Nokia: un complicato ritorno al mobile

Trovato un partner che si occupi della produzione e delle commercializzazione, l'azienda aspira a riconquistare il mercato mobile. Niente telefoni prima della fine del 2016, dichiara ufficialmente l'azienda

Roma – Nokia è alla ricerca di un partner di livello a cui affidare la produzione di un terminale che sia degno di incarnare la gloria dello storico marchio finlandese: le speculazioni e le dichiarazioni parziali rilasciate alla stampa nel corso di questi mesi sono state confermate da un comunicato ufficiale .

Le prime dichiarazioni, instradate dai media verso un annuncio di un ritorno sul mercato mobile con dei propri terminali, erano state rilasciate nello scorso mese di aprile, ridimensionate da Nokia con una parziale smentita che aveva lasciato spazio ai piani ora delineati. Sostanzialmente l’azienda finlandese interviene ora per confermare le recenti dichiarazioni del CEO Rajeev Suri, che nel mese di giugno ha prospettato la possibilità per Nokia di sviluppare progetti per dispositivi mobile da concedere in licenza a produttori terzi.

Il portavoce di Nokia Technologies, Robert Morlino, ha ora ricostruito il quadro: a coloro che si chiedano se “Nokia ritornerà ai dispositivi mobile” risponde “È complicato”. Ma non nega una spiegazione: “come probabilmente saprete, abbiamo venduto praticamente tutta la nostra divisione Devices & Services a Microsoft nell’aprile del 2014 – ricorda – e con essa tutte le enormi risorse produttive, di marketing e distributive che sono necessarie per operare nell’ambito della produzione e della vendita di telefoni”. Nokia non accenna al fatto che per Microsoft l’operazione si sia rivelata una scelta controversa , né motiva le proprie prospettive con il fatto che Redmond stia progressivamente abbandonando lo storico marchio che ha acquisito.

Nokia ricorda invece che il proprio attuale assetto aziendale punta alla semplificazione e alla focalizzazione del business sull’ambito delle infrastrutture di rete, strategia chiara dopo l’ acquisizione di Alcatel-Lucent e dopo il proposito di cedere la propria divisione HERE dedicata alle mappe. Ma non rinuncia a “continuare a mettere a disposizione dello scenario mobile il nostro riconoscibile design e l’innovazione tecnologica, nella forma di entusiasmanti prodotti che un giorno le persone potranno stringere in mano”.

Per farlo, riferisce Morlino, Nokia batterà la strada del licensing: sarà necessario “identificare un partner che sia responsabile della produzione, delle vendite, del marketing e dell’assistenza agli utenti” e “se e quando” questo partner sarà individuato, l’azienda finlandese opererà come avvenuto per il tablet Android N1, destinato per ora al mercato cinese, prodotto e commercializzato da terzi con il marchio Nokia. Il tutto, ricorda il portavoce di Nokia, non potrà avvenire prima del quadro trimestre del 2016 come stabilito nell’accordo stipulato con Microsoft: “si può affermare con certezza che prima di allora Nokia non tornerà sul mercato mobile”, spiega Morlino. Che non rinuncia ad aggiungere una precisazione sibillina: “non sotto forma di telefono”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Osvy scrive:
    sono perfettamente d'accordo col TAR...
    Ero già rimasto "sorpreso" dalla sentenza dell'AGCOM (compresa l'enormità della sanzione), francamente, sebbene è il caso di ricordare a quei tonti che postano di tutto, che anche al web si applicano le norme della vita "reale" (in tema di diffamazione, privacy e quant'altro), non tutto è così.Ci sono aspetti della rete che non sono gestibili con le categorie della vita reale. Nel caso specifico, il TAR su Trip Advisor (a parer mio) ha perfettamente centrato (per quel che leggo) la questione. Del resto, se di TA non vi fidate, non lo usate.. tutti ingenui dalle parti dei consumatori & co.?...
    • bubba scrive:
      Re: sono perfettamente d'accordo col TAR...
      - Scritto da: Osvy
      Ero già rimasto "sorpreso" dalla sentenza
      dell'AGCOM (compresa l'enormità della sanzione),
      francamente, sebbene è il caso di ricordare a
      quei tonti che postano di tutto, che anche al web
      si applicano le norme della vita "reale" (in tema
      di diffamazione, privacy e quant'altro), non
      tutto è
      così.
      Ci sono aspetti della rete che non sono gestibili
      con le categorie della vita reale. Nel caso
      specifico, il TAR su Trip Advisor (a parer mio)
      ha perfettamente centrato (per quel che leggo) la
      questione. Del resto, se di TA non vi fidate, non
      lo usate.. tutti ingenui dalle parti dei
      consumatori &
      co.?...va bene che "non tutti gli aspetti sono gestibili" ma loro sono sotto zero... http://www.italiaatavola.net/media/stampa-web-tv-e-app/2015/6/22/e-il-1-in-classifica-su-tripadvisor-ma-il-ristorante-di-moniga-non-esiste/40173
      • Izio01 scrive:
        Re: sono perfettamente d'accordo col TAR...
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: Osvy

        Ero già rimasto "sorpreso" dalla sentenza

        dell'AGCOM (compresa l'enormità della sanzione),

        francamente, sebbene è il caso di ricordare a

        quei tonti che postano di tutto, che anche al
        web

        si applicano le norme della vita "reale" (in
        tema

        di diffamazione, privacy e quant'altro), non

        tutto è

        così.

        Ci sono aspetti della rete che non sono
        gestibili

        con le categorie della vita reale. Nel caso

        specifico, il TAR su Trip Advisor (a parer mio)

        ha perfettamente centrato (per quel che leggo)
        la

        questione. Del resto, se di TA non vi fidate,
        non

        lo usate.. tutti ingenui dalle parti dei

        consumatori &

        co.?...
        va bene che "non tutti gli aspetti sono
        gestibili" ma loro sono sotto zero...
        http://www.italiaatavola.net/media/stampa-web-tv-eScusa bubba, ma ho letto la pagina che hai linkato e la mia idea è: " meno male che c'è Trip Advisor "!!!Ho ben capito perché stia tanto sulle palle ai ristoratori, si vede dall'astio che ci mettono, non vorrebbero che gli utenti potessero descrivere la loro esperienza per mettere sull'avviso eventuali altri malcapitati!C'è chi scrive: il principio del "per chi sa consultarlo" potrebbe essere valido, se non fosse per il fatto che gli utonti non sanno consultarlo... Chi scrive su TA è solo un grafomane vanitoso (ma devi recensire anche il campo di concentramento di Auschwitz o la Pietà di Michelangelo???) che crede di essere in grado di effettuare una recensione oggettiva solo per il semplice fatto di averne la possibilità. Peccato che "avere la possibilità di fare qualcosa" è MOLTO diverso dall'"essere in grado di fare qualcosa" Se gentaglia così fallisce, io sono solo contento, perché vuol dire che qualcuno più in gamba ne prenderà il posto. Non sono un critico culinario, ma se mi fai pagare 100 euro un piatto di pasta, lo scrivo! Se le patate sono crude, lo scrivo! Se il primo è stato non solo riscaldato ma ha pure fatto in tempo a raffreddarsi di nuovo, lo scrivo!A sentire questi, potrebbero scrivere solo i "critici culinari" professionisti, quelli che - guarda caso - puoi intortarti con qualche regalino ben piazzato.TripAdvisor non sarà perfetto, ma se i ristoratori italiani hanno tanta paura del passaparola, un motivo ci sarà (e non credo affatto che le recensioni false siano la maggioranza).EDIT: e poi vorrebbero la trcciabilità dei recensori, in modo tale da poter minacciare azioni legali su chi lascia giudizi negativi." Io credo che non dovrebbero essere accettate recensioni senza indicare (io lo faccio) n° Ricevuta/Fattura e data della stessa. Certo non si evitano recensioni false, ma almeno si mette un punto fermo e si può rendere responsabili chi fa queste recensioni ".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 luglio 2015 14.32-----------------------------------------------------------
        • bubba scrive:
          Re: sono perfettamente d'accordo col TAR...
          - Scritto da: Izio01
          - Scritto da: bubba

          - Scritto da: Osvy


          Ero già rimasto "sorpreso" dalla sentenza


          dell'AGCOM (compresa l'enormità della
          sanzione),


          francamente, sebbene è il caso di ricordare a


          quei tonti che postano di tutto, che anche al

          web


          si applicano le norme della vita "reale" (in

          tema


          di diffamazione, privacy e quant'altro), non


          tutto è


          così.


          Ci sono aspetti della rete che non sono

          gestibili


          con le categorie della vita reale. Nel caso


          specifico, il TAR su Trip Advisor (a parer
          mio)


          ha perfettamente centrato (per quel che leggo)

          la


          questione. Del resto, se di TA non vi fidate,

          non


          lo usate.. tutti ingenui dalle parti dei


          consumatori &


          co.?...

          va bene che "non tutti gli aspetti sono

          gestibili" ma loro sono sotto zero...


          http://www.italiaatavola.net/media/stampa-web-tv-e

          Scusa bubba, ma ho letto la pagina che hai
          linkato e la mia idea è: " meno male che c'è
          Trip
          Advisor "!!!
          Ho ben capito perché stia tanto sulle palle ai
          ristoratori, si vede dall'astio che ci mettono,non so quale film hai visto ma il "sotto zero" era per il fatto che i Tripponi manco notano che "gli utenti" stanno recensendo UN LOCALE CHE NON esiste... cioe' almeno uno straccio minimo di controllo su quello..... dai.....
          EDIT: e poi vorrebbero la trcciabilità dei
          recensori, in modo tale da poter minacciare
          azioni legali su chi lascia giudizi
          negativi.
          " Io credo che non dovrebbero essere accettate
          recensioni senza indicare (io lo faccio) n°
          Ricevuta/Fattura e data della stessa. Certo non
          si evitano recensioni false, ma almeno si mette
          un punto fermo e si può rendere responsabili chi
          fa queste
          recensioni ".ma il gestore e' un hacker? ... ammettendo siano cosi' infoiati capisco la preoccupazione con l'hotel... ma il ristorante? (il gestore si sweepa i dati della c/c risalendo cosi' all'anagrafica ?) e i bar?se Trippa lavorasse, nel caso (1) potrebbe blurrare le ricevute, ma avendole lei intonse... e dovrebbe magari anche difendere "Antani92" se un gestore infoiato si agita troppo... ma probabilmente e' meglio non fare proprio un bel niente.
          • Hop scrive:
            Re: sono perfettamente d'accordo col TAR...
            - Scritto da: bubba
            ma il gestore e' un hacker? ... ammettendo siano
            cosi' infoiati capisco la preoccupazione con
            l'hotel... ma il ristorante? (il gestore si
            sweepa i dati della c/c risalendo cosi'
            all'anagrafica ?) e i
            bar?
            se Trippa lavorasse, nel caso (1) potrebbe
            blurrare le ricevute, ma avendole lei intonse...
            e dovrebbe magari anche difendere "Antani92" se
            un gestore infoiato si agita troppo... ma
            probabilmente e' meglio non fare proprio un bel
            niente.E continuare a far soldi col lavoro altrui GRATIS
          • Izio01 scrive:
            Re: sono perfettamente d'accordo col TAR...
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: Izio01

            - Scritto da: bubba


            - Scritto da: Osvy



            Ero già rimasto "sorpreso" dalla sentenza



            dell'AGCOM (compresa l'enormità della

            sanzione),



            francamente, sebbene è il caso di ricordare
            a



            quei tonti che postano di tutto, che anche
            al


            web



            si applicano le norme della vita "reale" (in


            tema



            di diffamazione, privacy e quant'altro), non



            tutto è



            così.



            Ci sono aspetti della rete che non sono


            gestibili



            con le categorie della vita reale. Nel caso



            specifico, il TAR su Trip Advisor (a parer

            mio)



            ha perfettamente centrato (per quel che
            leggo)


            la



            questione. Del resto, se di TA non vi
            fidate,


            non



            lo usate.. tutti ingenui dalle parti dei



            consumatori &



            co.?...


            va bene che "non tutti gli aspetti sono


            gestibili" ma loro sono sotto zero...





            http://www.italiaatavola.net/media/stampa-web-tv-e



            Scusa bubba, ma ho letto la pagina che hai

            linkato e la mia idea è: " <b
            meno male che c'è

            Trip

            Advisor </b
            "!!!

            Ho ben capito perché stia tanto sulle palle ai

            ristoratori, si vede dall'astio che ci mettono,
            non so quale film hai visto ma il "sotto zero"
            era per il fatto che i Tripponi manco notano che
            "gli utenti" stanno recensendo UN LOCALE CHE NON
            esiste... cioe' almeno uno straccio minimo di
            controllo su quello.....
            dai.....
            Sì, sorry, ho fatto un po' un salto logico.Ho letto l'articolo, da lì ne ho letti un paio linkati sullo stesso sito (dei ristoratori italiani) e su tutte le pagine ho rilevato astio infinito verso TripAdvisor e i recensori non professionisti. Ovviamente, a sentire i titolari dei ristoranti, tutte calunnie o baggianate; è chiaro che, potendo, metterebbero il bavaglio a qualsiasi recensione degli utenti.Una lagna ricorrente è: "Non ho mai dato il mio assenso a TripAdvisor per apparire sul loro sito". Pensa se venisse applicata una regola così. Niente più recensioni su telefoni, computer, automobili, elettrodomestici... per questo dico che i tizi sono fuori di mela e fuori dal mondo. Adesso c'è internet: se fai una XXXXXta ad un cliente, questo lo può raccontare in giro, mettiti il cuore in pace (non tu bubba, mi rivolgo a un generico ristoratore). Se ti capita, e può capitare a tutti, molto meglio se ti fai perdonare con una piccola gentilezza, invece di pensare: "Chi se ne frega, tanto non lo rivedo più comunque". Spesso basta davvero poco.
  • Luca scrive:
    Ok, ma allora...
    Se non possono assicurare un minimo di veridicità (non si chiede di valutare se una recensione è vera al 100%, basta che sia sensata e realistica) delle due l'una:a) è inutile l'intero sitob) è un modo per beccare soldi da chi vuole evitare recensioni negative (più o meno lecite)
    • Milo ggo scrive:
      Re: Ok, ma allora...
      oppurec) si basa su un principio di "fair use" che è alla base di internet (a partire dalla definizione del TCP/IP) e che, specie da noi, tende ad essere considerato un elemento di ingenuità invece che un punto di forza
      • Luca scrive:
        Re: Ok, ma allora...
        Cappero c'entra il fair use con trip advisor? Il protocollo tcp/ip è un mezzo, non un sito creato a scopo di lucro!
    • vuoto scrive:
      Re: Ok, ma allora...
      - Scritto da: Luca
      Se non possono assicurare un minimo di veridicità
      (non si chiede di valutare se una recensione è
      vera al 100%, basta che sia sensata e realistica)
      delle due
      l'una:
      a) è inutile l'intero sito
      b) è un modo per beccare soldi da chi vuole
      evitare recensioni negative (più o meno
      lecite)Scusa ma non sono della tua stessa idea: questo genere di si basa anche e soprattutto sulla reputazione, una persona con un minimo di intelligenza si pone la domanda se Tripadvisor (e siti analoghi) siano o meno affidabili per decidere se andare o meno in un locale. Sta a te, secondo la tua esperienza, valutare se affidarti o meno a tripadvisor, se per te non è affidabile allora non lo apri e vae il punto 1 che scrivi (per te, ripeto), il punto b) invece è un problema dei gestori, io credo che siano ben pochi quelli che ricattano.Personalmente per scegliere un locale chiedo SEMPRE alla gente del posto, mai avuto una delusione. Se sei in emergenza e non c'è nessuno a cui chiedere, penso che tripadvisor o meno entri nel primo posto che trovi.E poi, a leggere certe recensioni mi vien da ridere: "abbiamo aspettato 2 ore", e si vede che sei andato quando c'era un sacco di gente! "personale non gentile", hai provato a sorridere tu o magari non è che sei stato arrogante fin dal'arrivo? Non so, io ho girato abbastanza e mangiato ovunque, dalla bettola al gran ristorante (più bettole che gran ristoranti) e problemi di maleducazione non ne ho mai avuti, mi par strano di essere l'unico fortunato.
      • Hop scrive:
        Re: Ok, ma allora...
        - Scritto da: vuoto
        Personalmente per scegliere un locale chiedo
        SEMPRE alla gente del posto, mai avuto una
        delusione. Se sei in emergenza e non c'è nessuno
        a cui chiedere, penso che tripadvisor o meno
        entri nel primo posto che
        trovi.
        E poi, a leggere certe recensioni mi vien da
        ridere: "abbiamo aspettato 2 ore", e si vede che
        sei andato quando c'era un sacco di gente!
        "personale non gentile", hai provato a sorridere
        tu o magari non è che sei stato arrogante fin
        dal'arrivo? Non so, io ho girato abbastanza e
        mangiato ovunque, dalla bettola al gran
        ristorante (più bettole che gran ristoranti) e
        problemi di maleducazione non ne ho mai avuti, mi
        par strano di essere l'unico
        fortunato.Quello che mi lascia perplesso, sono questi fessi che fanno le recensioni gratis per tripadvisor che con il loro lavoro ci fa i soldi...
        • Osvy scrive:
          Re: Ok, ma allora...
          - Scritto da: Hop
          Quello che mi lascia perplesso, sono questi fessi
          che fanno le recensioni gratis per tripadvisor
          che con il loro lavoro ci fa i soldi...Si chiama "vita sociale", collaborazione ecc., anche a me nessuno mi paga per togliere da terra i pacchetti di sigarette, o strappare le erbacce dalle strade comunali, ma lo faccio lo stesso :-) Credo poi siano anche ispirati dal desiderio, col loro lavoro, di "punire i cattivi" e "premiare i buoni" esercenti
          • Hop scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: Hop

            Quello che mi lascia perplesso, sono questi
            fessi

            che fanno le recensioni gratis per tripadvisor

            che con il loro lavoro ci fa i soldi...

            Si chiama "vita sociale", collaborazione ecc.,
            anche a me nessuno mi paga per togliere da terra
            i pacchetti di sigarette, o strappare le erbacce
            dalle strade comunali, ma lo faccio lo stesso :-)
            Credo poi siano anche ispirati dal desiderio, col
            loro lavoro, di "punire i cattivi" e "premiare i
            buoni"
            esercentiE nel frattempo gli amici di trippa guadagnano sul tuo lavoro...Se vuoi punire i cattivi esercenti basta non andarci ;)
          • .... scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            ma cosa centra? allora nessuno è obbligato a risponderti se chiedi una informazione di qualche locale quando sei in giro.
          • Hop scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: ....
            ma cosa centra? allora nessuno è obbligato a
            risponderti se chiedi una informazione di qualche
            locale quando sei in
            giro.il tizio che ti risponde, di solito non ci guadagna niente, ta invece SI
          • ... scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            Punto Informatico guadagna con i tuoi post. Ti rendi conto che stai lavorando gratis?
          • .... scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            ok ok abbiamo capito che non capisci quello che scrivi.
        • Izio01 scrive:
          Re: Ok, ma allora...
          - Scritto da: Hop
          Quello che mi lascia perplesso, sono questi fessi
          che fanno le recensioni gratis per tripadvisor
          che con il loro lavoro ci fa i soldi...Da "fesso" penso di poter condividere le mie impressioni non con Trip Advisor ma con altri utenti, i quali a loro volte condivideranno le loro con me.Se il tuo metro di giudizio è il "nessuno fa niente per niente", Internet deve proprio farti venire il mal di stomaco, eh!
          • Hop scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: Hop

            Quello che mi lascia perplesso, sono questi
            fessi

            che fanno le recensioni gratis per
            tripadvisor

            che con il loro lavoro ci fa i soldi...

            Da "fesso" penso di poter condividere le mie
            impressioni non con Trip Advisor ma con altri
            utenti, i quali a loro volte condivideranno le
            loro con
            me.Puoi condividere quel che ti pare, ma che un soggetto terzo si faccia il grano con il tuo lavoro, questo mi lascia perplesso...
          • mimmo scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: Hop
            Puoi condividere quel che ti pare, ma che un
            soggetto terzo si faccia il grano con il tuo
            lavoro, questo mi lascia
            perplesso...Condividere proprie impressioni o esperienze su internet coincide col mettere dei post-it su una bacheca.anche mettendo post-it "paghi" chi produce i post-it o chi produce lavagne su cui attaccarli!Oggi invece di fare tutto cio' utilizzi "prodotti" elettronici, come Facebook, instagram, Trip Advisor, etc...Ma anche siti come Amazon, dove scrivi recensioni sui prodotti che hai acquistato.io trovo molto utile tutto questo, sai quante volte mi sono detto "quasi quasi compro quel prodotto" e invece dalle recensioni ho evitato di prendere una fregatura.se in tutto questo TA, Amazon, Facebook...ci guadagnano...beh...nessuno fa niente per niente!
          • Hop scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: mimmo
            - Scritto da: Hop

            Puoi condividere quel che ti pare, ma che un

            soggetto terzo si faccia il grano con il tuo

            lavoro, questo mi lascia

            perplesso...

            io trovo molto utile tutto questo, sai quante
            volte mi sono detto "quasi quasi compro quel
            prodotto" e invece dalle recensioni ho evitato di
            prendere una
            fregatura.
            se in tutto questo TA, Amazon, Facebook...ci
            guadagnano...beh...nessuno fa niente per
            niente!Ma amazon ti vende il prodotto, interessano anche a lei le recensioni, ta non vende niente, ma campa del vostro lavoro
          • .... scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            Si ma su recensioni negative di un prodotto x amazon non lo vende e quindi non ci guadagna la vendita. Se TA ci guadagna con le recensioni chi se ne frega, per noi il servizio è comunque gratuito.
          • Hop scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: ....
            Si ma su recensioni negative di un prodotto x
            amazon non lo vende e quindi non ci guadagna la
            vendita. Se TA ci guadagna con le recensioni chi
            se ne frega, per noi il servizio è comunque
            gratuito.Nel senso che lavori gratis?
          • ... scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: Hop
            - Scritto da: ....

            Si ma su recensioni negative di un prodotto x

            amazon non lo vende e quindi non ci guadagna
            la

            vendita. Se TA ci guadagna con le recensioni
            chi

            se ne frega, per noi il servizio è comunque

            gratuito.
            Nel senso che lavori gratis?Sei uno che capisce tutto al volo tu eh?
          • Prozac scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Hop

            - Scritto da: ....


            Si ma su recensioni negative di un
            prodotto
            x


            amazon non lo vende e quindi non ci
            guadagna

            la


            vendita. Se TA ci guadagna con le
            recensioni

            chi


            se ne frega, per noi il servizio è
            comunque


            gratuito.

            Nel senso che lavori gratis?

            Sei uno che capisce tutto al volo tu eh?In realtà lui lavora per Punto-Informatico! O pensi che scriva gratis qui e lascia tutto il guadagno a Punto-Informatico?
          • Prozac scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: Hop
            Mi hai scoperto ;);)
          • _____ scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: Hop
            Nel senso che lavori gratis?Pensa che pure siti come Google guadagnano quando tu navighi, oppure siti come PI guadagnano quando tu commenti.Puoi spiegarmi dunque perché lavori gratis per PI?Grazie
          • Hop scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: _____
            - Scritto da: Hop

            Nel senso che lavori gratis?
            Pensa che pure siti come Google guadagnano quando
            tu navighi, oppure siti come PI guadagnano quando
            tu
            commenti.
            Puoi spiegarmi dunque perché lavori gratis per PI?
            GraziePer mangiare le pizze gratis che trovo su ta :D
          • ... scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            Bene allora continua a postare e a far guadagnare soldi a Punto Informatico
          • .... scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            ahi ahi ahi punto informatico fate proprio ridere sapete? sarebbe più corretto che rispondeste invece che cancellare i post.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • MicroShit Supporter scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            Questo <b
            tuo </b
            commento (e anche il mio e quelli di tutti gli altri che gentilmente ti rispondono senza guadagnarci nulla... orrore!) tende ad aumentare il traffico sul sito di Rutto Informatico che fa soldi senza che <b
            tu </b
            veda un penny.Ma come fai a continuare a commentare se non ti pagano nemmeno? :DA parte le battute... ma non è, per caso, che hai un modo di vedere le cose/persone un po' troppo triste ed arido?
        • ... scrive:
          Re: Ok, ma allora...
          - Scritto da: Hop
          - Scritto da: vuoto

          Personalmente per scegliere un locale chiedo

          SEMPRE alla gente del posto, mai avuto una

          delusione. Se sei in emergenza e non c'è nessuno

          a cui chiedere, penso che tripadvisor o meno

          entri nel primo posto che

          trovi.

