Anche l'Italia si accorge di Bitcoin

Il Parlamento italiano affronterà la questione delle monete virtuali: la prima proposta prevede l'identificazione per transazioni che superino una certa soglia. Il resto del mondo è in fermento

Roma – Con il decreto legge “Destinazione Italia” si inizia a parlare di Bitcoin anche nei Palazzi del Belpaese: la moneta crittografica è al centro di una proposta di Sinistra e Libertà (SEL).

A presentare un emendamento specifico dal titolo “Disposizioni concernenti la limitazione dell’uso del contante e la promozione dell’impiego della moneta elettronica” è stato il deputato di Sel Sergio Boccadutri, che in vista dell’incontro “Obiettivo ePayment” organizzato da CashlessWay, associazione nata per promuovere la cultura digitale dei pagamenti, ha voluto così avviare il discorso su Bitcoin. L’intenzione di Boccadutri è – si spiega – quella di agevolare la diffusione dei pagamenti elettronici e riconoscere il successo e la diffusione di Bitcoin.

Tuttavia l’approccio adottato con l’emendamento è quello della regolazione dei suoi scambi, tanto che più che favorire sembra inglobare la valuta digitale nelle innumerevoli norme sulla circolazione del contante, oltretutto con un’ulteriore disposizione per la tracciabilità delle “transazioni superiori in valore a 1.000 euro”, che ha attirato diverse critiche già all’annuncio della proposta di legge: i primi dubbi sono legati alla quantificazione del valore (per Bitcoin dipende dal singolo exchange dove si effettua lo scambio, mentre non c’è un cambio riconosciuto BTC/EUR), e non sembra essere chiaro chi dovrebbe essere “il titolare effettivo” che si dovrebbe far identificare (in maniera ancora indefinita) al superamento di tale fatidica soglia.

L’Italia, d’altronde, non è l’unica ad affrontare le questioni legate alla criptovaluta: diversi paesi già sono intervenuti sulla questione, più che altro prendendo tempo o diffidando della diffusione di una moneta virtuale che secondo alcune istituzioni potrebbe portare instabilità al mercato finanziario.

Ad oggi Bitcoin è scambiato intorno ai 900 dollari e dopo un periodo molto altalenante (che a fine novembre gli ha fatto raggiungere quota 1.165,90 dollari) sembra ora aver raggiunto una sorta di stabilità che per alcuni osservatori è segno indiscusso di maturità.

A (non) intervenire sull’argomento, da ultimo, è stato il Canada che pur non riconoscendo il corso legale di Bitcoin, ha dichiarato di voler continuare a monitorare la situazione delle “monete virtuali”. Nello stesso modo sono intervenute le autorità israeliane.

Nel frattempo in Corea del Sud Bitcoin, pur non essendo stato abbracciato dal governo, si dimostra invece molto apprezzato almeno in un determinato settore, quello delle startup, tanto che il fondo Korbit collegato alla criptomoneta, un’azienda già in attivo, ha ottenuto 400mila dollari in finanziamenti da diversi business angel e venture capitalist e ha visto il ministro della Scienza aiutare le parti ad incontrarsi.

Se i paesi stanno ancora discutendo, tuttavia, sono diversi gli operatori finanziari che si stanno muovendo attivamente: a San Paolo del Brasile è stato installato il primo bancomat Bitcoin dell’America del Sud, eBay UK ha iniziato ad accettare la vendita della moneta attraverso i Classified Ads della sua piattaforma, OpenBSD è stato salvato da una donazione da 20mila dollari in Bitcoin da parte di Mircea Popescu, il creatore della piattaforma di stock exchange Bitcoin MPEx, mentre Dogecoin, una crittomoneta che ammicca ai meme, ha finanziato con 30mila dollari una squadra di bob giamaicana che sta cercando attraverso il crowdfunding il denaro necessario per partecipare alle Olimpiadi.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Errore nell'articolo
    (ma tanto nessuno se ne fregherà, come sempre)La celluloide (che si usava all'epoca dei film muti) non la si usa più da tantissimo, a causa della sua infiammabilità.In seguito si è usato il triacetato di cellulosa ma oggi si usa il poliestere (vale anche per i formati ridotti).
    • obbligo di firma scrive:
      Re: Errore nell'articolo
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      (ma tanto nessuno se ne fregherà, come sempre)
      La celluloide (che si usava all'epoca dei film
      muti) non la si usa più da tantissimo, a causa
      della sua
      infiammabilità.
      In seguito si è usato il triacetato di cellulosa
      ma oggi si usa il poliestere (vale anche per i
      formati
      ridotti).eh, quant'è bella wikipedia...
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Errore nell'articolo
        - Scritto da: obbligo di firma
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

        (ma tanto nessuno se ne fregherà, come
        sempre)

        La celluloide (che si usava all'epoca dei
        film

        muti) non la si usa più da tantissimo, a
        causa

        della sua

        infiammabilità.

        In seguito si è usato il triacetato di
        cellulosa

        ma oggi si usa il poliestere (vale anche per
        i

        formati

        ridotti).
        eh, quant'è bella wikipedia...No basta avere avuto a che fare con le bobine in super8 piratate ed aver potuto quindi apprezzare il doppiaggio vero italiano di Biancaneve (1938) e non il ridoppiaggio del 1972
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Evoluzione, Morpheus, evoluzione
    Come per i dinosauri.Guarda dalla finestra, avete fatto il vostro tempo.Il futuro è il nostro mondo, Morpheus: il futuro è... il nostro tempo.
  • zsnd scrive:
    non è esattamente cosi
    la prima casa a parlare di passaggio integrale fu la Disney tre anno fa ponendo come data limite il 2014 seguita a ruota dalla fox.Per il passaggio al digitale le sale che montano un sistema digitale esiste un ritorno economico una specie di aiuto chiamato vpf virtual fee print cioè ti ritorno una parte dei soldi che risparmio dalla non stampa delle pellicole. I soldi non sono gestiti in modo indipendente dalle case conta solo se proietti in digitale e per quanti giorni quel film. Unico neo i soldi ci saranno solo fino al 2015, per ora, era un aiuto al passaggio al digitale poi a soldi finiti ciccia, ma teoricamente si sta cambiando digitali nelle sale dal 2008 e i primi digitali costavano almeno 150.000 euro che confrontati cosi 40.000 di un proiettore in pellicola completo erano un'enormità.Se sapete come sproteggere un dcp sono tutt'orecchi. Ma come si diceva in un film: "Niente ca..ate"
  • Experience scrive:
    pellicole
    L'importante che non scompaia la mia Kodak-TriX o Fuji Neopan 400 dalla mia fotocamera, allora sì che saran dolori.
  • panda rossa scrive:
    apparecchiature da 70.000
    Le piccole sale non possono permettersi 70.000 euro di apparecchiatura, ma possono permettersi almeno 35 pellicole l'anno da 2.000 euro ciascuna?
    • Volox scrive:
      Re: apparecchiature da 70.000
      i 2000 dollari di cui parla l'articolo sono il costo di produzione di una copia in pellicola di un film, che non vengono pagati dalle sale cinematografiche però, ma dalle case di produzione, per questo per loro è vantaggioso il passaggio al digitale. così i costi di adeguamento al digitale vengono pagati dalle sale, che però dal minor costo di produzione delle copie non traggono vantaggi in quanto il costo di noleggio della copia anche se su HD rimane invariato.
      • Guybrush scrive:
        Re: apparecchiature da 70.000
        - Scritto da: Volox
        i 2000 dollari di cui parla l'articolo sono il
        costo di produzione di una copia in pellicola di
        un film, che non vengono pagati dalle sale
        cinematografiche però, ma dalle case di
        produzione, per questo per loro è vantaggioso il
        passaggio al digitale. così i costi di
        adeguamento al digitale vengono pagati dalle
        sale, che però dal minor costo di produzione
        delle copie non traggono vantaggi in quanto il
        costo di noleggio della copia anche se su HD
        rimane
        invariato.Ovvero...Se stampare una pellicola costa 2000$ e sostengo io quel costo, è evidente che so come rientrare della spesa.Per esempio: produco la pellicola e poi la "noleggio" per 3500$ la settimana, per le prime 4 settimane, poi il costo scende. Adesso produco un disco dal costo di 100$, serigrafato così so chi è che mi fotte le copie pirata, e lo noleggio per 3500$ la settimana. Con una "semplice" operazione ho un guadagno netto di 1900$ per copia e so chi è che mi fotte le copie.La convenienza è duplice, il costo nel tempo si riduce, i profitti no.GT
  • anverone99 scrive:
    Mah..
    Figo! Gia' la sera della prima proiezione usciranno in rete le copie in hd!Piratare sara' una bellezza. Mi ricorda il passaggio nel mondo audio dal vinile al cd!
    • Proiezionis ta scrive:
      Re: Mah..
      Te lo scordi di riuscire a de-crittografare i dcp degli hard disk!Premesso che la cosa è illegale e immorale.La chiave per de-crittografare i DCP viene inviata ai cinema a sua volta crittografata con la chiave pubblica dello specifico proiettore.il film esce solo dall'obbiettivo non ci sono monitor di servizio da cui pescare il film.il film viene decrittografato in tempo reale non ci sono copie decrittografate sugli hard-disk del server.Un proiettore d-cinema costa minimo 35.000 euro ti passa la voglia di aprirlo per cercare di recuperare la chiave.I proiettori sono pieni di batterie e sistemi di sicurezza che penso siano li apposta per cancellarla in caso di manomissioni.Anche in caso riesci a recuperare la chiave puoi decrittare solo i film destinati a quel cinema finchè non viene cambiata.Supposto che in qualche modo riesci a decrittografare un DCP lo sai che un film in 2K può occupare fino a 260 GB quanti anni devi lasciare acceso il pc per scaricarlo illegalmente?sottolineo ancora una volta: illegalmente.
      • Gnorante scrive:
        Re: Mah..
        - Scritto da: Proiezionis ta
        Te lo scordi di riuscire a de-crittografare i
        dcp degli hard disk!Secondo intel e' possibile risalire alla chiave di criptazione: http://www.theinquirer.net/inquirer/news/1733749/intel-confirms-hdcp-cracked
        • Proiezionis ta scrive:
          Re: Mah..
          Mi sembra che HDCP non centri con il cinema, è una tecnologia per uso casalingo.Al cinema i film non arrivano su blu-ray e il proiettore non è collegato al server con un banale cavo hdmi anche perchè non ce la farebbe a portare il 3D-4K-HFR
      • Proiezionis ta scrive:
        Re: Mah..
        Inoltre ogni copia è apposta leggermente diversa dalle altre quindi in caso il film venga ripreso con una videocamera in sala è facile risalire alla sala in cui è stata ripresa e prima o poi beccare lo scemo con la videocamera.Noi abbiamo un proiettore 4K DCI-compilant ti assicuro che non riesci a convincere il tuo cervello che ciò che vedi non è realtà.Siamo una piccola sala e da noi il biglietto è solo 6 euro.non scaricate, venite al cinema.
        • Gnorante scrive:
          Re: Mah..
          - Scritto da: Proiezionis ta
          Inoltre ogni copia è apposta leggermente diversa
          dalle altre quindi in caso il film venga ripreso
          con una videocamera in sala è facile risalire
          alla sala in cui è stata ripresa e prima o poi
          beccare lo scemo con la videocamera.Si chiamano watermark, per eliminarlo occorre avere due copie da confrontare.
          Noi abbiamo un proiettore 4K DCI-compilant ti
          assicuro che non riesci a convincere il tuo
          cervello che ciò che vedi non è realtà.
          Siamo una piccola sala e da noi il biglietto è
          solo 6 euro.
          non scaricate, venite al cinema.Ci fossero film decenti invece del remake del reboot del remake...
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Mah..
          Qualche volta all'anno si può fare, ovviamente con popcorn preparate a casa; per tutte le altre occasioni, non preoccuparti ... al cinema non ci sarei venuto comunque !
        • Snail Owden scrive:
          Re: Mah..
          - Scritto da: Proiezionis ta
          da noi il biglietto è solo 6 euro.Troppi.
          non scaricate, venite al cinema.Vuoi forse dire che il tuo catalogo è più vasto di tutta Internet?
          • Proiezionis ta scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: Snail Owden
            - Scritto da: Proiezionis ta


            da noi il biglietto è solo 6 euro.

            Troppi.


            non scaricate, venite al cinema.

            Vuoi forse dire che il tuo catalogo è più vasto
            di tutta
            Internet?Vorrei riportarti con i piedi per terra...Se da 6 euro inizi a togliere la parte dovuta ai distributori, la parte dovuta alla Siae, l'ammortamento per 60.000 euro di attrezzatura, i contratti di manutenzione, le bollette, le spese straordinarie, ti garantisco che non rimane quasi niente nonostante da noi siamo quasi tutti volontari e la sala non sia a fini di lucro.Oltretutto un proiettore a pellicola è una macchina abbastanza semplice può lavorare 50 anni senza guasti basta cambiare obbiettivi(costosi) e le lampade (allo xenon che costano minimo 1000euro l'una)Mentre un proiettore digitale DCI è molto più complesso e di conseguenza dura meno.Chi ci ha guadagnato con il passaggio al digitale sono i distributori che continuano a prendere gli stessi soldi nonostante il loro lavoro si sia alleggeritoLe vpf le hanno inventate loro, secondo delle regole che si sono inventati loro quindi puoi immaginare che alle sale piccole a cui tra l'altro piace essere indipendenti non arrivi niente :-)
        • obbligo di firma scrive:
          Re: Mah..
          - Scritto da: Proiezionis ta
          Inoltre ogni copia è apposta leggermente diversa
          dalle altre quindi in caso il film venga ripreso
          con una videocamera in sala è facile risalire
          alla sala in cui è stata ripresa e prima o poi
          beccare lo scemo con la
          videocamera.

          Noi abbiamo un proiettore 4K DCI-compilant ti
          assicuro che non riesci a convincere il tuo
          cervello che ciò che vedi non è
          realtà.

          Siamo una piccola sala e da noi il biglietto è
          solo 6
          euro.

          non scaricate, venite al cinema.ma taci, 6 euro per quale film poi, ce lo dici per piacere?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: obbligo di firma
            - Scritto da: Proiezionis ta

            Inoltre ogni copia è apposta leggermente
            diversa

            dalle altre quindi in caso il film venga
            ripreso

            con una videocamera in sala è facile risalire

            alla sala in cui è stata ripresa e prima o
            poi

            beccare lo scemo con la

            videocamera.



            Noi abbiamo un proiettore 4K DCI-compilant ti

            assicuro che non riesci a convincere il tuo

            cervello che ciò che vedi non è

            realtà.



            Siamo una piccola sala e da noi il biglietto
            è

            solo 6

            euro.



            non scaricate, venite al cinema.
            ma taci, 6 euro per quale film poi, ce lo dici
            per
            piacere?I superfilmoni di adesso, tipo "angry games" o "il segnato"Roba da far impallidire Avatar.
          • obbligo di firma scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: obbligo di firma

            - Scritto da: Proiezionis ta


            Inoltre ogni copia è apposta leggermente

            diversa


            dalle altre quindi in caso il film venga

            ripreso


            con una videocamera in sala è facile
            risalire


            alla sala in cui è stata ripresa e
            prima
            o

            poi


            beccare lo scemo con la


            videocamera.





            Noi abbiamo un proiettore 4K
            DCI-compilant
            ti


            assicuro che non riesci a convincere il
            tuo


            cervello che ciò che vedi non è


            realtà.





            Siamo una piccola sala e da noi il
            biglietto

            è


            solo 6


            euro.





            non scaricate, venite al cinema.

            ma taci, 6 euro per quale film poi, ce lo
            dici

            per

            piacere?

            I superfilmoni di adesso, tipo "angry games" o
            "il
            segnato"e che roba è? per dodicenni? 6 euri buttati, allora
          • p4bl0 scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: obbligo di firma
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: obbligo di firma


            - Scritto da: Proiezionis ta



            Inoltre ogni copia è apposta
            leggermente


            diversa



            dalle altre quindi in caso il film
            venga


            ripreso



            con una videocamera in sala è
            facile

            risalire



            alla sala in cui è stata ripresa e

            prima

            o


            poi



            beccare lo scemo con la



            videocamera.







            Noi abbiamo un proiettore 4K

            DCI-compilant

            ti



            assicuro che non riesci a
            convincere
            il

            tuo



            cervello che ciò che vedi non è



            realtà.







            Siamo una piccola sala e da noi il

            biglietto


            è



            solo 6



            euro.







            non scaricate, venite al cinema.


            ma taci, 6 euro per quale film poi, ce
            lo

            dici


            per


            piacere?



            I superfilmoni di adesso, tipo "angry games"
            o

            "il

            segnato"
            e che roba è? per dodicenni? 6 euri buttati,
            alloratutti critici cinematografici adesso..
        • cicciobello scrive:
          Re: Mah..
          - Scritto da: Proiezionis ta
          Inoltre ogni copia è apposta leggermente diversa
          dalle altre quindi in caso il film venga ripreso
          con una videocamera in sala è facile risalire
          alla sala in cui è stata ripresa e prima o poi
          beccare lo scemo con la
          videocamera.Puoi risalire al cinema, e magari anche al giorno.... ma se non hai preso i nomi di tutti gli spettatori di quel giorno non vai molto oltre.Non so come fate voi, ma a me nessuno ha mai chiesto i documenti (o anche solo chiesto il nome) quando sono andato al cinema.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Mah..
        contenuto non disponibile
      • Passante scrive:
        Re: Mah..
        - Scritto da: Proiezionis ta
        Te lo scordi di riuscire a de-crittografare i dcp
        degli hard disk!
        Premesso che la cosa è illegale e immorale.
        Supposto che in qualche modo riesci a
        decrittografare un DCP lo sai che un film in 2K
        può occupare fino a 260 GB quanti anni devi
        lasciare acceso il pc per scaricarlo
        illegalmente?Lo Hobbit in 3D, IMAX, 48fps arrivava a 489GBMa lo si converte, che problema c'e' !
        sottolineo ancora una volta: illegalmente.Si si abbiamo capito, illegalmente.
        • Proiezionis ta scrive:
          Re: Mah..

          Ma lo si converte, che problema c'e' !C'è che ne perdi in qualità!puoi cercare un algoritmo più efficente ma oltre un certo limite non poi spingertiComunque nessuno (che io sappia) è mai riuscito a decrittare un DCP.Poi è anche un questione di gusti c'è chi preferisce vedersi i film su schermi che si misurano in piedi e chi preferisce guardarseli su schermi da 10 pollici, con un altoparlante da 10 watt.
          • krane scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: Proiezionis ta

            Ma lo si converte, che problema c'e' !
            C'è che ne perdi in qualità!
            puoi cercare un algoritmo più efficente ma oltre
            un certo limite non poi spingertiMa mica devo vedermelo in uno schermo grande come quello del cinema, che me ne farei di tutti quei pixel che non ho sullo schermo ?
            Comunque nessuno (che io sappia) è mai riuscito a
            decrittare un DCP.
            Poi è anche un questione di gusti c'è chi
            preferisce vedersi i film su schermi che si
            misurano in piedi e chi preferisce guardarseli su
            schermi da 10 pollici, con un altoparlante da 10
            watt.Senza pampini che fanno rumore, maledetti...E mettendolo in pausa per sgranocchiare ed andare in bagno.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Mah..

