Cassandra Crossing/ Infezioni via radio

di Marco Calamari - Bello il nuovo telefonino, no? Bello anche il Bluetooth che può veicolare virus. Già, ma chi li ha visti quei virus? Ecco come per undici volte hanno tentato di salire a bordo di un cellulare ultimo modello

Roma – Il fatto che esistano virus che infettano i telefoni cellulari è noto probabilmente a tutti; una delle caratteristiche delle nuove tecnologie è quella di essere usate per scopi sciagurati non appena disponibili. La connettività Bluetooth dei cellulari non ha fatto eccezione. Non appena disponibili cellulari Bluetooth con un vero sistema operativo (Symbian), sono partite le attività di sviluppo di nuove applicazioni di tutti i tipi.

Le applicazioni per cellulari Symbian spaziano dalle normali applicazioni da ufficio e giochini a programmi che trasformano il cellulare in un telecomando universale. E comprendono, per l’appunto, virus, o meglio worm autoreplicanti.

Se ne legge tanto in giro come del mostro di Lochness , ma chi ne ha mai visto uno?

Ed ecco il mio racconto: mi sono comprato un bel cellulare Symbian/Bluetooth; siccome sono tendenzialmente paranoico per la sicurezza – mi dico – sarà meglio che lasci il Bluetooth spento e lo accenda, in modalità “nascosta”, solo quando devo scambiare le suonerie (rigorosamente no-copyright) o quando devo sincronizzare la mia ormai enorme rubrica.

Il mio nuovo portatile non ha un TPM ma tutto il resto sì, incluso Bluetooth. Siccome sotto Windows funziona, è un imperativo morale farlo funzionare anche con Linux. Ok! Problema risolto anche più facilmente del previsto.

Andare in Eurostar col portatile col Bluetooth acceso è divertente: nella mia vettura ci sono sempre due-tre persone col cellulare che si annuncia allegramente in giro ed accetta qualunque porcheria gli venga trasmessa.
Meglio tenere sempre pronto un file di testo “avviso.txt” col il messaggio “Mai lasciare il Bluetooth acceso e la ricezione file attiva”. Così glielo mando e mi sento contemporaneamente ganzo e buono.
Il portatile invece lo posso anche lasciare col Bluetooth acceso, tanto basta che non accetti niente di default, e poi non ci sono virus Bluetooth per Linux.

Oggi sono seduto alla scrivania a casa; abito (o meglio sono ospite) in una casa del centro al secondo piano. Sono case di una volta, mura spesse ed affacciano su strade strette. Sto proprio scrivendo una puntata della rubrica quando mi appare un popup

“Nokia 6600 vuole usare il servizio OBEX”

Ohilà, rapido appello in casa; tutti i presenti hanno cellulari antidiluviani (di quelli che fanno solo telefonate, per intenderci) ed il mio ha il Bluetooth spento come sempre. Bene bene, con prudenza, ma stiamo al gioco: “Ok, ma dimmi cosa vuoi fare”

“Ti voglio trasmettere un oggetto”, avvisa dopo un po’ un secondo popup che chissà come mai sembra la voce del Lupo quando parla con Cappuccetto Rosso. Evito la tentazione di rispondere “Che mani grandi hai, nonna”, visto che tra l’altro non saprei come fare, e fidandomi della mia competenza tecnica, ma tenendo le dita incrociate rispondo “Va bene”.

Finestra di download, barra che scorre, finestra di salvataggio, mettiamolo sul desktop.
Eccolo lì l’alieno; un filettino dall’improbabile nome di “y_sf4gcm.sis” di 30.582 byte che vorrebbe tanto essere nel mio telefonino ed invece è sotto i riflettori nel mio PC.

Ma nel frattempo bussano di nuovo “Vieni più vicino, piccola mia”… di nuovo OK, altro file uguale, ma con nome diverso. Bene ora andiamo a vedere il fil…

“Toc toc, posso entrare?” “Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “Ancora? Vabbè entra.”. Altro file
“Toc toc, posso entrare?” “No, 11 volte basta, ora spengo il Bluetooth”

Bene, ora posso guardare i file. Sono tutti uguali. Avendo l’estensione.sis sono certamente eseguibili Symbian in formato da installare. Apriamone uno con un text editor

porcherie varie…

… commwarrior.exe!: systemappsCommWarriorcommwarrior.execommrec.mdl!: systemappsCommWarriorcommrec.mdlSeries60
ProductID CommWarriorz EPOC…..

…porcherie varie.

È lui! Il famoso CommWarrior ! Un verme sviluppato in PseudoVB e crosscompilato per Symbian. Bene bene, lo racconterò agli amici per terrorizzarli un po’.
Ma… da dove viene? Meglio avvertire quel poveraccio che me l’ha mandato a sua insaputa. Chi sarà mai?

Il Bluetooth tira solo una decina di metri ed oltretutto con queste pareti di 40-70 centimetri non c’è verso che passi. Quindi può essere quello della finestra di fronte? No, il palazzo di fronte ha solo un piano, forse il vicino di sotto (i solai alla fiorentina sono di legno ed i segnali radio possono passare). No, non c’è nessuno in casa. Allora può essere solo quello di sopra, che cammina con i tacchi a mezzanotte e mi sta tanto antipatico… Beh, allora lasciamo perdere.

Marco Calamari

Le precedenti release della rubrica Cassandra Crossing sono qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Blindano tutto? Non angosciamoci
    che banalita'...
  • Anonimo scrive:
    Mozart_Concerto per violino in La.mp4
    Security Upgrade RequiredThe owner of the protected content your are trying to access requires you to upgrade some of the Miscrosoft digital rights management (DRM) components on your computer firstClick OK to upgrade your DRM componentsDetailsWhen you click OK, a unique identifier and a DRM security file are sent to a Microsoft service on the Internet. The file is replaced with a customized version thet contains your unique identifier.This increases the level of protection provided by DRMOK/Cancel
  • alfridus scrive:
    Re: Blindano tutto? Non angosciamoci
    L'Arte non c'entra per nulla nel tentativo delle Major di consolidare e perfezionare la loro posizione di GESTORI di contenuti multimediali, quali PROPRIETARI, non creatori artistici o meno.Non si ignora da nessuno che i piu' e meno recenti 'successi' sono pilotati abilmente per creare nel pubblico aspettative puntualmente disattese.I casi di scoperte realmente artistiche si fanno nel tempo sempre piu' rare, mentre le vendite di opere surrettizie la fanno da padrone in un campo dove, tutto considerato, ogni cosa sembra sempre piu' opinabile.Ma qui non si discute di Atristi e di Opere d'Arte, bensi' di un profondo stravolgimento della Rete in se', che rischia di essere asservita una volta e per sempre agli interessi economici di chi detiene la FORZA di farli valere.E mi sembra l'ennesima grande porcheria ordita dal potere economico, null'altro che questo.E allora?Allora non resta che darci fare, se desideriamo continuare ad essere liberi almeno quel tanto che ci consente di esprimerci e di farci ascoltare... se non e' troppo pretendere!doct.alfridus-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 maggio 2006 14.54----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 maggio 2006 02.18-----------------------------------------------------------
    • rockroll scrive:
      Re: Blindano tutto? Non angosciamoci
      - Scritto da: alfridus
      L'Arte non c'entra per nulla nel tentativo
      delle Major di consolidare e perfezionare la
      loro posizione di GESTORI di contenuti
      multimediali quali PROPRIETARI, non creatori
      artistici.
      .........
      Ma qui non si discute di Artisti e di Opere
      d'Arte, bensì di un profondo stravolgimento
      della Rete (della libertà digitale, ndr) in
      sè, che rischia di essere asservita
      una volta di più e per sempre agli interessi
      economici di chi detiene la FORZA di farli
      valere.
      E mi sembra l'ennesima grande porcheria ordita
      dal potere economico, null'altro che questo.

      E allora?
      Allora non resta che darci fare se desideriamo
      continuare ad essere liberi almeno quel tanto
      che ci consente di esprimerci e di farci
      ascoltare... se non e' troppo pretenderlo!

      Doct.alfridus
      Quoto tutto, condivido perfettamente. Consigllierei a te ed a tutti noi di consultare http://www.no1984.org/ associazione che molti di noi gia conoscono, perchè ci può fare da guida e collettore per le gli atteggiamenti e le azioni che possiamo intraprendere per contrastare il mostro liberticida. Proporrei di incominciare a diffondere nei punti caldi (esempio ingresso centri commerciali al sabato pomeriggio) valantini come questo http://www.midimarcus.com/component/option,com_docman/task,doc_download/gid,30/Itemid,64/ Con meno di un euro per stampa in più copie e un'oretta di tempo possiamo salvare molte persone. E più ne salviamo più salviamo noi stessi. Diamoci da fare. Io non mollo, non molliamo! rockroll-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 maggio 2006 15.49-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Mozart_Sinfonia n° 42 in Fa.Mp3
        Security Upgrade RequiredThe owner of the protected content your are trying to access requires you to upgrade some of the Miscrosoft digital rights management (DRM) components on your computer firstClick OK to upgrade your DRM componentsDetailsWhen you click OK, a unique identifier and a DRM security file are sent to a Microsoft service on the Internet. The file is replaced with a customized version thet contains your unique identifier.This increases the level of protection provided by DRMOK/Cancel
        • Anonimo scrive:
          Re: Mozart_Sinfonia n° 42 in Fa.Mp3
          - Scritto da:
          Security Upgrade Required
          The owner of the protected content your are
          trying to access requires you to upgrade some of
          the Miscrosoft digital rights management (DRM)
          components on your computer
          first

          Click OK to upgrade your DRM components

          Details
          When you click OK, a unique identifier and a DRM
          security file are sent to a Microsoft service on
          the Internet. The file is replaced with a
          customized version thet contains your unique
          identifier.

          This increases the level of protection provided
          by
          DRM

          OK/CancelCancel, defenitely
      • alfridus scrive:
        Re: Blindano tutto? Non angosciamoci
        Grazie per le indicazioni, che ho seguite.Grazie anche per il tuo apprezzamento.doct.alfridus
  • pKrime scrive:
    Re: Siamo alla frutta!
    - Scritto da: SardinianBoy
    Ci sarebbe da dire una cosa: IN FIN DEI CONTI Il
    DRM serve a punire le persone oneste che
    aquistano in tutta regolarità e rispettando la
    legge un CD o DVD che
    sia.
    Alla Persona "onesta" gli si imbratta il
    computer, ed a ogni inizio film, deve
    obbligatoriamente papparsi, mezzora di nefandezze
    protezionistiche " e vietata la copia, e vietato
    qui, viteato la, e la pirateria nuoce, e
    ruberesti quello e ruberesti questo..."
    incredibile, io pago, io ho comperato una
    versione ufficiale del dvd o cd che sia, io sono
    nella legalita, io sono parte della ragione, e mi
    rompete i coglioni ?Perchè, quando vai al cinema allora? C'è quello spot antipirateria di una violenza unica, ma soprattutto, il fatto che io stia lì a sorbirmelo implica che ho pagato e sono in regola: che rompe a fare le balle?Immaginatevi al bar, al banco chiedete un caffè e avete in mano lo scontrino, ma il barista sbotta:"Lo sai che ci faccio io a chi mi ruba il caffè?"Mentre articolate un:"Ma ho lo scontrino!""Se scopro che bevi caffè rubato, ti sbatto in cella e butto via la chiave!"
    • Rex1997 scrive:
      Re: Siamo alla frutta!
      - Scritto da: pKrime

      - Scritto da: SardinianBoy

      Ci sarebbe da dire una cosa: IN FIN DEI CONTI Il

      DRM serve a punire le persone oneste che

      aquistano in tutta regolarità e rispettando la

      legge un CD o DVD che

      sia.

      Alla Persona "onesta" gli si imbratta il

      computer, ed a ogni inizio film, deve

      obbligatoriamente papparsi, mezzora di
      nefandezze

      protezionistiche " e vietata la copia, e vietato

      qui, viteato la, e la pirateria nuoce, e

      ruberesti quello e ruberesti questo..."

      incredibile, io pago, io ho comperato una

      versione ufficiale del dvd o cd che sia, io sono

      nella legalita, io sono parte della ragione, e
      mi

      rompete i coglioni ?

      Perchè, quando vai al cinema allora? C'è quello
      spot antipirateria di una violenza unica, ma
      soprattutto, il fatto che io stia lì a sorbirmelo
      implica che ho pagato e sono in regola: che rompe
      a fare le
      balle?

      Immaginatevi al bar, al banco chiedete un caffè e
      avete in mano lo scontrino, ma il barista
      sbotta:
      "Lo sai che ci faccio io a chi mi ruba il caffè?"
      Mentre articolate un:
      "Ma ho lo scontrino!"
      "Se scopro che bevi caffè rubato, ti sbatto in
      cella e butto via la
      chiave!"A proposito di questo discorso: dato che se vado al cinema pago e una volta in sala con il biglietto, mi sento dare del ladro, non ci sarebbero gli estremi per una causa penale di diffamazione nei confronti del gestore della sala, del distributore del film e via via più in alto?
      • smemobox scrive:
        Re: Siamo alla frutta!

        io nella legalita, io sono parte della
        ragione, e rompete i coglioni ?in effetti hai ragione..mah..cosí puoi redarguire chi non si comporta bene come te.altrimenti Iddio li perdonerá, perché non sanno quello che fanno..
        • Anonimo scrive:
          Re: Siamo alla frutta!

          altrimenti Iddio li perdonerá, perché non sanno
          quello che
          fanno..e tu che perdono vuoi? quello di chi sa quello che fa, o tu sei esente?Scendi dalla croce...siamo arrivati
      • pKrime scrive:
        Re: Siamo alla frutta!

        A proposito di questo discorso: dato che se vado
        al cinema pago e una volta in sala con il
        biglietto, mi sento dare del ladro, non ci
        sarebbero gli estremi per una causa penale di
        diffamazione nei confronti del gestore della
        sala, del distributore del film e via via più in
        alto?Credo di no, perchè nelle loro menti delinquenti quella è una sorta di pubblicità progresso; inoltre non si rivolgono esplicitamente a te.Insomma hanno sti avvocati pronti a metterti dentro per aver fischiettato, e pensi di poter procedere con una cosa simile?
  • pierob scrive:
    Re: Non si tratta di Arte ma...
    Non si tratta di Arte (quella con la "A" maiuscola. E questo già mi insospettisce) ma del panino giornaliero.Non di anime belle ma di gente sudata con il sedere su una sedia. Scendi di un livello almeno.Della censura e dell'esclusione (non troppo remota, basta seguire le intercettazioni di Bush).Non domani ma oggi.Saluti Piero
  • borg_troll scrive:
    Traduzione
    Tutto questo per far passare nel modo meno doloroso possibile che:- il TC é qui. Nessuno lo ha fermato. L'abbiamo visto arrivare da lontano, ne abbiamo parlato e straparlato e mentre noi stavamo qui a parlare il consorzio ha agito. Ora non é più questione di anni. E' arrivato. E non andrà via.- le Grandi Imprese hanno vinto. Anzi, vinto é la parola sbagliata. Sottintende che ci potesse essere qualche tipo di confronto, che invece non é mai realmente esistito. In ogni caso, hanno avuto e avranno quello che volevano.- noi, i "fruitori", restiamo al nostro posto e ci consoliamo con pensieri sulla "vera arte" e cose del genere, perché é tutto quello che abbiamo. Ci possiamo magari illudere che tra 200 anni il nostro filmatino di duelli con le spade laser fatto con LSMaker sarà più considerato che non l'intera saga di Lucas.Bene. Continuiamo a illuderci. Non c'é altro da fare.
    • duffo scrive:
      Re: Traduzione
      - Scritto da: borg_troll
      Tutto questo per far passare nel modo meno
      doloroso possibile
      che:

      - il TC é qui. Nessuno lo ha fermato. L'abbiamo
      visto arrivare da lontano, ne abbiamo parlato e
      straparlato e mentre noi stavamo qui a parlare il
      consorzio ha agito. Ora non é più questione di
      anni. E' arrivato. E non andrà
      via.

      - le Grandi Imprese hanno vinto. Anzi, vinto é la
      parola sbagliata. Sottintende che ci potesse
      essere qualche tipo di confronto, che invece non
      é mai realmente esistito. In ogni caso, hanno
      avuto e avranno quello che
      volevano.

      - noi, i "fruitori", restiamo al nostro posto e
      ci consoliamo con pensieri sulla "vera arte" e
      cose del genere, perché é tutto quello che
      abbiamo. Ci possiamo magari illudere che tra 200
      anni il nostro filmatino di duelli con le spade
      laser fatto con LSMaker sarà più considerato che
      non l'intera saga di
      Lucas.

      Bene. Continuiamo a illuderci. Non c'é altro da
      fare.Scusami, ma non sono d'accordo. Non è una questione di verità, è solamente una questione di soldi. Se continuiamo a ragionare su di un altro piano logico rispetto alle cosiddette "Grandi Imprese" certo non ci sarà mai alcun confronto. Prendi l'esempio della Starforce, a questo prodotto ignobile si può rispondere solo con il non acquisto dei giochi da esso "protetti" e comprando quelli che non lo usano. Se poi il gioco è più brutto pazienza, preferisco avere il PC libero da spazzatura. Stessa cosa per i DRM. Qualcuno ci costringe a comprare i film che li usano?duffo
      • borg_troll scrive:
        Re: Traduzione
        - Scritto da: duffo
        Qualcuno ci costringe a comprare i film che li
        usano?No. Io non li compro. Ma una stragrande maggioranza di gente invece lo fa. Le scelte di quella maggioranza di gente si ripercuotono sulle nostre possibilità di scelta.Se il 99% della gente si compra i DVD con il DRM, allora il mercato produce solo DVD con il DRM. E basta.E il 99% non é necessario. Basta molto meno. Al resto pensano le leggi.Una volta potevo comprare DVD regione 1 nei negozi. Poi l'hanno vietato.Posso ancora farlo via Internet, ma ora hanno aggiunto dei dazi che lo rendono molto meno conveniente. Un altro piccolo sforzo e non sarà più possibile.
        • rockroll scrive:
          Re: Traduzione
          - Scritto da: borg_troll

          - Scritto da: duffo


          Qualcuno ci costringe a comprare i film che li

          usano?

          No. Io non li compro. Ma una stragrande
          maggioranza di gente invece lo fa. Le scelte di
          quella maggioranza di gente si ripercuotono sulle
          nostre possibilità di
          scelta.

          Se il 99% della gente si compra i DVD con il DRM,
          allora il mercato produce solo DVD con il DRM. E
          basta.

          E il 99% non é necessario. Basta molto meno. Al
          resto pensano le
          leggi.

          Una volta potevo comprare DVD regione 1 nei
          negozi. Poi l'hanno
          vietato.

