Musica, senza lucchetti è 4 volte meglio

I dati di uno store inglese che vende musica con e senza restrizioni: i consumatori sono avveduti, scelgono di acquistare la musica da utilizzare in libertà

Roma – Tempi di conferme : la musica senza lucchetti vende decisamente più della musica protetta con sistemi DRM.

A snocciolare dati, segnala Ars Technica , è lo store inglese 7 Digital , che vanta un catalogo di 3 milioni di brani, frutto del lavoro di artisti indipendenti e di musicisti che operano sotto l’ala delle grandi etichette. L’ 80 per cento dei consumatori di musica che si rivolgono allo store preferisce brani senza DRM .

Gli utenti di 7 Digital scelgono MP3 in luogo di WMA e AAC, quando attingono al 60% del catalogo offerto in differenti formati. La motivazione? “Il formato MP3 – spiega il dirigente dello store Ben Drury – è l’unico realmente interoperabile, funziona con iPod, con la maggior parte dei telefonini (iPhone incluso), con tutti i player MP3”. “I consumatori sono ben più avveduti di quanto si pensi”: scegliendo MP3 senza lucchetti possono disporre dei loro acquisti come meglio credono .

7 Digital rivela inoltre dei dati significativi riguardo alle preferenze dei consumatori: coloro che acquistano presso lo store musica DRM free , sarebbero altresì i consumatori meglio disposti ad investire in album completi, senza accontentarsi di singoli brani.

È rendendo pubblici questi dati che Drury spera di incoraggiare l’industria dei contenuti ad imboccare la strada della musica libera da vincoli di sorta, transizione che lo stesso Drury aveva pronosticato per il 2007. Una previsione che sembra essersi in parte realizzata: oltre alla rivoluzionaria mossa dei Radiohead, hanno scelto di vendere senza DRM aziende lungimiranti come Amazon e Apple, che ha recentemente ripensato i prezzi della musica venduta su iTunes Plus .

Benché quello della musica legale venduta online sia un mercato in netta crescita , parte dell’industria dei contenuti ancora ritiene che la musica non protetta possa diventare materiale di scambio per coloro che operano nell’illegalità, rivolgendosi alle reti P2P. Una pratica che a parere dell’industria non incoraggia il consumo di musica legale, contrariamente a quanto sembrava dimostrare una recente indagine canadese .

Le ultime critiche ad investire lo studio empirico che analizza le abitudini di acquisto dei musicofili canadesi giungono da George Barker e Richard Tooth, ricercatori presso la Australian National University . Analogamente alle obiezioni sporte da un ricercatore dell’università del Texas, nella revisione australiana si torna a sottolineare l’inadeguatezza della metodologia dell’indagine, contestando ora al report errori di un’entità tale da incoraggiarne la rimozione dalla rete.

I ricercatori canadesi che hanno osservato il fenomeno – si spiega nell’analisi australiana – hanno individuato una relazione di causalità che in realtà non sussiste : è come se avessero osservato “una relazione positiva tra la frequenza con cui ci si reca in ospedale e il progredire di una malattia, e avessero concluso che recarsi in ospedale sia deleterio per la salute”. In sostanza, nulla dimostra che sia proprio il download a stimolare la propensione all’acquisto: si sarebbero dovute prendere in considerazione altre variabili come reddito, affezione per la musica, percezione di rischi e vantaggi nel download illegale. Un’obiezione supportata dai numeri, proseguono Barker e Tooth: se il download illegale incoraggiasse realmente l’acquisto di CD, il mercato canadese della musica non avrebbe assistito ad una compressione del 47% delle entrate, fra il 1999 e il 2006.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cavallo GolOso scrive:
    Londra, CCTV collegate a robot soldato
    Lontra - Mentre in parlamento, nei consigli d'amministrazione e nella camera dei lord si fa qualcosa che non si vede tanto bene e su cui non è il caso di mettere il becco, dopo il grande successo della tv via cavo collegata a CCTV metropolitane ora il pubblico ha a disposizione una novità che è già un successo: dei piccoli laser e mitragliatori sono collegati alle telecamere, che per l'occasione sono state triplicate.Sullo schermo ogni telespettatore ha a disposizione un puntatore da comandare con il proprio joystick da casa, comodamente sparapanzato sul divano: se tre giocatori puntano contemporaneamente sullo stesso soggetto, questo viene abbattuto: gettonatissimi i personaggi di colore, le donne in sovrappeso, gli anziani e chiunque abbia peluria diversa da capelli e sopracciglia.Kthulu-Jogdoroth, CEO della spycamcity.com ha già previsto di mandare a casa la polizia, divenuta inutile. "Abbiamo già pronti dei piccoli robot con cam portatile oppure collegati alla rete di telecamere cittadine, satellitari e webcam del progetto freespy.com" - spiega al nostro interivstatore prima di dargli un caschetto antisommossa - "questi potranno aumentare la giocabilità della città, i punti e la potenza di fuoco: il divertimento si intensifica quando i concorrenti tentano di sterminare anche i robot: per noi " - commenta sornione - "è comunque una vendita potenziale, e l'economia gira per tutti!" UPDATE : la figlia del sig.Kthulu è stata colpita, naturalmente per errore, dal padre di Jamal Ibn'Yafer, uno dei primi bersagli dell'anno scorso. "Un danno notevole" - commenta Kthulu - "non era un prodotto che si possa acquistare con la stessa velocità, ma del resto i consumi sono notevolmente superiori!"Le vendite sono alle stelle.
    • Tsukishiro Yukito scrive:
      Re: Londra, CCTV collegate a robot soldato
      - Scritto da: Cavallo GolOso
      Lontra - Mentre in parlamento, nei
      consigli d'amministrazione e nella camera dei
      lord si fa qualcosa che non si vede tanto bene e
      su cui non è il caso di mettere il becco, dopo il
      grande successo della tv via cavo collegata a
      CCTV metropolitane ora il pubblico ha a
      disposizione una novità che è già un successo:
      dei piccoli laser e mitragliatori sono collegati
      alle telecamere, che per l'occasione sono state
      triplicate.

      Sullo schermo ogni telespettatore ha a
      disposizione un puntatore da comandare con il
      proprio joystick da casa, comodamente
      sparapanzato sul divano: se tre giocatori puntano
      contemporaneamente sullo stesso soggetto, questo
      viene abbattuto: gettonatissimi i personaggi di
      colore, le donne in sovrappeso, gli anziani e
      chiunque abbia peluria diversa da capelli e
      sopracciglia.

      Kthulu-Jogdoroth, CEO della spycamcity.com ha già
      previsto di mandare a casa la polizia, divenuta
      inutile. "Abbiamo già pronti dei piccoli robot
      con cam portatile oppure collegati alla rete di
      telecamere cittadine, satellitari e webcam del
      progetto freespy.com" - spiega al nostro
      interivstatore prima di dargli un caschetto
      antisommossa - "questi potranno aumentare la
      giocabilità della città, i punti e la potenza di
      fuoco: il divertimento si intensifica quando i
      concorrenti tentano di sterminare anche i robot:
      per noi " - commenta sornione - "è comunque una
      vendita potenziale, e l'economia gira per
      tutti!"

      UPDATE : la figlia del sig.Kthulu è stata
      colpita, naturalmente per errore, dal padre di
      Jamal Ibn'Yafer, uno dei primi bersagli dell'anno
      scorso. "Un danno notevole" - commenta Kthulu -
      "non era un prodotto che si possa acquistare con
      la stessa velocità, ma del resto i consumi sono
      notevolmente
      superiori!"

      Le vendite sono alle stelle.Ti sei dimenticato di dire che l'opposizione ha protestato perché:- I robot soldato indossano un elmetto a punta simile a quelli nazisti, che rischia di offendere la memoria delle vittime dell'olocausto.- I robot soldato sono completamente scuri, e rischiano di far passare l'equazione persona di colore = persona violenta.- I robot soldato hanno degli arti squadrati e generano forti rumori meccanici, aspetti che, a detta di un'associazione di 50 psicologi, rischiano di traumatizzare i bambini che li vedessero casualmente su schermo o per strada, compromettendone l'armoniosa crescita psico-fisica.L'opposizione auspica che questi problemi essenziali siano rapidamente risolti per il bene del paese, affinché i soldati robot possano svolgere al meglio i loro compiti senza ledere, tramite il loro discutibile aspetto, la dignità dei più deboli e delle minoranze.
      • ... scrive:
        Re: Londra, CCTV collegate a robot soldato
        Sapendo programmare il relativo linguaggio di scripting certe follie sarebbero da portare su second life. Invece di imitare la vita vera, se ne creano di veramente alternative
  • Qui prodest scrive:
    Occhio per occhio?
    "Occhio per occhio, dente per dente" che potrebbe significare che ad ogni "occhio" (telecamera) installata, un "dente" tolto. Cosa vuol dire? Bè, spero che la notizia non faccia aumentare il numero di atti vandalici dovuti ad esibizionismo.
  • Tsukishiro Yukito scrive:
    caccia alla strega
    i cittadini "si sentono più tranquilli" pensando che ci sia un occhio elettronico che tiene sotto controllo la situazione, e anzi sono ansiosi di dare il proprio contributo "ansiosi" è proprio la parola giusta.Tutti ansiosi che arrivi il vicino di casa antipatico sullo schermo, o i suoi figli, che facciano qualcosa di "sbagliato", per poter poi denunciare.Nel '500 si dava credito alle denuncie del popolo per poi processare e condannare le streghe: quante "vicine odiose" sono finite sui roghi?Vogliamo tornare a quei tempi?I graffittari finiscono in galera e il popolaccio si esalta di aver così contribuito alla "giustizia" riuscendo a dimenticare di non riuscire ad arrivare alla fine del mese con stipendi da fame, e nel frattempo le oligarchie politico-finanziarie banchettano allegramente e impunemente.Andiamo bbene, proprio bbene.
    • ... scrive:
      Re: caccia alla strega
      Di certo sarà interessante cronometrare se la pula arriverà prima per multare il vicino o per sedare la rissa/attività di spaccio immortalata sul nuovo GF televisivo.
  • Enjoy with Us scrive:
    Alla faccia della Privacy!
    Siamo alla gogna pubblica, magari le telecamere scelte sono pure posizionate in luoghi strategici... Es. qualche noto locale per spogliarelliste e simili.Una vera lotta al terrorismo non c'e' che dire!
    • qwerty scrive:
      Re: Alla faccia della Privacy!
      e basta con questa privacy!! avete stufato! vuoi la privacy? vai al cesso e chiuditi dentro, quando sei in strada non hai motivi per nasconderti, se non quello di perpetrare atti vandalici in tutta tranquillità! personalmente trovo che l'idea delle telecamere di sorveglianza trasmesse alla tv sia ottima!
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Alla faccia della Privacy!
        Si certo, poi quando qualcuno ti ricaterà perchè un giorno sei stato ripreso in compagnia di qualcuno/qualcuna che tua moglie/marito non dovrebbe sapere.....
  • ... scrive:
    Non bastava l'ente governativo
    Adesso verremo controllati ovunque andremo perfino dalla portinaia...Non è che per caso esiste un coso in grado di rilevare la presenza di queste cam ? Magari collegato ad uno schermo posto sulla schiena che segnalerà per risposta un maxi dito medio ?
    • clic scrive:
      Re: Non bastava l'ente governativo
      Una maglietta con illustrata la mano con il dito sarebbe meno costosa :D

      Non è che per caso esiste un coso in grado di
      rilevare la presenza di queste cam ? Magari
      collegato ad uno schermo posto sulla schiena che
      segnalerà per risposta un maxi dito medio
      ?
    • olandese volante scrive:
      Re: Non bastava l'ente governativo
      - Scritto da: ...
      Adesso verremo controllati ovunque andremo
      perfino dalla
      portinaia...

      Non è che per caso esiste un coso in grado di
      rilevare la presenza di queste cam ? Magari
      collegato ad uno schermo posto sulla schiena che
      segnalerà per risposta un maxi dito medio
      ?Come disse un mio caro compagno d'avventure in questi casi:"Mali estremi, estremi rimedi..."Armarsi di macchina fotografica con teleobiettivo e documentare in dettaglio l'ubicazione di qualsiasi telecamera che capita a tiro. In seguito, pubblicare il tutto.Il teleobiettivo poi è abbastanza fallico da essere un'ottimo sostituto del dito medio.Alle autorità non piacerà di certo, ma non credo che possono vietarlo (a meno che non stai fotografando strutture militari o cose del genere).
    • fcccc c scrive:
      Re: Non bastava l'ente governativo

      Non è che per caso esiste un coso in grado di
      rilevare la presenza di queste cam ? sì si chiama USMC Barrett M82 Sniper Rifle e dovrebbe funzionare bene per disabilitarle a distanza .. :)però penso sia illegale
Chiudi i commenti