Motorola e Sandisk giù, Yahoo! perde pezzi

Il produttore di cellulari non vende più come una volta. E quello di memorie flash non se la passa molto meglio. Nel frattempo a Sunnyvale alcuni pezzi da novanta lasciano il search engine

Cifre attese ma non per questo meno pesanti quelle annunciate da Motorola per il suo ultimo trimestre, chiusosi il 31 dicembre 2008. L’anno va in archivio con una perdita da 3,6 miliardi di dollari (2,8 miliardi di euro), pari a 1,57 dollari ad azione, e con le quotazioni dei cellulari prodotti dall’azienda statunitense in ribasso. Quanto basta per spingere gli analisti a suggerire a Motorola di chiudere la divisione dispositivi mobili o a provvedere al più presto ad una svolta: il rischio è che le cose possano andare addirittura peggio, vista anche l’uscita di scena del CFO Paul Liska.

Nel complesso, solo negli ultimi 90 giorni Motorola ha visto le vendite dei propri terminali calare di circa 6 milioni di unità, raccogliendo solo il 6,5 per cento del settore. 19,2 milioni di cellulari venduti sono meno della metà dei 40,9 milioni piazzati nello stesso periodo del 2007, un calo del 51 per cento che non fa ben sperare per il prosieguo dell’esperienza in questo comparto: all’orizzonte non ci sarebbero terminali in grado di replicare nel breve termine il successo del RAZR, e ciò metterebbe in serio dubbio la possibilità per Motorola di riprendere le redini del proprio business.

Le cifre proposte dall’azienda a stelle e strisce confermano quelle diffuse da altre fonti nei mesi addietro, e rilanciano le voci di possibili acquisizioni in vista per l’intero pacchetto. La ristrutturazione annunciata negli scorsi mesi, una ristrutturazione seriamente rilanciata a gennaio sul piano occupazionale, non dovrebbe riuscire da sola a mettere i conti in ordine: lo spin-off annunciato e poi rinviato della divisione cellulari ha complicato ulteriormente le cose, affossando i buoni risultati delle altre divisioni e mettendo alla corda i bilanci complessivi.

Dello stesso male sembra soffrire anche SanDisk , che ha annunciato perdite per 1,86 miliardi di dollari (quasi 1,5 miliardi di euro) nell’ultimo trimestre dell’anno fiscale 2008, pari a un dividendo negativo di 8,25 dollari ad azione. Un valore in netto contrasto con il dividendo da 45 centesimi pagato un anno fa, e legato a un fatturato in calo di 14 punti rispetto al 2007 per via del rallentamento dei consumi: le cause di queste cifre, quindi, sarebbero tutte da cercare nella crisi dell’economia mondiale, che avrebbe abbassato drasticamente la domanda delle memorie flash prodotte dall’azienda statunitense. Una situazione opposta a quanto si sta verificando con le DRAM, anche se a causa dell’annuncio di un fallimento di una delle aziende taiwanesi impegnata nella produzione di questo tipo di memorie.

Negli scorsi mesi Sandisk ha già avviato un programma che prevede consistenti tagli alla produzione e alle attività svolte con il partner Toshiba, allo scopo di ridurre le spese e contenere le perdite. L’ obiettivo dell’azienda è regolare l’offerta per bilanciarla con una domanda inferiore alle aspettative, nella speranza di mantenere inalterate le proprie riserve di liquidità: inoltre, Sandisk si è riservata la possibilità di decidere per il 2009 una ricapitalizzazione tramite collocamento azionario sul mercato.

Le azioni Sandisk hanno fatto registrare un calo di oltre il 20 per cento alla Borsa di New York , assestandosi sugli 8,5 dollari: nel 2008 l’azienda aveva detto di no ad una acquisizione da parte della sudcoreana Samsung , che aveva offerto una contropartita da 26 dollari per ogni quota.

Nel frattempo, da Sunnyvale arriva la notizia dell’ultima uscita di scena eccellente tra i top-executive di Yahoo!. A lasciare questa volta è Jill Nash, a capo delle pubbliche relazioni del portale viola , che per il momento non ha spiegato i motivi della sua decisione, né ha anticipato se nell’immediato futuro passerà a ricoprire un ruolo analogo in un’altra azienda. Secondo gli addetti ai lavori, la decisione di Nash potrebbe essere legata al recente arrivo del nuovo CEO Carol Bartz.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MrAhUa scrive:
    quindi....
    se vuoi ammazzare qualcuno e cavartela facilmente mandi qualche messaggino prima, mentre e dopo di aver messo sotto la tua vittima....1 annetto di carcere e via!e la gente paga le tasse in tutto questo.
  • ZioTano. scrive:
    Titolo come al solito fuorviante
    per attirare alla lettura, si mettono titoli che scioccano come al solito...il carcere c'è per omicidio colposo, l'sms puo' essere solo una dimostrazione di colpevolezza o un'aggravante
    • cla scrive:
      Re: Titolo come al solito fuorviante
      Volevo scriverlo io. Ti quotoCla
    • Il Trattore scrive:
      Re: Titolo come al solito fuorviante
      Molte volte sorvolo su queste cose, ma in questo caso non posso fare altro che quotare...
      • Luca Gentile scrive:
        Re: Titolo come al solito fuorviante
        A me invece il titolo non sembra troppo fuorviante. Sulla carta stampata di vede di molto peggio
  • Uto Uti scrive:
    Poco
    Diciamola giusta: quella XXXXX ha ucciso una persona per mandare il suo maledetto sms,ed è per quello che è finita in galera. Dovrebbe rimanerci 20 anni quella XXXXXXX!
  • Nome e cognome scrive:
    Ritiro della patente
    L'unica cosa sbagliata nella condanna inflitta è il ritiro della patente per soli 3 anni.A chi ha causato un incidente mortale in simili circostanze deve essere ritirata la patente in maniera definitiva, in pratica quella persona non dotrà mai più mettersi alla guida di un auto.Il ritiro definitivo della patente può essere un deterrente molto persuasivo, per molti l'idea di non poter mai più guidare fa più paura di qualche mese di carcere.
    • Funz scrive:
      Re: Ritiro della patente
      Quoto.Anche chi dovesse essere trovato drogato, o ubriaco oltre i limiti massimi, non dovrebbe mai più guidare in vita sua.Ricordo che guidare non è un diritto inalienabile, ma una concessione che la società ti fa solo se soddisfi certi requisiti psicofisici. Oggi sembra che togliere la guida a uno equivalga a metterlo a morte...
      • uno qualunque scrive:
        Re: Ritiro della patente
        Pienamente d'accordo con voi.
      • lufo88 scrive:
        Re: Ritiro della patente
        In linea di massima sono d'accordo con te. Quello che bisogna stare attenti è valutare quando qualcuno è un XXXXXXXXXX e quando ha commesso una sciocchezza. Se ti beccano che hai 0,500000000001 di alcol nel sangue il ritiro definitivo mi sembra un pochino esagerato (a volte basta un cioccolatino al rhum e sei fregato).Assurdo ovviamente il contrario, cioè investi qualcuno (ubriaco) e dopo un paio di mesi puoi già guidare!!!!!!!!!
        • Funz scrive:
          Re: Ritiro della patente
          - Scritto da: lufo88
          In linea di massima sono d'accordo con te. Quello
          che bisogna stare attenti è valutare quando
          qualcuno è un XXXXXXXXXX e quando ha commesso una
          sciocchezza. Se ti beccano che hai 0,500000000001
          di alcol nel sangue il ritiro definitivo mi
          sembra un pochino esagerato (a volte basta un
          cioccolatino al rhum e sei
          fregato).Ma io parlavo di limiti massimi, su cui si può discutere
          • p4bl0 scrive:
            Re: Ritiro della patente
            attualmente il limite massimo è 0.5.. e putroppo non si discute
          • Funz scrive:
            Re: Ritiro della patente
            - Scritto da: p4bl0
            attualmente il limite massimo è 0.5.. e putroppo
            non si
            discuteAh, OK non lo sapevo
      • Giulia scrive:
        Re: Ritiro della patente
        Non Puoi escludere da una concessione per tutta la vita una persona, tutte le sanzioni devono avere un limite temporale, chi vuole guidare senza patente lo fa tranquillamente anche oggi e lo dicono i fatti di cronaca....Non bisogna mai confondere la prevenzione con la repressione, anche perche una iperrepressione ha sempre effetti opposti.....Giulia
        • Funz scrive:
          Re: Ritiro della patente
          - Scritto da: Giulia
          Non Puoi escludere da una concessione per tutta
          la vita una persona, tutte le sanzioni devono
          avere un limite temporale,Perchè mai? Esiste anche l'ergastolo, no?
          chi vuole guidare senza patente lo fa
          tranquillamente anche oggi e lo dicono i fatti di
          cronaca....E qui ci sta una pena severa.
          Non bisogna mai confondere la prevenzione con la
          repressione, anche perche una iperrepressione ha
          sempre effetti
          opposti.....Si possono fare tutte e due le cose, non si escludono a vicenda.
          • giulia scrive:
            Re: Ritiro della patente
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Giulia

            Non Puoi escludere da una concessione per tutta

            la vita una persona, tutte le sanzioni devono

            avere un limite temporale,

            Perchè mai? Esiste anche l'ergastolo, no? non in tutti i paesi, esiste anche la pena di morte se per questo...in italia la pena dell ergastlo viene spesso(leggi sempre commutata)..


            chi vuole guidare senza patente lo fa

            tranquillamente anche oggi e lo dicono i fatti
            di

            cronaca....

            E qui ci sta una pena severa.


            Non bisogna mai confondere la prevenzione con la

            repressione, anche perche una iperrepressione ha

            sempre effetti

            opposti.....

            Si possono fare tutte e due le cose, non si
            escludono a
            vicenda.No entrambe hanno dei costi sociali ad esempio la reclusione in condizioni dignitose(no lager) costa circa 40 euro/giorno/detenuto che non posono essere recuperati nemmeno con i lavori forzati visto che solo mansioni molto semplici e spesso inutili (spaccare le pietre?) possono essere "Forzate" oltre ad essere vietati dalla costituzione, quindi non sono economicamente entrambe possibili......Chiariamoci la "galera" tanto invocata, fa ,giustamente,"paura" solo a chi non c'e' mai stato , l'abitue' trova una sua quotidianita' anche dentro le mura del carcere, dipende dal carattere delle persone .........Lavoriamo di piu' invece sui risarcimenti........Giulia
          • Mao Zedong scrive:
            Re: Ritiro della patente
            Una pallottola nel cranio, come in Cina.Anche per il divieto di sosta.Costa pochissimo e i familiari del condannato la rimborsano sempre: per lo stato il costo è quasi zero.
          • Nich scrive:
            Re: Ritiro della patente
            Una pallottola nel cranio, come in Cina.Anche per il divieto di sosta.Costa pochissimo e i familiari del condannato la rimborsano sempre: per lo stato il costo è quasi zero.______________________________________________________________ma siamo fuori????parlare di pena di morte?secondo me stiamo andando un po oltre... mao rileggi ciò che hai scritto e rivaluta....
          • Funz scrive:
            Re: Ritiro della patente
            Ma qui non si sta parlando di reati da galera, io avevo invocato il ritiro della patente permanente per chi beve e si droga. Nel caso dell'articolo c'è l'omicidio colposo, che è un'altra cosa.
        • alexarnz scrive:
          Re: Ritiro della patente
          - Scritto da: Giulia
          Non Puoi escludere da una concessione per tutta
          la vita una persona, tutte le sanzioni devono
          avere un limite temporale, La morte della vittima non mi pare molto "temporale" e la sua unica colpa era quella di essere al posto giusto nel momento sbagliato.
Chiudi i commenti