Cloud gaming: Facebook compra la spagnola PlayGiga

70 milioni di euro: sarebbe la cifra investita da Facebook per completare l'acquisizione di PlayGiga, startup attiva nel territorio del cloud gaming.
70 milioni di euro: sarebbe la cifra investita da Facebook per completare l'acquisizione di PlayGiga, startup attiva nel territorio del cloud gaming.

Anche Facebook ha intenzione di dire la propria nel sempre più affollato territorio del cloud gaming: al recente debutto di Google Stadia si affiancherà presto quello di Microsoft xCloud. Ci sono rumor anche su un prossimo esordio nel mercato di Amazon. Tutto questo senza dimenticare le piattaforme già attive: Sony PlayStation Now e NVIDIA GeForce Now su tutte.

Facebook: l’acquisizione di PlayGiga per il cloud gaming

La conferma arriva oggi con la notizia dell’acquisizione di PlayGiga, startup spagnola con sede a Madrid fondata nel 2013 e attiva proprio in questo ambito. Nel corso degli anni ha messo a punto una tecnologia per il gioco in streaming su reti 5G e una piattaforma che consente agli operatori telefonici di offrire un servizio di questo tipo ai loro clienti.

L’entità dell’investimento economico messo sul piatto per finalizzare l’operazione è stimata in 70 milioni di euro. Così facendo il gruppo di Mark Zuckerberg punta sempre più sul settore dei videogame, un percorso già intrapreso con l’inclusione di alcune funzionalità dedicate all’interno del social network, con l’acquisto di Oculus del 2014 e con il recente annuncio di Horizon, un vero e proprio mondo in realtà virtuale dove stringere amicizia e svolgere attività in compagnia degli altri utenti.

Sulla homepage di PlayGiga un messaggio che pur non facendo riferimento diretto al passaggio in Facebook lascia intendere che il futuro della startup sarà a Palo Alto. Lo riportiamo di seguito in forma tradotta.

Siamo entusiasti di annunciare che il team di PlayGiga si sta muovendo verso qualcosa di nuovo. Continueremo a lavorare sul cloud gaming, ma con una nuova missione. Vogliamo ringraziare tutti i nostri partner e clienti per il loro supporto nel corso degli anni.

Fonte: CNBC
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti