Transcend punta sul solido in movimento

Per i dischi USB da portare sempre in giro l'azienda taiwanese punta sugli SSD. La moda delle memorie flash dilaga

È piccolo che più piccolo quasi non si può, leggerissimo e pare la soluzione ideale per chi ha bisogno di un po’ di storage da portarsi sempre appresso. Il nuovo SSD18M di Transcend è il primo disco esterno equipaggiato con memoria a stato solido ad essere stato annunciato , e forte di questo primato si dovrebbe lanciare presto alla conquista delle borse dei più accaniti globe-trotter digitalizzati.

Il nuovo SSD18M Il nuovo dispositivo monta dischi da appena 1,8 pollici, declinati nei tagli da 32 a 128 gigabyte. Misure inedite per i dischi SSD di Transcend, soprattutto nel formato ridotto, che tuttavia garantiscono a SSD18M dimensioni da primato: in borsa occuperà appena 80x50x12,5 millimetri , gravando sulle spalle del suo proprietario per appena 50 grammi. Quanto basta per fare la felicità di molti manager e freelance perennemente afflitti da mal di schiena a causa di borse e cartelle fin troppo satolle.

Due le interfacce integrate nel dispositivo: per collegarlo al PC si può scegliere indifferentemente una porta USB o una più recente, ma meno diffusa, eSATA . Da quanto si deduce dalle poche informazioni fornite da Transcend, la seconda connessione dovrebbe garantire un po’ di velocità in più, ma questo è tutto quanto è dato sapere anche in merito al tipo di chip montato dall’unità: i più performanti e costosi SLC (Single-Level Cell), o i più economici MLC (Multi-Level Cell)? La differenza tra i due tipi di tecnologia, in ogni caso, negli ultimi tempi è andata gradualmente assottigliandosi.

Con la notabile eccezione di Western Digital, ormai tutti i produttori di storage sono al lavoro per sfornare sempre nuovi e più economici modelli dei dischi a stato solido pensati per il mercato consumer ed enterprise : a Transcend per il momento va il primato per le unità esterne, mentre a Toshiba la palma per la capienza (almeno sulla carta). Resta da scoprire quale sarà il prezzo di listino del nuovo SSD18M, anche se le prime quotazioni parlano di 99 dollari per il modello da 32GB , 169 per quello da 64, e infine 285 dollari per l’esemplare da 128 gigabyte.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Bender scrive:
    Già in fase di certificazione
    Ciao a tutti.....Cercando in rete ho visto che queste tecniche, dalla verifica della vascolarizzazione della mano, allo scanner dell'iride, alla forma dello scheletro della mano, fino al DNA, sono tecnologie alcune già approvate, altre in fase di certificazione proprio dalla ISO. Quindi penso proprio che da qui a pochi anni saranno la realtà quotidiana.Per chi fosse interessato:salvo errori: riguardo il DNA dovrebbe essere:ISO/IEC WD 29109-14http://www.iso.org/iso/iso_catalogue/catalogue_tc/catalogue_detail.htm?csnumber=51428riguardo le vascular biometric image:ISO/IEC 19794-9:2007http://www.iso.org/iso/iso_catalogue/catalogue_tc/catalogue_detail.htm?csnumber=43637comunque per le altre voci basta andare sul sito ufficialeISO e cercare Biometric. http://www.iso.org/iso/searchstandards.htm?qt=biometric&published=on&displayForm=true&development=on
  • Redfoxy scrive:
    Ma la biometria è realmente sicura?
    A mio avviso no!La biometria può essere "rubata" più facilmente di una password che segue delle regole di sicurezza...Impronte digitali: Basta prendere anche solo un bicchiere che hai regalato le tue impronte digitaliOcchi, Vene e venucole delle dita: Oltre al fatto che le si possono scansionare al momento dell'utilizzo, e quindi clonarle, non ci vuole niente che un incidente ti modifichi o ti faccia perdere il/le dito/a codificate o una semplice operazione di correzione o un cambio dovuto ad una malattia ti faccia cambiare il fondo dell'occhio.DNA sembrerebbe la soluzione, virtualmente inalterabile è la vera chiave univoca di un corpo, unico neo... basta grattarsi la testa che doni tonnellate di dna...Vecchio sistema delle password, se regolamentato decentemente e la gente ha l'accortezza di non scrivere password tanto semplici da poter essere trovate (vedesi password come il proprio nome, cognome, nome del figlio/a, data di nascita, numero di telefono etc...) la password ha il grosso vantaggio di poter essere modificata in caso di problemi nella sicurezza in più se la si cambia periodicamente si diminuiscono in modo drastico le possibilità di violazione... Ma ci vogliono anche i sistemi che accettino password intelligenti, non come certi servizi e siti che non accettano password piu' lunghe di X caratteri o che magari non accettano caratteri maiuscoli... AOL mi ha fatto uscire pazzo per queste cavolate!Mentre trovo MOOOOLTO interessante il concetto legato alla tastierina dinamica, ogni volta che devi digitare il pin del bancomat bisogna fare attenzione a non far vedere la sequenza in cui batti visto che il tastierino e' fisso, se i tasti cambiano di posizione casualmente diventa estremamente piu' difficile risalire al codice...Ma su questo non si tiene conto delle persone più avanti nell'età che si confonderebbero e sbaglierebbero di continuo, come anche il discorso con le bande di colori... e i miopi che fanno? E per i simboli gli ipovedenti che fanno?
  • Phabio76 scrive:
    Bellissimo ma...
    dubito che con questo titolo ti leggeranno in tanti !
  • panda rossa scrive:
    Ma che cosa protegge questa roba?
    Domanda: ma che cosa protegge questa roba?Ipotesi: io rubo un pc protetto da questo meraviglioso sistema.Arrivo a casa, lo smonto, estraggo il disco da 3 pollici, lo collego come secondario al mio pc, accendo il mio pc e monto il disco sencondario, quindi me lo leggo.
    • aaaaaaaaaaa a scrive:
      Re: Ma che cosa protegge questa roba?
      - Scritto da: panda rossa
      Domanda: ma che cosa protegge questa roba?