            C'è che ne perdi in qualità!
            puoi cercare un algoritmo più efficente ma oltre
            un certo limite non poi
            spingertiDiciamo che ci si può accontentare anche di scalarlo in FullHD...
            Comunque nessuno (che io sappia) è mai riuscito a
            decrittare un
            DCP.Se è così probabilmente è perché non c'è ancora così tanta attenzione, e poi una cosa è copiarti un DVD/BluRay a casa nella tua stanza, una cosa è smanettare con un proiettore da decine di migliaia di euro, rischieresti il posto di lavoro e, se il cinema è tuo, una denuncia... Non ne varrebbe proprio la pena.
            Poi è anche un questione di gusti c'è chi
            preferisce vedersi i film su schermi che si
            misurano in piedi e chi preferisce guardarseli su
            schermi da 10 pollici, con un altoparlante da 10
            watt.Dipende dal film. Di sicuro Avatar mi ha fatto piacere vederlo al cinema (11 euro per la cronaca) ma il cinepanettone non ha senso di essere visto al cinema (per me non ha senso in generale, ma sono gusti).
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: Proiezionis ta
            Poi è anche un questione di gusti c'è chi
            preferisce vedersi i film su schermi che si
            misurano in piedi e chi preferisce guardarseli su
            schermi da 10 pollici, con un altoparlante da 10
            watt.C'è anche chi non può muoversi di casa: l'attrezzatura per vedere il film gliela porti tu fino a casa sua? (ovviamente a non più del prezzo del biglietto che pagano tutti)C'è anche chi (come me) non può guardare il film se non alle 3 di notte: me lo apri tu il cinema a quell'ora e magari mi paghi il taxi andata e ritorno fino a casa? (tutto ovviamente a non più del prezzo del biglietto che pagano tutti)Poi comunque al giorno d'oggi il monitor più scrauso per pc sarà da 16 pollici, a 10 pollici ci arrivano i tablet e le cornici digitali... i televisori seri vanno dai 36" in su.A maggior ragione se uno ha risparmiato una vita per potersi comprare un televisore 50" o 60" poi perché dovrebbe uscire per andare al cinema (pagando ulteriormente) quando, in ambito domestico e vista la distanza dallo schermo, non si noterebbe la differenza?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 gennaio 2014 16.18-----------------------------------------------------------
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Mah..
            I monitor pc più piccoli sono da 19 pollici o 20, poi si va sui 24 fino ai 27 pollici.Per il resto le TV a 50 polli "non costano tanto", cioè li trovi anche a 500 euro, almeno che non lo vuoi super acXXXXXriato, con supporto del decoder satellitare, smart TV, 3d e XXXXXX vari.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: Sg@bbio
            I monitor pc più piccoli sono da 19 pollici o 20,
            poi si va sui 24 fino ai 27
            pollici.

            Per il resto le TV a 50 polli "non costano
            tanto", cioè li trovi anche a 500 euro, almeno
            che non lo vuoi super acXXXXXriato, con supporto
            del decoder satellitare, smart TV, 3d e XXXXXX
            vari.A 500 euro troverai la cineseria.La mia TV 50" è Samsung (modello 2013) e l'ho pagata (a luglio) ben più di 1000 euro (meno di 1500 :D)
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Mah..
        - Scritto da: Proiezionis ta
        Supposto che in qualche modo riesci a
        decrittografare un DCP lo sai che un film in 2K
        può occupare fino a 260 GB quanti anni devi
        lasciare acceso il pc per scaricarlo
        illegalmente?Un film in BR pesa 25 GB, lo stesso film in MKV 1080p a qualità praticamente identica ne pesa tra i 5 e i 10.Se non si pretende il 2K (cosa virtualmente inutile in ambito casalingo visto che praticamente nessuno ha schermi di quella qualità) si può benissimo downscalare a 1080p, cioè il FullHD che è una qualità più che ottima... e in tal caso a parità di codec scendiamo da 260 a 65 GB, riencodando in mkv, magari in x264, si riesce a recuperare ancora un bel po' ed in tal caso una dimensione di 10-15 GB è realistica ed è perfettamente scaricabile (con fibra) in un paio d'ore.
        • Francesco scrive:
          Re: Mah..
          Ehi, il 2K è praticamente identico al 1080p, non è che a fare il downscaling guadagni chissà che ;-)http://it.wikipedia.org/wiki/File:Digital_cinema_formats.png
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Mah..
            - Scritto da: Francesco
            Ehi, il 2K è praticamente identico al 1080p, non
            è che a fare il downscaling guadagni chissà che
            ;-)Credo che sia lui che me intendessimo il 4K, anche perché è quella la risoluzione dei D-Cinema, non il 2K.
Chiudi i commenti