Bitcoin, le follie e la bolla

Il valore dei BTC sfonda il tetto degli 11.000 dollari raggiungendo un nuovo record, la capitalizzazione senza precedenti della criptomoneta fa paura e le vulnerabilità di sicurezza ne confermano la fragilità tecnologica di fondo. Bitcoin: rivoluzione o bolla?

Roma – A pochissima distanza dal traguardo degli 8000 dollari , il valore del Bitcoin ha in queste ore sperimentato una nuova, prorompente cavalcata attestandosi sui 10.000 dollari , con picchi che hanno superato gli 11.000 nella giornata di ieri 29 novembre. Al momento di scrivere il valore di un BTC continua ad oscillare tra i 10.000 e gli 11.000 dollari , un risultato che riafferma la criptomoneta come argomento perennemente sulla bocca degli esperti finanziari ma anche tra gli utenti più o meno mainstream.

Bitcoin oltre gli 11.000 dollari

Il superamento del valore di 10.000 dollari è arrivato con un balzo del 10 per cento nelle 24 ore precedenti, e rappresenta l’ennesima soglia psicologica abbattuta in pieno accordo con le previsioni degli analisti di questi ultimi mesi. L’intero mercato Bitcoin vale ora 200 miliardi di dollari , anche se l’impatto sui 200 milioni di miliardi di asset finanziari “tradizionali” (in teoria più solidi rispetto a una moneta virtuale) non è ancora particolarmente significativo.

I “cripto-fondi” che investono in Bitcoin sono ora più di 120, in alcuni casi gestiti da veterani di Wall Street e in altri appartenenti a chi non vede di buon occhio le banche e le istituzioni finanziarie centrali. Bitcoin è una moneta decentralizzata senza alcun “potere forte” a controllarne il mercato, una prospettiva che alcuni considerano con terrore mentre altri come un’opportunità da sfruttare.

Tra chi considera Bitcoin una “frode” (il CEO di JPMorgan ) e chi fa paralleli con il passato in attesa dell’esplosione della presunta nuova bolla finanziaria della net economy del nuovo millennio, gli investimenti in BTC continuano a crescere anche presso coloro che sono alla ricerca di un nuovo “asset rifugio” contro la volatilità delle monete tradizionali .

Oltre alla costante crescita di valore, dei bitcoin continua inarrestabile anche la caccia a Satoshi Nakamoto , l’ignoto inventore della criptomoneta che secondo le nuove ipotesi non sarebbe altri che Elon Musk ; il diretto interessato, fin troppo impegnato con la produzione di auto elettriche Tesla e con le mire di conquista di Marte con SpaceX , nega l’addebito e dice di non ricordarsi nemmeno dove ha messo l’unico Bitcoin che un amico gli regalò tempo fa.

Un altro argomento “hot” riguardante i BTC, che in molti continuano a sottovalutare, è infine quello della sicurezza , o meglio della tendenza della tecnologia Bitcoin a svelare insicurezze e vulnerabilità assortite con cadenza quasi quotidiana. Tra le ultime si è scoperto che buona parte delle app Android pensate per funzionare da wallet sono vulnerabili , mentre il wallet ufficiale di Bitcoin Gold – nuova fork della criptomoneta – è stato recentemente compromesso da ignoti .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gg69tt scrive:
    10k
    finalmente potremo vedere lo schifo in 10k.... ma dai !!
    • ma dai scrive:
      Re: 10k
      - Scritto da: gg69tt
      finalmente potremo vedere lo schifo in 10k.... ma
      dai
      !!Parli di 10k ma gia' il 4k sui televisori e' demenziale, l'unico modo per godersi un film 4k e' andare al cinema, il resto sono favole del marketing
Chiudi i commenti