      Ipotesi: io rubo un pc protetto da questo
      meraviglioso
      sistema.
      Arrivo a casa, lo smonto, estraggo il disco da 3
      pollici, lo collego come secondario al mio pc,
      accendo il mio pc e monto il disco sencondario,
      quindi me lo
      leggo.se è criptato non leggi proprio una bella cippa o.o"
      • panda rossa scrive:
        Re: Ma che cosa protegge questa roba?
        - Scritto da: aaaaaaaaaaa a
        - Scritto da: panda rossa

        Domanda: ma che cosa protegge questa roba?



        Ipotesi: io rubo un pc protetto da questo

        meraviglioso

        sistema.

        Arrivo a casa, lo smonto, estraggo il disco da 3

        pollici, lo collego come secondario al mio pc,

        accendo il mio pc e monto il disco sencondario,

        quindi me lo

        leggo.
        se è criptato non leggi proprio una bella cippa
        o.o"Se fosse criptato non servirebbe proteggerlo con quella roba li' del dito col sangue dentro.
        • The Winner scrive:
          Re: Ma che cosa protegge questa roba?
          Quella roba del dito col sangue dentro genera una stringa che serve per criptare il disco. Credo che dovrebbe funzionare così.Comunque anche a me l'idea delle impronte digitali, retina e robe simili me pare una strun*ata, il dito non lo posso cambiare, una password si.
        • aaaaaaaaaaa a scrive:
          Re: Ma che cosa protegge questa roba?
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: aaaaaaaaaaa a

          - Scritto da: panda rossa


          Domanda: ma che cosa protegge questa roba?





          Ipotesi: io rubo un pc protetto da questo


          meraviglioso


          sistema.


          Arrivo a casa, lo smonto, estraggo il disco
          da
          3


          pollici, lo collego come secondario al mio pc,


          accendo il mio pc e monto il disco
          sencondario,


          quindi me lo


          leggo.

          se è criptato non leggi proprio una bella cippa

          o.o"

          Se fosse criptato non servirebbe proteggerlo con
          quella roba li' del dito col sangue
          dentro.ma che caspio stai dicendo? io voglio criptare un disco,e invece della solita password voglio usare il dito,tutto li... non so cosa hai capito te... il dito alla fine non è che la password xD
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            - Scritto da: aaaaaaaaaaa a
            ma che caspio stai dicendo?
            io voglio criptare un disco,e invece della solita
            password voglio usare il dito,tutto li... non so
            cosa hai capito te... il dito alla fine non è
            che la password
            xDIo la parola "criptato" nell'articolo non l'ho mica trovata, e neppure nella pagina della Sony a cui l'articolo di P.I. si riferisce.Quella ha tutta l'aria di essere una password di acXXXXX, non di criptazione.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: panda rossa


            Quella ha tutta l'aria di essere una password di

            acXXXXX, non di

            criptazione.

            è un sistema di autenticazione non di cifratura,
            c'è scritto
            chiaramente.Quindi, ritornando alla mia domanda iniziale di questo thread: che cosa protegge questa roba?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            contenuto non disponibile
          • aaaaaaaaaaa a scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: panda rossa




            Quella ha tutta l'aria di essere una password
            di


            acXXXXX, non di


            criptazione.



            è un sistema di autenticazione non di cifratura,

            c'è scritto

            chiaramente.

            Quindi, ritornando alla mia domanda iniziale di
            questo thread: che cosa protegge questa
            roba?O MIO DIOOOOOOOOOOO MA SI PUO ESSERE COSì INFLESSIBILI MENTALMENTE??? questa è solo una VARIAZIONE di una PASSWORD e come si sa esistono applicazioni che criptano l'hd e cosa si usa per decriptarlo?? ahh ma guarda un pò!! si usa la password!!!!Il succo del discorso è che questo metodo da solo non cripta nulla ,ma viene dalla LOGICA che se qualcuno lo acquista NON è un utonto e lo userà in combo con un applicazione tipo truecrypt o magari un applicazione fornita con l'aggeggio stesso (molto ma molto più probabile) che permette di criptare l'intero HD...spero che adesso tu avrai capito quello che volevo farti capire quando ho detto "SE è criptato non leggi proprio una bella cippa" xD
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            - Scritto da: aaaaaaaaaaa a
            O MIO DIOOOOOOOOOOO MA SI PUO ESSERE COSì
            INFLESSIBILI MENTALMENTE??? Saro' anche inflessibile, ma ci sento benissimo, e puoi evitare di strillare.
            questa è solo una
            VARIAZIONE di una PASSWORD e come si sa esistono
            applicazioni che criptano l'hd e cosa si usa per
            decriptarlo?? ahh ma guarda un pò!! si usa la
            password!!!!Che funziona bene, che posso cambiarla a mio piacimento, che posso usare password diverse in base alle circostanze.Questa cosa qui del dito e del sangue a che cosa serve?Puo' servire in un film, ma non nella realta'.
            Il succo del discorso è che questo metodo da solo
            non cripta nulla ,ma viene dalla LOGICA che se
            qualcuno lo acquista NON è un utonto e lo userà
            in combo con un applicazione tipo truecrypt o
            magari un applicazione fornita con l'aggeggio
            stesso (molto ma molto più probabile) che
            permette di criptare l'intero
            HD...Se uno non e' un utonto usa la password, la usa sicura, e soprattutto non la dimentica.Questo coso invece ha tutta l'aria di essere un accrocchio per utonti, che permette agli utonti medesimi di non scegliere come password la data di nascita, o di non dimenticarla, o di non scriverla sul post-it appiccicato al monitor.Inoltre, essendo utonti, la usano solo per accedere al sistema (il quale continua ad essere popolato di trojan che propagano all'esterno dati sensibili senza bisogno di dita).
            spero che adesso tu avrai capito quello che
            volevo farti capire quando ho detto "SE è
            criptato non leggi proprio una bella cippa"Se e' criptato, quindi lo decripti col dito?Vogliamo parlare di cose pratiche?Vogliamo parlare di winsozz?In quale versione di winsozz il filesystem e' criptato?
          • aaaaaaaaaaa a scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: aaaaaaaaaaa a

            O MIO DIOOOOOOOOOOO MA SI PUO ESSERE COSì

            INFLESSIBILI MENTALMENTE???

            Saro' anche inflessibile, ma ci sento benissimo,
            e puoi evitare di
            strillare.
            scusa spero di non averti rotto i timpani...

            questa è solo una

            VARIAZIONE di una PASSWORD e come si sa
            esistono

            applicazioni che criptano l'hd e cosa si usa per

            decriptarlo?? ahh ma guarda un pò!! si usa la

            password!!!!

            Che funziona bene, che posso cambiarla a mio
            piacimento, che posso usare password diverse in
            base alle
            circostanze.
            se una password è unica e ultracomplessa non serve cambiarla
            Questa cosa qui del dito e del sangue a che cosa
            serve?
            Puo' servire in un film, ma non nella realta'.


            Il succo del discorso è che questo metodo da
            solo

            non cripta nulla ,ma viene dalla LOGICA che se

            qualcuno lo acquista NON è un utonto e lo userà

            in combo con un applicazione tipo truecrypt o

            magari un applicazione fornita con l'aggeggio

            stesso (molto ma molto più probabile) che

            permette di criptare l'intero

            HD...

            Se uno non e' un utonto usa la password, la usa
            sicura, e soprattutto non la
            dimentica.
            Questo coso invece ha tutta l'aria di essere un
            accrocchio per utonti, che permette agli utonti
            medesimi di non scegliere come password la data
            di nascita, o di non dimenticarla, o di non
            scriverla sul post-it appiccicato al
            monitor.
            Inoltre, essendo utonti, la usano solo per
            accedere al sistema (il quale continua ad essere
            popolato di trojan che propagano all'esterno dati
            sensibili senza bisogno di
            dita).
            utonti a parte non credo che sia umanamente possibile fare una password lunga e complessa come la fa l'aggeggio in discussione e poi ricordarsela...

            spero che adesso tu avrai capito quello che

            volevo farti capire quando ho detto "SE è

            criptato non leggi proprio una bella cippa"

            Se e' criptato, quindi lo decripti col dito?
            Vogliamo parlare di cose pratiche?
            Vogliamo parlare di winsozz?
            In quale versione di winsozz il filesystem e'
            criptato?Se è criptato e hd non è tuo non lo decripti punto.Windows non centra nulla visto che non credo che questo strumento venga usato per la password del login di windows ma semmai un login apposito prima del boot.Come ho già scritto se si usa truecrypt + "il coso li del dito" l'hdd diventa indecriptabile mentre truecrypt con password normale magari è decriptabile con un bruteforce
          • pluto scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?

            In quale versione di winsozz il filesystem e'
            criptato?Già in XP puoi criptare i file tant'è che se cripti un file e poi cambi la password utente, quel file non lo apri più.Quindi tornano al discorso iniziale:1. crei una password robusta2. utilizzi il programnma di riconoscimento imporonte/vene/retina/pelledelgomito/... per associare le tue credenziali di acXXXXX (user + password) con 3 dita/10 vene/2 occhi/ 2 gomiti3. cripti i file che reputi importanti.Se poi ti rubano il pc e levano l'hd o più semplicemente fanno il boot da una qualsiasi delle distro linux "repair" che consentono di modificare la password di admin di windows, accedi al disco ma i dati criptati non li vedi, a meno di non conoscere la password robusta o di non tentare attacchi vari per scoprirla.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            contenuto non disponibile
          • aaaaaaaaaaa a scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            Modificato dall' autore il 04 febbraio 2009 12.58
            --------------------------------------------------ma che centra? tanto alla fine dovrai cmq utilizzare una password per accedere e quella è sempre scovabile a meno che non sia di una lunghezza e complessità tale che anche i pc più potenti impieghino VITE per trovarle,perchè vite? xkè se sono morto non mi interessa se accedono al mio portatile :)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ma che cosa protegge questa roba?
            contenuto non disponibile
  • Funz scrive:
    Se mi rubano la carta di credito
    o il bancomat, posso bloccarli.Se mi rubano la password di un sito, posso cambiarla.Se mi rubano l'impronta digitale, o il pattern delle vene del dito o della retina, che faccio?
    • nessuno scrive:
      Re: Se mi rubano la carta di credito
      blocchi l'associazione del tuo account alla tua impronta digitale
      • Funz scrive:
        Re: Se mi rubano la carta di credito
        - Scritto da: nessuno
        blocchi l'associazione del tuo account alla tua
        impronta
        digitaleE poi faccio un altro account ma serve a poco, visto che la mia impronta digitale ce l'hanno già
  • Gialappa scrive:
    la fine delle dita mozzate
    LOL, cosa non si inventa la gente per evitare che "l'attaccante" gli mozzi le dita per usarne le impronte digitali!
  • Cobra Reale scrive:
    Un dubbio mi attanaglia
    La biometria per certi versi mi interessa, ma per altri mi preoccupa: che tutte queste tecnologie di riconoscimento possano fare la gioia del Grande Fratello?
    • r1348 scrive:
      Re: Un dubbio mi attanaglia
      Più che altro, pensa alla gioia di chiuderti il dito nella portiera della macchina e improvvisamente perdere l'acXXXXX al tuo laptop...
      • pluto scrive:
        Re: Un dubbio mi attanaglia
        Puoi codificare più di un dito; e comunque sul portatile che ho io (lenovo sl500) puoi continuare ad accedera anche con la password
        • Redfoxy scrive:
          Re: Un dubbio mi attanaglia
          - Scritto da: pluto
          Puoi codificare più di un dito; e comunque sul
          portatile che ho io (lenovo sl500) puoi
          continuare ad accedera anche con la
          passwordSi ma a quel punto l'autenticazione biometrica non ha più senso
Chiudi i commenti