Zuckerberg: Apple ostacola gli app store alternativi

Zuckerberg: Apple ostacola gli app store alternativi

Mark Zuckerberg ha dichiarato che le regole introdotte da Apple per rispettare il Digital Markets Act ostacolano il lancio di app store alternativi.
Zuckerberg: Apple ostacola gli app store alternativi
Mark Zuckerberg ha dichiarato che le regole introdotte da Apple per rispettare il Digital Markets Act ostacolano il lancio di app store alternativi.

Le nuove regole introdotte da Apple per rispettare il Digital Markets Act sono state criticate da molti concorrenti, tra cui Microsoft, Epic Games, Mozilla e Spotify. All’elenco si aggiunge ora Meta. Il CEO Mark Zuckerberg ha dichiarato che sarà molto difficile offrire un’app store alternativo in Europa.

Nessun app store di Meta su iOS?

Gli sviluppatori avranno due opzioni a partire dal 7 marzo, quando verrà applicato il Digital Markets Act. Potranno rispettare le attuali linee guida di App Store oppure scegliere le nuove regole. Nel primo caso dovranno sempre distribuire le app tramite store ufficiale e usare il metodo di pagamento di Apple. Nel secondo caso potranno distribuire le app tramite store alternativi e usare metodi di pagamento esterni.

Apparentemente sembra un’ottima soluzione, ma “il diavolo è nei dettagli”. Scegliendo le nuove regole, gli sviluppatori dovranno pagare anche la Core Technology Fee, una commissione aggiuntiva di 0,50 euro per ogni prima installazione, reinstallazione e aggiornamento annuale, se l’app è molto popolare (oltre un milione di download). La “tassa” si applica alle app distribuite da qualsiasi store (ufficiale e terze parti) e agli stessi store alternativi (che sono app).

Accettando le nuove regole in Europa, Meta dovrà quindi pagare diversi milioni di euro per le sue app gratuite (Facebook, Instagram, WhatsApp e Threads) e per un eventuale app store. Durante la earnings call di ieri sera, Mark Zuckerberg ha dichiarato:

Non penso che la questione Apple avrà alcuna differenza per noi. Poiché penso che per il modo in cui l’hanno implementato, sarei molto sorpreso se uno sviluppatore scegliesse di lanciare app store alternativi. L’hanno reso così oneroso, e penso così in contrasto con l’intento del regolamento UE, quindi sarà molto difficile per chiunque, compresi noi stessi, prendere seriamente in considerazione ciò che stanno facendo.

In pratica, Meta non lancerà quasi certamente un app store alternativo. Circa quattro anni fa, l’azienda di Menlo Park aveva annunciato l’app Facebook Gaming. Due anni dopo è stato interrotto lo sviluppo perché Apple non permetteva di accedere ai giochi in streaming. Con le nuove regole di App Store è ora possibile, ma la Core Technology Fee rappresenta un costo eccessivo.

A proposito dei risultati finanziari, Meta ha registrato entrate per 40,1 miliardi di dollari nel quarto trimestre fiscale del 2023 (+25% rispetto allo stresso periodo del 2022). Le entrate della divisione Reality Labs sono passate da 727 milioni a 1,07 miliardi di dollari, ma le perdite sono aumentate da 4,28 a 4,65 miliardi di dollari per un totale annuale di oltre 16 miliardi di dollari.

Zuckerberg ha confermato gli investimenti per metaverso, realtà virtuale e realtà aumentata, ma sembra che il nuovo obiettivo del CEO sia l’intelligenza artificiale generale.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 2 feb 2024
Link copiato negli appunti