UE: l'ebook non è un libro

L'IVA ribassata fissata da Francia e Lussemburgo può applicarsi solo ai testi che risiedano su un supporto fisico: gli ebook, invece, sono servizi. Che ne sarà della normativa italiana?

Roma – La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha bocciato le misure con cui Francia e Lussemburgo hanno abbassato la tassazione sugli ebook, equiparandola a quella dei libri.

Bruxelles, in realtà, già nel 2012 si era espressa sull’abbassamento delle aliquote da parte dei due paesi, in Francia al 7 e nel Lussemburgo al 3 per cento, obbligandole a riallinearla a quella degli altri paesi . Secondo la Commissione Europea la disomogeneità di tassazione avrebbe creato un vantaggio illegittimo a favore degli operatori del settore. In quel caso al centro vi erano le tasse dovute da Amazon.

Nel frattempo un’altra decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea aveva permesso ai giudici di fare un parziale passo indietro affermando che “non ostano a una normativa nazionale che assoggetta i libri pubblicati in formato cartaceo a un’aliquota IVA ridotta e quelli che sono pubblicati su altri supporti fisici, come CD, CD-ROM o chiavette USB, all’aliquota normale di tale imposta”.

Ora, invece, con le sentenze relative alle cause C-479/13 e C-502/13 , che vedono la Commissione contrapposta rispettivamente a Francia e Lussemburgo, i giudici del Vecchio Continente affermano che la normativa europea permette la possibilità di un’aliquota IVA ridotta per i libri, ma solo su un supporto fisico che è parte integrante del libro : secondo l’interpretazione della Corte di Giustizia questo identifica solo la carta. Per quanto riguarda gli ebook, infatti, le sentenze notano che necessitano di un supporto fisico ulteriore per essere letti e questo supporto “non è fornito insieme al libro elettronico”.

La Corte, inoltre, sottolinea che in materia di tassazione le regole UE “vietano la possibilità di applicare un’IVA ridotta a qualunque servizio fornito per via elettronica”.

La parte più sostanziale della sentenza appare tuttavia quella in cui i giudici cercano di trovare un’ interpretazione che possa permettere agli Stati di adottare un’aliquota inferiore per gli ebook : per farlo ha esaminato la possibilità di considerare l’ebook come un bene più che come un servizio ed è qui, tuttavia, che sembrano arenarsi le possibilità di chi vuole una tassazione dei libri digitali equiparata a quella dei volumi cartacei. Solo il supporto fisico che permette la lettura però, è stato ritenuto classificabile come “bene materiale”, mentre “la fornitura di libri elettronici rappresenta un “servizio fornito per via elettronica””.

La risposta degli editori internazionali alla sentenza è stata immediata : “Sollecitiamo la UE ad agire rapidamente per modificare la legislazione in materia, per consentirne l’adeguamento al progresso tecnologico e per rimuovere un serio ostacolo allo sviluppo del mercato e-book”. Con la conferma della posizione europea in materia dovrà fare i conti anche l’Italia , che con la legge di Stabilità 2015 ha disposto di abbattere dal 22 per cento al 4 per cento l’IVA sugli ebook, equiparandoli ai libri cartacei.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    certo che sarebbe figo poter
    certo che sarebbe figo poter exploitare il medesimo programma contemporaneamente su xbox, pc, winphone, stp ... sai che botnet ci viene? :D
  • prova123 scrive:
    Unreal Tournament
    aaah però, il nuovo che avanza! Basta rispolverare i vecchi CD.Comunque Unreal Tournament è sintomatico del fatto che i giochi per PC ne risulteranno castrati (come avviene già oggi) per non fare figurare male la console. Conseguenza naturale degli odierni giochi multipiattaforma è che siccome devono girare anche su smartphone e non si deve vedere differenza con i dispositivi nettamente superiori allora chi ha il dispositivo migliore lo prende in saccoccia... identico discorso vale per PS4 & Co., etc.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Unreal Tournament
      sta cosa del non fare "sfigurare le console" è l'ennesima teoria del complotto dei PICISITI estremisti, che non hanno ancora capito che c'è un problema di fondo che va al di là della piattaforma.
    • Pinguino scrive:
      Re: Unreal Tournament
      Sono castrati ma per altri motivo: dlc drm e via discorrendo, comunque sono tutti deboli per non dire peggio dal punto di vista del gameplay oltre al fatto che hanno subito negli anni un sistematico e scriteriato proXXXXX di semplificazione per venire in contro ad una utenza molto più giovane e con lo scopo di consumare in fretta e passare ad un altro gioco.
  • James Kirk scrive:
    Finalmente ci sono arrivati!
    Quello che si sarebbe dovuto fare con la prima Xbox (e che forse era una ipotesi di lavoro) la fanno solo ora che sentono che il terreno gli vibra sotto i piedi.Comunque meglio tardi che mai ... e comunque l'implementazione è tutta da vedere.
Chiudi i commenti