perchè è un produttino
        della
        maronna!Daccordissimo, infatti appena sono pronti nuovi stock, io lo compro subito.E' eccezionale l'idea di fondo, ed oltre tutto per 25$ ne vale proprio la pena
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Marketing

        Ma hai idea di cosa voglia dire produrre una
        scheda così a sti prezzi!?Certo

        Il flame si sta sollevando perchè è un produttino
        della maronna!Sono d'accordo: ma il primo rilascio, con tanto di post "mettete la svegli e accatev'illo"e' stato un disastro. Quando si potra' ne coprero' un po' pure io...
    • insomma... scrive:
      Re: Marketing
      Probabilmente qualcuno si è dimenticato di dire che il sito del progetto SAPEVA il traffico che avrebbe generato e non ha subito nessun down! Il problema sono stati i siti di RS e FARNEL che dopo appena 1 minuto sono andati in down e lo sono stati almeno fino al primo pomeriggio (in realtà farnel fino alla sera ha avuto problemi...) Ma ben gli stà :)Sarei davvero curioso di sapere le reali quantità a disposizione dei due siti.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Marketing
        Si vabbe', ma llora che si mettano in contatto con Amazon,che per altro distribuisce ovunque e senza problemi di piva,e gli dicano: ce ne vendi 500.000 o quante ti pare?
  • Mela avvelenata scrive:
    Raspberry XBMC
    Spero che il progetto vada in porto, sarebbe anche ora di avere un box multimediale decente ad un prezzo abbordabile!
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Raspberry XBMC
      Be' oggi i prodotti sono uscitu dal porto, appena li consegnano vediamo come vanno.
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: Raspberry XBMC
        - Scritto da: Nome e cognome
        Be' oggi i prodotti sono uscitu dal porto,
        appena li consegnano vediamo come vanno.beh, indubbiamente non vedremo una release tanto presto, temo...A chi interessa ecco il sito del progetto:http://www.raspbmc.com/
    • ospite scrive:
      Re: Raspberry XBMC
      - Scritto da: Mela avvelenata
      Spero che il progetto vada in porto, sarebbe
      anche ora di avere un box multimediale decente ad
      un prezzo abbordabile!Peccato che supporti solo H264, tutto il resto deve essere decodificato via software e dubito che 700MHz x 256 Mb di RAM possano farcela... già alcuni video mostrano tentennamenti con l'H264 hardware.
      • mura scrive:
        Re: Raspberry XBMC
        - Scritto da: ospite
        Peccato che supporti solo H264, tutto il resto
        deve essere decodificato via software e dubito
        che 700MHz x 256 Mb di RAM possano farcela... già
        alcuni video mostrano tentennamenti con l'H264
        hardware.La risposta universale al tuo problema è "per adesso è così". Il chip video non è un semplice decoder ma un dsp programmabile via firmware, ad oggi l'implementazione supporta solo H264 ma è possibile fargli fare più o meno tutto semplicemente va scritto il software per farlo.Ah dimenticavo, stando alle specifiche del produttore sembra supporti anche la codifica di flussi video per cui, tempo permettendo, secondo me ne vedremo delle belle.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 marzo 2012 13.25-----------------------------------------------------------
        • ospite scrive:
          Re: Raspberry XBMC
          - Scritto da: mura
          La risposta universale al tuo problema è "per
          adesso è così". Il chip video non è un semplice
          decoder ma un dsp programmabile via firmware, ad
          oggi l'implementazione supporta solo H264 ma è
          possibile fargli fare più o meno tutto
          semplicemente va scritto il software per
          farlo.Si ma da quello che ho capito non si può programmare come un driver, occorre un firmware da installare sul chip e può farlo solo il produttore (ho anche dei dubbi sul fatto che si possa fare a posteriori, se ho capito bene il decoder video non è accessibile via software). Per il decoder H286 viene infatto pagata una licenza (compresa nei 35 dollari), cosa che non è stata fatta, per motivi di costo, per gli altri codec.
          Ah dimenticavo, stando alle specifiche del
          produttore sembra supporti anche la codifica di
          flussi video per cui, tempo permettendo, secondo
          me ne vedremo delle belle.Si, dal forum sembra che sia un previsione una videocamera da collegare all'apparecchio. Il progetto comunque ha uno scopo ben preciso che non è quello di realizzare un mediacenter a basso costo, percui non credo vedremo troppi sconvolgimenti in questo senso, non da parte della fondazione almeno.
          • mura scrive:
            Re: Raspberry XBMC
            - Scritto da: ospite
            Si ma da quello che ho capito non si può
            programmare come un driver, occorre un firmware
            da installare sul chip e può farlo solo il
            produttore (ho anche dei dubbi sul fatto che si
            possa fare a posteriori, se ho capito bene il
            decoder video non è accessibile via software).Ammetto la mia ignoranza nella specifica implementazione del Raspberry PI ma, di solito, ai dsp in generale il firmware viene "uploadato" sul chip via software attraverso il bus dati, mi suona strana questa limitazione.
            Per il decoder H286 viene infatto pagata una
            licenza (compresa nei 35 dollari), cosa che non è
            stata fatta, per motivi di costo, per gli altri codec. Ecco questo è un discorso diverso la storia della licenza oggettivamente potrebbe portare a freni ma non di natura tecnica ovviamente ma legale.

            Ah dimenticavo, stando alle specifiche del

            produttore sembra supporti anche la codifica di

            flussi video per cui, tempo permettendo, secondo

            me ne vedremo delle belle.

            Si, dal forum sembra che sia un previsione una
            videocamera da collegare all'apparecchio. Il
            progetto comunque ha uno scopo ben preciso che
            non è quello di realizzare un mediacenter a basso
            costo, percui non credo vedremo troppi
            sconvolgimenti in questo senso, non da parte
            della fondazione almeno.Si si ma io infatti mi riferivo più che altro agli sviluppi delle varie community che si creeranno visto il sucXXXXX del progetto.Non credo che aspetteremo molto prima di veder saltare fuori firmware per la codifica e la decodifica di flussi video anche per altri codec ma ovviamente chi vivrà vedrà.
          • brain scrive:
            Re: Raspberry XBMC
            - Scritto da: mura
            - Scritto da: ospite

            Si ma da quello che ho capito non si può

            programmare come un driver, occorre un
            firmware

            da installare sul chip e può farlo solo il

            produttore (ho anche dei dubbi sul fatto che
            si

            possa fare a posteriori, se ho capito bene il

            decoder video non è accessibile via
            software).

            Ammetto la mia ignoranza nella specifica
            implementazione del Raspberry PI ma, di solito,
            ai dsp in generale il firmware viene "uploadato"
            sul chip via software attraverso il bus dati, mi
            suona strana questa
            limitazione.Qui è addirittura il contrario: è il dsp che fa il boot e poi passa il controllo a linux...
  • donald scrive:
    Re: David Braben: e chi sarebbe?
    Braben è l'autore di Elite, il primo gioco (considerato capolavoro) di commercio stellare degli anni 80, e c'è anche lui nella board della fondazione
    • iome scrive:
      Re: David Braben: e chi sarebbe?
      - Scritto da: donald
      Braben è l'autore di Elite, il primo gioco
      (considerato capolavoro) di commercio stellare
      degli anni 80, e c'è anche lui nella board della
      fondazioneSi ma quello importante e' un altro. Come citare un sottosegretario al posto del Primo ministro....
      • n&c scrive:
        Re: David Braben: e chi sarebbe?
        - Scritto da: iome
        - Scritto da: donald

        Braben è l'autore di Elite, il primo gioco

        (considerato capolavoro) di commercio stellare

        degli anni 80, e c'è anche lui nella board della

        fondazione

        Si ma quello importante e' un altro. Come citare
        un sottosegretario al posto del Primo
        ministro....pure tu però!! Se il background dell'articolista è quello che ci vuoi fare?
        • ruppolo scrive:
          Re: David Braben: e chi sarebbe?
          - Scritto da: n&c
          pure tu però!! Se il background dell'articolista
          è quello che ci vuoi
          fare?beh, a quel punto si dimetta da articolista :Dpoi chip Qualcomm, rs e farnell che sarebbero delle fabmah, ndò cacchio l'hanno tirato fuori? (rotfl)
          • iome scrive:
            Re: David Braben: e chi sarebbe?
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: n&c


            pure tu però!! Se il background dell'articolista

            è quello che ci vuoi

            fare?

            beh, a quel punto si dimetta da articolista :D

            poi chip Qualcomm, rs e farnell che sarebbero
            delle fabquella di rs e farnell gliela alvevo risparmiata ma sapevo che qualcuno l'avrebbe detto...
            mah, ndò cacchio l'hanno tirato fuori? (rotfl)credo da un bidone della monnezza....Cancelleranno i post, ma figurati se correggeranno l-articolo... meglio cosi: che la gente veda e giudichi.
        • iome scrive:
          Re: David Braben: e chi sarebbe?
          - Scritto da: n&c
          - Scritto da: iome

          - Scritto da: donald


          Braben è l'autore di Elite, il primo gioco


          (considerato capolavoro) di commercio stellare


          degli anni 80, e c'è anche lui nella board
          della


          fondazione



          Si ma quello importante e' un altro. Come citare

          un sottosegretario al posto del Primo

          ministro....

          pure tu però!! Se il background dell'articolista
          è quello che ci vuoi fare?imbarcarlo su peschereccio giapponese e mandarlo in alto mare per 8 mesi come minimo, con l'ovvia conseguenza di migliorare la fama di questa bettola informatica.
  • napoli scrive:
    il chip è broadcom
    come da titolo
Chiudi i commenti