Microsoft, aggiornamenti a pioggia

Redmond distribuisce aggiornamenti per Office e annuncia update per Windows 8.1, mentre c'è chi si prepara a trasformare la fine del supporto ufficiale a Windows XP in un business

Roma – Microsoft ha ufficialmente avviato la distribuzione del primo Service Pack per Office 2013 e servizi connessi (SharePoint 2013, Exchange 2013), un aggiornamento corposo che include nuove, rilevanti funzionalità accanto a bugfix, update per stabilità e compatibilità assortiti.

Il Service Pack 1 per la suite da ufficio di Redmond comprende quindi una maggiore compatibilità con Windows 8.1 e Internet Explorer 11, un supporto migliorato per hardware moderno (inclusi schermi ad alta densità di DPI e touchpad di precisione), nuove API per sviluppatori, la sostituzione del brand SkyDrive con il nuovo OneDrive e Power Map, uno strumento Excel per mappe 3D disponibile anche per utenti del servizio a sottoscrizione Office 365 ProPlus.

Ma non di solo Office vive Microsoft, e infatti la seconda importante novità annunciata da Redmond è il tanto chiacchierato Update 1 per Windows 8.1 : il primo aggiornamento per l’OS a piastrelle arriverà in primavera, e sarà sostanzialmente come ce lo si aspettava tra accomodamenti per gli utenti desktop, una migliore integrazione tra interfacce discordanti (desktop ed ex-Metro) e un corposo taglio al costo delle licenze per dispositivi venduti a 250 dollari o meno.

Microsoft aggiorna Windows 8.1 e si prepara a staccare la spina a Windows XP, ma in Cina una coalizione di aziende IT dice di voler supportare gli utenti del vetusto sistema operativo ancora per qualche anno a venire. La soluzione alternativa probabilmente non piace a Redmond e consiste nell’adottare un OS diverso – magari il sistema autoctono Ubuntu Kylin , che non a caso è stato scaricato più di un milione di volte in sei mesi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti