Intel, l'Europa cova nuove accuse

Nei prossimi giorni l'antitrust potrebbe formalizzarle: Intel avrebbe dissuaso i rivenditori dall'offrire prodotti dei concorrenti. Le anticipazioni del Wall Street Journal

Roma – Intel sta celebrando l’ottimo andamento del rapporto trimestrale. Ma su Santa Clara pare si stiano addensando nubi minacciose: il chipmaker potrebbe dover rispondere di nuove accuse di fronte all’antitrust europeo.

La sede del chipmaker A snocciolare qualche anticipazione riguardo a ciò che potrebbe avvenire nei prossimi giorni è il Wall Street Journal : sono persone ben informate dei fatti a riferire che la Commissione Europea sta meditando di indagare sulle pratiche commerciali che Intel avrebbe adottato nei confronti dei rivenditori europei .

Non solo Intel avrebbe praticato sconti succulenti agli assemblatori perché preferissero montare componenti del chipmaker piuttosto che quelli dell’eterna rivale AMD: la Commissione Europea, spiega il Journal , vorrebbe fare chiarezza sulla presunta abitudine di Intel di dissuadere i rivenditori dal commercio di macchine equipaggiate con materiale fornito dalla concorrenza . Intel, chiamata dalle autorità europee a giustificare le politiche di sconti adottate nei confronti dei produttori, si era difesa portando a testimonianza il fatto che dei tagli sui prezzi a monte avrebbero contribuito a mantenere bassi i prezzi per il consumatore finale. Se la Commissione dovesse dimostrare che Intel si è rivolta ai rivenditori per escludere la concorrenza, potrebbe impugnare una prova inconfutabile del fatto che i comportamenti di Intel siano volti a schiacciare i competitor, senza alcuna attenzione per i diritti dei consumatori.

Sono anni che l’Europa indaga sulla posizione di Intel, sono anni di denunce e di strenue difese , di blitz e ispezioni condotte anche presso le sedi dei retailer, per indagare sull’integrità dei rapporti commerciali che intrattengono con il chipmaker. Parallelamente a quanto avvenuto sul fronte europeo, il colosso di Santa Clara ha subito gli affondi dei competitor anche presso le autorità giapponesi , coreane e statunitensi .

Se il Wall Street Journal ha dato voce a fonti ben informate, le nuove accuse dell’antitrust europeo potrebbero sorprendere Intel nel pieno dei festeggiamenti: Intel mantiene la sua fetta di mercato dell’80 per cento, il valore globale delle entrate per il secondo trimestre del 2008 è pari a 9,5 miliardi di dollari, una cifra in crescita del 9 per cento rispetto al periodo corrispondente dello scorso anno, in crescita su tutti i mercati ai quali Intel si rivolge. A Santa Clara, informati dal quotidiano statunitense delle prossime mosse dell’antitrust europeo, non mostrano segnali di turbamento: “Stiamo continuando a cooperare e proprio non sappiamo cosa farà la Commissione – ha dichiarato il portavoce di Intel Chuck Mulloy – riteniamo di operare entro i termini della legge”.

Gaia Bottà

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rotfl scrive:
    Re: PI Branco di STRONZI
    - Scritto da: Marco Marcoaldi
    Ma cazzo .... censurate proprio tutto ? Branco di
    teste di cazzo
    !Avendo visto dei tuoi messaggi in precedenza posso dire con certezza che non ci siamo persi nulla.
  • Marco Marcoaldi scrive:
    PI Branco di STRONZI
    Ma cazzo .... censurate proprio tutto ? Branco di teste di cazzo !
  • LucaBonf scrive:
    31 mila pc?
    ...Tra i casi più eclatanti individuati da Stewart spiccano un istituto scolastico on oltre 31mila PC infetti...Ma a parte le stupidaggini, sarei proprio curioso di sapere dove si trova nel mondo un istituto scolastico con 31mila pc (tutti infetti oltretutto). Io 31 mila pc non li ho mai visti neppure nei più grossi campus americani, ma sicuramente chi ha scritto l'articolo può dare qualche informazione più precisa, perchè non voglio neppure immaginare che anche su PI chi scrive le notizie abbia voglia di sorprendere, scrivendo numeroni tanto per fare clamore, senza usare il cervello per verificarne la correttezza... anche se ultimamente questa sembra essere la tendenza.
  • fpc scrive:
    X la redazione (tedesca o russa!?)
    Nella sintesi si cita una gang tedesca.Nell'articolo una gang russa.Mi sono perso qualcosa o è solo un errore?Grazie!
    • Olmo scrive:
      Re: X la redazione (tedesca o russa!?)
      E' russa.Dove hai letto riferimenti alla Germania?
      • NomeCognome scrive:
        Re: X la redazione (tedesca o russa!?)
        Come detto da fpc, nella sintesi della prima pagina:Coreflood, cybergang russa nemica delle banche(PI - News) Centinaia di gigabyte di dati rubati, carte di credito, denaro, account, migliaia di network infiltrati: questi i numeri di una temuta gang tedesca. Che sempre più spesso finisce alla ribaltaCari lettori, ma ci siete o ci fate? Spesso digitate piu' velocemente di quanto non cogitate. Sara' l' era moderna e veloce e rincitrullita.Cara redazione, semplicemente correggete la svista, e presto, perche' anch' io sono rimasto un pochino confuso.
        • Axel scrive:
          Re: X la redazione (tedesca o russa!?)
          - Scritto da: NomeCognome

          Cara redazione, semplicemente correggete la
          svista, e presto, perche' anch' io sono rimasto
          un pochino
          confuso.Quoto;l'ho notato subito anche io.
        • steve jobs fan scrive:
          Re: X la redazione (tedesca o russa!?)
          purtroppo la redazione ... "russa"
          • ullala scrive:
            Re: X la redazione (tedesca o russa!?)
            - Scritto da: steve jobs fan
            purtroppo la redazione ... "russa"A quanto capisco "russano" pure i solerti tutori dell'ordine!Più facile prendersela col ragazzino pirla che scarica canzonette vero?
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Perchè quelli della polizia postale ....
    non ci capiscono una mazza !E te lo dice uno che ci ha collaborato e che è stato minacciato perchè rilasciai su PI un loro software interno (Open Source) per la copia speculare !!!!Ad una presentazione di un seminario sulla sicurezza informatica svoltasi qualche anno fa all'uni di Camerino con nomi di grossi produttori internazionali di soluzioni di sicurezza, polpost, carabinieri e finanza, un comandante della polizia postale della Regione Marche si atteggiava da saccente con la seguente introduzione con una slide alla matrix introduttiva piena di 1 e 0 : "In questo universo digitale fatto da I e da O" i e o ....... non 1 e 0 .... con una folla che non è esplosa a ridere dalla gaffe che ha fatto.Suvvia lasciamo perdere .... sono peggio dell'AIDS ... se li conosci li eviti a priori !
  • ciaspolo scrive:
    Ma é mai possibile...
    ...Che con tutti quelli che spiano tutto, servizi segreti e balle varie, non li abbiano gia messi dentro per sempre? E tentano solo stupidmente di buttargli giù i server (come se servisse a qualcosa, il giorno dopo sono come prima) Perché a questi mafiosi li lasciano fare tranquillamente quello che gli pare e le "forze dell'ordine" corrono dietro a chi scarica film e musichette (non che questi ultimi facciano bene, intendiamoci) aizzati dalle major e dai governi che le ascoltano (le majoir...), mentre a questi quà che si "fo****o direttamente i soldi di tutti, sono intoccati? MI SEMBRA IMPOSSIBILE che non li trovino... :( Vabbé che quì si tratta di vera mafia, ma c***o!!!
    • Olmo scrive:
      Re: Ma é mai possibile...

      MI SEMBRA IMPOSSIBILE che
      non li trovino... :( Che intendi dire? Che ci sia connivenza da parte delle forze dell'ordine? O non ti capaciti che ci possa essere chi riesce tecnicamente ad ottenere l'anonimato in rete?
      • pabloski scrive:
        Re: Ma é mai possibile...
        - Scritto da: Olmo

        MI SEMBRA IMPOSSIBILE che

        non li trovino... :(

        Che intendi dire? Che ci sia connivenza da parte
        delle forze dell'ordine? O non ti capaciti che ci
        possa essere chi riesce tecnicamente ad ottenere
        l'anonimato in
        rete?con le forze dell'ordine sicuramente no, sui servizi segreti non ci giurereicomunque è vero una gang del genere dovrebbe essere una priorità e coinvolgere anche i servizi, i quali invece se ne fregano e pensano solo ad intessere i loro intrighi con la malavita
        • Olmo scrive:
          Re: Ma é mai possibile...
          Non ho dubbi che i servizi investano in hacking e cracking,ma ho forti perplessità sul fatto che si occupino di furti.
          • Ricky scrive:
            Re: Ma é mai possibile...
            L'idea di base,se non ho capito male, e' che se vogliono trovare il ragazzino che scarica il film CAM DIVX fatto male e con audio distorto ci riescono e velocemente mentre se si tratta di beccare dei crakkoni che fanno sparire montagne di soldi non riescono nemmeno a farli rallentare un pochino..Quindi le ipotesi sono :1)se vengono PAGATI BENE si muovono altrimenti , ciccia.2)Se vengono spronati dai potenti saltano come biglie,altrimenti se ne fregano.3)Beccare la mamma che scarica e' facile, colpire dei virtuosi dello scasso digitale NO...quindi si buttano sulle cose alla loro portata...4)A vari livelli, questi smanettoni godono di connivenze tali da poter continuare tranquillamente il loro operato certi di non essere mai "disturbati".Secondo voi?
Chiudi i commenti