Il P2P è sovrano dell'upload

Più della metà del traffico globale in uscita è imputabile al P2P, ma gli utenti saziano la fame di contenuti anche presso altri banchetti. Ascesa o declino del file sharing?

Roma – Sulla torta del traffico globale che scorre in rete rappresentata da uno dei fornitori di filtri di maggior successo incombe una consistente fetta nera: si tratta della percentuale di traffico imputabile al P2P. Domina sugli upload, regge nel download: il P2P è un’attività alla quale gli utenti non sanno rinunciare, ma si fanno largo alternative apprezzate in egual misura.

Fonte dello studio è Sandvine , controllore del traffico per provider che dispensano agli utenti banda che non sempre sono in grado di fornire. L’azienda ha preso in esame la portata del traffico che scorre in 18 paesi del mondo e ha tracciato una stima dell’uso che i netizen fanno della connettività messa a loro disposizione.

Le attività di navigazione sul web rappresentano l’incrollabile maggioranza, il 59 per cento del traffico giornaliero e il 64 per cento del traffico serale: gli utenti si muovono giorno e notte di link in link, il traffico ascrivibile al web browsing, dal pascolare fra foto e profili personali sui social network al frusciare felpato delle pagine dei giornali online. Un ammontare di traffico web nel quale è incluso lo streaming di contenuti sempre più ingombranti e capaci di mettere alla prova le infrastrutture più generose: lo streaming di contenuti video, lo sottolineavano ricerche rilasciate lo scorso anno, sta rubando la scena al P2P. “Le famiglie stanno trascorrendo sempre più del loro tempo libero delle ore serali intrattenendosi e comunicando con servizi come YouTube, Xbox Live e Skype” annuncia il CEO di Sandvine Dave Caputo: si tratta di un “importante cambiamento nel comportamento dei consumatori”.

traffico upstream Il downstream è dominio della navigazione Web, ma il P2P occupa comunque una sostanziale fetta della torta, oltre il 22 per cento. Nell’upstream è però il P2P a farla da padrone: il 61 per cento del traffico in upload consiste nei pacchetti che rimbalzano nelle reti decentrate per il file sharing. La mole del traffico generato dal P2P, suggerisce inoltre una ricerca di MultiMedia Intelligence rappresenta il 44 per cento del traffico globale , una mole di traffico che crescerà del 400 per cento nel giro di 5 anni contando anche sulla adesione di un’industria dei contenuti che abbraccerà il P2P come strumento distributivo .

Nei giorni scorsi una ricerca condotta da un altra azienda specializzata in soluzioni di filetring metteva in evidenza come il materiale condiviso attraverso i servizi di hosting rappresentasse per i netizen un’allettante alternativa al P2P: a confermarlo ci sono i dati Sandvine, che mostrano come i servizi di storage online si stiano facendo largo nelle percentuali di traffico, mantenendosi comunque sotto al 5 per cento sia nel upstream che nel downstream.

Nonostante Sandvine sia alla ricerca di clienti che sembrano languire , i dati rilasciati appaiono decisamente più moderati rispetto a quelli forniti da altre fonti che, tracciando le percentuali su parametri differenti, non esitavano, fino a una manciata di mesi fa, ad attribuire al P2P la responsabilità del 90 per cento del traffico. La cautela nel maneggiare i dati evidentemente resta d’obbligo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ViStaBene scrive:
    volete usare sistemi closed, pagateli
    Mi sembra giusto, altrimenti non solo capite una mazza di informatica ma siete pure dei ladri e MS fa benissimo a darvi una pettinata, del resto capisco non ci fossero alternative ma ci sono quindi 0 scuse.In alternativa con un crollo MS perche' tutti passano a sistemi gratis vi trovate la vostra bella copia MS a un prezzo stracciato, statene sicuri, si tratta solo di usare un sistema che non e' la vostra passione per un po' (ma mi sa che una volta che vi ci siete abituati non tornate piu' indietro).Pagate o passate a sistemi gratis. E' una delle rare volte che tifo MS.
    • Michele scrive:
      Re: volete usare sistemi closed, pagateli
      Bhé difficile non essere daccordo con ViStaBene! Anche io mi vedo schierato dalla parte di MS! In fin dei conti l'EULA è chiara!!!!E poi alternative gratuite e legali esistono! :)
    • Francesco scrive:
      Re: volete usare sistemi closed, pagateli
      Si è la stessa cosa che penso: la Microsoft non ruba, protegge solo i suoi interessi. Se non potete permettervi un sistema operativo a 40 allora scaricatevi Ubuntu, no?
  • Peter Pepper scrive:
    Qual è il problema?
    Microsoft è un'azienda commerciale.Molto criticata per tante ragioni.I suoi prodotti si pagano.Se non li vuoi non li installare.Usa Linux o usa un bel S.O. cinese al metanolo ;)
  • lellykelly scrive:
    ma io dico
    copiano qualsiasi cosa, perchè non si fanno un clone di win? magari va meglio...
  • vrms scrive:
    Tutti solidali con Microsoft
    Auguriamoci che MS eserciti una pressione sempre maggiore, obbligando i cinesi a passare al software libero! :D
  • attonito scrive:
    leggere la licenza no, eh?
    Se la licenza d'uso (non il contratto di acquisto, si badi bene) dice che il licenziatario puo' fare sul pc del licenziato tutto quello che vuole, perche il licenziato (che i qeusto caso e' un fruitore illegale della licenza) si incazza?Il mondo va al contrario....
    • Ageing drummer boy scrive:
      Re: leggere la licenza no, eh?
      - Scritto da: attonito
      Se la licenza d'uso (non il contratto di
      acquisto, si badi bene) dice che il licenziatario
      puo' fare sul pc del licenziato tutto quello che
      vuole, perche il licenziato (che i qeusto caso e'
      un fruitore illegale della licenza) si
      incazza?

      Il mondo va al contrario....Non è detto che una licenza d'uso sia valida in tutte le giurisdizioni.
    • Fale scrive:
      Re: leggere la licenza no, eh?
      La licenza è valida SE E SOLO SE le leggi dello stato dell'utente lo affermano. Questo vuol dire che se in Cina il diritto d'autore e il copyright non esistono o vengono molto trascurati (questa è la situazione attuale), l'EULA non ha valore legale e quindi i cinesi possono fare causa a microsoft. Questo ingorando il fatto che la cina (nel senso il governo cinese) potrebbe accusare microsoft di aver attaccato la cina (poichè molti computer sono diventati inutilizzabili). La cina potrebbe arrivare ad attaccare militarmente gli stati uniti, se stavano cercando un pretesto per farlo.
    • Izio scrive:
      Re: leggere la licenza no, eh?
      - Scritto da: attonito
      Se la licenza d'uso (non il contratto di
      acquisto, si badi bene) dice che il licenziatario
      puo' fare sul pc del licenziato tutto quello che
      vuole, perche il licenziato (che i qeusto caso e'
      un fruitore illegale della licenza) si
      incazza?

      Il mondo va al contrario....Cosa hai comprato al Carrefour? Un tostapane? Ah, spiacente, non hai letto la licenza, regolarmente riportata nelle ultime 45 pagine del libretto d'istruzioni. Nel sesto capoverso di pagina 96 c'è scritto che devi consegnare al produttore il tuo conto in banca, la tua automobile e tua moglie. Non ti pare giusto? Colpa tua che non hai letto la licenza per intero.A quando la EULA sui panini, secondo il tuo illuminato ragionamento?
    • Francesco scrive:
      Re: leggere la licenza no, eh?
      Nessuno legge l'EULA, nemmeno io. Ma prima di parlare a vanvera queste persone che hanno le copie piratate è meglio che se la vadano a leggere prima di sparare a vanvera.
  • GoldenBoy scrive:
    Re: W La pirateria
    il discorso secondo me è, non vuoi o non puoi pagare?? che gia qui ce differenza...e poi perché allora se tu non paghi, devo farlo io? A pensarla cosi ci sarebbe un loop dove tutti non pagano...ed il sistema operativo poi chi lo paga? Come agiranno dopo?L'os ormai lo danno ad ogni nuovo pc...chi usa le copie tarocche ora come ora, mi sembra piu quello che spende 100 per l'hw e vuole spendere 0 per il sw...No perche dar sempre colpa ai soldi che non ci sono è una panzana, poi magari si spende 100e in discoteca la sera e si viene a piangere su PI che non c'ha soldi per l'os...a quel punto usa linux...ma craccare tutto non è a mio avviso la via della salvezza.ms dovrebbe fare un sistema anti pirateria come si deve, punto e basta...che poi ci vogliano 100 step non da niubbi ed alla fine si cracca ci sta, perche niente è sicuro al 100%, ma ora come ora fa solo ridere.
    • pabloski scrive:
      Re: W La pirateria
      infatti, anch'io vorrei che MS facesse sul serio, ma quando i loro dirigenti sono i primi a dire "se proprio dovete crakkare, crakkate i nostri software", c'è poco da sperareMS sa che senza pirateria la pacchia finirebbe in pochi mesi
      • GoldenBoy scrive:
        Re: W La pirateria
        lo pensa anche ms...ne è la prova come abbia tolto la wga da sw come ie7...o permetta l'uso di sw come autopatcher...o ancora, che permetta l'uso del windows update per aggiornamenti critici...Oh se poi anche di fronte a questo si vuol trollvellare, siete liberi di farlo, ma ormai tutti sanno che è cosi...
    • 01234 scrive:
      Re: W La pirateria
      a parte che se trovi un pc a 100E parliamone :-Pperò non puoi neppure dire S.O. allo stesso prezzo della macchina....quanto alla discoteca, personalmente non mi piace granché, a 100E parliamone (così nel caso la evito) :-D
      • GoldenBoy scrive:
        Re: W La pirateria
        beh penso che una oem di un vista che non sia la ultimate la tiri fuori a 100-150...o almeno avevo letto cosi...sono comunque quei soldi che se compri hw a parte dovresti considerare...ma come molti, non lo fanno, craccano ogni os e poi ti vengono a dire "il mio hw è costato la metà del tuo, gne gne gne"...
        • lroby scrive:
          Re: W La pirateria
          - Scritto da: GoldenBoy
          beh penso che una oem di un vista che non sia la
          ultimate la tiri fuori a 100-150...o almeno
          avevo letto cosi...sono comunque quei soldi che
          se compri hw a parte dovresti considerare...ma
          come molti, non lo fanno, craccano ogni os e poi
          ti vengono a dire "il mio hw è costato la metà
          del tuo, gne gne
          gne"...la versione oem di Vista + costosa è (ovviamente) la ULTIMATE, che viene 160 euro ed è fornita sia del dvd con la versione a 32bit sia del dvd con la versione a 64bitCosa volete + di così?(rispondo io per me,io ho preferito alla lunga la versione home basic,molto + leggera e veloce e costa meno)LROBY
          • cricchetto scrive:
            Re: W La pirateria
            Si! La home sara piu leggera per modo di dire... sarà che le immagini dei dvd sono le medesime... basta cambiare il cod d'installazione!!!!! E poi la homeb fa meno... ;)
          • GoldenBoy scrive:
            Re: W La pirateria
            beh vista ultimate retail viene sui 200, mentre oem dai 130 ai 160...ma tant'è...Le uni "scientifiche" poi di solito hanno l'msdnaa che ti danno una copia di vista business...Diciamo che quello di piratare sempre e comunque è piu un fenomeno di stile che altro...
  • Garbet P. scrive:
    Autopatcher e antivupia
    ... e tutto va a meraviglia!
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Autopatcher e antivupia
      ci aggiungerei anche "w ms" e "ms mi ha detto in sogno di farlo"
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Autopatcher e antivupia
      aggiungo...comprarlo l'os, no??
    • pabloski scrive:
      Re: Autopatcher e antivupia
      ma se lo vuoi usare perchè invece non lo compri?altrimenti passa ad altro, le alternative ci sono
      • Garbet P. scrive:
        Re: Autopatcher e antivupia
        ne ho comprati diversi, in realtà, insieme a vari pc. ma siccome le loro condizioni d'uso sono palesemente vessatorie (ad esempio: non garantiscono nè che funziona, nè che fa quello che dice di fare), allora io non le rispetto, e lo reinstallo/riutilizzo quante volte mi pare e nei modi che preferisco.
        • GoldenBoy scrive:
          Re: Autopatcher e antivupia
          o ci prendi per il cxxo o fai apposta.Secondo te è paragonabile un os che gira, o dovrebbe, su un numero indefinito di hw, con le tue illazioni?? E' ovvio che del LORO sw ci fanno quello che vogliono...anche perche tu ti compri "solo" il diritto di usarlo in quella macchina...se non ti sta bene usa un altro os...Ma quelle 2-3 caxxate che hai scritto non stanno ne in cielo, ne in terra...
          • cognome scrive:
            Re: Autopatcher e antivupia
            - Scritto da: GoldenBoy
            Secondo te è paragonabile un os che gira, o
            dovrebbe, su un numero indefinito di hw, con le
            tue illazioni??Sostengo il software regolarmente acquistato, ma le licenze di M$ sono davvero vessatorie. Se io compro un loro prodotto e aggiungo "a una cifra considerevole" per le mie tasche, perchè devo essere limitato a un numero X di reinstallazioni? Queste licenze somigliano più a un noleggio che all'acquisto vero e proprio. Una volta che hai la tua regolare licenza non vedo perchè tu non ne possa disporre appieno. Il shareware non funziona cosi, al massimo può capitare che per reinstallare il prodotto hai bisogno di contattare la softwarehouse per una nuova chiave, che viene fornita gratuitamente e telefonicamente. E parlo di prodotti software di gestione amministrativa di alto livello. Questa è serietà e rispetto del consumatore, non le cravatte che impone M$ ai suoi clienti. E' palese che non puoi installare il software per farlo fruire a terzi, ma limitare la libertà di disporre di un oggetto regolarmente acquistato in questo modo è scorretto, IMHO.Non si può penalizzare il cliente a causa delle copie pirata. Io dovrei spendere 150 e rotti euro per una licenza che è reinstallabile solo tre volte? Siamo pazzi? E' come se a un'automobile puoi cambiare le gomme solo tre volte, dopodichè la devi riacquistare. Ti pare ragionevole?
          • Giggi Giggi scrive:
            Re: Autopatcher e antivupia
            sai bene che quello che acquisti non e' il software ma la licenza d'uso. quindi il paragone con l'auto (anche stavolta) non regge: l'auto e' tua, il software no.In effetti ti sei risposto da solo: l'acquisto di una licenza di microsoft (e non solo MS) e' piu' simile ad un noleggio perpetuo che a un acquisto vero e proprio del bene. Non hai gli stessi diritti.
          • Ph4te scrive:
            Re: Autopatcher e antivupia
            Sono un linuxaro convinto, per lavoro talvolta mi capita di usare windows e, essendo uno sviluppatore onesto, ne ho comprato la licenza.E' vero che compri la licenza d'uso e non la proprieta' ma e' altresi' vero che quando compri qualcosa e' giusto avere delle garanzie. LE clausole vessatorie delle licenze sono li' solo perche' sono stati tollerati anni di pirateria per comportarsi come PUSHER, all'inizio lo usi gratis...quando hai il vendor lockin vengo a spremerti.....Non so quanti windows sarebbero in giro se ognuno pagasse 300 di licenza full (e non OEM.....)Ph4te
          • lroby scrive:
            Re: Autopatcher e antivupia
            - Scritto da: cognome
            Io dovrei spendere 150 e rotti euro
            per una licenza che è reinstallabile solo tre
            volte? ma la smetti di fare FUD? dove l'hai mai visto che lo puoi reinstallare solo 3 volte??non confondere "installazione" con "attivazione", per cortesiaLROBY
  • GoldenBoy scrive:
    ecco come fa ms ad avere il monopolio...
    da queste parole:"Del resto i numeri parlano da soli: stando ad un sondaggio online effettuato di recente da un sito web locale, la percentuale di utenti che utilizzano una copia pirata di Windows si aggira intorno al 75%."Sarebbe stato interessante sapere il perché...in modo da farsi un'idea se questo 75%, o parte, passerebbe da un os all'altro e sarebbe disposto a pagarlo questo os di ms...Per i trollvelliani, i fazzolletttiiiiiii!
    • MS FOSS scrive:
      Re: ecco come fa ms ad avere il monopolio...
      Diciamo che è la versione MS dell'open source: tollerando la pirateria (ossia non prendendo misure efficaci per impedirla) per anni dai via il sistema operativo gratuitamente, anche se tieni chiuso il sorgente, in modo da tagliar fuori dal mercato i possibili concorrentie e poi quando hai il monopolio stringi la morsa per estrarre più soldi che puoi. Il tutto senza esagerare: si tollera che chi proprio non vuol pagare non paghi e trovi il modo di continuare ad usare le copie pirata. L'importante per MS è mantenere il monopolio; se dovesse obbligare tutti, ma proprio tutti, a pagare allora sì che sarebbero guai perché quelli che non vogliono saperne di pagare andrebbero su Linux, il monopolio sarebbe incrinato e la gallina dalle uova d'oro potrebbe morire.
      • GoldenBoy scrive:
        Re: ecco come fa ms ad avere il monopolio...
        hai ragione, sono questi sondaggi che sono delle caxxte pazzesce...dicono "il 75% ha un os ms piratato"...ma non includo per dire le prime 3 cause del perché lo piratano...sarebbe stato molto piu esplicativo di una banale percentuale.
      • pabloski scrive:
        Re: ecco come fa ms ad avere il monopolio...
        passare a Linux laddove possibilepensa alla soluzione occidentale dove tra .NET, DirectX, WMA/WMV, formati Office, non riusciamo a venirne a capola strategia di MS è quella di diffondere il software chiudendo tutt'e due gli occhi sulla pirateria, imporre contemporaneamente tramite l'OS i propri formati, quando i formati sono diventati standard de-facto stringere la morsa
  • Lepaca scrive:
    class action?
    anche in cina hanno la class action?c'e' da stare veramente allegri per il nostro paese... :)
  • H5N1 scrive:
    Un Nuovo Stato
    Voglio comprarmi un isola.Non grande, ma nemmeno piccola.Non chiedo molto: un migliaio di testate nucleari, un mini esercito incaxxato e una server farm.Nell'isola le leggi le faccio io e disconosco il diritto d'autore.Che succede?
    • Ignorante scrive:
      Re: Un Nuovo Stato
      Penso che dovrà farsi una bella scorta di testate nucleari perché verrà invaso nel giro di pochi giorni!Be forse questo è poco realistico...Ma sicuramente vedrà che le baleniere si ostineranno a gettare l’ancora sui suoi cavi-dati sottomarini... “Ops ci siamo sbagliati; ci scusi! Se vuole ci faccia pure causa...!" Sarà la risposta! :)
    • Isola scrive:
      Re: Un Nuovo Stato
      Capisco lo spirito del tuo messaggio ma non basta comprarsi un'isola per farsi un proprio stato, proprio come non basta comprarsi un pezzo di terra per poterlo poi dichiarare stato indipendente. Quel che succede in questi casi è che la nazione a cui appartiene l'isola o il pezzo di terra ti manda polizia o esercito a riprendersi il controllo.Dovresti piuttosto attendere che emerga qualche nuovo pezzo di terra in acque internazionali (è capitato in seguito ad eruzioni) e poi prenderne possesso. C'è anche stato un caso di presa di possesso di una piattaforma abbandonata in acque internazionali (http://it.wikipedia.org/wiki/Selanda).La cosa legale più simile a quella che hai in mente è ciò che fece Marlon Brando in Polinesia. Si comprò http://en.wikipedia.org/wiki/Tetiaroa e in quanto proprietà privata ci abitò da solo per un pezzo.
    • pippo75 scrive:
      Re: Un Nuovo Stato

      Che succede?che quando avrai fame, le testate nucleari possono portarti acidità di stomaco.
  • H5N1 scrive:
    Re: W La pirateria
    Hai toccato il cuore della questione.La biblioteca è l'esempio più calzante.Sì, lavoro nell'IT, ma non sono qui a polemizzare ne' a criticare, ma solo a ragionare e a confrontarmi.Se volessi un libro che restasse mio o lo volessi regalare dovrei acquistarlo, ma se volessi solo leggerlo andrei in biblioteca.E' questo che fa, a mio avviso, la differenza tra "uso personale" e "scopo di lucro". Differenza che, purtroppo, è sparita dalle aule di tribunale e dalle normative.Ovvio che chi produce un bene abbia diritto al suo compenso, ma non è altrettanto ovvio che io giri per le case a controllare se, essendomi sparita una partita di merce, qualcuno la tenga in casa sua...Purtroppo (o per fortuna) è una guerra.
    • Ignorante scrive:
      Re: W La pirateria
      Bellissima risposta. Io riformulerei il diritto d’autore sulla tua falsa riga: lettura gratuita, acquisto a vita!Peccato che adesso invece che prestarteli a tempo, i libri te li vendano con la data di scadenza!
  • CIcciopasta scrive:
    blackout del monitor?
    ahi fermi tuttitempo fa avevo dei problemi hardware e stavo facendo dei test usando un xp senza attivarlo, entro i 30 giorni e mi tenevo un originale pronto per l'installazione ma l'hardware mi faceva impazzire ... in primo luogo l'attivazione veniva richiesta dopo TRE giorni e non 30 e avevo questi blackout ... però non c'era nessun messaggio relativo alla non-originalità ... io in effetti stavo testando l'hardware ma... ora questa cosa del blackout del monitor mi fa venire dei dubbi. Il problema è che se non ci sono avvisi... che ne so io che è un messaggio di MS ?ad ogni modo forse non è il mio caso.Però io il win originale ce l'ho qui!! ma NON lo installo se mi sembra che sia l'hardware ad essere fallato... e questo perché?per colpa dell'attivazione-per-macchina!!! Se fossi tranquillo che su 'sto pc fallato non funziona e ne compro un altro e installo il mio xp, sarei tranquillo ... invece no, se lo installo qui poi è finita.eh no belli!
    • okram98pive scrive:
      Re: blackout del monitor?
      "Blackout del monitor" non è la definizione corretta, perché quello che accade a chi ha una copia confraffatta è l'apparizione della finestralla con il messaggio di avviso (permanente, stile logo trasparente) e lo sfondo diventa completamente nero.
      • quellodepri ma scrive:
        Re: blackout del monitor?
        - Scritto da: okram98pive
        "Blackout del monitor" non è la definizione
        corretta, perché quello che accade a chi ha una
        copia confraffatta è l'apparizione della
        finestralla con il messaggio di avviso
        (permanente, stile logo trasparente) e lo sfondo
        diventa completamente
        nero.ahallora ottimo.grazie! :)
  • AdessoBasta scrive:
    Non vedo perché ...
    Non vedo perché il muso giallo* possa morì senza attivallo.*spero che la redazione non censuri, non è con accezionerazzista, è una licenza poetica per fare la rima (sì, comeno).Nel resto del mondo ce semo fatti tutti un ku_ocosì col DRM, l'attivazione, il windows genuine advantage e la fottuta necessità della riattivazione del windows se e ogni volta che fai l'upgrade dell'hw al pc.Quindi è giusto il WGA anche a loro.Quello che mi fa paura di più è la politica subdola di Microsoft che allarga il proprio mercato grazie alle copie pirata, abitua gli utenti, e poi li pizzica col WGA e gli succhia gli umori. Roba che devono avere imparato dai documentari di National Geographic o Animal Planet.Vedrai che un buon 20% dei 1,3 miliardi che sono passeranno a Linux, il 70% troverà il modo di craccarlo comunque e un altro 10% si compra la licenza.D'accordo i pc windows in cina non sono certo altrettanti 1,3 miliardi della popolazione, ma vuoi che non siano qualche decina o anche centinaia di migliaia di licenze che MS sta cercando di trasformare da potenziali a reali?
    • Nop Jump scrive:
      Re: Non vedo perché ...
      - Scritto da: AdessoBasta
      Non vedo perché il muso giallo* possa morì senza
      attivallo.(rotfl)
      Vedrai che un buon 20% dei 1,3 miliardi che sono
      passeranno a Linux, il 70% troverà il modo di
      craccarlo comunque e un altro 10% si compra la
      licenza.Io non penso che ci sia una migrazione per il WGA e ho dei forti dubbi che all'interno del loro mega-firewall non stia circolando (e da tempo) la cosidetta cura per Xp.
      D'accordo i pc windows in cina non sono certo
      altrettanti 1,3 miliardi della popolazione, ma
      vuoi che non siano qualche decina o anche
      centinaia di migliaia di licenze che MS sta
      cercando di trasformare da potenziali a
      reali?Non molto tempo fà lo Zio andò in Cina proprio per evidenziare questo problema e sensibilizzare il governo cinese contro le copie contraffatte dei propri pargoli made in redmond.
    • Magenta scrive:
      Re: Non vedo perché ...
      - Scritto da: AdessoBasta
      Non vedo perché il muso giallo* possa morì senza
      attivallo.Perche' hanno i numeri e quindi la forza commerciale di dettare le loro condizioni.
      Nel resto del mondo ce semo fatti tutti un ku_o
      così col DRM, l'attivazione, il windows genuine
      advantage e la fottuta necessità della
      riattivazione del windows se e ogni volta che fai
      l'upgrade dell'hw alSi ma perche' i tuoi politici hanno trovato conveniente salire sul treno in marcia invece che farsi la propria ferrovia
      Quindi è giusto il WGA anche a loro.Veramente e' ingiusto anche da noi...
      • MS FOSS scrive:
        Re: Non vedo perché ...
        Se non incorresse in falsi positivi non sarebbe per nulla ingiusto: MS fa un OS e lo vende, se non lo paghi non lo devi usare e quindi è giusto e doveroso che si rifiuti di partire.Se uno non vuole pagare Windows, che usi un altro OS. Se per un OS non vuole pagare nulla, che usi Linux o altri OS gratuiti. Punto. Non ci sono scappatoie.
        • pabloski scrive:
          Re: Non vedo perché ...
          il problema è che il P2P li ha abituati alla logica della "pirateria facile"per loro è più facile scaricare Windows dal mulo che scaricare l'ultima versione di Ubuntu da ubuntu.com
        • Sgabbio scrive:
          Re: Non vedo perché ...
          non è il fatto di pirateria, ma del modo in cui il WGA funziona, continua a comunicare informazioni alla microsoft.
        • 01234 scrive:
          Re: Non vedo perché ...
          a quanto pare sì :-P
    • attonito scrive:
      Re: Non vedo perché ...

      D'accordo i pc windows in cina non sono certo
      altrettanti 1,3 miliardi della popolazione, ma
      vuoi che non siano qualche decina o anche
      centinaia di migliaia di licenze che MS sta
      cercando di trasformare da potenziali a
      reali?e' da prima di W95 che in M$ accarezzano il sogno di recuperare ALMENO il 10% delle copie pirata cinesi.Ora ci stanno arrivando, grazie ad internet.
  • vac scrive:
    Problema?
    Bene! Un buon incentivo per passare a Linux!!(E cmq sono convinto che impareranno ad eluderlo molto in fretta)
    • Nop Jump scrive:
      Re: Problema?
      Fatto il programma (o l'OS) trovato il keygen :D
      • francososo scrive:
        Re: Problema?
        - Scritto da: Nop Jump
        Fatto il programma (o l'OS) trovato il keygen :DL'hanno già eluso il Wga , contenti ? 8)Zio Ballmer mica tanto ! @^A che serve il Wga se puoi si trova il metodo per eluderlo ? (newbie)
        • Nop Jump scrive:
          Re: Problema?
          - Scritto da: francososo
          - Scritto da: Nop Jump

          Fatto il programma (o l'OS) trovato il keygen
          :D
          L'hanno già eluso il Wga , contenti ? 8)Ma lo so... Il keygen esiste da parecchio tempo ed è il "final" per il WGA, prima c'erano modifiche da farsi a mano su un paio di chiavi e una dll... un pò da cacciavitaro :D
        • Windows scrive:
          Re: Problema?
          Eludere il Wga non serve a nulla. Diciamo che per gli utenti domestici può essere utile ma è pur vero che una copia te la danno quasi su ogni pc in vendita.
          • Funz scrive:
            Re: Problema?
            - Scritto da: Windows
            Eludere il Wga non serve a nulla. Diciamo che per
            gli utenti domestici può essere utile ma è pur
            vero che una copia te la danno quasi su ogni pc
            in
            vendita.Vero, il difficile è NON farselo rifilare assieme al PC.Tornando alla notizia: è una bella lotta tra una schifosa azienda monopolista e uno schifoso regime illiberale, spero che ne abbiano tanto da perdere entrambi.
      • belze scrive:
        Re: Problema?
        Non si tratta di passare Gnu/Linux o *BSD perchè la maggior parte di essi sono gratuiti! Anche i componenti di questi sistemi operativi sono rilasciati con diverse licenze che implicano diritti e doveri.Purtroppo la nostra società non educa più al rispetto di queste cose, e finchè la gente non avrà chiaro che esattamente come sono validi i miei diritti lo sono anche quelli degli altri, non si andrà da nessuna parte!A meno che MS non abbia violato agito in modo criminoso, io sono assolutamente convinto che sia un suo diritto ma forse ancora di più un dovere, fare in modo che la sua proprietà intellettuale venga rispettata!Allo stesso modo se un programma open-source prevede nella licenza che per un utilizzo commerciale si debba pagare, ed io non lo faccio, sto commettendo una violazione nè più nè meno grave dell'utilizzare una versione di win piratata.Fatto il software, trovato il keygen? Bella roba! Dimostriamo di aver capito la differenza tra un cittadino civile ed un ladro fuorilegge...ma solo per strada i reati informatici non valgono nulla...a mio padre che è cresciuto negli anni '50 alle vallette, a torino, e che ragiona in questo modo ripeto sempre che è per colpa di questo modo di pensare che molte cose vanno a puttane nel nostro paese...e leggendo questo genere di commenti me ne convinco sempre di più.
        • AdessoBasta scrive:
          Re: Problema?
          Beh, vedi se c'è qualcosa che non va, non è nei tuoi discorsi sensati. E' piuttosto nel fatto che Microsoft a volte subdolamente e impunemente, a volte addirittura finendo in tribunale, è stata più volte accusata di comportamenti al limite della legalità, illegali, o comunque e sempre eticamente discutibili. Così come centinaia di altre aziende possono avere fatto più o meno. Così come gli stessi detentori del diritto di autore di musica e film hanno fatto. Speculando sui prezzi, facendo cartello, facendo pressione sui governi per approvare leggi a loro vantaggio (non solo contro la pirateria), facendo concorrenza (molto molto) sleale e abusando della loro posizione. Sai che cosa meriterebbero i "pirati" che usano copie illegali, ma mi piacerebbe sapere da te cosa meriterebbero questi altri signori.
        • Magenta scrive:
          Re: Problema?

          A meno che MS non abbia violato agito in modo
          criminoso, io sono assolutamente convinto che sia
          un suo diritto ma forse ancora di più un dovere,
          fare in modo che la sua proprietà intellettuale
          venga rispettata!Sei assolutamente convinto...E' un suo diritto in che giurisdizione?Tutto il mondo? Beh, ciascuno nel suo paese fa le leggi che gli sembrano piu' adatte. Sei assolutamente convinto che per le leggi cinesi operi nel diritto?
          Allo stesso modo se un programma open-source
          prevede nella licenza che per un utilizzo
          commerciale si debba pagare, ed io non lo faccio,
          sto commettendo una violazione nè più nè meno
          grave dell'utilizzare una versione di win
          piratata.Violazione valida in che paese?Tutti? E chi lo decide, il programmatore o i legislatori?
          Fatto il software, trovato il keygen? Bella roba!
          Dimostriamo di aver capito la differenza tra un
          cittadino civile ed un ladro fuorilegge...ma solo
          per strada i reati informatici non valgono
          nulla...a mio padre che è cresciuto negli anni
          '50 alle vallette, a torino, e che ragiona in
          questo modo ripeto sempre che è per colpa di
          questo modo di pensare che molte cose vanno a
          puttane nel nostro paese...e leggendo questo
          genere di commenti me ne convinco sempre di
          più.E' vero ci vuole piu' ordine. Il tuo ad esempio.
        • 01234 scrive:
          Re: Problema?
          moralismo astratto, a mio modo di vederescendiamo nell'arena della realtà e scopriamo che con meno di 200 euro ti fai un pc che per cose di ufficio è una bomba e però tra sistema operativo e suite office ne spendi almeno 400 (vista/Off2007) (gli OEM li mettono sulle stesse macchine, che però paghi di più, e office è trial)come diceva qualcuno, incentivo al gratuito, per chi se la sente, alla copia aùmm aùmm per gli altri, però se si rendessero i prezzi più umani magari...specie con la crisi...macché, meglio lucrare e poi magari lamentarsi che "va tutto male"...
    • anonimo scrive:
      Re: Problema?
      - Scritto da: vac
      Bene! Un buon incentivo per passare a Linux!!
      Ma che incentivo e incentivo! In Cina comandano i cinesi. I cinesi anziché punire chi vende roba crackata, se pur per pochi centesimi, preferiscono mettere sotto accusa Microsoft.E' evidente che Linux non soddisfa l'utente medio cinese. Altrimenti neanche si porrebbe il problema.
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Problema?
      l'antipirateria di ms è una barzelletta!Hanno cantato le lodi della wga...poi appena hanno fatto i primi morti, l'hanno iniziata a togliere(vedi da ie7)...poi è cosi stranamente craccabile...come se ms non potesse farlo...è che se lo fa si tira la zappa sui piedi!Vedi che strano, con l'sp1 di vista doveva bloccare tutti i modi per attivarlo...poi stranamente, il metodo del boot funziona, cosi come quello del driver che fa solo comparire una scritta e ce "permetti", buahahaha. Questo è essere ridicoli secondo me. O fai un sistema come si deve e sicuro, o non fai niente, sti metodi wga da 4 soldi fan solo ridere.
      • ohoho scrive:
        Re: Problema?
        - Scritto da: GoldenBoy
        l'antipirateria di ms è una barzelletta!
        Hanno cantato le lodi della wga...poi appena
        hanno fatto i primi morti, l'hanno iniziata a
        togliere(vedi da ie7)...poi è cosi stranamente
        craccabile...come se ms non potesse farlo...è che
        se lo fa si tira la zappa sui
        piedi!
        Vedi che strano, con l'sp1 di vista doveva
        bloccare tutti i modi per attivarlo...poi
        stranamente, il metodo del boot funziona, cosi
        come quello del driver che fa solo comparire una
        scritta e ce "permetti", buahahaha. Questo è
        essere ridicoli secondo me. O fai un sistema come
        si deve e sicuro, o non fai niente, sti metodi
        wga da 4 soldi fan solo
        ridere.Sicuramente tu sei in grado di creare un sistema come si deve, ma loro no.
        • GoldenBoy scrive:
          Re: Problema?
          hahaha, potrebbe essere eh, ma son convinto che quello che gli manchi è farlo concretamente...il saperlo fare ormai non ha senso, bene o male le tecnologie e know-how per farlo ci sono...
Chiudi i commenti