          Posso ancora farlo via Internet, ma ora hanno
          aggiunto dei dazi che lo rendono molto meno
          conveniente. Un altro piccolo sforzo e non sarà
          più
          possibile.
          Il quadro che tu mi dipingi è deprimente: dici in sostanza che abbiamo già ineluttabilmente perso su tutta la linea. una tua frase mi ha colpito a fondo:
          Io non li compro (prodotti con DRM). Ma una
          stragrande maggioranza di gente invece lo fa.
          Le scelte di quella maggioranza si
          ripercuotono sulle nostre possibilità di
          scelta. Io continuo ad illudermi che questa maggioranza non sia stragrande, e che gli scenari da incubo che descrivi sarebbero reali tra almeno cinque anni se ora noi li lasciassimo fare bovinamente. Ti dirò, per le canzonette non me ne frega niente, facciano quel che vogliono.Qualche interesse nutro invece per i Film, perchè alcuni, ma solo alcuni (non certo i nostrani) sono di buona anzi ottima fattura, e mi piacerebbe fossero di libera diffusione e fruizione come patrimonio di cultura cui nessuno dovrebbe essere escluso. Ma se non sarà possibile, pazienza, non ne faccio un dramma. Il dramma invece me lo faccio in campo informatico: qui ci vogliono portare veramente al condizionamento più totale togliendoci ogni forma di libertà di utilizzo che non sia da loro voluta per perseguire i lori scopi di egoistico lucro e di plagio mentale. Ma per fortuna il TC non è ancora diffuso come il DRM (oltretutto bypassabile). Il TC TPM e compagnia bella è un qualcosa sulla carta non aggirabile o bypassaabile (salvo ricorrere alla cattura della versione "operativa" dei files che ci interessano nell'istante in cui operano, ma le difficoltà sono tali che forse il gioco non varrà la candela). Però proprio per la radicale revisione che tale tecnologia impone su ogni componente (HW in primo luogo ma anche SW e dati) componeti che comunque devono mantenere compatibilità di funzionamento non thrusted, la sua piena operatività è prevista dagli esperti non prima del 2010 (vedi articoli in merito),e questo, aggiungo io, ammesso che il mercato dei consumatori accetti lo stato delle cose. Il 2010, anzi taluni parlano del 2012, sarebbe il momento, anche per obsolescenza del materiale del passato gelosamente conservato dai pochi oppositori al regime, sarebbe il momento del raggiungimento della "massa critica" di utenza sistemi TC Thrusted, oltre la quale sparirebbe dal mercato qualunque oggetto, apparecchiatura, prodotto non allineato.Ma questo incubo, che tu giudichi praticamente già presente, viene datato in un tempo che ci lascia comunque spazio ad iniziative per contrastare il fenomeno, sopratutto educando l'opinione pubblica. Io sono ligure, genoano (e vorrei giustizia), e come il nostro ex presidente Preziosi, colpevole o meno che fosse, grido anch'io:IO NON MOLLO, IO NON MOLLO, NON MOLLOooooo....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2006 19.08-----------------------------------------------------------
  • MandarX scrive:
    altissima risoluzione
    Certo la tentazione, almeno all'inizio, di sacrificarla all'ultimo film HD è grande. Accidenti! Qui si parla di altissima risoluzione, non so se mi spiego! perche non te vai al cinema?la risoluzione del cinema è spaventosa
    • MandarX scrive:
      oops
      Mi piacerebbe essere certo di poter usare un tono ironico quando affermo cose di questo tipo, ma in realtà non ne sono così sicuro ok, era ironico anche se non sembrava...
  • lorenzot scrive:
    Il mezzo prima del contenuto...
    Il rischio più grande che posso individuare in tutta questa discussione è che il medium attraverso cui viene veicolato un contenuto (più o meno artistico) assuma un importanza tale da diventare il fine di investimenti e ricerca da parte di certi gruppi di interesse.Tecnologie sempre più sofisticate e costose, ma per difendere contenuti di quale livello?Ciao.
  • duffo scrive:
    Re: Blindano tutto? Non angosciamoci
    Non penso proprio che l'Arte sia restia a farsi mercificare, anzi. Gli artisti da sempre si sono compiaciuti della diffusione commerciale delle proprie opere, mascherando questo compiacimento magari con il disinteresse per il denaro.Il problema è che il rapporto non è più solo tra artista e acquirente/i, come nei secoli passati, ma tra artista, editore e acquirente. E' principalmente l'intermediario che ha caricato il sistema di vincoli legislativi e non, e il DRM è solo l'ultimo ritrovato. Pensate al sistema Multivision delle VHS a noleggio che impediva la copia. Sinceramente penso che i consumatori dovrebbero puntare sui prodotti open source, creative commons ecc. senza farsi venire le angosce, il problema semmai è spingere i produttori verso questo tipo di contenuto o almeno verso un prezzo equo (non l'equo compenso :s )duffo
    • Garson Poole scrive:
      Re: Blindano tutto? Non angosciamoci
      - Scritto da: duffo
      Non penso proprio che l'Arte sia restia a farsi
      mercificare, anzi. Gli artisti da sempre si sono
      compiaciuti della diffusione commerciale delle
      proprie opere, mascherando questo compiacimento
      magari con il disinteresse per il
      denaro.
      Il problema è che il rapporto non è più solo tra
      artista e acquirente/i, come nei secoli passati,
      ma tra artista, editore e acquirente. E'
      principalmente l'intermediario che ha caricato il
      sistema di vincoli legislativi e non, e il DRM è
      solo l'ultimo ritrovato. Pensate al sistema
      Multivision delle VHS a noleggio che impediva la
      copia. Sinceramente penso che i consumatori
      dovrebbero puntare sui prodotti open source,
      creative commons ecc. senza farsi venire le
      angosce, il problema semmai è spingere i
      produttori verso questo tipo di contenuto o
      almeno verso un prezzo equo (non l'equo compenso
      :s
      )
      duffoSono d'accordo. Forme di diffusione di contenuti creative commons e open source sono già presenti e andrebbero sostenuti. Parallelamente al boicottaggio dei prodotti industriali mainstream. Purtroppo appare un'utopia che l'uomo contemporaneo, psico dipendente dal sistema pubblicitario e dai valori da esso creati possa affrancarsi da sistemi e status profondamente introiettati così da un giorno all'altro. Sarà una battaglia dura e lunga ma varrebbe la pena combatterla. Sarebbe resistenza all'imperialismo culturale delle multinazionali.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2006 09.37-----------------------------------------------------------
      • rockroll scrive:
        Re: Blindano tutto? Non angosciamoci
        - Scritto da: Garson Poole
        - Scritto da: duffo

        ..... Sinceramente penso che i consumatori

        dovrebbero puntare sui prodotti open source,

        creative commons ecc. senza farsi venire le

        angosce, il problema semmai è spingere i

        produttori verso questo tipo di contenuto o

        almeno verso un prezzo equo (non l'equo

        compenso)

        duffo

        Sono d'accordo. Forme di diffusione di
        contenuti creative commons e open source sono
        già presenti e andrebbero sostenuti.
        Parallelamente al boicottaggio dei prodotti
        industriali mainstream. Purtroppo appare
        un'utopia che l'uomo contemporaneo, psico
        dipendente dal sistema pubblicitario e dai
        valori da esso creati possa affrancarsi da
        sistemi e status profondamente ntroiettati
        così da un giorno all'altro. Sarà una
        battaglia dura e lunga ma varrebbe la pena
        combatterla. Sarebbe resistenza
        all'imperialismo culturale delle
        multinazionali.
        Sono perfettamente d'accordo, merita di quotare tutto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2006 20.08-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    X men è arte???
    CDOAggiungo qui parole vane perché il forum di PI mi dice che il corpo del messaggio è troppo corto. Si vede che hanno memoria da buttar via
    • duffo scrive:
      Re: X men è arte???
      Non sarà Arte (ma su cosa lo è possiamo stare 2 mesi a discutere) ma senza dubbio è una cosa che oggi è di moda definire "contenuto". E senza contenuti...duffo
    • Anonimo scrive:
      Re: X men è arte???
      - Scritto da:
      CDO
      Aggiungo qui parole vane perché il forum di PI
      mi dice che il corpo del messaggio è troppo
      corto.
      Si vede che hanno memoria da buttar viaNon sara' arte ma sara' il primo film che andro' a vedere da mesi.
    • Cavallo GolOso scrive:
      è espressione dell'animo umano, però.
      che può essere gretto e meschinoo banale e piattopuò parlare di calciopuò dire viva la ficapuò parlare dei massimi sistemipuò elevare la cucina ad artepuò anche essere meravigliosofarci sognare o ragionaremuovere la nostra coscienzadare origine ad evoluzioni nella società"arte" è oggetto di trattazione della filosofia che chiamiamo Estetica, mi pare... e non si riassume in 4 lettere, no?http://it.wikipedia.org/wiki/EsteticaSiamo d'accordo che x-men visto o non visto non cambierà la storia dell'umanità... ma x-men il fumetto (della marvel? boh)... tutta la serie , solo perchè io o te non lo consideriamo arte (io comunque lo dico a puro titolo di esempio, dato che non mi allargo a giudicare ciò che non conosco - IO non lo conosco abbastanza) non credo vada considerato tanto "inutile" da poter scomparire come se non fosse mai esistito... cosa che un vero DRM è in grado di fare La scelta di far sopravvivere la propria opera e di partire con l'idea di "arte" è dell'autore: lui deve evitare di blindare, lui deve conferire la possibilità al suo contenuto che già nasce eterno , di non annullare questa sua caratteristica usando il DRM.Detto questo, per quanto sia anche io dell'idea che il VERO artista se vuol fare arte la fa e basta, non pensa al soldo (ovvio che serve tempo e se uno lavora 16 ore poi non fa arte gratis!) penso che molti artisti che fanno questo per vivere sono semplicemente umanamente spinti a vedere riconosciuto il proprio valore ... con i soldi e non con gli applausi. Sono fatti così. Pensano "se non mi comprano smetto di fare arte". Triste ma vero, molti sono così. Molti se non vendono le foto non le scattano più. Molti se non fanno un disco non suonano più.Molti se non gli pubblicano gli articoli/libri/poesie non scrivono più.Molti se non vengono ascoltati non parlano più: c'è da sperare che producano ancora i pensieri che non esprimono agli altri.Molti invece non resistono.La loro vita vera e a volte la stessa sopravvivenza in salute mentale include l'espressione di sé, il tentativo di condividere...Che poi si veda apprezzato quel che si ha da dire/dare è solo una presa di coscienza del fatto che non si è isole ...Oppure che queste isole sono oggetto di un desiderabile pellegrinaggio, si.Ma queste persone non smetterebbero comunque di fare quel che sentono come un bisogno impellente: dire, fare, esprimere sé stessi o la propria visione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2006 09.59-----------------------------------------------------------
  • Cobra Reale scrive:
    I "babbani" sono pochi
    E sono sicuro che pochi accetteranno un prodotto che li tratta come dei nemici, dei potenziali delinquenti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2006 00.46-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: I "babbani" sono pochi
      - Scritto da: Cobra Reale
      E sono sicuro che pochi accetteranno un prodotto
      che li tratta come dei nemici, dei potenziali
      delinquenti.
      figurati.sono babbani.e in quanto babbani non vedono né i mangiamorte né l'ordine della fenice.semplicemente NON VEDONO.e comprano, usano, guardano, paganoacriticamente, senza conoscenza, senza considerare.
  • Anonimo scrive:
    Con la Riaa...
    Faremo la fine di Equilibrium, altro che arte ed emozioni...
    • Anonimo scrive:
      Re: Con la Riaa...
      - Scritto da:
      Faremo la fine di Equilibrium, altro che arte ed
      emozioni...Fico. Io voglio fare il chierico Tetragrammaton con le pistole megapompate e il Gun Kata.
      • Anonimo scrive:
        Re: Con la Riaa...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Faremo la fine di Equilibrium, altro che arte ed

        emozioni...

        Fico. Io voglio fare il chierico Tetragrammaton
        con le pistole megapompate e il Gun
        Kata.ovvero, come ormai diciamo sempre tra amici... il kata del pistola ! ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Con la Riaa...
        L'hai detto con troppa emozione ! Ora infila l'ago dentro quella bottiglia da 2Lt di Prozium e giù nella gola, anzi direttamente nell'aorta (cylon)
Chiudi i commenti