Bitcoin escluso dal Ministero delle Finanze Russo nella vendita di petrolio

Bitcoin escluso dal Ministero delle Finanze Russo nella vendita di petrolio

Il Ministero delle Finanze Russo ha definito Bitcoin un metodo di pagamento per le piccole transazioni, ma non per le esportazioni di petrolio.
Il Ministero delle Finanze Russo ha definito Bitcoin un metodo di pagamento per le piccole transazioni, ma non per le esportazioni di petrolio.

Altro dietrofront della Russia sul piano criptovalute. Diversi mesi fa sembrava che il Paese fosse propenso ad adottare Bitcoin per il pagamento di gas e petrolio. Al contrario, proprio in questi giorni è arrivata una notizia che è afferma l’esatto opposto.

Infatti, il Ministero delle Finanze Russo ha fatto sapere che Bitcoin può essere un’opzione di pagamento utilizzabile per le piccole transazioni, ma non per le esportazioni di petrolio. Inoltre, è stato specificato che la regina delle criptovalute non può diventare moneta a corso legale.

Ad averlo rivelato è stato il capo del Dipartimento per le Politiche Finanziarie del Ministero delle Finanze Russo. Ivan Chebeskov ha quindi precisato ai giornalisti questi ultimi aggiornamenti dichiarando che le criptovalute rientrano solo nel campo del “baratto”:

Il compito è fornire un’alternativa e non dire che la Russia ora sta pagando tutto con le criptovalute. Non si tratta di accordi statali ma solo di affari privati.

Attualmente Bitcoin è scambiato al prezzo di 21.184 dollari, con una capitalizzazione di mercato pari a 404,05 miliardi di dollari (al momento della scrittura). Tutti possono acquistare la regina delle criptovalute.

potrai creare un piano di accumulo su misura per investire long term con la crypto.

Bitcoin approvato per piccole transazioni

Non appare molto chiara la visione della Russia in merito a criptovalute e Bitcoin. Difatti, sembra che, da quanto dichiarato dal Ministero delle Finanze Russo, quest’ultimo possa essere utilizzato nelle piccole transazioni, ma non negli scambi che riguardano il petrolio perché in questi casi vengono mosse somme di denaro molto più importanti.

Tuttavia, però, qualche settimana in Russia si stava parlando di una legge che vietasse i pagamenti in criptovalute. Il Capo della Commissione della Duma di Stato Russa del mercato finanziario, Anatoly Aksakov, in merito al nuovo Disegno di Legge aveva commentato:

Ci sono sospetti che i servizi di intelligence americani controllino in gran parte questo mercato, quindi non c’è alcun desiderio di cadere sotto il loro occhio invisibile o visibile quando effettuano transazioni finanziarie.

Perciò non si capisce se effettivamente il Governo Russo ha ancora le idee poco chiare o vogliono rendercele a noi incomprensibili. D’altro canto, sono proprio gli Stati Uniti d’America che vorrebbero vietare alla Russia l’utilizzo di Bitcoin e altre criptovalute per evitare che aggirino le sanzioni internazionali.

Tutta questa attenzione per Bitcoin potrebbe incentivare il suo trend al rialzo. C’è ancora tempo per acquistarlo a un prezzo vantaggioso? La risposta è dubbia perché non sappiamo quanto la resistenza ai 20.000 dollari possa tenere.

Se vuoi acquistare la regina delle criptovalute meglio non aspettare.

e regista il tuo account su Bitpanda. Questo exchange offre ottime soluzioni di investimento e una carta di pagamento crittografica per sfruttare i tuoi asset digitali negli acquisti di tutti i giorni.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 21 giu 2022
Link copiato negli appunti