Stop Cashback: all'improvviso, la politica s'è desta

Stop Cashback: all'improvviso, la politica

Tutt'a un tratto il mondo delle politica sembra essersi ricordato del Cashback di Stato, ma dov'erano coloro che oggi piangono la sua cancellazione?
Tutt'a un tratto il mondo delle politica sembra essersi ricordato del Cashback di Stato, ma dov'erano coloro che oggi piangono la sua cancellazione?

Che si tratti di una sospensione per sei mesi o di un addio definitivo al Cashback di Stato, poco cambia. La realtà dei fatti dice che il mondo della politica ha atteso il 28-29 giugno per discutere e prendere una decisione su un programma che, sebbene perfettibile, ha portato decine di milioni di italiani a cambiare le loro abitudini quotidiane e il rapporto con i sistemi di pagamento, obbligando al tempo stesso chi sta dall'altra parte della cassa, esercenti e professionisti, ad adeguarsi non senza qualche manifestazione di disappunto.

Stop al Cashback, la politica s'è desta

E ora che l'argomento di discussione è sulla bocca di tutti, è tempo di dire la propria. Con il faro dell'attenzione mediatica puntato sul tema, è partito il giro di valzer delle prese di posizione. Ora che #Cashback è in tendenza, vuoi non offrire la tua chiave di lettura? E via al round di opinioni che, tranquilli, si scioglierà ben presto sotto questa calura di inizio estate. C'è chi reputa la scelta un errore, come il ministro Stefano Patuanelli (da Repubblica).

La sospensione del Cashback è un errore, l'ho detto e ripetuto ieri in Cabina di Regia. Mi auguro si possa tornare indietro su questa decisione.

Rimanendo in area M5S, è dello stesso avviso Carla Ruocco che presiede la commissione parlamentare d'inchiesta sul sistema bancario. Curiosamente, nel suo tweet il termine “furbetti” è associato non a coloro impegnati nel generare microtransazioni, ma ai negozianti allergici a POS e scontrini.

Sulla medesima lunghezza d'onda Marco Furfaro, della direzione nazionale del Partito Democratico, che sottolinea le ricadute positive del progetto in termini di consumi e lotta all'evazione.

Esulta invece Giorgia Meloni, che gongolando (legittimamente) chiama in causa anche la Lotteria degli Scontrini. La sua battaglia contro le iniziative a sostegno del cashless, così come quella di Fratelli d'Italia, è di lunga data. Le va dato atto di costanza e determinazione.

Se lo scontro è sullo scontrino

Il Cashback è stato un successo? Lo si potrà stabilire solo a bocce ferme e non nell'immediato, poiché uno degli obiettivi perseguiti è stato fin dall'inizio quello di favorire un cambiamento non esclusivamente tecnologico, ma ancor prima culturale.

Il Cashback è stato un fallimento? Questo lo possiamo escludere fin da subito, considerando i quasi 9 milioni di partecipanti per oltre 16 milioni di strumenti registrati e 800 milioni di transazioni eseguite.

Il Cashback si poteva migliorare? Certamente sì. Lo abbiamo messo nero su bianco in tempi non sospetti con il nostro elenco di 10 proposte e lo ha ribadito qualche settimana fa la Corte dei Conti, chiedendo un intervento correttivo e non una cancellazione.

Tra qualche giorno potranno alzare i calici coloro che hanno fin da subito puntato il dito contro l'iniziativa reputandola un'idiozia, un inutile spreco di risorse pubbliche. Lo faranno brindando alla vittoria di una battaglia durata sei mesi o poco più. Confidiamo possano farlo ponendo la dovuta attenzione alle ancora valide norme di distanziamento. E chiedendo lo scontrino.

Fonte: Repubblica
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti