Francia, dalle ghigliottine alle inibizioni

La minaccia della disconnessione dei singoli utenti, dimostratasi inefficace, lascerà il posto ad un sistema di blocchi su siti e contenuti orchestrato da una autorità amministrativa e messo in atto da tutti gli intermediari

Roma – La più discussa disposizione prevista dalla legge studiata dalla Francia per contrastare la violazione del diritto d’autore online, quella delle disconnessioni dei cittadini della rete colti sul fatto in recidiva, ha dimostrato di non sortire gli effetti sperati, tanto che la Francia ne ha disposto la revisione : se i tagli alle connessioni, pressoché mai applicati , non saranno più una misura messa in campo dalle autorità, saranno potenziati gli strumenti che dovrebbero sopprimere alla fonte la condivisione illegale.

Secondo le informazioni ottenute da NextINpact , la Société civile des producteurs phonographiques (SCPP) avrebbe approfittato, nel mese di febbraio, dell’articolo 336-2, integrato insieme all’istituzione di HADOPI nel Code de la propriété intellectuelle : il testo prevede che i detentori dei diritti possano rivolgersi al tribunal de grande instance (un’autorità giudiziaria e non amministrativa come HADOPI) per proporre delle misure per far cessare delle violazioni. Nello specifico, la SCPP avrebbe chiesto il coinvolgimento dei fornitori di connettività per rendere inaccessibile The Pirate Bay e oltre un centinaio di siti che ne replicano i contenuti , aggiungendo la Francia alla lunga lista di paesi che, compresa l’Italia , hanno scelto di far navigare i cittadini lontano dalle acque della Baia.

I dettagli rispetto alla richiesta di inibizione scarseggiano: sarebbe stata rivolta ai principali ISP del paese, ai quali si chiederebbe di sostenere il costo del blocco. Se la procedura che prevede il coinvolgimento dell’autorità giudiziaria per imporre agli intermediari di bloccare siti accusati di violare il diritto d’autore sembra essere stata finora sfruttata più in Italia che oltralpe , un più agile meccanismo potrebbe presto supportare le mire dell’industria dei contenuti: nuove responsabilità potrebbero essere attrituite agli intermediari, diretti e sorvegliati da un’autorità amministrativa dotata di poteri ancora più forti di quelli attribuiti ad AGCOM , che potrebbe incarnarsi in una nuova istituzione trasversale, incaricata di gestire una lista nera di tutti i siti sgraditi, che spaziano dai contenitori di pedopornografia alle minacce per la sicurezza.

La recente proposta , formulata dall’incaricata di HADOPI Mireille Imbert-Quaretta su richiesta del Ministero della Cultura, prevede in primo luogo di aumentare le responsabilità in capo agli intermediari e di sollecitare , in un sistema di autoregolamentazione e di soft law , la collaborazione delle piattaforme che ospitano contenuti, degli intermediari dei pagamenti, degli inserzionisti e dei gestori di advertising, dei fornitori di connettività. In questo contesto sarà l’ autorità amministrativa a orchestrare il sistema di blocchi : potrà ad esempio disporre blocchi preventivi centrati sui singoli contenuti (in futuro, anche dei link a questi contenuti) della durata massima di sei mesi, attribuendo agli intermediari una responsabilità che tanto somiglia a un obbligo di sorveglianza. Questa superautorità amministrativa, inoltre, potrebbe essere incaricata di valutare se un sito sia responsabile di “pirateria massiva”, e di rintracciare tutti i siti che replicano quello segnalato dai detentori dei diritti, così da contribuire a popolare una lista nera pubblica a cui i fornitori di connettività dovranno fare riferimento.

L’intento della Francia, formalizzato nella proposta di Imbert-Quaretta, appare chiaro. I detentori dei diritti sembrano avere compreso che minacciare di colpire gli utenti non sortisce effetti, e la richiesta di bloccare The Pirate Bay e tutti i suoi emuli lo dimostra: le autorità francesi mostrano di voler agevolare questa tendenza, dotando l’industria di strumenti sempre più maneggevoli.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Basta Basta pirateria scrive:
    argh!
    Chi scrive è uno sviluppatore sw che lavora nel campo degli algoritmi di A.I. "classici" applicati alla pubblicità (google ne sai qualcosa tu? ;-) ). Per intenderci ciò che si studia in scienze dell'informazione.Beh, devo dire affascinante, ma... NON SALIREI MAI SU UN'AUTO controllata da un sistema sw. L'imponderabile esiste e fino a prova contraria la risposta meno scorretta ad un'evento non previsto la può dare solo l'essere umano. (Guardarsi il disastro di Ariane 5)Poi, avendo avuto modo di guardare sotto il "cofano" del S.O. android, mi auguro che il team di sviluppatori non sia lo stesso. Dai sorgenti si evince che non è proprio una perla di S.O. sotto il profilo del sw design. E se lo dico io che non sono un guru di OOP ma ho solo una decente esperienza...Bah...
  • Leguleio scrive:
    E ora l'auto di design
    Presentata l'auto Google senza né pedali né volante, solo due tasti da premere. E con design made in google. E che design![img]http://4.bp.blogspot.com/-w5QPQw1mRN8/U4Tnn7tcP1I/AAAAAAAAOlA/7MhxAxnrwnw/s1600/Vehicle+Prototype+Image+Banner+Cropped+600px.jpg[/img]
  • MacGeek scrive:
    Vorrei vederle nel traffico di Napoli...
    Facile farle girare nel campus di Google.Sinceramente non credo nell'auto automatica nel traffico comune. Ma potrebbero essere predisposte autostrade o strade statali con 'ausili' per tali tipi di auto: cose tipo guide magnetiche nell'asfalto o particolare segnaletica più facilmente interpretabile dai software.Partirei da quello, comunque. Strade attrezzate per auto a guida automatica (ma utilizzabili anche da auto normali), prima di lanciarle nel traffico imprevedibile e caotico di una città.
  • Leguleio scrive:
    Dettagli trascurabili
    " è vero che manca ancora la seria mappatura di tutte le strade del mondo con la tecnologia necessaria ai movimenti delle auto, nonché un ragionamento legale sulle eventuali responsabilità associate ad un incidente "Ma due cose da nulla, eh?!?Tra l'altro il sistema non solo deve avere una mappatura precisa e conforme agli standard di tutte le strade percorribili, ma deve essere anche costantemente aggiornato. Non saprei cosa farmene di un guidatore automatico che fa la strada più lunga perché ignora che hanno costruito una scorciatoia, o al contrario, che imposta un certo percorso per poi scoprire davanti a un cartello che la strada è chiusa al traffico per lavori da oltre un mese.
    • ndr scrive:
      Re: Dettagli trascurabili

      Non saprei cosa
      farmene di un guidatore automatico che fa la
      strada più lunga perché ignora che hanno
      costruito una scorciatoia, o al contrario, che
      imposta un certo percorso per poi scoprire
      davanti a un cartello che la strada è chiusa al
      traffico per lavori da oltre un
      mese.1 - Questo vale per qualsiasi navigatore, ma non per questo li si esclude.2 - Legato al precedente c'è il fatto che puoi caso fermare il sistema e guidare tu nei casi in cui lo reputi utile.Quello che nella vostra miopia continuate a non capire è il valore di una ricerca che ha magari un obiettivo troppo ambizioso, ma che può portare degli strumenti di AUSILIO alla guida finora impensabili. Con la precisione e la reattività che il miglior pilota SI SOGNA, in quanto umano.Come già detto altrove, il sistema non sarà infallibile, MA è probabilmente già molto più affidabile del guidatore medio.
      • Leguleio scrive:
        Re: Dettagli trascurabili


        farmene di un guidatore automatico che fa la

        strada più lunga perché ignora che hanno

        costruito una scorciatoia, o al contrario,
        che

        imposta un certo percorso per poi scoprire

        davanti a un cartello che la strada è chiusa
        al

        traffico per lavori da oltre un

        mese.

        1 - Questo vale per qualsiasi navigatore, ma non
        per questo li si
        esclude.Non dico che sia necessario escluderli, ma un navigatore GPS è pur sempre un aiuto alla guida umana, non un sostituto. Il guidatore umano può sempre ascoltare "Cciss - Viaggiare informati" alla radio, il computer no. Nella peggiore delle ipotesi può chiedere ai passanti se sanno da che parte deviare, e di nuovo, il computer no.
        2 - Legato al precedente c'è il fatto che puoi
        caso fermare il sistema e guidare tu nei casi in
        cui lo reputi
        utile.No, se non ho mai avuto la patente, oppure se sono infortunato a una gamba e non posso premere l'acceleratore e il freno. E la portata rivoluzionaria di un sistema che è cucito solo per chi sa già guidare mi sfugge. Sì, potrebbe essere un acXXXXXrio come quello che permette di parcheggiare in automatico, nulla di più.Davvero si sono visti articoli entusiastici sulle testate di mezzo mondo quando è stato introdotto l'IPAS e l'APGS? Io non lo ricordo.
        Quello che nella vostra miopia continuate a non
        capire è il valore di una ricerca che ha magari
        un obiettivo troppo ambizioso, ma che può portare
        degli strumenti di AUSILIO alla guida finora
        impensabili. Ah ecco. :DChissà perché in questi articoli da fantascienza la parola "ausilio" non compare mai. Ma proprio mai.Il sospetto che siano fortemente "pompati" a fini pubblicitari non ti è mai venuto?
        Con la precisione e la reattività
        che il miglior pilota SI SOGNA, in quanto
        umano.Questi due fattori li voglio vedere testati ufficialmente prima di pronunciarmi.Magari le gare di Formula 1 un giorno avranno piloti elettronici, per ora mi sembra che la prontezza di riflessi umana sia ancora superiore.
        Come già detto altrove, il sistema non sarà
        infallibile, MA è probabilmente già molto più
        affidabile del guidatore
        medio.Con la sottile differenza che il guidatore medio già può conseguire la patente, e da oltre un secolo. Questi sistemi ancora no, e non si sa se e quando potranno.
        • Passante scrive:
          Re: Dettagli trascurabili
          - Scritto da: Leguleio
          Magari le gare di Formula 1 un giorno avranno
          piloti elettronici, per ora mi sembra che la
          prontezza di riflessi umana sia ancora
          superiore.Veramente se non fosse per i castranti regolamenti il pilota già ora non conterebbe poi così tanto rispetto all'elettronica. Sono i regolamenti a castrare l'elettronica nella F1.

          Come già detto altrove, il sistema non sarà

          infallibile, MA è probabilmente già molto più

          affidabile del guidatore medio.
          Con la sottile differenza che il guidatore medio
          già può conseguire la patente, e da oltre un
          secolo. Questi sistemi ancora no, e non si sa se
          e quando potranno.Non hai mai preso la patente ? L'esame di pratica sarebbe banale per queste macchine già ora.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            Magari le gare di Formula 1 un giorno avranno

            piloti elettronici, per ora mi sembra che la

            prontezza di riflessi umana sia ancora

            superiore.

            Veramente se non fosse per i castranti
            regolamenti il pilota già ora non conterebbe poi
            così tanto rispetto all'elettronica. Sono i
            regolamenti a castrare l'elettronica nella
            F1.Sì, ma non parlavo di quello.Un computer è in grado di gestire efficacemente situazioni di emergenza in frazioni di secondo, e contemporaneamente di vincere la gara?Perché diversamente significa che non hanno una marcia in più rispetto al pilota umano: sanno fare bene solo certe cose.

            Con la sottile differenza che il guidatore
            medio

            già può conseguire la patente, e da oltre un

            secolo. Questi sistemi ancora no, e non si
            sa
            se

            e quando potranno.

            Non hai mai preso la patente ? Io sì. La legge lo permette.Questo sistema di Google deve passare l'esame della motorizzazione Usa, prima. Che sono un filino più ardui dell'"esame" dei giornalisti.
            L'esame di pratica sarebbe banale per queste
            macchine già
            ora.Loro dicono così. Io voglio vedere con i miei occhi, o meglio, con quelli di un ente certificatore indipendente.
          • Passante scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio

            Veramente se non fosse per i castranti

            regolamenti il pilota già ora non conterebbe
            poi

            così tanto rispetto all'elettronica. Sono i

            regolamenti a castrare l'elettronica nella

            F1.
            Sì, ma non parlavo di quello.Invece parlavi proprio di quello, solo che non hai le conoscenze per saperlo.
            Un computer è in grado di gestire efficacemente
            situazioni di emergenza in frazioni di secondo, e
            contemporaneamente di vincere la gara?Meglio di un essere umano.
            Perché diversamente significa che non hanno una
            marcia in più rispetto al pilota umano: sanno
            fare bene solo certe cose.ce l'hanno, ormai i tempi sono maturi.

            Non hai mai preso la patente ?
            Io sì. La legge lo permette.Bene, allora non ricordi quanto fosse facile l'esame per uno che avesse un po' di esperienza ? Secondo te un tizio che sia stato in grado di guidare da Parma a Pechino supererebbe l'esame per la patente ?http://www.youtube.com/watch?v=K98wz4Av9S8
            Questo sistema di Google deve passare l'esame
            della motorizzazione Usa, prima. Che sono un
            filino più ardui dell'"esame" dei giornalisti.Quello di Google si, quello di uniParma deve superare quello italiano, non me lo ricordo cosi arduo onestamente se hai un po' di esperienza.

            L'esame di pratica sarebbe banale

            per queste macchine già ora.
            Loro dicono così.Ma loro chi ? Io mica parlo di Google, queste cose si stanno facendo in tutto il mondo.
            Io voglio vedere con i miei
            occhi, o meglio, con quelli di
            un ente certificatore indipendente.Niente di più' semplice: fai un giretto a Parma e parla con i professori del progetto VisLab, sono molto disponibili.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            Sì, ma non parlavo di quello.

            Invece parlavi proprio di quello, solo che non
            hai le conoscenze per
            saperlo.Parla per te.

            Un computer è in grado di gestire
            efficacemente

            situazioni di emergenza in frazioni di
            secondo,
            e

            contemporaneamente di vincere la gara?

            Meglio di un essere umano.Link?

            Perché diversamente significa che non hanno
            una

            marcia in più rispetto al pilota umano: sanno

            fare bene solo certe cose.

            ce l'hanno, ormai i tempi sono maturi.Link?Ente certificatore?


            Non hai mai preso la patente ?


            Io sì. La legge lo permette.

            Bene, allora non ricordi quanto fosse facile
            l'esame per uno che avesse un po' di esperienza ?

            Secondo te un tizio che sia stato in grado di
            guidare da Parma a Pechino supererebbe l'esame
            per la patente
            ?

            http://www.youtube.com/watch?v=K98wz4Av9S8Io sulla macchina da Parma a Pechino non c'ero. Rifacciamo lo stesso percorso con un testimone indipendente a bordo, ad esempio un ingegnere della motorizzazione civile, che prenda nota di tutte le volte che qualcuno deve intervenire manualmente, e in quali situazioni, e poi discutiamo di quello.

            Questo sistema di Google deve passare l'esame

            della motorizzazione Usa, prima. Che sono un

            filino più ardui dell'"esame" dei
            giornalisti.

            Quello di Google si, quello di uniParma deve
            superare quello italiano, non me lo ricordo cosi
            arduo onestamente se hai un po' di
            esperienza.All'epoca in cui l'ho sostenuto io era una stupidata; in seguito, a partire dagli anni Novanta, mi dicono che sono diventati più esigenti: non so se è vero.Verosimilmente lo faranno guidare per chilometri e chilometri in tutte le situazioni, asciutto, bagnato, neve, nebbia, montagna e strada fangosa con buche, prima di dare il permesso. Non sarà un semplice esame per neopatentati.
            Ma loro chi ? Io mica parlo di Google, queste
            cose si stanno facendo in tutto il
            mondo.Certo, e da tutto il mondo arrivano annunci sul tipo "il mio sistema é più progredito del tuo", ma certificazioni indipendenti e con valore ufficiale nessuna.Aspetto queste ultime.
            Niente di più' semplice: fai un giretto a Parma
            e parla con i professori del progetto VisLab,
            sono molto disponibili.Un'idea geniale: poi parlo con Andrea Rossi del suo e-cat e, se fosse ancora vivo, con il suo socio scientifico Sergio Focardi.
          • krane scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio

            http://www.youtube.com/watch?v=K98wz4Av9S8
            Io sulla macchina da Parma a Pechino non c'ero.
            Rifacciamo lo stesso percorso con un testimone
            indipendente a bordo, ad esempio un ingegnere
            della motorizzazione civile, che prenda nota di
            tutte le volte che qualcuno deve intervenire
            manualmente, e in quali situazioni, e poi
            discutiamo di quello.Discutiamo di quello che si vede nel filmato che ti ha postato e non hai manco aperto ? Ora oltre a wiki non credi neanche alle universita' nostrane ?Ti passai io a suo tempo gia' carrettate di link a riguardo, nel sito stesso dell'universita' c'e' tutto pubblicato, sei finto come una moneta da 3 euro con cui apple paga ruppolo.

            Quello di Google si, quello di uniParma deve

            superare quello italiano, non me lo ricordo
            cosi

            arduo onestamente se hai un po' di

            esperienza.
            All'epoca in cui l'ho sostenuto io era una
            stupidata; in seguito, a partire dagli anni
            Novanta, mi dicono che sono diventati più
            esigenti: non so se è vero.
            Verosimilmente lo faranno guidare per chilometri
            e chilometri in tutte le situazioni, asciutto,
            bagnato, neve, nebbia, montagna e strada fangosa
            con buche, prima di dare il permesso. Non sarà un
            semplice esame per neopatentati.Si vede chiaramente nel filmato che ti e' stato postato, ma anche io te ne avevo postati diversi in passato, li hai sempre ignorati.

            Ma loro chi ? Io mica parlo di Google, queste

            cose si stanno facendo in tutto il mondo.
            Certo, e da tutto il mondo arrivano annunci sul
            tipo "il mio sistema é più progredito del tuo",
            ma certificazioni indipendenti e con valore
            ufficiale nessuna.
            Aspetto queste ultime.

            Niente di più' semplice: fai un giretto a

            Parma e parla con i professori del progetto

            VisLab, sono molto disponibili.
            Un'idea geniale: poi parlo con Andrea Rossi del
            suo e-cat e, se fosse ancora vivo, con il suo
            socio scientifico Sergio Focardi.Ma prima non dicevi che volevi sederti sull'auto e constatare ? Beh, ti si da' la possibilita' e tu scappi ? Moneta da 3 Euro...
    • bartali scrive:
      Re: Dettagli trascurabili
      XXXXXXX clamorosa scritta da Pi e questo lo dico perchè ci lavoro su queste cose. Il sistema deve CAPIRE il mondo che lo circonda, non averlo già preimpostato altrimenti viene a mancare l'utilità. E infatti la Darpa challenge dimostra proprio questo ovvero che partendo da un 'macro percorso' la macchina è in grado di giungere a destinazione lungo un percorso non esattamente 'pulito'.Una nota per te Leguleio: non pensare di sapere tutto solo perchè sei informato su cosa avviene nel mondo. Quello che leggi sui portali di informazione standard sono solo la punta dell'iceberg; dietro un articolo fatto da cani tipo questo in realtà ci sono tonnellate di ore di studi di decine di persone diverse.
      • krane scrive:
        Re: Dettagli trascurabili
        - Scritto da: bartali
        Una nota per te Leguleio: non pensare di sapere
        tutto solo perchè sei informato su cosa avviene
        nel mondo. Quoto, il buon Balasso direbbe: "se la tira ma e' 'gnorante come un paracarro".
      • Leguleio scrive:
        Re: Dettagli trascurabili

        XXXXXXX clamorosa scritta da Pi e questo lo dico
        perchè ci lavoro su queste cose. Il sistema deve
        CAPIRE il mondo che lo circonda, non averlo già
        preimpostato altrimenti viene a mancare
        l'utilità. In che senso "deve"? È un requisito di legge?E poi qui si sta ancora parlando di fase sperimentale, aspetta a dire. Magari per ragioni di sicurezza usano il sistema preimpostato, ma sono in grado, almeno sulla carta, di avventurarsi su strade non in archivio.
        E infatti la Darpa challenge dimostra
        proprio questo ovvero che partendo da un 'macro
        percorso' la macchina è in grado di giungere a
        destinazione lungo un percorso non esattamente
        'pulito'.Le strade di Napoli durante l'emergenza?http://tinyurl.com/plleuxj
        Una nota per te Leguleio: non pensare di sapere
        tutto solo perchè sei informato su cosa avviene
        nel mondo. Quello che leggi sui portali di
        informazione standard sono solo la punta
        dell'iceberg; dietro un articolo fatto da cani
        tipo questo in realtà ci sono tonnellate di ore
        di studi di decine di persone
        diverse.Dietro un articolo come questo di PI, e moltissimi altri, c'è solo la volontà di farsi pubblicità gratuita da parte di Google. Geni del marketing: delle applicazioni pratiche su strada, si vedrà.
        • krane scrive:
          Re: Dettagli trascurabili
          - Scritto da: Leguleio

          XXXXXXX clamorosa scritta da Pi e

          questo lo dico perchè ci lavoro su

          queste cose. Il sistema deve CAPIRE

          il mondo che lo circonda, non averlo

          già preimpostato altrimenti viene a

          mancare l'utilità.
          In che senso "deve"? È un requisito
          di legge?No, ingegneristico.
          E poi qui si sta ancora parlando di fase
          sperimentale, aspetta a dire. Magari per
          ragioni di sicurezza usano il sistema
          preimpostato, Quale sistema preimpostato ??? Non sai di cosa parli: http://www.ce.unipr.it/people/bertozzi/pap/cr/lj.ita.pdf
          ma sono in grado, almeno sulla
          carta, di avventurarsi su strade
          non in archivio.Guarda che l'auto automatica (e non e' la prima volta che te lo si dice) dell'universita' di Parma si e' fatta da sola da Parma a Shangai, vedi te...

          E infatti la Darpa challenge dimostra

          proprio questo ovvero che partendo da un

          'macro percorso' la macchina è in grado di

          giungere a destinazione lungo un percorso non

          esattamente 'pulito'.
          Le strade di Napoli durante l'emergenza?Mai visto le strade dell'est Europa ? Quelle attraversate dall'auto di Parma ? Sono peggio.
          Dietro un articolo come questo di PI, e
          moltissimi altri, c'è solo la volontà di farsi
          pubblicità gratuita da parte di Google. Geni del
          marketing: delle applicazioni pratiche su strada,
          si vedrà.Peccato che tante volte su questo forum ti sia fatto notare piu' e piu' volte che google e' solo una dei tanti che stanno sperimentando.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            In che senso "deve"? È un requisito

            di legge?

            No, ingegneristico.Ah, meno male.Certi requisiti ingegneristici si pososno cambiare. Per le leggi è un po' più difficile.
            Peccato che tante volte su questo forum ti sia
            fatto notare piu' e piu' volte che google e' solo
            una dei tanti che stanno
            sperimentando.Qui si parla di questo.Quando ci sarà un articolo sul sistema di Parma parlerò di quell'altro.
          • krane scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio


            In che senso "deve"? È un requisito


            di legge?

            No, ingegneristico.
            Ah, meno male.
            Certi requisiti ingegneristici si pososno
            cambiare.
            Per le leggi è un po' più difficile.Non stiamo mica parlando di quanto sia difficile cambiare le leggi, che fai fai OT peggio di come dici a me sotto ?

            Peccato che tante volte su questo forum

            ti sia fatto notare piu' e piu' volte che

            google e' solo una dei tanti che stanno

            sperimentando.
            Qui si parla di questo.Solo perche' lo dici tu ?Ora sei anche il maestrino dell'OT ?Ridicolo... Si venisse qua per leggere gli articoli poi...
            Quando ci sarà un articolo sul sistema
            di Parma parlerò di quell'altro.E' veramente ridicolo a cosa ti fa attaccare la tua sindrome di fonzie, mai pensato di curarti ?
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili




            In che senso "deve"? È un
            requisito



            di legge?



            No, ingegneristico.


            Ah, meno male.

            Certi requisiti ingegneristici si pososno

            cambiare.

            Per le leggi è un po' più difficile.

            Non stiamo mica parlando di quanto sia difficile
            cambiare le leggi, che fai fai OT peggio di come
            dici a me sotto
            ?No, cerco di capire il senso di un verbo.Adesso un requisito ingegneristico, lodevole per carità, ma pur sempre stabilito a priori da altri ingegneri, e non da una legge della fisica, si declina col verbo "dovere".


            Peccato che tante volte su questo forum


            ti sia fatto notare piu' e piu' volte
            che



            google e' solo una dei tanti che stanno


            sperimentando.


            Qui si parla di questo.

            Solo perche' lo dici tu ?Rispondo a un commento che parla di Google car.E su un articolo che parla di Google car.
            Ora sei anche il maestrino dell'OT ?
            Ridicolo...
            Si venisse qua per leggere gli articoli poi...Fa' come credi.Io di leggermi tutto il resto non ho voglia.
          • krane scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio




            In che senso "deve"? È




            un requisito di legge?



            No, ingegneristico.


            Ah, meno male.


            Certi requisiti ingegneristici


            si pososno cambiare.


            Per le leggi è un po' più difficile.

            Non stiamo mica parlando di quanto sia
            difficile

            cambiare le leggi, che fai fai OT peggio di
            come

            dici a me sotto

            ?

            No, cerco di capire il senso di un verbo.
            Adesso un requisito ingegneristico, lodevole per
            carità, ma pur sempre stabilito a priori da altri
            ingegneri, e non da una legge della fisica, si
            declina col verbo "dovere".Se vuoi costruire un grattacielo un requisito ingegneristico e' l'utilizzo di certi tipi di traversine di acciaio. Nessuno ti vieta ai legulei di mettersi li' e provare a costruirlo usando invece traversine di legno...

            Ora sei anche il maestrino dell'OT ?

            Ridicolo...

            Si venisse qua per leggere gli articoli

            poi...
            Fa' come credi.
            Io di leggermi tutto il resto non ho voglia.Ed e' questo che fa si che la ogni volta che si parla di auto a guida automatica ti si ripetano le stesse cose e ti si ripassino gli stessi link, ma tanto tu continui ad incorrere negli stessi errori ed ad affermare le stesse sciocchezze ormai smetite dal tempo, come e' evidente a chi ha letto gli articoli che ti sono stati consigliati.
    • Funz scrive:
      Re: Dettagli trascurabili
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      è vero che manca ancora la seria mappatura di
      tutte le strade del mondo con la tecnologia
      necessaria ai movimenti delle auto, nonché un
      ragionamento legale sulle eventuali
      responsabilità associate ad un
      incidente </I
      "

      Ma due cose da nulla, eh?!?
      Tra l'altro il sistema non solo deve avere una
      mappatura precisa e conforme agli standard di
      tutte le strade percorribili, ma deve essere
      anche costantemente aggiornato. Non saprei cosail sistema deve valutare le condizioni della strada intorno a sè e agire di conseguenza. Quale strada deve prendere è tutto un altro discorso, che non c'entra.
    • Aleb scrive:
      Re: Dettagli trascurabili
      Problemi che riguardano anche gli umani alla guida.
      • Leguleio scrive:
        Re: Dettagli trascurabili

        Problemi che riguardano anche gli umani alla
        guida.No. Chi vuole prendere la patente oggi la prende. Chi conosce la strada a memoria la fa. Chi non la conosce, anche se il navigatore GPS non è aggiornato può chiedere ai passanti, può usare una cartina se ce l'ha in auto.
        • Papple scrive:
          Re: Dettagli trascurabili
          - Scritto da: Leguleio

          Problemi che riguardano anche gli umani alla

          guida.

          No. Chi vuole prendere la patente oggi la prende.
          Chi conosce la strada a memoria la fa. Chi non la
          conosce, anche se il navigatore GPS non è
          aggiornato può chiedere ai passanti, può usare
          una cartina se ce l'ha in auto.Scusa ma credo sia molto più facile aggiornare in automatico un navigatore che una cartina cartacea stampata magari anni prima non credo tu faccia le modifiche a pennarello tutti i giorni sulla tua cartina Michelin, quanto ai passanti spero che tu incontri sempre persone gentili disponibili che non di mandino in direzione opposta, poi ti ci vedo di notte a chiedere indicazioni a ba..one e tos...i perchè ti sei perso-
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili



            Problemi che riguardano anche gli umani
            alla


            guida.



            No. Chi vuole prendere la patente oggi la
            prende.

            Chi conosce la strada a memoria la fa. Chi
            non
            la

            conosce, anche se il navigatore GPS non è

            aggiornato può chiedere ai passanti, può
            usare

            una cartina se ce l'ha in auto.

            Scusa ma credo sia molto più facile aggiornare in
            automatico un navigatore L'operazione è sicuramente più facile, ma se il produttore non ha aggiornato la piantina? Se una serie di lavori in corso rendono la percorribilità della zona impossibile? Non è facile impostare sul navigatore dove le strade sono chiuse. A quel punto si naviga a vista.
            che una cartina cartacea
            stampata magari anni prima non credo tu faccia le
            modifiche a pennarello tutti i giorni sulla tua
            cartina Michelin, No, però nulla lo impedisce per quanto riguarda i percorsi a cui si è interessati. Le comunicazioni del CCISS - viaggiare informati io le capisco, il navigatore GPS no. :|
            quanto ai passanti spero che tu
            incontri sempre persone gentili disponibili che
            non di mandino in direzione opposta, poi ti ci
            vedo di notte a chiedere indicazioni a ba..one e
            tos...i perchè ti sei
            perso-Una volta l'ho visto fare davvero. :)Non ho fatto caso alla risposta, però, se fosse corretta o meno.
          • Papple scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio



            Problemi che riguardano anche gli
            umani

            alla



            guida.





            No. Chi vuole prendere la patente oggi
            la

            prende.


            Chi conosce la strada a memoria la fa.
            Chi

            non

            la


            conosce, anche se il navigatore GPS non
            è


            aggiornato può chiedere ai passanti, può

            usare


            una cartina se ce l'ha in auto.



            Scusa ma credo sia molto più facile
            aggiornare
            in

            automatico un navigatore

            L'operazione è sicuramente più facile, ma se il
            produttore non ha aggiornato la piantina? Se una
            serie di lavori in corso rendono la
            percorribilità della zona impossibile? Non è
            facile impostare sul navigatore dove le strade
            sono chiuse. A quel punto si naviga a
            vista.Qui si torna al discorso infrastrutture, dove sono in corso lavori viene posto un segnale apposito rilevabile da un sensore che comunica al navigatore che la strada è chiusa e il navigatore ricalcola il percorso

            che una cartina cartacea

            stampata magari anni prima non credo tu
            faccia
            le

            modifiche a pennarello tutti i giorni sulla
            tua

            cartina Michelin,

            No, però nulla lo impedisce per quanto riguarda i
            percorsi a cui si è interessati. Le comunicazioni
            del CISS - viaggiare informati io le capisco, il
            navigatore GPS no.
            :|Nulla vieta che i prossimi navigatori possano ricevere informazioni via radio su eventuali deviazioni, interruzioni o code magari proprio dal ciss viaggiare informati e adeguare il percorso, non stiamo parlando di fantascienza

            quanto ai passanti spero che tu

            incontri sempre persone gentili disponibili
            che

            non di mandino in direzione opposta, poi ti
            ci

            vedo di notte a chiedere indicazioni a
            ba..one
            e

            tos...i perchè ti sei

            perso-

            Una volta l'ho visto fare davvero. :)
            Non ho fatto caso alla risposta, però, se fosse
            corretta o
            meno.Io sinceramente a mia figlia non consiglio di chiedere indicazioni ad un passante di notte, meglio un navigatore non aggiornato, magari ti fa fare più strada ma sicuramente ti porta a destinazione ;)
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            L'operazione è sicuramente più facile, ma se
            il

            produttore non ha aggiornato la piantina? Se
            una

            serie di lavori in corso rendono la

            percorribilità della zona impossibile? Non è

            facile impostare sul navigatore dove le
            strade

            sono chiuse. A quel punto si naviga a

            vista.

            Qui si torna al discorso infrastrutture, dove
            sono in corso lavori viene posto un segnale
            apposito rilevabile da un sensore che comunica al
            navigatore che la strada è chiusa e il navigatore
            ricalcola il
            percorsoChi lo fa?E chi paga per il lavoro in più?

            No, però nulla lo impedisce per quanto
            riguarda
            i

            percorsi a cui si è interessati. Le
            comunicazioni

            del CISS - viaggiare informati io le
            capisco,
            il

            navigatore GPS no.

            :|

            Nulla vieta che i prossimi navigatori possano
            ricevere informazioni via radio su eventuali
            deviazioni, interruzioni o code magari proprio
            dal ciss viaggiare informati e adeguare il
            percorso, non stiamo parlando di fantascienzaStiamo parlando di costi in più e di servizi aggiuntivi.Per questo ironizzavo sulla frase di PI "è vero che manca ancora la seria mappatura di tutte le strade del mondo con la tecnologia necessaria ai movimenti delle auto", come se si trattasse di un passaggio da nulla, una ciliegina sulla torta che ancora manca, si va dal fruttivendolo sotto casa e si compra.
          • Papple scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio


            L'operazione è sicuramente più facile,
            ma
            se

            il


            produttore non ha aggiornato la
            piantina?
            Se

            una


            serie di lavori in corso rendono la


            percorribilità della zona impossibile?
            Non
            è


            facile impostare sul navigatore dove le

            strade


            sono chiuse. A quel punto si naviga a


            vista.



            Qui si torna al discorso infrastrutture, dove

            sono in corso lavori viene posto un segnale

            apposito rilevabile da un sensore che
            comunica
            al

            navigatore che la strada è chiusa e il
            navigatore

            ricalcola il

            percorso

            Chi lo fa?la ditta che chiude la strada per i lavori
            E chi paga per il lavoro in più?Guarda che le transenne e i cartelli li mettono anche adesso e esistono già ora telecamere in grado di leggere i cartelli stradali, sembra quasi tu viva ne medioevo quando fai certe domande.Davvero se non hai argomenti validi per contestare e sinceramente "Chi lo fa?" e "E chi paga per il lavoro in più?" non lo sono, puoi anche non rispondere
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili



            Qui si torna al discorso
            infrastrutture,
            dove


            sono in corso lavori viene posto un
            segnale


            apposito rilevabile da un sensore che

            comunica

            al


            navigatore che la strada è chiusa e il

            navigatore


            ricalcola il


            percorso



            Chi lo fa?

            la ditta che chiude la strada per i lavoriO glielo imponi in forza di una legge, e non lo fa. Non si spendono più soldi volontariamente per le esigenze delle auto senza guidatore. Il mondo va così.

            E chi paga per il lavoro in più?

            Guarda che le transenne e i cartelli li mettono
            anche adesso e esistono già ora telecamere in
            grado di leggere i cartelli stradali, sembra
            quasi tu viva ne medioevo quando fai certe
            domande.Li voglio solo vedere all'opera in queste situaioni. Solo quello.Quando un'auto a guida automatica si blocca per ore davanti a una segnaletica piazzata un po' storta, o rovinata dallo spray dai vandali, perché non sa come comportarsi, i programmatori non hanno valutato quell'eventualità, forse qualcuno si renderá conto che c'è ancora molta strada da fare. In tutti i sensi. :D
            Davvero se non hai argomenti validi per
            contestare e sinceramente "Chi lo fa?" e "E chi
            paga per il lavoro in più?" non lo sono, puoi
            anche non
            rispondereSì, adesso decidi tu se le mie domande sono conformi all'argomento e quando io posso intervenire.Scendi dal piedistallo, va', che è meglio.
          • obiezione scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            intervengo perché ho letto un sacco di inesattezze: in realtà il dettaglio di com'è il mondo che ci circonda viene rilevato da ogni auto che, come una google car, spedisce questa mole di dati ai server di google.Qui, nei datacenter di google, i dati raccolti vengono elaborati e trasformati e resi disponibili a tutti gli altri veicoli che transiteranno per le stesse strade, usando tutta la potenza di elaborazione necessaria.Il sistema non è statico, è dinamico. La presenza di lavori stradali/modifiche del mondo circostante è solo un problema per la situazione iniziale, la cosiddetta condizione al contorno. Una volta che tutto è iniziato si aggiornerà automaticamente.Questo IMHO è il punto di forza del sistema, cioè il fatto che si autoalimenta con i dati raccolti da ogni veicolo.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili

            intervengo perché ho letto un sacco di
            inesattezze: in realtà il dettaglio di com'è il
            mondo che ci circonda viene rilevato da ogni auto
            che, come una google car, spedisce questa mole di
            dati ai server di
            google.

            Qui, nei datacenter di google, i dati raccolti
            vengono elaborati e trasformati e resi
            disponibili a tutti gli altri veicoli che
            transiteranno per le stesse strade, usando tutta
            la potenza di elaborazione
            necessaria.L'articolo di PI scrive una cosa un po' diversa:" <I
            D'altronde quello che sembra solo un ambizioso ma futuristico progetto di ricerca è più vicino al mercato di quanto ci si potesse aspettare: è vero che manca ancora la seria mappatura di tutte le strade del mondo con la tecnologia necessaria ai movimenti delle auto, nonché un ragionamento legale sulle eventuali responsabilità associate ad un incidente, ma Mountain View ha già avviato il confronto con i produttori automobilistici per capire cosa manca per vendere la nuova tecnologia "chiavi in mano". </I
            "Se è come dici tu, prevedo tempi molto lunghi: per essere operative, cioè sicure, in un determinato Stato, le macchine di Google dovranno in precedenza aver percorso tutte le strade, urbane ed extraurbane, superstrade ed autostrade.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 maggio 2014 11.37-----------------------------------------------------------
          • obiezione scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            io ho letto l'articolo originale.
          • Prozac scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio
            Li voglio solo vedere all'opera in queste
            situaioni. Solo
            quello.
            Quando un'auto a guida automatica si blocca per
            ore davanti a una segnaletica piazzata un po'
            storta, o rovinata dallo spray dai vandali,
            perché non sa come comportarsi, i programmatori
            non hanno valutato quell'eventualità, forse
            qualcuno si renderá conto che c'è ancora
            molta strada da fare. In tutti i sensi.
            :DSe vuoi ti faccio fare un giro con la mia auto che questa funzionalità già ce l'ha.A me segnala, nel display HUD che ho davanti agli occhi, solamente i cartelli di velocità e di divieto di sorpasso. Ma questo, semplicemente, indica che la tecnologia di riconoscimento dei cartelli è già matura e funzionante. Ti assicuro che li legge tutti i cartelli: alti, bassi, un po' piegati, messi a destra o a sinistra della carreggiata, rovinati dal tempo...Per quanto riguarda le informazioni su strade chiuse per lavori, anche quella è una tecnologia che esiste da decenni sui navigatori GPS.Ma voi lo avete mai avuto un navigatore GPS????Io ho comprato il primo nel 2002. Era un Navman e, già allora, aveva la tecnologia TMC (http://it.wikipedia.org/wiki/Traffic_Message_Channel).Nel 2014 tale tecnologia è consolidata e veramente matura tanto che il navigatore integrato nella mia auto mi avvisa sempre se sul percorso impostato ci sono o meno lavori in corso. Che tipo di lavori ci sono (rallentamenti o blocchi totali) e mi consiglia la deviazione migliore.Ultimamente, poi, sono nati navigatori con una componente social (waze) che migliora ancora di più tale tecnologia: oltre alle informazioni "istituzionali" del sistema TMC, si ricevono le informazioni (in tempo reale) di altri utenti della strada.Quindi vai tranquillo che per le macchine a guida automatica non devono spendere nulla di più di quello che già c'è da anni (almeno sulla ricezione di informazioni relative alla navigazione GPS)!
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            Li voglio solo vedere all'opera in queste

            situaioni. Solo

            quello.

            Quando un'auto a guida automatica si blocca
            per

            ore davanti a una segnaletica piazzata un po'

            storta, o rovinata dallo spray dai vandali,

            perché non sa come comportarsi, i
            programmatori

            non hanno valutato quell'eventualità, forse

            qualcuno si renderá conto che c'è ancora

            molta strada da fare. In tutti i sensi.

            :D

            Se vuoi ti faccio fare un giro con la mia auto
            che questa funzionalità già ce
            l'ha.
            A me segnala, nel display HUD che ho davanti agli
            occhi, solamente i cartelli di velocità e di
            divieto di sorpasso. Ma questo, semplicemente,
            indica che la tecnologia di riconoscimento dei
            cartelli è già matura e funzionante. Ti assicuro
            che li legge tutti i cartelli: alti, bassi, un
            po' piegati, messi a destra o a sinistra della
            carreggiata, rovinati dal
            tempo...Una buona notizia.Vediamo se funzionano altrettanto bene sulle auto di Google.
            Per quanto riguarda le informazioni su strade
            chiuse per lavori, anche quella è una tecnologia
            che esiste da decenni sui navigatori
            GPS.
            Ma voi lo avete mai avuto un navigatore GPS????Io, sì, ma era un modello economico della Medion. Al primo guasto l'ho buttato, aveva diversi difetti nella gestione dei percorsi.
            Io ho comprato il primo nel 2002. Era un Navman
            e, già allora, aveva la tecnologia TMC
            (http://it.wikipedia.org/wiki/Traffic_Message_ChanAnche in questo caso, bisogna vedere come avverrà l'interazione fra il Traffic Message Channel e le decisioni dell'auto a guida automatica.Finché alla guida c'è un uomo che decide cosa fare, e perché, è un conto. Quando tutte le decisioni sono delegate a un software...
          • Prozac scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio
            Una buona notizia.
            Vediamo se funzionano altrettanto bene sulle auto
            di Google.Beh... Questa "notizia" sta solo a indicare che, forse, prima di iniziare analisi sarebbe meglio documentarsi un pochino su quale sia lo stato dell'arte.P.S.Perché sulle auto di Google non dovrebbe funzionare altrettanto bene?Alla fine Google è una società IT mentre la casa costruttrice della mia auto no... Magari di computer vision ci capiscono un pochino di più quelli di Google ;)

            Io ho comprato il primo nel 2002. Era un
            Navman

            e, già allora, aveva la tecnologia TMC


            (http://it.wikipedia.org/wiki/Traffic_Message_Chan

            Anche in questo caso, bisogna vedere come avverrà
            l'interazione fra il Traffic Message Channel e le
            decisioni dell'auto a guida
            automatica.
            Finché alla guida c'è un uomo che decide cosa
            fare, e perché, è un conto. Quando tutte le
            decisioni sono delegate a un
            software...Ora stai spostando il discorso. Quindi confermi che la tecnologia per avere informazioni in tempo reale esiste già e pure da molto tempo!P.S.Il fatto che tali tecnologie già esistono e sono pure molto collaudate dovrebbe farti pensare che implementarle nella guida automatica non dovrebbe essere poi così utopistico.Io, quando viaggio in luoghi che non conosco, mi fido al 100% del mio navigatore. Se mi dice che fra 10Km ci sono lavori in corso che bloccano la strada e mi ricalcola in automatico il tragitto alternativo, io seguo quel tragitto. Non vado di certo in bocca ai lavori! Perché se lo fa un dispositivo automatico dovrebbe cambiare qualcosa?Inoltre il dispositivo di guida automatica serve, soprattutto, per togliere un compito al passeggero dell'auto. Tale passeggero potrà sempre dire al suo "pilota automatico": "No, non seguire la deviazione. Continua per il percorso principale" e l'auto non devia. Non mi sembra così complicato...
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            Una buona notizia.

            Vediamo se funzionano altrettanto bene sulle
            auto

            di Google.

            Beh... Questa "notizia" sta solo a indicare che,
            forse, prima di iniziare analisi sarebbe meglio
            documentarsi un pochino su quale sia lo stato
            dell'arte.Siamo qui a discutere per questo.Nell'articolo non c'è il minimo accenno a questa tecnologia, che pure non è secondaria per un'auto del genere.Il fatto che tu lo abbia fatto per primo, e due giorni dopo che la discussione è partita, non ti fa sorgere qualche dubbio? ;)
            P.S.
            Perché sulle auto di Google non dovrebbe
            funzionare altrettanto
            bene?
            Alla fine Google è una società IT mentre la casa
            costruttrice della mia auto no... Magari di
            computer vision ci capiscono un pochino di più
            quelli di Google
            ;)Perché le operazioni elementari per la nostra mente, frutto di 3,4 milioni di anni di evoluzione darwiniana, sono a volte estremamente difficili per un computer. Non sempre.La definizione di computer come "il cretino più veloce del mondo" attribuita ad Asimov si adatta ancora, malgrado i promettenti esperimenti di intelligenza artificiale.
            Ora stai spostando il discorso. Quindi confermi
            che la tecnologia per avere informazioni in tempo
            reale esiste già e pure da molto
            tempo!Sì, lo confermo.Solo, bisogna anche vedere come il computer utilizza queste informazioni. Esempio: se sono segnalati rallentamenti sulla via da percorrere, farà automaticamente una deviazione col risultato di allungare di 20 chilometri il percorso, e spendere di più in benzina per guadagnare magari 5 minuti (un rallentamento non è un blocco della circolazione), oppure no?Sono domande che i programmatori dovranno affrontare con grande serietà.
            Inoltre il dispositivo di guida automatica serve,
            soprattutto, per togliere un compito al
            passeggero dell'auto. Tale passeggero potrà
            sempre dire al suo "pilota automatico": "No, non
            seguire la deviazione. Continua per il percorso
            principale" e l'auto non devia. Non mi sembra
            così
            complicato...Dici che sarà così?Mi immagino i passeggeri a bordo di un'auto del genere, senza esperiena di guida, magari senza la patente, posti di fronte a simili dilemmi.
          • Prozac scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio
            Siamo qui a discutere per questo.
            Nell'articolo non c'è il minimo accenno a questa
            tecnologia, che pure non è secondaria per un'auto
            del
            genere.Forse perché l'articolo è, per l'appunto, un'articolo. Parla del fatto che Google sia pronta a parlare con le case costruttrici per andare nella direzione dell'auto-pilota.Non è e, a mio giudizio, non vuole essere un trattato sulle tecnologie adottate da Google per arrivare all'auto-pilota.Se, davvero, ti interessa sapere a che punto sono le tecnologie che andranno a formare "l'intelligenza artificiale" che guiderà le auto, dovresti (visto le tue grandi lacune in merito) andare a leggere qual'è lo stato dell'arte sulla computer vision.Per farti due esempi:- Sono anni che le macchine fotografiche e gli smartphone, disegnano un quadrato attorno ai visi delle persone. Alcune macchine fotografiche scattano solamente se tutti i visi sorridono. Alcuni software di catalogazione foto, riconoscono le persone ritratte nelle varie immagino e le catalogano. Esistono software che riconoscono le immagini di bambini (utili per estrapolare da una mole infinita di immagini quelle a carattere pedoXXXXXgrafiche durante un'analisi di questo tipo).- Sulle nostre autostrade è in funzione il sistema "tutor" che riconosce le varie auto e ne calcola la velocità di percorrenza.Queste sono solo due delle innumerevoli applicazion della computer vision.Come ti ho già accennato, pure la mia auto ha una telecamera anteriore che riconosce i segnali stradali e me li mostra sul display HUD che ho "nel" parabrezza.Altra tecnologia a disposizione della mia auto è, ad esempio, l'auto-parcheggio che mette la macchina in posti angusti (5cm davanti e 5cm dietro) a 5cm dal marciapiede. Ah... Prima di procedere con il parcheggio, mi segnala quale tra quelli disponibili è adatto a farci stare la mia auto.
            Il fatto che tu lo abbia fatto per primo, e due
            giorni dopo che la discussione è partita, non ti
            fa sorgere qualche dubbio?
            ;)L'unico dubbio che ho avuto è che tu sia molto ignorante in materia di computer vision mentre gli altri frequentatori del topic dessero per scontato che il sistema utilizza gli algoritmi di computer vision attualmente disponibili.

            P.S.

            Perché sulle auto di Google non dovrebbe

            funzionare altrettanto

            bene?

            Alla fine Google è una società IT mentre la
            casa

            costruttrice della mia auto no... Magari di

            computer vision ci capiscono un pochino di
            più

            quelli di Google

            ;)

            Perché le operazioni elementari per la nostra
            mente, frutto di 3,4 milioni di anni di
            evoluzione darwiniana, sono a volte estremamente
            difficili per un computer. Non
            sempre.
            La definizione di computer come "il cretino più
            veloce del mondo" attribuita ad Asimov si adatta
            ancora, malgrado i promettenti esperimenti di
            intelligenza artificiale.E cosa c'entra con il fatto che una casa automobilistica lo abbia implementato in modo altamente efficace mentre Google non dovrebbe esserne in grado?Ah... Se ti informassi su come lavora la computer vision capiresti che gli algoritmi usano anche l'apprendimento. Il PC (o dispositivo in cui implementato) impara in base alle immagini che riconosce.Tempo fa ho visto un documentario dove ad un robot veniva insegnato a riconoscere gli oggetti. Facendogli vedere un modellino di automobile, lui lo riconosceva come modellino e non come automobile. Facendogli vedere, per la prima volta, un oggetto nuovo, lui chiedeva cosa fosse e poi lo riconosceva. Capiva la differenza tra tavolo e tavolino, tra sedia e sgabello. Diciamo che non era solo "il cretino più veloce del mondo".
            Sì, lo confermo.
            Solo, bisogna anche vedere come il computer
            utilizza queste informazioni. Esempio: se sono
            segnalati rallentamenti sulla via da percorrere,
            farà automaticamente una deviazione col risultato
            di allungare di 20 chilometri il percorso, e
            spendere di più in benzina per guadagnare magari
            5 minuti (un rallentamento non è un blocco della
            circolazione), oppure
            no?
            Sono domande che i programmatori dovranno
            affrontare con grande serietà.E che già hanno affrontato nei sistemi di navigazione ATTUALI. Il mio navigatore questi calcoli li fa e da dei giudizi sulla gravità dell'ostacolo. In base ai calcoli che fa, prende decisioni che, nella maggior parte delle volte, io condivido.Come ti dicevo prima, però, nel caso il passeggero non condivida tali decisioni può sempre imporre al dispositivo di non fare la deviazione.
            Dici che sarà così?È già così. Io, quando il mio navigatore mi indica una possibile deviazione, gli dico OK, la facciamo oppure No, continua dritto.
            Mi immagino i passeggeri a bordo di un'auto del
            genere, senza esperiena di guida, magari senza la
            patente, posti di fronte a simili
            dilemmi.E a che serve la patente di guida per decidere se prendere o meno una deviazione? Qui le conoscenze che dovrebbero servire sono quelle della zona in cui ti trovi. Ma se nemmeno tu conosci la zona, meglio che ti affidi a quello che suggerisce il navigatore...P.S.Prima di continuare a mettere in dubbio il lavoro di Google, inizierei a leggere un po' su quale sia lo stato dell'arte nell'assistenza alla guida (navigazione GPS, computer vision, ecc...). Una volta che conosci quale sia lo stato dell'arte, allora, potrai capire quanto sia utopica la notizia di PI.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 maggio 2014 15.31-----------------------------------------------------------
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            Siamo qui a discutere per questo.

            Nell'articolo non c'è il minimo accenno a
            questa

            tecnologia, che pure non è secondaria per
            un'auto

            del

            genere.

            Forse perché l'articolo è, per l'appunto,
            un'articolo. Parla del fatto che Google sia
            pronta a parlare con le case costruttrici per
            andare nella direzione
            dell'auto-pilota.
            Non è e, a mio giudizio, non vuole essere un
            trattato sulle tecnologie adottate da Google per
            arrivare
            all'auto-pilota.Ah, non lo è?!?Dall'articolo:" <I
            è vero che manca ancora la seria mappatura di tutte le strade del mondo con la tecnologia necessaria ai movimenti delle auto </I
            ".Incidentalmente, non è che questi articoli precedenti ne parlassero:http://punto-informatico.it/4040639/PI/News/google-batte-nuove-strade-auto-senza-pilota.aspxhttp://punto-informatico.it/3878829/PI/News/google-vuole-auto-senza-pilota-made-mountain-view.aspx

            Il fatto che tu lo abbia fatto per primo, e
            due

            giorni dopo che la discussione è partita,
            non
            ti

            fa sorgere qualche dubbio?

            ;)

            L'unico dubbio che ho avuto è che tu sia molto
            ignorante in materia di computer vision mentre
            gli altri frequentatori del topic dessero per
            scontato che il sistema utilizza gli algoritmi di
            computer vision attualmente
            disponibili.Già che sei così ferrato in materia, mi indichi un documento sulle Google car in cui si dice che utilizzeranno le tecnologie da te indicate (riconoscimento dei cartelli e scelta consapevole di percorsi alternativi, in particolare)?Così parliamo per cognizione di causa.

            Perché le operazioni elementari per la nostra

            mente, frutto di 3,4 milioni di anni di

            evoluzione darwiniana, sono a volte
            estremamente

            difficili per un computer. Non

            sempre.

            La definizione di computer come "il cretino
            più

            veloce del mondo" attribuita ad Asimov si
            adatta

            ancora, malgrado i promettenti esperimenti di

            intelligenza artificiale.

            E cosa c'entra con il fatto che una casa
            automobilistica lo abbia implementato in modo
            altamente efficace mentre Google non dovrebbe
            esserne in
            grado?"Altamente efficace" è una tua valutazione da guidatore. Non è detto che tutti ne siano entusiasti.
            Ah... Se ti informassi su come lavora la computer
            vision capiresti che gli algoritmi usano anche
            l'apprendimento. Il PC (o dispositivo in cui
            implementato) impara in base alle immagini che
            riconosce.In effetti questo lo dice l'articolo. Forse in maniera perfino più esplicita di quanto Tamburrino intendesse fare. La conclusione non è da poco: per avere Google car affidabili in ogni situaizone bisognerà far percorrere tutte le strade in precedenza, e magari più volte.Sono cose che prendono <B
            anni </B
            . O, in alternativa, permettono alle auto di Google di viaggiare solo a Mountain View e nelle zone limitrofe; e a questo punto non vedo l'interesse per un italiano medio.
            Tempo fa ho visto un documentario dove ad un
            robot veniva insegnato a riconoscere gli oggetti.
            Facendogli vedere un modellino di automobile, lui
            lo riconosceva come modellino e non come
            automobile. Facendogli vedere, per la prima
            volta, un oggetto nuovo, lui chiedeva cosa fosse
            e poi lo riconosceva. Capiva la differenza tra
            tavolo e tavolino, tra sedia e sgabello. Diciamo
            che non era solo "il cretino più veloce del
            mondo".Ma sì, in una discussione precedente avevo citato Asimo, il robot a forma di bambino con lo zainetto:https://www.youtube.com/watch?v=yND4k4NM0qUInteressante, ma la legnosità dei suoi gesti e i riflessi non sempre prontissimi mi fanno propendere per applicazioni in cui la velocità non sia essenziale. Una tecnologia ancora acerba.Davvero Google ritiene di essere più avanti?

            Sì, lo confermo.

            Solo, bisogna anche vedere come il computer

            utilizza queste informazioni. Esempio: se
            sono

            segnalati rallentamenti sulla via da
            percorrere,

            farà automaticamente una deviazione col
            risultato

            di allungare di 20 chilometri il percorso, e

            spendere di più in benzina per guadagnare
            magari

            5 minuti (un rallentamento non è un blocco
            della

            circolazione), oppure

            no?

            Sono domande che i programmatori dovranno

            affrontare con grande serietà.

            E che già hanno affrontato nei sistemi di
            navigazione ATTUALI. Il mio navigatore questi
            calcoli li fa e da dei giudizi sulla gravità
            dell'ostacolo. In base ai calcoli che fa, prende
            decisioni che, nella maggior parte delle volte,
            io
            condivido.
            Come ti dicevo prima, però, nel caso il
            passeggero non condivida tali decisioni può
            sempre imporre al dispositivo di non fare la
            deviazione.Speriamo che sia veramente così.
          • Prozac scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio
            Ah, non lo è?!?
            Dall'articolo:

            " <I
            è vero che manca ancora la seria
            mappatura di tutte le strade del mondo con la
            tecnologia necessaria ai movimenti delle auto
            </I

            ".Non c'entra nulla con i navigatori GPS e la tecnologia TMC.Ribadisco, secondo me questo articolo non vuole essere un trattato sulle tecnologie utilizzate ga Google nelle proprie Google car.
            Già che sei così ferrato in materia, mi indichi
            un documento sulle Google car in cui si dice che
            utilizzeranno le tecnologie da te indicate
            (riconoscimento dei cartelli e scelta consapevole
            di percorsi alternativi, in
            particolare)?
            Così parliamo per cognizione di causa.Non penso ne parleremo comunque con cognizione di cusa. Mi sembri abbastanza ignorante in fatto di computer vision.Comunque se googli, ne trovi un bel po' di articoli che accennano alle tecnologie utilizzate da Google nelle proprie Google car.
            "Altamente efficace" è una tua valutazione da
            guidatore. Non è detto che tutti ne siano
            entusiasti.Ah no? Mi indichi una qualsiasi persona non soddisfatta dal sistema di riconoscimento dei cartelli della propria BMW?E, comunque, con "altamente efficace" io non sto dando un grado di entusiasmo. Sto, semplicemente, dicendo che in questi 2 anni di utilizzo il mio sistema ha riconosciuto correttamente il 100% dei cartelli incrociati. Se non è "altamente efficace" cos'è?
            La conclusione non è da poco: per avere Google
            car affidabili in ogni situaizone bisognerà far
            percorrere tutte le strade in precedenza, e
            magari più
            volte.Falso. I sistemi di apprendimento della computer vision non insegnano a riconoscere un singolo oggetto ma, partendo da un oggetto, capire come cataloghizzarlo in modo da riconoscere oggetti simili. Quindi no. Non servirà percorrete tutte le strade. Bisognerà, quello sì, percorrere migliaia e migliaia di km in modo da incorrere nella maggior numero di situazioni possibili. Mi sembra che Google lo stia facendo... Sono centinaia di migliaia i km percorsi fino ad oggi.
            Sono cose che prendono <B
            anni </B

            . O, in alternativa, permettono alle auto di
            Google di viaggiare solo a Mountain View e nelle
            zone limitrofe; e a questo punto non vedo
            l'interesse per un italiano medio.Falso. Vedi sopra.
            Ma sì, in una discussione precedente avevo citato
            Asimo, il robot a forma di bambino con lo
            zainetto:

            https://www.youtube.com/watch?v=yND4k4NM0qU

            Interessante, ma la legnosità dei suoi gesti e i
            riflessi non sempre prontissimi mi fanno
            propendere per applicazioni in cui la velocità
            non sia essenziale. Una tecnologia ancora
            acerba.
            Davvero Google ritiene di essere più avanti?Non mi sembra che Google stia facendo un robot umanoide. Sta facendo tutt'altro.P.S.Il documentario che ho visto io non parlava di Asimo e il focus era incentrato sull'insegnamento e il riconoscimento di oggetti.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili

            Comunque se googli, ne trovi un bel po' di
            articoli che accennano alle tecnologie utilizzate
            da Google nelle proprie Google
            car.Ah no, tu hai tirato fuori l'argomento della visione al computer dei cartelli stradali applicata alle Google car, do per scontato che tu lo abbia letto su un documento preciso e che hai sottomano. Funziona così qui.
          • Prozac scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio

            Comunque se googli, ne trovi un bel po' di

            articoli che accennano alle tecnologie
            utilizzate

            da Google nelle proprie Google

            car.

            Ah no, tu hai tirato fuori l'argomento della
            visione al computer dei cartelli stradali
            applicata alle Google car, do per scontato che tu
            lo abbia letto su un documento preciso e che hai
            sottomano.Perché dovrei averlo sotto mano?Potrei avrne letto anni fa.
            Funziona così qui.Ti ho dato tutti gli elementi per aumentare la tua conoscenza in merito. Se hai voglia di saperne di più, sai come fare. Se non ti interessa la cosa, liberissimo di non informarti.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            E non ti ricordi dove?

            No.
            Su Internet o in Università. Non ricordo di
            preciso dove e quanto tempo
            fa.Male.
            Infatti. La ricezione di informazioni relative
            alla navigazione GPS è già una realtà da anni.
            Tanti anni. I due concetti di "esistenza" e di "applicazione pratica" sono separati e autonomi. Anche il file system ext4 esiste: ma la Apple e la Microsoft, per citare i due maggiori protagonisti del mercato dei PC, non lo adottano per sé, malgrado sia gratis.
          • Prozac scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: LeguleioEh... Se dovessi tenere catalogato tutto quello che leggo...


            Infatti. La ricezione di informazioni
            relative

            alla navigazione GPS è già una realtà da
            anni.

            Tanti anni.

            I due concetti di "esistenza" e di "applicazione
            pratica" sono separati e autonomi. Anche il file
            system ext4 esiste: ma la Apple e la Microsoft,
            per citare i due maggiori protagonisti del
            mercato dei PC, non lo adottano per sé, malgrado
            sia
            gratis.Qua dimostri, nuovamente, la tua ignoranza... Ti piace proprio?Mi spieghi cosa non capisci quando ti dico che il TMC è un sistema diffuso da anni? Sono sicuro di non essere stato criptico nel parlarne...Se ti dico "diffuso" tu cosa capisci? "Che esiste"? "Che ha applicazioni pratiche"?Tu parli tanto del CCISS. Cosa sai del CCISS?Guarda... Oggi sono buono e, anche se non te lo meriteresti visto che non fai il minimo sforzo per essere un po' meno ignorante in materia, ti linko due o tre immagini:[img]http://www.tmcitaly.it/files/mappa_copertura.gif[/img]è abbastanza diffuso?[img]http://www.tmcitaly.it/files/dispositivi_2012.jpg[/img]è abbastanza diffuso?[img]http://www.tisa.org/technologies/tmc/tmc-world-map/[/img]è abbastanza diffuso?Ora, vediamo... secondo te esiste? Ha un'applicazione pratica?Comunque, pensavo che ad un Leguleio piacesse parlare di cose di cui conosce o che, perlomeno, si informasse un attimino prima di scrivere qualcosa...
          • Prozac scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Papple
            Sinceramente alcune affermazioni di Leguleio mi
            lasciano stranito, a volte sembra viva in
            un'altro secolo non conosce tecnologie che già
            esistono da tempo e che sono già in usoGià...
          • Papple scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio

            Sì, adesso decidi tu se le mie domande sono
            conformi all'argomento e quando io posso
            intervenire.
            Scendi dal piedistallo, va', che è meglio.toccato sul vivo?Il mio era solo un consiglio, sei sei libero di di fare tutte le domande stupide che vuoi.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Papple
            - Scritto da: Leguleio




            Sì, adesso decidi tu se le mie domande sono

            conformi all'argomento e quando io posso

            intervenire.

            Scendi dal piedistallo, va', che è meglio.

            toccato sul vivo?
            Il mio era solo un consiglio, sei sei libero di
            di fare tutte le domande stupide che
            vuoi.Scendi dal piedistallo, almeno di una decina di chilometri: l'aria troppo rerefatta provoca ipossia, con conseguenti stati di euforia non giustificata.Un'altezza di 1500 m va ancora bene.
          • Papple scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio
            - Scritto da: Papple

            - Scritto da: Leguleio







            Sì, adesso decidi tu se le mie domande
            sono


            conformi all'argomento e quando io posso


            intervenire.


            Scendi dal piedistallo, va', che è
            meglio.



            toccato sul vivo?

            Il mio era solo un consiglio, sei sei libero
            di

            di fare tutte le domande stupide che

            vuoi.

            Scendi dal piedistallo, almeno di una decina di
            chilometri: l'aria troppo rerefatta provoca
            ipossia, con conseguenti stati di euforia non
            giustificata.
            Un'altezza di 1500 m va ancora bene.Non sono io sul piedistallo sei tu che sei troppo basso
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Papple
            - Scritto da: Leguleio

            - Scritto da: Papple


            - Scritto da: Leguleio










            Sì, adesso decidi tu se le mie
            domande

            sono



            conformi all'argomento e quando io
            posso



            intervenire.



            Scendi dal piedistallo, va', che è

            meglio.





            toccato sul vivo?


            Il mio era solo un consiglio, sei sei
            libero

            di


            di fare tutte le domande stupide che


            vuoi.



            Scendi dal piedistallo, almeno di una decina
            di

            chilometri: l'aria troppo rerefatta provoca

            ipossia, con conseguenti stati di euforia non

            giustificata.

            Un'altezza di 1500 m va ancora bene.

            Non sono io sul piedistallo sei tu che sei troppo
            bassoScendi lo stesso. Non ti sento. Metterti su un livello più alto non ti aiuta.
        • Aleb scrive:
          Re: Dettagli trascurabili
          Un'auto senza guidatore deve sapersi muovere anche senza una mappa delle strade, e deve saper leggere i cartellu stradali. Per arrivare a destinazione basta la bussola. E nella maggioranza dei casi, il passeggero può prendere i comandi.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili

            Un'auto senza guidatore deve sapersi muovere
            anche senza una mappa delle strade, e deve saper
            leggere i cartellu stradali. Per arrivare a
            destinazione basta la bussola. E nella
            maggioranza dei casi, il passeggero può prendere
            i
            comandi.Cosa serve un'auto senza guidatore se il passeggero (ovviamente con patente valida) si presum che debba prendere i comandi?È un giocattolo?
          • Aleb scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            Non a tutti piace guidare, la guida automatica dovrebbe essere più sicura e comunque bisognerebbe prendere i comandi solo in casi eccezionali.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili

            Non a tutti piace guidare, la guida automatica
            dovrebbe essere più sicura e comunque
            bisognerebbe prendere i comandi solo in casi
            eccezionali.Vediamo quali saranno questi casi eccezionali.Si parla di utilizzare queste auto anche come tassì e per il trasporto di bambini. Se davvero sarà necessario l'intervento umano, col cavolo che danno le autorizzazioni necessarie.
          • Aleb scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            Adesso che mi ci fai pensare, potrebbe anche non esserci bisogno dell'intervento umano.
          • qualcuno scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio

            Non a tutti piace guidare, la guida
            automatica

            dovrebbe essere più sicura e comunque

            bisognerebbe prendere i comandi solo in casi

            eccezionali.

            Vediamo quali saranno questi casi eccezionali.Sempre le solite boiate. O funziona tutto e subito o non se ne fa niente.Le prime macchine avranno bisogno dell'intervento umano? E' comunque un passo avanti. Quando sono incolonnato sulla tangenziale nel traffico che va a due all'ora lascio i comandi alla macchina e mi metto a lavorare o a leggere il giornale. Negli altri casi guido io. Già così mi risparnio parecchio stress.
            Si parla di utilizzare queste auto anche come
            tassì e per il trasporto di bambini. Arriveranno dopo.
            Se davvero
            sarà necessario l'intervento umano, col cavolo
            che danno le autorizzazioni necessarie.Le autorizzazioni in Italia le daranno tra 20/30 anni quando i veicoi autonomi saranno stati ben collaudati in altri paesi.
          • qualcuno scrive:
            Re: Dettagli trascurabili


            Vediamo quali saranno questi casi
            eccezionali.

            Sempre le solite boiate. O funziona tutto e
            subito o non se ne fa
            niente.P.S. In svezia stanno sperimentando la guida automatica in convoglio. Un veicolo speciale percorre l'autostrada dando il segnale, le auto a guida automatica si accodano e seguono il segnale.Serve una intelligenza artificiale molto più semplice.Fuori dal convoglio l'autista deve prendere i comandi, però nei lunghi tratti di autostrada non deve pensare alle guida e già viene considerato un beneficio sufficiente per portare avanti il progetto.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili

            P.S. In svezia stanno sperimentando la guida
            automatica in convoglio. Un veicolo speciale
            percorre l'autostrada dando il segnale, le auto a
            guida automatica si accodano e seguono il
            segnale.

            Serve una intelligenza artificiale molto più
            semplice.
            Fuori dal convoglio l'autista deve prendere i
            comandi, però nei lunghi tratti di autostrada non
            deve pensare alle guida e già viene considerato
            un beneficio sufficiente per portare avanti il
            progetto.La guida in autostrada, quando non si parla del tratto Bologna-Firenze, è molto più semplice. Niente semafori, niente pedoni, nessuna precedenza da dare. Chissà perché quando si parla di queste sperimentazioni non si pone mai l'accento sulla circostanza: per ora l'esperimento è perfettamente riuscito solo in auostrada. Non in città.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili



            Non a tutti piace guidare, la guida

            automatica


            dovrebbe essere più sicura e comunque


            bisognerebbe prendere i comandi solo in
            casi


            eccezionali.



            Vediamo quali saranno questi casi
            eccezionali.

            Sempre le solite boiate. O funziona tutto e
            subito o non se ne fa
            niente.
            Le prime macchine avranno bisogno dell'intervento
            umano?

            E' comunque un passo avanti. Quando sono
            incolonnato sulla tangenziale nel traffico che va
            a due all'ora lascio i comandi alla macchina e mi
            metto a lavorare o a leggere il giornale. Negli
            altri casi guido io. Già così mi risparnio
            parecchio
            stress.Si tratta di completezza dell'informazione. E questo articolo non ne contiene, sembra un redazionale di Google.Dire che la guida automatica eviterà grandi rotture di scatole è una cosa. Dire che farà tutto da sola, e ti servirà il caffè con panna e i cucchiani di zucchero che hai pensato tu è un fumettone. E nemmeno dei migliori.
          • qualcuno scrive:
            Re: Dettagli trascurabili
            - Scritto da: Leguleio



            Non a tutti piace guidare, la guida


            automatica



            dovrebbe essere più sicura e
            comunque



            bisognerebbe prendere i comandi
            solo
            in

            casi



            eccezionali.





            Vediamo quali saranno questi casi

            eccezionali.



            Sempre le solite boiate. O funziona tutto e

            subito o non se ne fa

            niente.

            Le prime macchine avranno bisogno
            dell'intervento

            umano?



            E' comunque un passo avanti. Quando sono

            incolonnato sulla tangenziale nel traffico
            che
            va

            a due all'ora lascio i comandi alla macchina
            e
            mi

            metto a lavorare o a leggere il giornale.
            Negli

            altri casi guido io. Già così mi risparnio

            parecchio

            stress.

            Si tratta di completezza dell'informazione. E
            questo articolo non ne contiene, sembra un
            redazionale di
            Google.
            Dire che la guida automatica eviterà grandi
            rotture di scatole è una cosa. Dire che farà
            tutto da sola, e ti servirà il caffè con panna e
            i cucchiani di zucchero che hai pensato tu è un
            fumettone. E nemmeno dei
            migliori.Vedo che non sai fare altro che giocare con la dialettica per rivoltare la frittata. Quindi ripeto:Sempre le solite boiate. O funziona tutto e subito o non se ne fa niente.Che debba il caffè con panna e i cucchiani di zucchero è quello che sostieni tu.
          • Leguleio scrive:
            Re: Dettagli trascurabili

            Vedo che non sai fare altro che giocare con la
            dialettica per rivoltare la frittata. Ti stai sgabbizzando. L'immagine della frittata rivoltata è sua.
            Quindi
            ripeto:
            Sempre le solite boiate. O funziona tutto e
            subito o non se ne fa
            niente.Cosa che per inciso io non ho mai detto. A proposito di frittate...
            Che debba il caffè con panna e i cucchiani di
            zucchero è quello che sostieni
            tu.Caso mai che debba fare.È il senso dell'articolo di PI, il presente, e anche i precedenti sullo stesso tema. Non c'è posto per i dubbi, non c'è posto per le tappe come scrivi tu. La macchina che si guida da sola è una realtà, e ce le vedremo sotto casa dopodomani mattina.Altrimenti i clic come si attirano?
  • ... scrive:
    io al compro ma patto che...
    ... uno degli ingegneri della squadra di progettazione di sto coso sia sempre con me, legato al sedile del passeggero, ammanettato in modo da impedirgli qualunque movimento. se c'e' da crepare a causa di un difetto, che venga con me nen rogo dell'incidente.
    • krane scrive:
      Re: io al compro ma patto che...
      - Scritto da: ...
      ... uno degli ingegneri della squadra di
      progettazione di sto coso sia sempre con me,
      legato al sedile del passeggero, ammanettato in
      modo da impedirgli qualunque movimento. se c'e'
      da crepare a causa di un difetto, che venga con
      me nen rogo dell'incidente.Ma non fai prima a far guidare direttamente lui allora ?Risparmi anche sull'elettronica.
      • ... scrive:
        Re: io al compro ma patto che...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: ...

        ... uno degli ingegneri della squadra di

        progettazione di sto coso sia sempre con me,

        legato al sedile del passeggero, ammanettato
        in

        modo da impedirgli qualunque movimento. se
        c'e'

        da crepare a causa di un difetto, che venga
        con

        me nen rogo dell'incidente.

        Ma non fai prima a far guidare direttamente lui
        allora
        ?
        Risparmi anche sull'elettronica.non era qeullo il senso del post.se accetta di essere in auto senza poter intervenire significa che si fida del suo lavoro, no?
        • krane scrive:
          Re: io al compro ma patto che...
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: ...
          non era qeullo il senso del post.
          se accetta di essere in auto senza poter
          intervenire significa che si fida del suo
          lavoro, no?Sono anni che gli ingenieri vanno in giro sulle loro auto, gli italiani son stati su una macchina automatica da parma fino in cina.http://www.innovitaly.eu/blog/2013/09/16/parma-primo-test-al-mondo-di-auto-a-guida-automatica-nel-traffico-urbano/
          • ... scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: ...


            non era qeullo il senso del post.

            se accetta di essere in auto senza poter

            intervenire significa che si fida del suo

            lavoro, no?

            Sono anni che gli ingenieri vanno in giro sulle
            loro auto, gli italiani son stati su una macchina
            automatica da parma fino in
            cina.

            http://www.innovitaly.eu/blog/2013/09/16/parma-prisi, il tutto pilotato da un pentium 200Mhz, l'auto guidava ma non poteva ne superare ne cambiare corsia. diciamo una guida assistita, molto utile in autostrada.
        • ndr scrive:
          Re: io al compro ma patto che...

          non era qeullo il senso del post.
          se accetta di essere in auto senza poter
          intervenire significa che si fida del suo lavoro,
          no?Complimenti per il "ragionamento".Quindi, ad esempio, secondo te deve accompagnarti anche l'ideatore dell'ABS, sennò non compri l'auto......dopotutto come fai a fidarti di un congegno che interviene in automatico sui freni della tua auto? Facendo aprire le pinze tra l'altro!!! Pensa che abominio eh? Chissà quanta gente ucciderà questo ABS...!
          • ... scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: ndr

            non era qeullo il senso del post.

            se accetta di essere in auto senza poter

            intervenire significa che si fida del suo
            lavoro,

            no?

            Complimenti per il "ragionamento".
            Quindi, ad esempio, secondo te deve accompagnarti
            anche l'ideatore dell'ABS, sennò non compri
            l'auto...

            ...dopotutto come fai a fidarti di un congegno
            che interviene in automatico sui freni della tua
            auto? Facendo aprire le pinze tra l'altro!!!
            Pensa che abominio eh? Chissà quanta gente
            ucciderà questo
            ABS...!l'abs non blocca le ruote, un meccanismo mooooooooooolto meno complesso di "guidare in autonomia". quindi no, non mi serve che il tipo dell'abs stia in auto con me e nemmeno l'ascensorista quando faccio su e giu' in ascensore. Ma per roba complessa ocme guidare allora se permetti ancora non mi fido di un sistema non umano. Non dico che non lo accetto in toto, dico solo "e' troppo presto".Se a destra attraversa un cane e a sinistra un uomo e non puoi frenare in tempo, chi decidi di mettere sotto? io metterei sotto il cane, un sistema robotizzato magari no.
          • krane scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: ndr


            non era qeullo il senso del post.


            se accetta di essere in auto senza poter


            intervenire significa che si fida del suo

            lavoro,


            no?



            Complimenti per il "ragionamento".

            Quindi, ad esempio, secondo te deve
            accompagnarti

            anche l'ideatore dell'ABS, sennò non compri

            l'auto...



            ...dopotutto come fai a fidarti di un congegno

            che interviene in automatico sui freni della tua

            auto? Facendo aprire le pinze tra l'altro!!!

            Pensa che abominio eh? Chissà quanta gente

            ucciderà questo

            ABS...!

            l'abs non blocca le ruote, un meccanismo
            mooooooooooolto meno complesso di "guidare in
            autonomia". quindi no, non mi serve che il tipo
            dell'abs stia in auto con me e nemmeno
            l'ascensorista quando faccio su e giu' in
            ascensore. Ma per roba complessa ocme guidare
            allora se permetti ancora non mi fido di un
            sistema non umano. Non dico che non lo accetto in
            toto, dico solo "e' troppo
            presto".

            Se a destra attraversa un cane e a sinistra un
            uomo e non puoi frenare in tempo, chi decidi di
            mettere sotto? io metterei sotto il cane, un
            sistema robotizzato magari no.E se l'uomo e' un leguleo ?(rotfl)
          • Prozac scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: ...
            l'abs non blocca le ruote, un meccanismo
            mooooooooooolto meno complesso di "guidare in
            autonomia". quindi no, non mi serve che il tipo
            dell'abs stia in auto con me e nemmeno
            l'ascensorista quando faccio su e giu' in
            ascensore. Ma per roba complessa ocme guidare
            allora se permetti ancora non mi fido di un
            sistema non umano. Non dico che non lo accetto in
            toto, dico solo "e' troppo
            presto".

            Se a destra attraversa un cane e a sinistra un
            uomo e non puoi frenare in tempo, chi decidi di
            mettere sotto? io metterei sotto il cane, un
            sistema robotizzato magari
            no.Vai tranquillo, nel caso arrivassero a breve tali macchine, nessuno ti punterà addosso una pistola per obbligarti a comprarla. Fai così, se per tua sfortuna le case automobilistiche non offriranno l'opzione "ingegnere legato al tuo fianco", compra l'auto a tua suocera e manda avanti lei a "testarla" per te ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 maggio 2014 15.04-----------------------------------------------------------
          • peppe scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            ma hai mai visto la precisione dei radar delle Google car prima di parlare?Il sistema ha dei tempi di reazione migliaia di volte più veloci di un essere umano (che si può distrarre), quindi non ci arrivi proprio alla condizione che il sistema deve scegliere chi buttare sotto perché si è già accorto di un potenziale pericolo.
    • ndr scrive:
      Re: io al compro ma patto che...
      - Scritto da: ...
      ... uno degli ingegneri della squadra di
      progettazione di sto coso sia sempre con me,
      legato al sedile del passeggero, ammanettato in
      modo da impedirgli qualunque movimento. se c'e'
      da crepare a causa di un difetto, che venga con
      me nen rogo
      dell'incidente.Stai pur certo che un sistema automatico fa molti meno danni della guida umana.Non è infallibile, ma ancor meno lo è la TUA guida (o quella di chi ti sta attorno), che tu te ne renda conto o meno.E' una questione di percezione, si chiama "outrage factor".E alle volte è anche un po' di pregiudizio o, peggio, ignoranza.
      • Izio01 scrive:
        Re: io al compro ma patto che...
        - Scritto da: ndr
        - Scritto da: ...

        ... uno degli ingegneri della squadra di

        progettazione di sto coso sia sempre con me,

        legato al sedile del passeggero, ammanettato in

        modo da impedirgli qualunque movimento. se c'e'

        da crepare a causa di un difetto, che venga con

        me nen rogo

        dell'incidente.

        Stai pur certo che un sistema automatico fa molti
        meno danni della guida
        umana.
        Non è infallibile, ma ancor meno lo è la TUA
        guida (o quella di chi ti sta attorno), che tu te
        ne renda conto o meno.

        E' una questione di percezione, si chiama
        "outrage factor".
        E alle volte è anche un po' di pregiudizio o,
        peggio, ignoranza.Veramente mi sembra che tu sovrastimi proprio tecnicamente le possibilità di un sistema automatico, l'outrage factor non c'entra nulla. L'efficacia di un sistema elettronico in casi relativamente semplici di azione-reazione, come quello dell'ABS che hai citato, non è in discussione. Un circuito può reagire in un microsecondo, un umano no.Se però si tratta di "capire" situazioni complesse, con centinaia di variabili non semplicemente quantificabili, il discorso cambia e di molto. La mia guida non è infallibile, certo, ma <u
        con la tecnologia attuale </u
        mi fido comunque più di lei che di un'automobile a guida completamente automatica.
        • krane scrive:
          Re: io al compro ma patto che...
          - Scritto da: Izio01
          - Scritto da: ndr
          Se però si tratta di "capire" situazioni
          complesse, con centinaia di variabili non
          semplicemente quantificabili, il discorso cambia
          e di molto. La mia guida non è infallibile,
          certo, ma <u
          con la tecnologia attuale
          </u
          mi fido comunque più di lei che di
          un'automobile a guida completamente automatica.Io sono un paio di anni che non ho piu' tutta questa sicurezza che hai tu, fino a 5 anni fa avrei detto lo stesso, ora non sono piu' cosi' sicuro.
          • Izio01 scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Izio01

            - Scritto da: ndr


            Se però si tratta di "capire" situazioni

            complesse, con centinaia di variabili non

            semplicemente quantificabili, il discorso
            cambia

            e di molto. La mia guida non è infallibile,

            certo, ma <u
            con la tecnologia
            attuale

            </u
            mi fido comunque più di lei che
            di

            un'automobile a guida completamente
            automatica.

            Io sono un paio di anni che non ho piu' tutta
            questa sicurezza che hai tu, fino a 5 anni fa
            avrei detto lo stesso, ora non sono piu' cosi'
            sicuro.No, aspetta, non ho certezze. Ho solo sospetti; se le prove pratiche dimostreranno che i miei dubbi sono infondati, tanto meglio.Però proprio ieri sera ho fatto una gimcana di deviazioni a causa di lavori prolungati lungo una provinciale. Veramente faccio fatica a credere che un computer riuscirebbe a raccapezzarcisi. Vedremo quando sarà in commercio ;)
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...

            Vedremo quando sarà in commercio
            ;) <B
            Se </B
            sarà in commercio.Non è come lanciare un nuovo gadget con la mela sopra. Ciò che va sulla carreggiata di una via pubblica necessita di omologazione, un'operazione non banale.
          • PinguinoCattivo scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio

            Vedremo quando sarà in commercio

            ;)

            <B
            Se </B
            sarà in commercio.
            Non è come lanciare un nuovo gadget con la mela
            sopra. Ciò che va sulla carreggiata di una via
            pubblica necessita di omologazione, un'operazione
            non
            banale.E' plausibile ritenere che, se si arriverà a tanto, ci si arriverà attraverso numerosi step intermedi, passando per modalità di guida sempre più assistite e facilitate.Se guardo all'evoluzione dell'elettronica nelle automobili negli ultimi 15 anni vedo un proXXXXX già in corso...
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...



            Vedremo quando sarà in commercio


            ;)



            <B
            Se </B
            sarà in commercio.

            Non è come lanciare un nuovo gadget con la
            mela

            sopra. Ciò che va sulla carreggiata di una
            via

            pubblica necessita di omologazione,
            un'operazione

            non

            banale.

            E' plausibile ritenere che, se si arriverà a
            tanto, ci si arriverà attraverso numerosi step
            intermedi, passando per modalità di guida sempre
            più assistite e
            facilitate.Mhmmmh... chissà perché queste considerazioni non ci sono mai negli articoli di PI, anzi, a essere sinceri nemmeno negli altri, tranne forse la stampa automobilistica più specializzata. Sarà che scrivere nel titolo che le vedremo tra 15 anni non attira clic? :D
            Se guardo all'evoluzione dell'elettronica nelle
            automobili negli ultimi 15 anni vedo un proXXXXX
            già in
            corso...Be', io non credo che l'introduzione dell'ABS, del controllo della trazione, del controllo elettronico della stabilità e del dispositivo per il parcheggio automatico abbiano richiesto grandi passaggi per l'omologazione. Aiutano il guidatore, ma non si sostituiscono mai realmente ad esso nelle decisioni. Sì, per il parcheggio volendo si sostituiscono, ma si tratta di pochi metri e mentre si accosta. La guida automatica è un passo oltre.
          • PinguinoCattivo scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio

            E' plausibile ritenere che, se si arriverà a

            tanto, ci si arriverà attraverso numerosi

            step intermedi, passando per modalità di guida

            sempre più assistite e facilitate.

            Mhmmmh... chissà perché queste considerazioni non
            ci sono mai negli articoli di PI, anzi, a essere
            sinceri nemmeno negli altri, tranne forse la
            stampa automobilistica più specializzata.

            Sarà che scrivere nel titolo che le vedremo tra
            15 anni non attira clic?Solo 15?Ti facevo meno ottimista :D
            Be', io non credo che l'introduzione dell'ABS,
            del controllo della trazione, del controllo
            elettronico della stabilità e del dispositivo per
            il parcheggio automatico abbiano richiesto grandi
            passaggi per l'omologazione. Aiutano il
            guidatore, ma non si sostituiscono mai realmente
            ad esso nelle decisioni. Sì, per il parcheggio
            volendo si sostituiscono, ma si tratta di pochi
            metri e mentre si accosta.Sono tutti piccoli passi, ma se ci pensi tutti necessari per arrivare ad una possibile guida automatica.Prima di avere l'automatismo totale è necessario passare attraverso innumerevoli traguardi intermedi. Alcuni sono già pronti (vedi servo freno, servo sterzo etc.). Altri li stanno introducendo nei modelli attuali, altri ancora li vedremo in futuro.


            La guida automatica è un passo oltre.Eh si: il cammino è ancora lungo.
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...


            Mhmmmh... chissà perché queste
            considerazioni
            non

            ci sono mai negli articoli di PI, anzi, a
            essere

            sinceri nemmeno negli altri, tranne forse la

            stampa automobilistica più specializzata.



            Sarà che scrivere nel titolo che le vedremo
            tra

            15 anni non attira clic?

            Solo 15?
            Ti facevo meno ottimista :DEra il tempo indicato da te riguardo all'elettronica nelle auto.Il discorso non cambia anche se fossero 30, eh?!?
            Prima di avere l'automatismo totale è necessario
            passare attraverso innumerevoli traguardi
            intermedi. Alcuni sono già pronti (vedi servo
            freno, servo sterzo etc.). Il servo freno e il servo sterzo non c'entrano con l'elettronica. Sono dispositivi idraulici che permettono di fare meno fatica girando il volante e premendo il freno. Un principio molto simile a quello della leva.
          • PinguinoCattivo scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio

            Solo 15?

            Ti facevo meno ottimista :D

            Era il tempo indicato da te riguardo
            all'elettronica nelle auto.Eh si, ma rivolto al passato (che è noto).Quanto sarà rapido il progresso "futuro" è difficile da indovinare :)
            Il discorso non cambia anche se fossero 30, eh?!?
            Ovvio.
            Il servo freno e il servo sterzo non c'entrano
            con l'elettronica. Sono dispositivi idraulici che
            permettono di fare meno fatica girando il volante
            e premendo il freno. Un principio molto simile a
            quello della
            leva.Eppure costituiscono step importanti nell'obbiettivo (a lungo termine) di un completo automatismo.L'elettronica darà i comandi, ma sarà sempre la meccanica a svolgere il lavoro.
          • Papple scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio
            Il servo freno e il servo sterzo non c'entrano
            con l'elettronica. Sono dispositivi idraulici che
            permettono di fare meno fatica girando il volante
            e premendo il freno. Un principio molto simile a
            quello della leva.Veramente esistono sia servofreno che servosterzo non idraulici ma elettronici funzionano con comandi fly-by-wire (il fly-by-wire viene usato da anni sugli aerei), in oltre in auto già esistono sistemi elettronici che mantengono la distanza di sicurezza, segnalano il cambio accidentale di corsia, azionano i freni in caso di ostacoli sul percorso, questi di fatto sono primi step verso la guida totalmente automatica, io penso che il problema più grande non sia nel mezzo in se già perfettamente realizzabile quando nell'adeguamento delle infrastrutture come le strade.
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...


            Il servo freno e il servo sterzo non
            c'entrano

            con l'elettronica. Sono dispositivi
            idraulici
            che

            permettono di fare meno fatica girando il
            volante

            e premendo il freno. Un principio molto
            simile
            a

            quello della leva.

            Veramente esistono sia servofreno che servosterzo
            non idraulici ma elettronici funzionano con
            comandi fly-by-wire (il fly-by-wire viene usato
            da anni sugli aerei), Li conosco, ma sei sicuro che si definiscano correttamente "servofreno" e "servosterzo"?A me paiono una cosa diversa, e hanno il nome rispettivamente di brake by wire e drive by wire.
            in oltre in auto già
            esistono sistemi elettronici che mantengono la
            distanza di sicurezza, segnalano il cambio
            accidentale di corsia, azionano i freni in caso
            di ostacoli sul percorso, questi di fatto sono
            primi step verso la guida totalmente automatica,
            io penso che il problema più grande non sia nel
            mezzo in se già perfettamente realizzabile quando
            nell'adeguamento delle infrastrutture come le
            strade.Strade su misura di un computer anziché su misura del guidatore?Saranno economicissime, soprattutto per la manutenzione.
          • Papple scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio


            Il servo freno e il servo sterzo non

            c'entrano


            con l'elettronica. Sono dispositivi

            idraulici

            che


            permettono di fare meno fatica girando
            il

            volante


            e premendo il freno. Un principio molto

            simile

            a


            quello della leva.



            Veramente esistono sia servofreno che
            servosterzo

            non idraulici ma elettronici funzionano con

            comandi fly-by-wire (il fly-by-wire viene
            usato

            da anni sugli aerei),

            Li conosco, ma sei sicuro che si definiscano
            correttamente "servofreno" e
            "servosterzo"?
            A me paiono una cosa diversa, e hanno il nome
            rispettivamente di brake by wire e drive by
            wire.
            mai sentito parlare di attuatori elettrici il servosterzo elettrico lo monta persino la pandail servofreno elettrico esiste, ad esempio la bosch ne produce uno che si chiama iBooster (nonostante il nome non ha una mela sopra)

            in oltre in auto già

            esistono sistemi elettronici che mantengono
            la

            distanza di sicurezza, segnalano il cambio

            accidentale di corsia, azionano i freni in
            caso

            di ostacoli sul percorso, questi di fatto
            sono

            primi step verso la guida totalmente
            automatica,

            io penso che il problema più grande non sia
            nel

            mezzo in se già perfettamente realizzabile
            quando

            nell'adeguamento delle infrastrutture come le

            strade.

            Strade su misura di un computer anziché su misura
            del
            guidatore?
            Saranno economicissime, soprattutto per la
            manutenzione.A parte che si possono usare sistemo passivi sulle strade dato che i sensori attivi sarebbero sulle auto.Manutenzione più o meno costosa?Chi può dirlo per ora non esistono studi al riguardo che io conosca, bisogna sempre considerare i l discorso costi benefici, ad esempio quanti soldi risparmia la comunità con la diminuzione degli incidenti (costi rimozione e riparazione dei mezzi, ripristino del tratto stradale,spese mediche per i feriti, assistenza per le persone che hanno avuto una disabilità temporanea o permanente a causa dell'incidente, questi sono solo alcuni dei costi da prendere in considerazione), come vedi il discorso è molto più complesso che non fare l'auto che si guida da sola, che tra le altre cose già esiste
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...


            Li conosco, ma sei sicuro che si definiscano

            correttamente "servofreno" e

            "servosterzo"?

            A me paiono una cosa diversa, e hanno il nome

            rispettivamente di brake by wire e drive by

            wire.


            mai sentito parlare di attuatori elettrici
            il servosterzo elettrico lo monta persino la pandaEd è questo:http://www.omniauto.it/glossario/servosterzo-elettricoIl servomeccanismo non fa a meno della connessione fra volante e piantone delle ruote, ma agisce per diminuire lo sforzo necessario alla rotazione. È un servosterzo a governo elettronico, ma l'energia proviene comunque da un sistema idraulico, e dalle mani del guidatore. Il concetto del drive by wire è totalmente diverso, lì il volante e le ruote non sono connesse meccanicamente.
            il servofreno elettrico esiste, ad esempio la
            bosch ne produce uno che si chiama iBooster
            (nonostante il nome non ha una mela
            sopra)Anche qui, confondi elettrico con elettronico. l'iBooster è un sistema elettronico che probabilmente farà furore in futuro, ma non è un servofreno. Diminuisce i tempi di reazione e quindi lo spazio di frenata.

            Strade su misura di un computer anziché su
            misura

            del

            guidatore?

            Saranno economicissime, soprattutto per la

            manutenzione.
            A parte che si possono usare sistemo passivi
            sulle strade dato che i sensori attivi sarebbero
            sulle
            auto.
            Manutenzione più o meno costosa?Io ricordo la catastrofe degli Irisbus Civis a Bologna, un servizio costosissimo e mai partito, e in seguito definitivamente accantonato. Da quello che so, bastava una nevicata, una grandinata, un acciaccio anche di lieve entità al manto stradale e il sistema di riconoscimento ottico andava in tilt, quindi l'autobus non accostava più alla fermata come previsto. E la guida ottica andava rifatta costantemente, non era come le zebre che anche se son lise i pedoni e gli automobilisti le vedono.
          • Papple scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio


            Li conosco, ma sei sicuro che si
            definiscano


            correttamente "servofreno" e


            "servosterzo"?


            A me paiono una cosa diversa, e hanno
            il
            nome


            rispettivamente di brake by wire e
            drive
            by


            wire.





            mai sentito parlare di attuatori elettrici

            il servosterzo elettrico lo monta persino la
            panda

            Ed è questo:

            http://www.omniauto.it/glossario/servosterzo-elett

            Il servomeccanismo non fa a meno della
            connessione fra volante e piantone delle ruote,
            ma agisce per diminuire lo sforzo necessario alla
            rotazione. È un servosterzo a governo
            elettronico, ma l'energia proviene comunque da un
            sistema idraulico, e dalle mani del guidatore. non necessariamente se si usano attuatori elettrici la connessione può essere in cavo e nel drive by wire non serve neanche il cavo

            il servofreno elettrico esiste, ad esempio la

            bosch ne produce uno che si chiama iBooster

            (nonostante il nome non ha una mela

            sopra)

            Anche qui, confondi elettrico con elettronico.
            l'iBooster è un sistema elettronico che
            probabilmente farà furore in futuro, ma non è un
            servofreno. Diminuisce i tempi di reazione e
            quindi lo spazio di frenata.sbagliato forse tu confondi elettrico con elettronico, l'elettronica controlla il funzionamento ma è l'elettrico che compie l'azioneL'ultimo ritrovato di Bosch si chiama iBooster, ed è una novità che verrà introdotta nelle auto di produzione a partire dalla fine del 2013, sia per veicoli ibridi ed elettrici che con motori termici: si tratta di una <b
            forma evoluta di servofreno </b
            , che non utilizza la depressione del motore termico, ma sfrutta invece un <b
            motore elettrico </b
            che agisce direttamente sul pistone della pompa del freno.Quindi niente collegamento meccanico tra pedale e freno, evidentemente non ti sei documentato


            Strade su misura di un computer anziché
            su

            misura


            del


            guidatore?


            Saranno economicissime, soprattutto per
            la


            manutenzione.


            A parte che si possono usare sistemo passivi

            sulle strade dato che i sensori attivi
            sarebbero

            sulle

            auto.

            Manutenzione più o meno costosa?

            Io ricordo la catastrofe degli Irisbus Civis a
            Bologna, un servizio costosissimo e mai partito,
            e in seguito definitivamente accantonato. Da
            quello che so, bastava una nevicata, una
            grandinata, un acciaccio anche di lieve entità al
            manto stradale e il sistema di riconoscimento
            ottico andava in tilt, quindi l'autobus non
            accostava più alla fermata come previsto. E la
            guida ottica andava rifatta costantemente, Il progresso è pieno di fallimenti o credi che l'aereo sia stato inventato al primo tentativo, poi Irisbus Civisfu fu un fallimento perché come molte cose realizzate in italia il suo scopo principale era di spartirsi i soldi degli appalti, fu fatto senza uno studio approfondito ne test adeguati prima della realizzazione, ci si fidò solo di quanto dichiarato dalla ditta produttrice degli autobus poi esiste anche una diatriba riguardo a modifiche richieste dai tecnici del comune e mai effettuate da Iribus.A me sembra che tu cerchi sempre di semplificare situazioni che invece sono molto più complesse.
            non era come le zebre che anche se son lise i pedoni
            e gli automobilisti le vedono.A giudicare dal numero di investimenti sulle strisce e fuori dalle strisce che avvengono ogni anno o dal numero di precedenze non rispettate agli incroci sia con semaforo che senza, forse pedoni e automobilisti non ci vedono molto bene.
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...


            Ed è questo:




            http://www.omniauto.it/glossario/servosterzo-elett



            Il servomeccanismo non fa a meno della

            connessione fra volante e piantone delle
            ruote,

            ma agisce per diminuire lo sforzo necessario
            alla

            rotazione. È un servosterzo a governo

            elettronico, ma l'energia proviene comunque
            da
            un

            sistema idraulico, e dalle mani del
            guidatore.


            non necessariamente se si usano attuatori
            elettrici la connessione può essere in cavo e nel
            drive by wire non serve neanche il
            cavoMa non sono dei servosterzo.Attraverso questi sistemi puoi tranquillamente sostituire il volante con due bottoni o delle frecce su uno schermo tattile, destra e sinistra, perché per l'elettronica le modalità di input sono irrilevanti. Non si tratta più di amplificare lo sforzo effettuato dal guidatore oppure di renderlo proporzionale alla velocità. È proprio un meccanismo concettualmente diverso.
            sbagliato forse tu confondi elettrico con
            elettronico, l'elettronica controlla il
            funzionamento ma è l'elettrico che compie
            l'azioneIn questo caso è entrambe le cose, ma nota che gli ingegneri potevano benissimo progettare un sistema che prendesse l'energia dal motore, anziché da un motore elettrico indipendente. Non è insomma una scelta obbligata quella di affidarsi all'energia elettrica. Non è ne servofreno né drive by wire, per quello che vedo io. È un sistema di assistenza alla guida che aumenta la sicurezza.
            L'ultimo ritrovato di Bosch si chiama iBooster,
            ed è una novità che verrà introdotta nelle auto
            di produzione a partire dalla fine del 2013, Ehm, siamo a metà 2014.Non capisco perché parli al futuro. Ad ora non sono state immesse sul mercato auto con questo dispositivo.

            Io ricordo la catastrofe degli Irisbus Civis
            a

            Bologna, un servizio costosissimo e mai
            partito,

            e in seguito definitivamente accantonato. Da

            quello che so, bastava una nevicata, una

            grandinata, un acciaccio anche di lieve
            entità
            al

            manto stradale e il sistema di riconoscimento

            ottico andava in tilt, quindi l'autobus non

            accostava più alla fermata come previsto. E
            la

            guida ottica andava rifatta costantemente,

            Il progresso è pieno di fallimenti o credi che
            l'aereo sia stato inventato al primo tentativo,Ah, almeno lo ammetti.Sai, sei entrato in questa discussione con il tono di quello che dice che la strada è spianata e tutto si farà secondo il programma prestabilito, si adattano solo i tempi...
            poi Irisbus Civisfu fu un fallimento perché come
            molte cose realizzate in italia il suo scopo
            principale era di spartirsi i soldi degli
            appalti, fu fatto senza uno studio approfondito
            ne test adeguati prima della realizzazione, ci si
            fidò solo di quanto dichiarato dalla ditta
            produttrice degli autobus Tutto vero, ma quel sistema a Castellón de la Plana, Spagna, e a Las Vegas, Stati Uniti, funziona, e da anni.Forse il loro manto stradale è manutenuto meglio, chissà.

            non era come le zebre che anche se son lise
            i
            pedoni

            e gli automobilisti le vedono.
            A giudicare dal numero di investimenti sulle
            strisce e fuori dalle strisce che avvengono ogni
            anno o dal numero di precedenze non rispettate
            agli incroci sia con semaforo che senza, forse
            pedoni e automobilisti non ci vedono molto
            bene.Ci vedono, ci vedono. Ma hanno il libero arbitrio, anche con strisce appena verniciate, una cosa che i Civis non possono avere.
          • Papple scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio


            Ed è questo:








            http://www.omniauto.it/glossario/servosterzo-elett





            Il servomeccanismo non fa a meno della


            connessione fra volante e piantone delle

            ruote,


            ma agisce per diminuire lo sforzo
            necessario

            alla


            rotazione. È un servosterzo a
            governo


            elettronico, ma l'energia proviene
            comunque

            da

            un


            sistema idraulico, e dalle mani del

            guidatore.





            non necessariamente se si usano attuatori

            elettrici la connessione può essere in cavo
            e
            nel

            drive by wire non serve neanche il

            cavo

            Ma non sono dei servosterzo.
            Attraverso questi sistemi puoi tranquillamente
            sostituire il volante con due bottoni o delle
            frecce su uno schermo tattile, destra e sinistra,
            perché per l'elettronica le modalità di input
            sono irrilevanti. Non si tratta più di
            amplificare lo sforzo effettuato dal guidatore
            oppure di renderlo proporzionale alla velocità.
            È proprio un meccanismo concettualmente
            diverso.



            sbagliato forse tu confondi elettrico con

            elettronico, l'elettronica controlla il

            funzionamento ma è l'elettrico che compie

            l'azione

            In questo caso è entrambe le cose, ma nota che
            gli ingegneri potevano benissimo progettare un
            sistema che prendesse l'energia dal motore,
            anziché da un motore elettrico indipendente. Non
            è insomma una scelta obbligata quella di
            affidarsi all'energia elettrica.


            Non è ne servofreno né drive by wire, per quello
            che vedo io. È un sistema di assistenza alla
            guida che aumenta la sicurezza.Il discorso non è chiamarlo in un modo o in un'altro ma il concetto stesso di funzionamento tu ti ostini sul collegamento fisico meccanico che di fatto non è indispensabile sull'insostituibilità del guidatore che di fatto non esiste con le tecnologie odierne. sembri non capire che il problema non è il mezzo in se già oggi perfettamente realizzabile ma le infrastrutture.

            L'ultimo ritrovato di Bosch si chiama
            iBooster,

            ed è una novità che verrà introdotta nelle
            auto

            di produzione a partire dalla fine del 2013,

            Ehm, siamo a metà 2014.
            Non capisco perché parli al futuro.
            Ad ora non sono state immesse sul mercato auto
            con questo
            dispositivo.




            Io ricordo la catastrofe degli Irisbus
            Civis

            a


            Bologna, un servizio costosissimo e mai

            partito,


            e in seguito definitivamente
            accantonato.
            Da


            quello che so, bastava una nevicata, una


            grandinata, un acciaccio anche di lieve

            entità

            al


            manto stradale e il sistema di
            riconoscimento


            ottico andava in tilt, quindi l'autobus
            non


            accostava più alla fermata come
            previsto.
            E

            la


            guida ottica andava rifatta
            costantemente,




            Il progresso è pieno di fallimenti o credi
            che

            l'aereo sia stato inventato al primo
            tentativo,

            Ah, almeno lo ammetti.
            Sai, sei entrato in questa discussione con il
            tono di quello che dice che la strada è spianata
            e tutto si farà secondo il programma
            prestabilito, si adattano solo i tempi...e di fatto è così sono solo i tempi l'incognita, la strada è già tracciata

            poi Irisbus Civisfu fu un fallimento perché
            come

            molte cose realizzate in italia il suo scopo

            principale era di spartirsi i soldi degli

            appalti, fu fatto senza uno studio
            approfondito

            ne test adeguati prima della realizzazione,
            ci
            si

            fidò solo di quanto dichiarato dalla ditta

            produttrice degli autobus

            Tutto vero, ma quel sistema a Castellón de
            la Plana, Spagna, e a Las Vegas, Stati Uniti,
            funziona, e da anni.
            Forse il loro manto stradale è manutenuto meglio,
            chissà.Quindi il problema non è che il mezzo non funziona ma il modo in cui viene implementato.Tutto sto discorso per darmi ragione?


            non era come le zebre che anche se son
            lise

            i

            pedoni


            e gli automobilisti le vedono.


            A giudicare dal numero di investimenti sulle

            strisce e fuori dalle strisce che avvengono
            ogni

            anno o dal numero di precedenze non
            rispettate

            agli incroci sia con semaforo che senza,
            forse

            pedoni e automobilisti non ci vedono molto

            bene.

            Ci vedono, ci vedono. Ma hanno il libero
            arbitrio, anche con strisce appena verniciate,
            una cosa che i Civis non possono avere.Quindi il libero arbitrio di investire qualcuno sulle strisce?Ma ti rendi conto delle castronerie che dici?
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...

            Il discorso non è chiamarlo in un modo o in
            un'altro Be', se fai confusione fra due concetti molto diversi mi pare il minimo fermarti all'inizio. Da una premessa sbagliata non vengono ragionamenti giusti. Mai. Tengo a sottolineare che il servofreno esiste dal 1927, brevettato dal belga Albert Dewandre, e che un sistema di servosterzo funzionante esiste dal 1926, inizialmente solo per usi militari, dal 1951 anche per veicoli commerciali (Chrysler Imperial). Sono stati perfezionati col tempo, ma inizialmente l'elettronica non c'entrava proprio nulla.
            ma il concetto stesso di funzionamento
            tu ti ostini sul collegamento fisico meccanico
            che di fatto non è indispensabile
            sull'insostituibilità del guidatore che di fatto
            non esiste con le tecnologie odierne. Se il guidatore non è sostituibile che cosa sei venuto a commentare qui? (newbie)Si parla di Google car, veicoli perlappunto senza conducente.Le magnifiche sorti e progressive dell'elettronica sull'automobile sono un filino fuori tema.
            Quindi il problema non è che il mezzo non
            funziona ma il modo in cui viene
            implementato.
            Tutto sto discorso per darmi ragione?Funziona in due città in tutto il mondo. Un po' pochino per stilare una casistica, non credi?Io sarei curioso di sapere quanto costa implementarlo su tutte le strade percorribili. Perché finché si tratta di percorsi prestabiliti all'interno di una città la cosa è sostenibile, e il prezzo lo si paga con il biglietto dell'autobus. Quando i costi sono ricaricati sulle tasse dei cittadini, anche quelli che non hanno alcuna intenzione di servirsi dell'auto senza guidatore, la musica cambia, e parecchio.Così va il mondo.
            Quindi il libero arbitrio di investire qualcuno
            sulle
            strisce?Piuttosto, il libero arbitrio di non osservare il codice della strada, e non solo sulle strisce pedonali: anche per quanto riguarda semafori, cartelli di precedenza, divieto di inversione a U...Raramente la segnaletica orizzontale è così rovinata da non essere più visibile. Semplicemente la si ignora, anche quando si vede benissimo.
          • Papple scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Leguleio

            Il discorso non è chiamarlo in un modo o in

            un'altro

            Be', se fai confusione fra due concetti molto
            diversi mi pare il minimo fermarti all'inizio. Da
            una premessa sbagliata non vengono ragionamenti
            giusti. Mai.

            Tengo a sottolineare che il servofreno esiste dal
            1927, brevettato dal belga Albert Dewandre, e che
            un sistema di servosterzo funzionante esiste dal
            1926, inizialmente solo per usi militari, dal
            1951 anche per veicoli commerciali (Chrysler
            Imperial).

            Sono stati perfezionati col tempo, ma
            inizialmente l'elettronica non c'entrava proprio
            nulla.



            ma il concetto stesso di funzionamento

            tu ti ostini sul collegamento fisico
            meccanico

            che di fatto non è indispensabile

            sull'insostituibilità del guidatore che di
            fatto

            non esiste con le tecnologie odierne.

            Se il guidatore non è sostituibile che cosa sei
            venuto a commentare qui?
            (newbie)
            Si parla di Google car, veicoli perlappunto senza
            conducente.
            Le magnifiche sorti e progressive
            dell'elettronica sull'automobile sono un filino
            fuori
            tema.Allora non hai capito nulla è l'insostituibilità del guidatore quella che non esiste il guidatore può essere sostituito da un sistema automatico previo adeguamento delle infrastrutture. ma che te lo dico a fare non esite peggior sordo di chi non vuol sentire.

            Quindi il problema non è che il mezzo non

            funziona ma il modo in cui viene

            implementato.

            Tutto sto discorso per darmi ragione?

            Funziona in due città in tutto il mondo. Un po'
            pochino per stilare una casistica, non
            credi?
            Io sarei curioso di sapere quanto costa
            implementarlo su tutte le strade percorribili.
            Perché finché si tratta di percorsi prestabiliti
            all'interno di una città la cosa è sostenibile, e
            il prezzo lo si paga con il biglietto
            dell'autobus. Quando i costi sono ricaricati
            sulle tasse dei cittadini, anche quelli che non
            hanno alcuna intenzione di servirsi dell'auto
            senza guidatore, la musica cambia, e
            parecchio.
            Così va il mondo.sbagliato tu sostieni che non può funzionare è poi affermi che invece in due città funziona, ma poi dici che il fatto che in due città funziona non è rilevante, mi sembri in stato confusionale.

            Quindi il libero arbitrio di investire
            qualcuno

            sulle

            strisce?

            Piuttosto, il libero arbitrio di non osservare il
            codice della strada, e non solo sulle strisce
            pedonali: anche per quanto riguarda semafori,
            cartelli di precedenza, divieto di inversione a
            U...Delirio che un sistema automatico non può, per questo potenzialmente molto più sicuro
            Raramente la segnaletica orizzontale è così
            rovinata da non essere più visibile.
            Semplicemente la si ignora, anche quando si vede
            benissimo.Ma come se prima parli di cartelli posizionati storti e strisce che non si vedono, lasciamo perdere dici tutto e il contrario di tutto.Fai un bel respiro e riordina le idee. anzi no fai quello che ti pare non vorrei mai che dicessi che ti impongo qualcosa PLONK
          • Leguleio scrive:
            Re: io al compro ma patto che...


            Se il guidatore non è sostituibile che cosa
            sei

            venuto a commentare qui?

            (newbie)

            Si parla di Google car, veicoli perlappunto
            senza

            conducente.

            Le magnifiche sorti e progressive

            dell'elettronica sull'automobile sono un
            filino

            fuori

            tema.

            Allora non hai capito nulla è l'insostituibilità
            del guidatore quella che non esiste il guidatore
            può essere sostituito da un sistema automatico
            previo adeguamento delle infrastrutture. Utopismo tecnologico.Tecnicamente si possono trasformare tutte le città e le strade in una gigantesca Zermatt, una cittadina svizzera in cui circolano solo veicoli elettrici. Tecnicamente, appunto, perché i costi sono talmente alti e le scomoditá così pronunciate che nessuno ci pensa nemmeno a sostenerli e a introdurre una riforma del genere.Zermatt rimane un'interessante isola nel mezzo di un oceano di trasporti a combustibili fossili, rumorosi, inquinanti, pericolosi quanto vuoi, ma che almeno hanno costi sostenibili.Le infrastrutture che indichi tu costano un occhio della testa.
            ma che
            te lo dico a fare non esite peggior sordo di chi
            non vuol
            sentire.Calma. Lo hai detto tu che io sono troppo in basso, no?!? (rotfl)
            sbagliato tu sostieni che non può funzionare è
            poi affermi che invece in due città funziona, ma
            poi dici che il fatto che in due città funziona
            non è rilevante, mi sembri in stato
            confusionale.In due città funziona, in una terza, Bologna, no.Ci sono qualcosa come 250 000 città in tutto il mondo, fai tu le proporzioni.In più questi autobus/filobus coprono una o due linee del totale dei trasporti di Castellón e di Las vegas. Per ora non si è ritenuto di sostituire interamente la rete con questo sistema, vedremo in futuro.E non è detto che ciò che funziona per i mezzi pubblici, che viaggiano su corsie preferenziali o addirittura corsie riservate, sia applicabile al traffico di automobili, che hanno alcune esigenze in più: ad esempio quella di effettuare un sorpasso, oppure di salire parzialemnte sul marciapiede per lasciar passare un'ambulanza.
            Delirio che un sistema automatico non può, per
            questo potenzialmente molto più
            sicuroLa sicurezza non è tutto a questo mondo.La Volvo negli anni Settanta aveva montato su tutti i modelli un sistema che impediva all'auto di avviarsi se non erano allacciate le cinture. Se non sbaglio era un requisito del codice della strada svedese dell'epoca. Inutile dire che è rimasto un esperimento svedese, e nulla più. Non ho mai sentito di altri Paesi, o altre marche, che hanno montato simili dispositivi.Un adulto vaccinato deve avere anche la libertà di andare oltre il codice della strada, quando questo non prevede una situazione in cui ci si trova.

            Raramente la segnaletica orizzontale è così

            rovinata da non essere più visibile.

            Semplicemente la si ignora, anche quando si
            vede

            benissimo.
            Ma come se prima parli di cartelli posizionati
            storti e strisce che non si vedono, lasciamo
            perdere dici tutto e il contrario di
            tutto.Forse ti sei confuso con te.
            Fai un bel respiro e riordina le idee. anzi no
            fai quello che ti pare non vorrei mai che dicessi
            che ti impongo qualcosa
            PLONKInteressante l'atteggiamento di quello che interviene per fare una puntualizzazione, e nel giro di tre commenti perde le staffe.Ma ritornerai, oh se ritorni. Fanno tutti così.
          • Fulmy(nato) scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: PinguinoCattivo
            Sono tutti piccoli passi, ma se ci pensi tutti
            necessari per arrivare ad una possibile guida
            automatica.

            Prima di avere l'automatismo totale è necessario
            passare attraverso innumerevoli traguardi
            intermedi. Alcuni sono già pronti (vedi servo
            freno, servo sterzo etc.). Altri li stanno
            introducendo nei modelli attuali, altri ancora li
            vedremo in
            futuro.servofreno e servosterzo non sono "automatismi", ma ausili ad azioni che di automatico non hanno proprio nulla.In quanto "servi" agiscono in base alle decisioni del guidatore che gira il volante o preme il pedale.
          • PinguinoCattivo scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Fulmy(nato)
            - Scritto da: PinguinoCattivo

            Sono tutti piccoli passi, ma se ci pensi tutti

            necessari per arrivare ad una possibile guida

            automatica.

            Prima di avere l'automatismo totale è necessario

            passare attraverso innumerevoli traguardi

            intermedi. Alcuni sono già pronti (vedi servo

            freno, servo sterzo etc.). Altri li stanno

            introducendo nei modelli attuali, altri ancora

            li vedremo in futuro.
            servofreno e servosterzo non sono "automatismi",
            ma ausili ad azioni che di automatico non hanno
            proprio
            nulla.

            In quanto "servi" agiscono in base alle decisioni
            del guidatore che gira il volante o preme il
            pedale.uhm. si. e quindi? Forse questo contraddice quanto detto qui: <b


            Prima di avere l'automatismo totale è necessario

            passare attraverso innumerevoli traguardi

            intermedi. Alcuni sono già pronti (vedi servo

            freno, servo sterzo etc.). Altri li stanno

            introducendo nei modelli attuali, altri ancora

            li vedremo in futuro. </b
            ?
          • krane scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Izio01
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Izio01


            - Scritto da: ndr




            Se però si tratta di "capire" situazioni


            complesse, con centinaia di variabili
            non


            semplicemente quantificabili, il
            discorso

            cambia


            e di molto. La mia guida non è
            infallibile,


            certo, ma <u
            con la tecnologia

            attuale


            </u
            mi fido comunque più di lei
            che

            di


            un'automobile a guida completamente

            automatica.



            Io sono un paio di anni che non ho piu' tutta

            questa sicurezza che hai tu, fino a 5 anni fa

            avrei detto lo stesso, ora non sono piu'
            cosi'

            sicuro.

            No, aspetta, non ho certezze. Ho solo sospetti;
            se le prove pratiche dimostreranno che i miei
            dubbi sono infondati, tanto
            meglio.
            Però proprio ieri sera ho fatto una gimcana di
            deviazioni a causa di lavori prolungati lungo una
            provinciale. Veramente faccio fatica a credere
            che un computer riuscirebbe a raccapezzarcisi.
            Vedremo quando sarà in commercio
            ;)Non vedo l'ora, andro' sempre in giro con la maglietta: "Bevo solo quando guido" .
        • Funz scrive:
          Re: io al compro ma patto che...
          - Scritto da: Izio01
          Se però si tratta di "capire" situazioni
          complesse, con centinaia di variabili non
          semplicemente quantificabili, il discorso cambia
          e di molto. La mia guida non è infallibile,
          certo, ma <u
          con la tecnologia attuale
          </u
          mi fido comunque più di lei che di
          un'automobile a guida completamente
          automatica.e fai male. Un computer imposta la manovra più giusta (sicuramente meglio di come faresti tu od io) con un tempo di reazione istantaneo (e qui i centesimi di secondo contano).La tragedia di oggi sono tutti 'sti guidatori cani che si credono gran piloti...
          • Izio01 scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Izio01


            Se però si tratta di "capire" situazioni

            complesse, con centinaia di variabili non

            semplicemente quantificabili, il discorso
            cambia

            e di molto. La mia guida non è infallibile,

            certo, ma <u
            con la tecnologia
            attuale

            </u
            mi fido comunque più di lei che
            di

            un'automobile a guida completamente

            automatica.

            e fai male.
            Un computer imposta la manovra più giusta
            (sicuramente meglio di come faresti tu od io) con
            un tempo di reazione istantaneo (e qui i
            centesimi di secondo contano).
            La tragedia di oggi sono tutti 'sti guidatori
            cani che si credono gran piloti...Dove c'è un meccanismo misurazione -
            azione diretto, è senz'altro come dici tu. Sono felice di avere l'ABS e tutto il resto.Dove non si tratta di semplici valori numerici, come l'immagine di una telecamera, sospetto che ci siano grosse possibilità di errore anche per un computer.E tra parentesi, mai detto di essere un gran pilota, ma nemmeno credo di essere un guidatore cane ;)
    • bartali scrive:
      Re: io al compro ma patto che...
      Mai preso un aereo? autopilota questo sconosciuto eh..Paura delle novità è tutto lì
      • Leguleio scrive:
        Re: io al compro ma patto che...

        Mai preso un aereo? autopilota questo sconosciuto
        eh..Paura delle novità è tutto
        lìNon possono essere usati in fase di atterraggio e di decollo.O almeno, non potrebbero, poi magari i piloti pigri esistono.
        • PinguinoCattivo scrive:
          Re: io al compro ma patto che...
          - Scritto da: Leguleio

          Mai preso un aereo? autopilota questo
          sconosciuto

          eh..Paura delle novità è tutto



          Non possono essere usati in fase di atterraggio e
          di
          decollo.
          O almeno, non potrebbero, poi magari i piloti
          pigri
          esistono.Non esiste il famoso "autoland" per l'atterraggio automatico in situazioni di visibilità prossima allo zero ?
      • Izio01 scrive:
        Re: io al compro ma patto che...
        - Scritto da: bartali
        Mai preso un aereo? autopilota questo sconosciuto
        eh..Paura delle novità è tutto lìNon ti sembra un po' diverso pilotare un aereo dal guidare un'automobile? L'autopilota si occupa di mantenere rotta, quota e assetto, e lo fa in maniera molto efficiente. Queste variabili sono però misurabili con facilità e precisione, e non richiedono "intelligenza" per essere interpretate.Un autopilota può anche decollare ed atterrare, almeno in certe condizioni. Ti rendi conto, però, che vale un discorso analogo, vero? E' più simile a parcheggiare un'automobile che a guidarla lungo strade tortuose e non mappate. Non dico che sia facile, ma se regoli direzione rispetto al vento, velocità, coefficiente di discesa eccetera, sei a posto. Con un'automobile in strada hai variabili meno prevedibili in gioco.
        • Funz scrive:
          Re: io al compro ma patto che...
          - Scritto da: Izio01
          posto. Con un'automobile in strada hai variabili
          meno prevedibili in
          gioco.ma un computer ha sensori molto più precisi ed efficienti di quelli umani, e tempi di reazione molto più rapidi di un umano, e capacità di valutare più percorsi alternativi in una frazione di secondo che un umano non ha, e può impartire comandi all'auto con una precisione che un umano non ha, in più non si distrae, non si addormenta, non si inca**a, non beve, non è mai sotto l'effetto di stupefacenti, non è un completo idiota come tanti che si vedono per strada...sul serio, è ora di pensare seriamente di <b
          levare il volante di mano </b
          alla gente.
          • Izio01 scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: Izio01

            posto. Con un'automobile in strada hai
            variabili

            meno prevedibili in

            gioco.

            ma un computer ha sensori molto più precisi ed
            efficienti di quelli umani, e tempi di reazione
            molto più rapidi di un umano, e capacità di
            valutare più percorsi alternativi in una frazione
            di secondo che un umano non ha, e può impartire
            comandi all'auto con una precisione che un umano
            non ha, in più non si distrae, non si addormenta,
            non si inca**a, non beve, non è mai sotto
            l'effetto di stupefacenti, non è un completo
            idiota come tanti che si vedono per
            strada...
            sul serio, è ora di pensare seriamente di
            <b
            levare il volante di mano </b

            alla gente.Sarebbe bello ridurre man mano la necessità di utilizzare mezzi propri, sviluppando al contempo mezzi pubblici che siano incroci tra autobus e taxi (parlo al momento in via del tutto teorica). Oggi usare i mezzi pubblici per venire al lavoro mi costerebbe davvero TANTO tempo ogni giorno perché lavoro in una città diversa e non ci sono percorsi diretti. Per di più in tanti casi i mezzi pubblici in ora di punta sono già saturi, è inutile dire alla gente di avvalersene.Comunque sulle auto a guida automatica i miei dubbi sono puramente tecnici, non "morali", e magari i fatti mi smentiranno. E' solo che se penso a come scrivere un programma che regoli le superfici di controllo di un aeroplano sulla base dei dati provenienti da misuratori d'assetto e accelerometri, il concetto di base mi è chiaro - ho detto il concetto di base, non una reale realizzazione pratica, eh! Se invece penso a come scriverne uno che interpreti tutto quello che si vede, bè, è proprio fuori della mia portata.
          • max59 scrive:
            Re: io al compro ma patto che...
            - Scritto da: Funz
            sul serio, è ora di pensare seriamente di
            <b
            levare il volante di mano </b

            alla gente.ma c'è sempre l'imprevisto, quindi l'autista *deve* esserci sempre, come c'è sempre il pilota sull'aereo.......................e sempre ci sarà. ;)
      • ... scrive:
        Re: io al compro ma patto che...
        - Scritto da: bartali
        Mai preso un aereo? autopilota questo sconosciuto
        eh..Paura delle novità è tutto lìtutto quello che voi poveri XXXXXXX pensate e' "lo faccio fare al computer" ma dietro a qeulla semplice frase c'e' una marea di variabili che una macchina, adesso come adesso, non puo' gestire.studiati un po di ingegheria del software, reti neurali, teoria dei giochi e poi ne riparliamo.
Chiudi i commenti