Google Meet ora consente di alzare la mano

Un novità per Google Meet utile durante riunioni, videoconferenze e lezioni affollate: il pulsante per alzare la mano e chiedere la parola.
Un novità per Google Meet utile durante riunioni, videoconferenze e lezioni affollate: il pulsante per alzare la mano e chiedere la parola.
Guarda 5 foto Guarda 5 foto

Da oggi su Google Meet è possibile alzare la mano per chiedere di intervenire. Una funzionalità a dire il vero già presente da diverso tempo su alcune piattaforme concorrenti (Teams e Skype di Microsoft ad esempio), ora implementata anche nel servizio di Mountain View per far fronte a un’esigenza manifestata dagli utenti.

Un pulsante per alzare la mano su Google Meet

Per usufruirne non bisognerà far altro che premere l’icona relativa al comando visualizzata nella parte inferiore dell’interfaccia, senza disturbare gli altri partecipanti alla riunione, alla videoconferenza o alla lezione online. Un ulteriore click annullerà l’invio.

Google Meet: un pulsante per alzare la mano

Gli organizzatori o moderatori del meeting (a partire dagli insegnanti) avranno modo di osservare un riepilogo di chi ha chiesto la parola, agendo di conseguenza.

Google Meet: un pulsante per alzare la mano

Come si legge sulle pagine del blog ufficiale la disponibilità è immediata, interessando fin da subito tutti coloro che hanno accesso a Meet.

Così facendo Google dimostra di essere costantemente al lavoro con l’obiettivo di migliorare il servizio, tra quelli che nell’ultimo periodo hanno più beneficiato di una corsa su larga scala all’adozione di strumenti per lo smart working, la didattica a distanza o la comunicazione da remoto. Altre novità introdotte di recente sono quelle che consentono di cambiare lo sfondo dell’inquadratura e di creare gruppi di lavoro per la scuola.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti