Lizard Squad, crackati nell'onore

Compromesso il sistema che le Lucertole hacker volevano vendere come piattaforma commerciale per attacchi DDoS. Decine di migliaia gli account esposti, con password salvate in chiaro

Roma – Il momento no di Lizard Squad si fa sempre più imbarazzante: dopo gli arresti di alcuni dei suoi membri , la crew che ha rovinato il Natale ai possessori di home console deve ora subire l’onta di un hack subito dal discusso servizio di DDoS commerciale Lizardstresser.su .

Le Lucertole avevano inizialmente giustificato l’attacco a PlayStation Network e Xbox One con la scusa di voler evidenziare le magagne nella sicurezza dei network videoludici di Sony e Microsoft, ma in seguito era emerso il vero motivo e cioè un vero e proprio “stunt” commerciale usato per promuovere il succitato servizio di DDoS.

Ma il sistema Lizardstresser.su , basato secondo le indagini dei giorni scorsi sull’ abuso di router domestici protetti con password di default, è caduto esso stesso vittima di quella che sembra essere una policy di sicurezza parecchio scarsa.

I server del servizio DDoS sono stati “completamente” compromessi, stando alle rivelazioni Brian Krebs , e il database dei clienti di Lizard Squad è finito in mano ad investigatori ed FBI. Dall’archivio risultano oltre 14mila diversi account, sebbene solo poche centinaia di clienti abbiano pagato per il servizio, per un totale di 11mila dollari di guadagno a mezzo bitcoin.

Le misure di sicurezza impiegate da Lizard Squad a salvaguardia del database? Risibili , visto che tutte le informazioni risultano accessibili in chiaro, senza alcuna forma di cifratura o hash a limitare i danni. Gli utenti registrati su Lizardstresser hanno quindi di che preoccuparsi, per il prossimo futuro.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Ti abboni a tutto
    Che strana questa tendenza del "tutto ad abbonamento".Anche se poi la gente non consuma una frazione di quello per cui sta pagando.Se voglio un linea telefonica sono 16 euro che la usi o no.A cui aggiungere 20 euro per l'ADSL.10 euro al mese per il telefono cellulare.20 euro al mese per la televisione con il pacchetto più scrauso di Sky o Mediaset.Si fa presto a fare e superare i 100 euro al mese solo di abbonamenti a cose delle quali ne usi forse per un valore di 1/5 di quello che li stai pagando, per cui ti sarebbe bastato il solo acquisto per la sola fruizione occasionale.Se guardate quasi tutti i servizi i fornitori da qualche anno a questa parte si spostano verso la rendita certa e continua, con prezzi che sono calcolati su quante persone andranno a sottoutilizzare il servizio, perché i fruitori accaniti quelli che rendono antieconomica l'offerta sono in misura minima.
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: Ti abboni a tutto
      - Scritto da: iRoby
      Che strana questa tendenza del "tutto ad
      abbonamento".
      Anche se poi la gente non consuma una frazione di
      quello per cui sta
      pagando.

      Se voglio un linea telefonica sono 16 euro che la
      usi o
      no.
      A cui aggiungere 20 euro per l'ADSL.
      10 euro al mese per il telefono cellulare.
      20 euro al mese per la televisione con il
      pacchetto più scrauso di Sky o
      Mediaset.

      Si fa presto a fare e superare i 100 euro al mese
      solo di abbonamenti a cose delle quali ne usi
      forse per un valore di 1/5 di quello che li stai
      pagando, per cui ti sarebbe bastato il solo
      acquisto per la sola fruizione
      occasionale.

      Se guardate quasi tutti i servizi i fornitori da
      qualche anno a questa parte si spostano verso la
      rendita certa e continua, con prezzi che sono
      calcolati su quante persone andranno a
      sottoutilizzare il servizio, perché i fruitori
      accaniti quelli che rendono antieconomica
      l'offerta sono in misura
      minima.vero. Meglio il canone telecom a cui aggiungere le telefonate che fai.
  • Claudio Allocchio scrive:
    in ritardo... anche tecnicamente
    a parte, come giustamente fatto notare dall'articolo, il ritardo sugli altri competitor che nel frattempo si sono evoluti... il portale e servizio anche tecnicamente e' decisamente inadeguato alla concorrenza. Il supporto per i vari device e' scarso... addirittura risponde con informazioni del tipo "la risoluzione di questo schermo non e' supportata" .. avete mai visto Google news rispondere con messaggi simili? ed il portale e' tremendamente lento ed inefficiente. E' evidente la carenza tecnica sia di chi lo ha scritto, sia dei server e delle connessioni di rete che lo supportano. Aspettare decine di secondi per caricare la home page alla pima connessione fa desistere gia' oltre la meta' dei potenziali utanti. mare, ragazzi, molto male... vediamo quanto durera' un'iniziativa nata vecchia...
  • Allocco scrive:
    fatemi pagare!
    Vi prego fatemi pagare! Voglio pagare per avere qualcosa di gratuito!
  • Esprit scrive:
    Il problema...
    Il problema di Edicola italiana e degli editori che ne fanno parte, non è il contenitore ma i contenuti.
  • ... scrive:
    Dilettanti
    15 Euro al mese per un aggregatore di XXXXXte come solo la stampa italiana riesce a produrre? La gente non va a spaccarsi la schiena per leggere le vostre XXXXXte, miserabili pezzi di XXXXXXX
  • ... scrive:
    prezzo fuori mercato
    Deve costare 5 euro al mese e dare tutto, pregresso compreso: ricordiamo che al termine del'abbonamento non ti rimane nulla.Qui invece siamo di fronte a prezzi da far rotolare dal ridere Netflix o Spotify che offrono un catalogo sterminato dei rispettivi media e cifre ben più popolari.Hanno forse paura che la gente, con una flat vera, si metta a leggere tutti gli articoli di ogni giornale???? Beh, è quello che può fare già oggi, ma senza dargli un centesimo.
    • surak 2.0 scrive:
      Re: prezzo fuori mercato
      - Scritto da: ...
      Qui invece siamo di fronte a prezzi da far
      rotolare dal ridere Netflix o Spotify che offrono
      un catalogo sterminato dei rispettivi media e
      cifre ben più
      popolari.Quando sorge un terzo competitore rispetto a quelli esistenti e non ha una sua struttura, è ovvio che può fare prezzi minori sfruttando le nuove tecnologie senza la zavorra della vecchia struttura o gli interessi consolidati, ma non è che le major americane si siano mese a svendere i loro film perchè era arrivato internet (anzi.. hanno creato solo ulteriori settori dove creare un incasso fino a che hanno potuto)
      Hanno forse paura che la gente, con una flat
      vera, si metta a leggere tutti gli articoli di
      ogni giornale???? Beh, è quello che può fare già
      oggi, ma senza dargli un
      centesimo.Non m'interessa il servizio in se però non sarei così convinto che sia un'offerta folle.Ovviamente è pensata per chi compra già i loro quotidiani o riviste (o entrambe) quindi se lo fa costantemente spende molto di èiù che non con questa flat. Solo Panorama costa (abbonamneto al cartaceo online) 45 euro l'anno, quindi circa 4 al mese, per citare uno dei più noti, metti quelli di cucina ed un quotidiano... la cifra la raggiungi con 4 o 5 cose.Chiaro che il tipo che li legge dal dottore o al bar, preferisce non pagare nulla.Altrettanto vero che se domani chiudessero tutto quello che si lega al cartaceo, magari ti possono fare anche metà prezzo.
    • marcorr scrive:
      Re: prezzo fuori mercato
      - Scritto da: ...
      Deve costare 5 euro al mese e dare tutto,
      pregresso compreso: ricordiamo che al termine
      del'abbonamento non ti rimane
      nulla.
      Sul prezzo eccessivo posso anche concordare, sul fatto che al termine dell'abbonamento non hai nulla dissento. E' da tempo che almeno un dei quotidiani permette l'acXXXXX a chiunque (anche non abbonati) a distanza di una settimana dalla pubblicazione.
      • ... scrive:
        Re: prezzo fuori mercato
        - Scritto da: marcorr
        E' da tempo che almeno un dei
        quotidiani permette l'acXXXXX a chiunque (anche
        non abbonati) a distanza di una settimana dalla
        pubblicazione.1) 'almeno uno' è decisamente vago: scommetto che non copre nemmeno un decimo di quanto c'è nell'abbonamento.2) se i file di cui parli non sono scaricabili in formato senza DRM allora non ti rimane ugualmente nulla nel momento in cui loro decideranno o saranno forzati a chiuderei l servizio.
        • marcorr scrive:
          Re: prezzo fuori mercato
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: marcorr

          E' da tempo che almeno un dei

          quotidiani permette l'acXXXXX a chiunque
          (anche

          non abbonati) a distanza di una settimana
          dalla

          pubblicazione.

          1) 'almeno uno' è decisamente vago: scommetto che
          non copre nemmeno un decimo di quanto c'è
          nell'abbonamento.
          2) se i file di cui parli non sono scaricabili in
          formato senza DRM allora non ti rimane ugualmente
          nulla nel momento in cui loro decideranno o
          saranno forzati a chiuderei l
          servizio.Se proprio ci tieni, la Stampa rilascia i suoi articolo sotto licenza creative commons a distanza di una settimana dalla prima pubblicazione.E l'intero archivio storico (dal 1867 al 2006) è scaricabile sia in formato testo che come PDF.
          • ... scrive:
            Re: prezzo fuori mercato
            - Scritto da: marcorr
            Se proprio ci tieni, la Stampa rilascia i suoi
            articolo sotto licenza creative commons a
            distanza di una settimana dalla prima
            pubblicazione.
            E l'intero archivio storico (dal 1867 al 2006) è
            scaricabile sia in formato testo che come
            PDF.perfetto.E tutti gli altri?
          • panda rossa scrive:
            Re: prezzo fuori mercato
            - Scritto da: ...
            perfetto.
            E tutti gli altri?Tutti gli altri verranno dimenticati dalla storia.
  • Leguleio scrive:
    Geniale
    " Si tratta del frutto dell'accordo siglato nel 2012 dai sei principali nomi dell'editoria italiana: un progetto che vorrebbe entrare in competizione con i principali aggregatori (gratuiti) di notizie online offrendo un servizio a pagamento che raccoglie le maggiori testate dello Stivale ".Ci sarà la coda di utenti che vogliono pagare per accedere al servizio! (rotfl)
    • pippo pistacchio scrive:
      Re: Geniale
      - Scritto da: Leguleio
      " Si tratta del frutto dell'accordo siglato nel
      2012 dai sei principali nomi dell'editoria
      italiana: un progetto che vorrebbe entrare in
      competizione con i principali aggregatori
      (gratuiti) di notizie online offrendo un servizio
      a pagamento che raccoglie le maggiori testate
      dello
      Stivale ".

      Ci sarà la coda di utenti che vogliono pagare per
      accedere al servizio!
      (rotfl)
    • panda rossa scrive:
      Re: Geniale
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      Si tratta del frutto dell'accordo siglato nel
      2012 dai sei principali nomi dell'editoria
      italiana: un progetto che vorrebbe entrare in
      competizione con i principali aggregatori
      (gratuiti) di notizie online offrendo un servizio
      a pagamento che raccoglie le maggiori testate
      dello
      Stivale </I
      ".

      Ci sarà la coda di utenti che vogliono pagare per
      accedere al servizio!
      (rotfl)Infatti!Era ora che qualcuno offrisse notizie a pagamento.Non se ne poteva davvero piu' di notizie gratis.
      • pentolino scrive:
        Re: Geniale
        io sto cercando il manuale del piccolo Tafazzi versione avanzata, pago qualunque cifra per averlo!
        • panda rossa scrive:
          Re: Geniale
          - Scritto da: pentolino
          io sto cercando il manuale del piccolo Tafazzi
          versione avanzata, pago qualunque cifra per
          averlo!E' proprio per questo che non lo riesci a trovare!Si trova gratis in rete.
    • Izio01 scrive:
      Re: Geniale
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      Si tratta del frutto dell'accordo siglato nel
      2012 dai sei principali nomi dell'editoria
      italiana: un progetto che vorrebbe entrare in
      competizione con i principali aggregatori
      (gratuiti) di notizie online offrendo un servizio
      a pagamento che raccoglie le maggiori testate
      dello
      Stivale </I
      ".

      Ci sarà la coda di utenti che vogliono pagare per
      accedere al servizio!
      (rotfl)Ma o hanno scritto male, oppure non ho capito io.L'articolo menziona mensili e settimanali, quindi MI PARE di capire che non si parli di quotidiani. Le notizie si leggono sui quotidiani, mica sui mensili. Piuttosto che tentare di combattere contro Google News, quindi, l'idea è quella di fornire a pagamento un altro tipo di contenuto editoriale, approfondimenti e curiosità piuttosto che informazione.Il prezzo mi sembra un po' alto, ma occorrerà vedere come andrà l'iniziativa prima di emettere sentenze definitive.
      • ... scrive:
        Re: Geniale
        - Scritto da: Izio01
        Ma o hanno scritto male, oppure non ho capito io.
        L'articolo menziona mensili e settimanali, quindi
        MI PARE di capire che non si parli di quotidiani.infatti.Per i quotidiani va fatto l'abbonamento individuale ad ogni testata.E abbonarsi ad una sola costa più dell'abbonamento globale a tutte le riviste!Completamente folli.
Chiudi i commenti