Aereo, il valore degli avanzi

Il servizio dedicato alla ritrasmissione televisiva in streaming si è scontrato con la legge e ne è uscito a pezzi. Pezzi svenduti al miglior offerente, tra concorrenti e patent troll

Roma – Il tentativo di aggirare le regolamentazioni statunitensi per ritrasmettere in streaming la programmazione televisiva facendo leva sulla propria tecnologia di microantenne si è scontrato con l’ira dei broadcaster a cui non pagava le licenze fissate per legge, e con il parere della Corte Suprema, che l’ha decretato illegale: Aereo si era rassegnato a non reinventarsi e aveva accettato la bancarotta . La spartizione di ciò che rimane del servizio si è compiuta: il valore totale degli asset venduti non supera i 2 milioni di dollari.

TiVo, il servizio di DVR che con Aereo condivideva sia l’afflato innovativo sia la battaglia per la propria legalità con i broadcaster, a cui ha ceduto anni or sono con sistemi DRM in grado di scoraggiare la pirateria, si è aggiudicato per 1,54 milioni di dollari il marchio di Aereo, insieme all’archivio dei suoi utenti e ad altri asset non meglio specificati che potrebbero essere reinvestiti al servizio dei propri progetti ; RPX, specializzata nel far fruttare proprietà intellettuale altrui, si è aggiudicata per 225mila dollari i brevetti; il fornitore di servizi IT Alliance Technology Solutions si è appropriato dell’infrastruttura per 320mila dollari.

Aereo resta proprietaria di altri elementi invenduti: l’azienda auspicava di raggranellare tra i 4 e i 31 milioni di dollari, ma potrà restituire ai propri creditori meno di 2 milioni.

La somma racimolata con la spartizione dei beni del servizio è stata definita deludente dall’azienda: Aereo, prima della decisione con cui è culminata l’offensiva legale dei broadcaster, poteva contare su una platea in espansione che si stima in 100mila utenti, e sulla fiducia di investitori che vi avevano infuso una cifra che si aggira intorno ai 100 milioni di dollari. La sproporzione tra la somma raccolta con l’asta e il valore di Aereo prima che venisse decretato illegale si deve ancora misurare con la richiesta di risarcimento delle emittenti, che resta da fissare in tribunale.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti