Se giochi offline c'è sempre Xbox 360

Microsoft conferma: Xbox One è una console naturalmente connessa. Per chi preferisce resta in circolazione la vecchia generazione. Sony tenta invece la carta del mercato dell'usato libero

Roma – Xbox One deve essere necessariamente connessa a Internet per poter funzionare, e questo è un fatto che Microsoft ha ribadito in varie occasioni buon ultima la conferenza-show all’E3 dei giorni scorsi. La soluzione per gli appassionati di videogame senza connessione o con connessione inaffidabile/intermittente sarà rivolgersi alla vecchia generazione di console (Xbox 360), che continuerà a essere supportata anche in futuro.

Esponendo considerazioni piuttosto nette sulla questione, il capo della divisione Xbox Don Mattrick ha detto chiaro e tondo che Xbox One è e resterà una macchina connessa dedicata a un’utenza “always on”, mentre Xbox 360 è “un dispositivo offline” che Microsoft continuerà a promuovere e per cui continueranno a essere realizzati/pubblicati giochi e contenuti per gli anni a venire.

Per quanto poi riguarda la politica dei giochi usati, Microsoft ha girato la responsabilità di eventuali restrizioni (tecniche o economiche) alla rivendita sui publisher. E i publisher dicono di non saperne niente: Electronic Arts nega di aver avuto parte nell’istituzione della nuova policy, si fa promotrice del mercato dell’usato e definisce l’oramai abbandonato programma dei pass online un errore, mentre Ubisoft dice di non aver ancora deciso nulla in merito .

Su tutta la polemica in merito ai giochi usati e alle restrizioni online gongola Sony, che ha ottenuto un buon riscontro con il suo show losangeliano e i video improvvisati che conquistano record di visualizzazioni su YouTube. E ribadisce: noi non metteremo restrizioni all’usato, i publisher di terze parti potrebbero farlo di loro iniziativa ma è improbabile che decidano in tal senso visto il furore delle reazioni negative di questi giorni. Ubisoft e gli altri che non hanno “ancora deciso” sono avvisati.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sentinel scrive:
    Il Tagliaerbe...
    ...siamo alle solite... se ogni tanto i ricercatori darebbero un'occhiatina a quel film non sarebbe poi così male...
    • ... scrive:
      Re: Il Tagliaerbe...
      - Scritto da: sentinel
      ...siamo alle solite... se ogni tanto i
      ricercatori darebbero un'occhiatina a quel film
      non sarebbe poi così
      male...Evidentemente sono troppo impegnati a studiarsi i congiuntivi.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Il Tagliaerbe...
        - Scritto da: ...
        Evidentemente sono troppo impegnati a studiarsi i
        congiuntivi."che fa? Mi dà del tu?""no, no... batti lei!"
  • unaDuraLezione scrive:
    mi pare ovvio...
    contenuto non disponibile
    • panda rossa scrive:
      Re: mi pare ovvio...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      qualsiasi tipo di allenamento produce risultati...

      Ricercona di espertoni...Sembrerebbe che tu abbia ragione, ma non e' vero in tutti i campi.Per esempio, i ricercatori di ovvieta' non ottengono alcun beneficio nell'esercizio di ricercare ovvieta'.Restano sempre degli idioti.
      • io muro vacche scrive:
        Re: mi pare ovvio...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: unaDuraLezione

        qualsiasi tipo di allenamento produce
        risultati...



        Ricercona di espertoni...

        Sembrerebbe che tu abbia ragione, ma non e' vero
        in tutti i
        campi.
        Per esempio, i ricercatori di ovvieta' non
        ottengono alcun beneficio nell'esercizio di
        ricercare
        ovvieta'.

        Restano sempre degli idioti.[img]http://oreowriter.files.wordpress.com/2011/03/9_funny_jesus_thumbs_up.jpg[/img]
      • Nome e cognome scrive:
        Re: mi pare ovvio...
        Questa è da incorniciare
Chiudi i commenti