          E poi, a leggere certe recensioni mi vien da

          ridere: "abbiamo aspettato 2 ore", e si vede che

          sei andato quando c'era un sacco di gente!

          "personale non gentile", hai provato a sorridere

          tu o magari non è che sei stato arrogante fin

          dal'arrivo? Non so, io ho girato abbastanza e

          mangiato ovunque, dalla bettola al gran

          ristorante (più bettole che gran ristoranti) e

          problemi di maleducazione non ne ho mai avuti,
          mi

          par strano di essere l'unico

          fortunato.
          Quello che mi lascia perplesso, sono questi fessi
          che fanno le recensioni gratis per tripadvisor
          che con il loro lavoro ci fa i
          soldi...e quella massa sterminata di dementi che si fanno un XXXX tanto per mettere video su youtube sui quali gudagna solo google?
          • Hop scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Hop

            - Scritto da: vuoto


            Personalmente per scegliere un locale chiedo


            SEMPRE alla gente del posto, mai avuto una


            delusione. Se sei in emergenza e non c'è
            nessuno


            a cui chiedere, penso che tripadvisor o meno


            entri nel primo posto che


            trovi.


            E poi, a leggere certe recensioni mi vien da


            ridere: "abbiamo aspettato 2 ore", e si vede
            che


            sei andato quando c'era un sacco di gente!


            "personale non gentile", hai provato a
            sorridere


            tu o magari non è che sei stato arrogante fin


            dal'arrivo? Non so, io ho girato abbastanza e


            mangiato ovunque, dalla bettola al gran


            ristorante (più bettole che gran ristoranti) e


            problemi di maleducazione non ne ho mai avuti,

            mi


            par strano di essere l'unico


            fortunato.

            Quello che mi lascia perplesso, sono questi
            fessi

            che fanno le recensioni gratis per tripadvisor

            che con il loro lavoro ci fa i

            soldi...

            e quella massa sterminata di dementi che si fanno
            un XXXX tanto per mettere video su youtube sui
            quali gudagna solo
            google?"nativi digitali"? :D
      • Izio01 scrive:
        Re: Ok, ma allora...
        - Scritto da: vuoto

        Personalmente per scegliere un locale chiedo
        SEMPRE alla gente del posto, mai avuto una
        delusione. Se sei in emergenza e non c'è nessuno
        a cui chiedere, penso che tripadvisor o meno
        entri nel primo posto che trovi.Boh, se devo organizzare una cena un po' speciale con qualcuno, non è male avere una risorsa su Internet a cui fare riferimento... cum grano salis.
        E poi, a leggere certe recensioni mi vien da
        ridere: "abbiamo aspettato 2 ore", e si vede che
        sei andato quando c'era un sacco di gente!Quindi posto da evitare a priori se devo andarci di sabato o domenica, almeno per i miei parametri. Informazione utilissima!
        "personale non gentile", hai provato a sorridere
        tu o magari non è che sei stato arrogante fin
        dal'arrivo? Non so, io ho girato abbastanza e
        mangiato ovunque, dalla bettola al gran
        ristorante (più bettole che gran ristoranti) e
        problemi di maleducazione non ne ho mai avuti, mi
        par strano di essere l'unico fortunato.A me questo non pesa più che tanto, così come do scarso rilievo all'atmosfera finto-montanara piuttosto che da palazzo imperiale viennese.Io guardo al sodo: bontà del cibo e prezzi onesti. Se poi voglio proprio l'atmosfera, magari scelgo un locale con vista sul lago, piuttosto che uno nell'afosa e puzzolente Milano.Altri hanno priorità diverse e svengono se il cameriere li serve da sinistra, ma buon per loro. Trip Advisor dà un riferimento che è meglio che niente. Certo che vorrei delle linee guida più condivise, ad esempio sui giudizi.Io calibro il giudizio in rapporto al prezzo: se mi fanno spendere 100 euro a testa, mi aspetto molto ma molto in cambio. All'all you can eat da dieci euro, la tovaglietta di carta è fin troppo. Altri invece prescindono da questo aspetto e guardano solo gli altri elementi, magari dando un rilievo maggiore all'apparenza che alla sostanza. Il risultato è che non basta vedere un giudizio medio di 4,5 stelle, occorre leggere un po' di recensioni positive e un po' negative, se si vuole avere un'idea anche approssimativa dei punti di forza e di debolezza.
        • vuoto scrive:
          Re: Ok, ma allora...

