Satispay, al via anche i pagamenti ricorrenti

Satispay consente ora di abilitare sul proprio account anche gli abbonamenti automatici ricorrenti, ampliando ulteriormente i servizi per l'utenza.

Satispay, al via anche i pagamenti ricorrenti

Tutti i servizi di pagamento vogliono definirsi “portafoglio” nella mente dell’utente, ma ognuno ha servizi e possibilità limitati che ne rendono automaticamente limitata la concezione di “portafoglio”. Satispay intende sfidare questa situazione ampliando il portfolio di servizi a disposizione della propria utenza: dopo i pagamenti in-store, le opzioni di risparmio, PagoPA e altre opportunità inserite poco alla volta durante il percorso evolutivo del servizio, ecco ora l’arrivo dei pagamenti automatici ricorrenti.

Satispay: abbonamenti, bollette, taxi

Quel che Satispay ha avviato è una serie di accordi tali da dar corpo e forma ad una piattaforma di pagamenti reiterati, formula che consente di fidelizzare l’utente tanto al servizio, quanto ovviamente a Satispay.

Vogliamo rispondere a tutti i bisogni reali dei consumatori e dei venditori di beni o servizi. Al lancio del servizio sono già molte le realtà che hanno compreso le potenzialità dei pagamenti automatici per fidelizzare i clienti e che saranno in corso di attivazione nelle prossime settimane

Andrea Allara, Head of Business Development di Satispay

Tra i servizi abilitati al day one si annoverano Abbonamenti.it, Good Morning Italia, MiMoto, appTaxi, Tiscali e VIVIgas Energia: basta scorrere questi nomi per intuire quanto ampia sia la portata del servizio, passando dall’abbonamento alla rivista fino alla bolletta del gas.

Satispay, pagamenti ricorrenti

Il nuovo servizio“, spiega Satispay, “consente di attivare pagamenti ricorrenti con estrema semplicità. Una soluzione che permette alla sempre più ampia community di Satispay di pagare senza pensieri e in maniera più rapida abbonamenti a riviste o piattaforme di streaming, oppure pagamenti ricorrenti come le utenze di luce e gas o servizi attivabili online“. L’attivazione può essere avviata o inquadrando un apposito QR Code sul sito del fornitore, oppure inserendo il proprio numero di telefono e quindi approvando il tutto sull’app di Satispay. Sulla stessa app è inoltre possibile monitorare i preaccrediti autorizzati, potendo così eventualmente sospendere quelli ai quali non si intende più dare continuità.

Satispay dichiara oggi 600 mila utenze attive, con un trend di crescita che vede 1200 nuovi abbonati al giorno. 70.000 sono gli esercenti che hanno aderito al servizio, ma il perimetro è oggi ben più vasto del solo servizio in-store: bollo auto, ricariche telefoniche, bollettini e altro ancora fanno parte di quello che sempre di più intende definirsi realmente “portafoglio” per i pagamenti cashless.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti