Microsoft e Nokia, via libera

Gli azionisti della corporation finlandese approvano in via definitiva l'operazione di acquisizione degli asset Nokia da parte di Microsoft. Molto resta da fare, e le proteste non mancano

Roma – Un meeting degli azionisti Nokia ha sancito il via libera definitivo alla storica operazione di acquisizione da parte di Microsoft, un passaggio di proprietà che ora non dovrebbe incontrare più grandi ostacoli sul proprio cammino, almeno per quanto riguarda la volontà delle parti direttamente interessate dall’accordo.

L’incontro straordinario degli azionisti si è tenuto in quel di Helsinki e ha approvato la proposta di acquisizione dal valore di 5,44 miliardi di dollari, con metà di quello che una volta era il colosso finlandese dei telefonini destinato a liquefarsi nel mare magnum di Microsoft come divisione dedicata al business mobile per smartphone e non solo.

Il management delle due aziende si è già detto sostanzialmente contento del nuovo corso, specialmente il CEO di Nokia Stephen Elop, che ci guadagna 25,5 milioni di dollari di buonuscita e una chance più che concreto di diventare il nuovo amministratore delegato di Microsoft nella sua interezza. Nokia tra l’altro ha deciso di non proseguire oltre con l’acquisizione degli asset di proprietà di Alcatel-Lucent.

Tra quelli che si dicono insoddisfatti dell’acquisizione ci sono gli impiegati della fabbrica cinese Nokia Dongguan: i lavoratori hanno inscenato delle vere e proprie proteste di massa con sit-in e cartelli chiedendo una compensazione , mentre Nokia ha tenuto a rassicurare sul prosieguo dei cicli produttivi nonostante tutto.

Superato lo scoglio degli azionisti, per il dinamico duo Microsoft+Nokia arriverà presto il momento della verità: la società finlandese dovrà incrementare e non di poco i buoni risultati dell’ultimo periodo nel competitivo mercato dei gadget mobile, sfruttando tutti i propri asset e le proprie specificità tecnologiche per spingere definitivamente Windows Phone fuori dalla soglia dell’irrilevanza nel market share globale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush Fuorisede scrive:
    Idiozia allo stato puro
    Non comprendo il perché "vendere" un terminale bloccato.Vuoi mantenere la proprietà del telefonino?Nel contratto che firmi quando prendi il telefono c'è scritto "comodato d'uso gratuito" o "free rent" o qualsiasi altra cosa da acquisto.La proprietà rimane del fornitore e se ci fai qualsiasi cosa diversa da quanto previsto dal contratto, il fornitore può fare del tuo deretano ciò che più desidera.Come già messo in pratica nei confronti dei felici(?) utilizzatori (o utilizzamucche?) dei google-glass.Certo, il prezzo deve essere differente da quello di vendita.Ops... che sia questo il motivo?GT
    • APPLE AND NSA RULES scrive:
      Re: Idiozia allo stato puro
      - Scritto da: Guybrush Fuorisede
      Non comprendo il perché "vendere" un terminale
      bloccato.
      Vuoi mantenere la proprietà del telefonino?
      Nel contratto che firmi quando prendi il telefono
      c'è scritto "comodato d'uso gratuito" o "free
      rent" o qualsiasi altra cosa da
      acquisto.

      La proprietà rimane del fornitore e se ci fai
      qualsiasi cosa diversa da quanto previsto dal
      contratto, il fornitore può fare del tuo deretano
      ciò che più
      desidera.
      Come già messo in pratica nei confronti dei
      felici(?) utilizzatori (o utilizzamucche?) dei
      google-glass.

      Certo, il prezzo deve essere differente da quello
      di
      vendita.
      Ops... che sia questo il motivo?

      GTSE LO FA APPLE ALLORA VA BENE, JOBS RISOGERA', NOSTRO UNICO DIO E FULMINERA' TUTTI QUELLI COME TE, BRUCERAI NELLA DANNAZIONE ETERNA!!!!!!!!!!!!!!!!!
Chiudi i commenti