          Il risultato è che non basta vedere un
          giudizio medio di 4,5 stelle, occorre leggere un
          po' di recensioni positive e un po' negative, se
          si vuole avere un'idea anche approssimativa dei
          punti di forza e di
          debolezza.La penso come te, io di norma non lo uso tripadvisor perché preferisco chiedere, ma non è che ho qualcosa contro chi lo usa :-)Alla fine è uno strumento, c'è chi ne ha capito i meccanismi e lo usa con vantaggio, chi non vuole o o non la usare, tutto qua. Poi comunque ritengo che ci sai un equuilibrio naturale su tripadvidor, ad esempio le recensioni negative pagate le fai su un locale che lavora bene, non su uno che è sull'orlo del fallimento già da prima, quindi sarà bilanciato da quelle positive. Viceversa, se un locale paga qualcuno per scrivere recensioni positive, la gente va nel locale e se si trova male scriverà quelle negative ;-)In ogni caso, esiste anche la reputazione dell'utente, puoi vedere quante recensioni ha scritto, a chi e dove, quindi ti puoi fare una idea se quella persona è affidabile.Su ebay c'è un meccanismo simile, ed anche su booking.com, io quelle recensioni le trovo utilissime.
      • Luca scrive:
        Re: Ok, ma allora...
        Il problema di trap advisor (non è un refuso) è che ci sono fior di testimonianze di:- albergatori e ristoratori che pur avendo fatto presente che la recensione x era pura vendetta, la recensione rimaneva lì....- Hanno dimostrato come le recensioni positive non passino allo stesso modo di quelle negative, anche se quelle negative sono palesemente assurde.C'è un caso emblematico di un ristorante di ferrara che dopo aver saputo dai clienti che le recensioni positive non passavano ha detto loro di scrivere recensioni assurde e irreali, ma negative del tipo "il ristorante è buono, ma è troppo lontano da casa mia". Tutte pubblicate.Trip advisor è un bel miscuglio di interessi e il fatto che specifichino di non assicurare alcuna veridicità è solo un modo per lavarsi le mani e fare soldi sul nulla.
        • sgabbio scrive:
          Re: Ok, ma allora...
          01/10
        • vuoto scrive:
          Re: Ok, ma allora...


          Trip advisor è un bel miscuglio di interessi e il
          fatto che specifichino di non assicurare alcuna
          veridicità è solo un modo per lavarsi le mani e
          fare soldi sul
          nulla.E allora non lo usare, che problema c'è? L'utente Izio ha appena scritto il contrario, che invece gli risulta utile... fai un po' te.
          • Luca scrive:
            Re: Ok, ma allora...
            Sì può anche non usare, ma se tizio millanta una cosa e in realtà non la esegue è un reato.
    • ... scrive:
      Re: Ok, ma allora...
      - Scritto da: Luca
      Se non possono assicurare un minimo di veridicità
      (non si chiede di valutare se una recensione è
      vera al 100%, basta che sia sensata e realistica)
      delle due
      l'una:
      a) è inutile l'intero sito
      b) è un modo per beccare soldi da chi vuole
      evitare recensioni negative (più o meno
      lecite)sbagli, il tuo e' un "O ESCLUSIVO", (l'uno esclude l'altro) viceversa deve esere un "O INCLUSIVO", cioe' possono sussistere A e B ALLO STESSO TEMPO, e secondo me e' cosi': tripadvisor e' inutile (per l'utente) ed e' ANCHE un modo per beccare soldi (da èart di qeulli di tripadvisor).
Chiudi i commenti