Pac-Man, rotta verso i trenta

Sono passati decenni, ma il mangiapillole appare fresco come una rosa. E non finisce di incantare (e traviare) le nuove generazioni

Roma – Riuscirà mai l’umanità a liberarsi di Pac-Man? Sarebbe potuta essere una moda passeggera, ma a distanza di 28 anni dalla sua prima apparizione il pallino giallo resta sulla cresta dell’onda. Lo celebra anche Wired , nell’anniversario del lancio di quello che è senz’altro uno dei videogame più amati, imitati e con più sequel della storia.

Pac-Man Tatoo Puck-man nasceva in Giappone il 10 ottobre 1979 , facendo la sua comparsa sulle console da bar. Bastava uno Z80 da 3 MHz, con una risoluzione da 224×288 pixel, per mandare in orbita i videogamers abituati a Space Invaders e simili. In patria l’accoglienza non fu particolarmente calorosa: ma poi Puck-man attraversò l’oceano, diventò Pac-Man (per evitare pericolose assonanze linguistiche) e fu l’inizio della sua fortuna.

In breve, il pallino mangiafantasmi sbarcò su quasi qualsiasi piattaforma, diventando un vero e proprio fenomeno di costume . Giochi da tavola, dischi musicali, flipper, magliette, persino toilette : Pac-Man era ovunque, e la sua fama continua ancora oggi, come una tradizione che passa da padre in figlio. Sì perché, se i primi giocatori l’hanno provato sul Atari 2600 o su un tradizionale cassone da bar, oggi i più giovani hanno riscoperto Pac-Man sul cellulare o sulla Xbox . Oppure sul loro iPod , con tanto di cover personalizzata per il music-player di Apple.

Cosa ci si sia di così appassionante in Pac-Man, nessuno lo ha mai capito: un labirinto, un pallino giallo, qualche pillola, quattro fantasmi. Lo scopo è scappare da questi ultimi e mangiarsi tutte le pillole, salvo mangiarsi pure i fantasmi quando la situazione lo consenta. Eppure c’è gente che il labirinto se lo è fatto tatuare addosso (vedere foto a lato), c’è chi a Pac-Man ci gioca dal vivo grazie alla realtà virtuale, e chi lo utilizza per gli esperimenti scientifici . C’è persino il mondiale di categoria .

In un certo senso, Pac-Man è anche un po’ la dimostrazione che i videogame non sono pericolosi e non fanno male. Certo non sarà efferato come Manhunt , ma come disse una volta qualcuno : “Se Pac-Man ci avesse condizionato da ragazzi, oggi staremmo correndo in tondo in delle stanze buie, mangiando pillole e ascoltando musica ripetitiva”. Quel che è certo è che, ancora oggi, con Pac-Man è amore al primo morso .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti