L'addio di Ballmer, secondo Ballmer

Un'intervista-racconto al CEO dimissionario di Microsoft rivela come si è giunti alle sue dimissioni dopo 30 anni di lavoro a Redmond. Una scelta che, secondo la ricostruzione di Ballmer, è stata del tutto personale

Roma – “Forse sono il simbolo della vecchia era, e devo andarmene”: a un certo punto a Steve Ballmer è sorto il dubbio di essere lui stesso il freno che bloccava il cambiamento di Microsoft , e ha deciso tutto da solo di passare la mano. L’ha comunicato al consiglio di amministrazione, alla moglie e ai figli, e poi ha scritto il famoso memo che l’ha annunciato ai colleghi e al pubblico: se a Redmond cambiamento ci sarà, inizierà dal vertice e Steve lascerà la poltrona di CEO dell’azienda che ha reso incredibilmente remunerativa. Nessuno, stando alla sua ricostruzione, ha chiesto la sua testa .

L’illuminazione sarebbe giunta nel mese di maggio a Londra, in un raro momento di relax di Ballmer: “Se alla fine dei conti dobbiamo rompere gli schemi, devo ammetterlo: io sono parte dello schema”. Così Steve ha iniziato a scrivere la sua lettera di commiato, pare ci siano state almeno 40 stesure prima di arrivare a quella definitiva, e ha comunicato le proprie intenzioni al general counsel Brad Smith e poi al capo del consiglio di amministrazione John Thompson. Fino a quel punto non c’era stata alcuna pressione per la partenza , solo un pressing costante su Ballmer da parte dei vertici per accelerare la ristrutturazione delle operazioni: una ristrutturazione che il CEO stava provando a incoraggiare, ma che incontrava resistenze interne legate probabilmente più all’abitudine che alla ritrosia culturale.

Nella lunga intervista esclusiva ottenuta dal Wall Street Journal , si cita il caso di uno dei manager che riporta direttamente a Ballmer che si era visto restituire un report giudicato troppo lungo: 56 pagine erano eccessive per riuscire a leggere rapidamente e far circolare efficientemente le informazioni contenute, meglio sarebbe stato avere un rapporto conciso di massimo 3 pagine. Ma, fu l’obiezione del vicepresidente Qi Lu, Ballmer aveva sempre voluto “dati e dettagli!”: la consuetudine tra i manager aveva generato l’irrigidimento dei processi, stagnanti nell’abitudinarietà, e il CEO si rese conto che nonostante i suoi sforzi per eliminare il retaggio della competizione tra le divisioni e il costante impegno nel migliorare la comunicazione interna, la continuità stessa della sua gestione costituiva una diga che teneva bloccato il cambiamento .

Dopo le sue dimissioni Ballmer non è stato con le mani in mano, egli stesso cita l’ accordo con Nokia come uno degli esempi del prosieguo del suo impegno, il lancio imminente di Xbox One, la ottima trimestrale registrata pochi giorni or sono. Nel suo futuro Ballmer vede una cattedra universitaria o la squadra di basket di uno dei suoi figli, impegni molto meno pressanti del ruolo di amministratore delegato di una multinazionale: ma continuerà a occuparsi della sua creatura, visto che conserva una parte rilevante del pacchetto azionario di Microsoft , e spera che presto possa venire annunciato il suo ingresso all’interno del consiglio di amministrazione.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vqMrfIMHEJN Yubs scrive:
    TjFQONLUGOMOVPyKmH
    In Summary http://www.cerebralpalsylifeexpectancy45betty.com/cerebral-palsy-ataxic/cerebral-palsy-limp/oku-cerebral-palsy/cerebral-palsy-dressing/best-exercise-for-cerebral-palsy-adults top best exercise for cerebral palsy adults The majority of spastic cerebral palsy persons affected are ambulatory, however tight adductors cause a "scissors gait." http://www.cerebralpalsylifeexpectancy45betty.com/cerebral-palsy-league-bundaberg/cerebral-palsy-league-service-facilitator/twins-cerebral-palsy-causes twins cerebral palsy causes Cerebral palsy may define cerebral palsy seen scary at first, but if you know what the symptoms are, you will have a better chance of dealing with it. http://www.cerebralpalsylifeexpectancy45betty.com/cerebral-palsy/cnn-cerebral-palsy/hse-cerebral-palsy/cerebral-palsy-ct cerebral palsy ct You may already know that #link1# cerebral palsy affects thousands of newborns across America due to medical malpractice or natural causes. .
  • Alessio scrive:
    Balle e bubbole
    "...passando per gli articoli 14, 15 e 16 del decreto legislativo n. 70 del 2003, che affidano anche ad un'autorità amministrativa il compito di porre fine alle violazioni..."Peccato che la condivisione di materiale protetto dal diritto d'autore sia punito dalla legge penale e che sull'accertamento dei reati la competenza esclusiva è della magistratura e non di una qualsiasi autorità amministrativa.
    • Leguleio scrive:
      Re: Balle e bubbole

      "...passando per gli articoli 14, 15 e 16 del
      decreto legislativo n. 70 del 2003, che affidano
      anche ad un'autorità amministrativa il compito di
      porre fine alle
      violazioni..."
      Peccato che la condivisione di materiale protetto
      dal diritto d'autore sia punito dalla legge
      penale e che sull'accertamento dei reati la
      competenza esclusiva è della magistratura e non
      di una qualsiasi autorità
      amministrativa.Ma infatti la punizione dei reati rimane di competenza della magistratura, non cambia nulla. Per provvedimenti di routine, o meglio, che sono ormai diventati di routine, come l'oscuramento di un sito, vogliono impiegare l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.
  • Leguleio scrive:
    E quindi...
    Par di capire che l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni verrà sommersa da ricorsi da parte di SIAE, ANAC, Anica e ogni striminzito detentore di diritti, e passerà le giornate a rincorrere le farfalle. Col risultato che non potrà più occuparsi delle violazioni importanti, come quella di Telecom Italia:http://punto-informatico.it/2182452/Telefonia/News/telecom-paga-una-multa-65-milioni-euro.aspxBella mossa!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 novembre 2013 12.01-----------------------------------------------------------
    • bubba scrive:
      Re: E quindi...
      - Scritto da: Leguleio
      Par di capire che l'Autorità per le garanzie
      nelle comunicazioni verrà sommersa da ricorsi da
      parte di SIAE, ANAC, Anica e ogni striminzito
      detentore di diritti, e passerà le giornate a
      rincorrere le farfalle. Col risultato che non
      potrà più occuparsi delle violazioni importanti,
      come quella di Telecom
      Italia:
      http://punto-informatico.it/2182452/Telefonia/Newsgh... beh almeno non era per la "solita" pubblicita' ingannevole (per la quale tutte le telco vengono condannate ogni anno .. o giu di li') :)Per il resto basta guardare la relazione alla Camera per vedere quel che si dice sempre (o almeno che dico io) ...- contorcimenti legali paurosi (a quando un reset e creazione di un corpus organico di norme??)- chiodo FISSO dell'enforcement - straw argument e balle mascherate da 'giusti intendimenti'(es:  (...) Peraltro, si evidenzia che il regolamento proposto dalla delibera Agcom, concentrando la sua azione contro le violazioni esercitate con finalità di lucro, assegna un carattere assolutamente prioritario alla lotta contro la pirateria «massiva» ed esclude dal proprio perimetro d'azione gli utenti finali, i downloaders, operando un giusto bilanciamento. La bozza di regolamento non prevede nessuna pratica di filtraggio preventivo dei contenuti da parte degli operatori di rete, né interventi sugli utenti che scaricano contenuti protetti. L'obiettivo sono le centrali di spaccio abusive e non le libertà del singolo utente, che devono essere tutelate e promosse. )--- da nessuna parte, in realta', si esclude ne si puo escludere gli 'utenti finali'--- la pratica di filtraggio preventivo si fa eccome, anche se 'mascherata'... quando piazzi un dns redirect (o peggio un sequestro), stronchi anche una marea di roba non in violazione (ammesso che ce ne sia, perche -
      )--- hanno nella testa (bacata) questa idea che un forum con dei LINK o anche un tracker sia una violazione (altra cosa i cloud disk)... ma il materiale oggetto di violazione NON C'E'. E invece e' proprio "dai singoli utenti"
      • Leguleio scrive:
        Re: E quindi...

        Per il resto basta guardare la relazione alla
        Camera per vedere quel che si dice sempre (o
        almeno che dico io)
        ...

        - contorcimenti legali paurosi (a quando un
        reset e creazione di un corpus organico di
        norme??)Non puoi avere leggi semplici per una materia complessa.
        - chiodo FISSO dell'enforcement In italiano esercizio coattivo.Se non ti interessa la tutela di un bene non fai nemmeno la legge, ti pare? Non ho mai visto leggi approvate per dire che va tutto bene, e nulla va cambiato. :)
        - straw argument e balle mascherate da 'giusti
        intendimenti'E no! :@ L'argomento dell'uomo di paglia è una mia prerogativa. Non puoi affibbiarlo a tutti, inflazioneresti l'accusa.
        --- da nessuna parte, in realta', si esclude ne
        si puo escludere gli 'utenti
        finali'Gli utenti sono esclusi dalle sanzioni, non dalle conseguenze dei blocchi. Almeno, io quel paragrafo l'ho inteso così.
        --- la pratica di filtraggio preventivo si fa
        eccome, anche se 'mascherata'... quando piazzi un
        dns redirect (o peggio un sequestro), stronchi
        anche una marea di roba non in violazione
        (ammesso che ce ne sia, perche -
        Certo che sì. Non è che l'utente è così importante che eventuali siti con lo stesso dominio vanno scartati dal filtro o dal sequestro.Quando, all'inizio degli anni Ottanta, a causa di un avvelenamento vennero sequestrati su tutto il territorio nazionale le bottiglie dell'analcolico biondo, allegria più fantasia più simpatia più più più (Elio e le storie tese ci fecero anche una canzone), gli utenti vennero privati anche di quelle che non contenevano veleno, per una settimana circa. Niente più aperitivo al bar con i salatini. E quindi?
        --- hanno nella testa (bacata) questa idea che un
        forum con dei LINK o anche un tracker sia una
        violazione (altra cosa i cloud disk)... ma il
        materiale oggetto di violazione NON C'E'. C'è il materiale che consente la violazione. Alla legge basta quello.
        E
        invece e' proprio "dai singoli
        utenti"Finché i singoli utente si tengono i link su un file sul proprio PC, nessuno viene a guardarci.Diventa illecito, eventualmente, quando viene pubblicato.
        • TuttoaSaldo scrive:
          Re: E quindi...

          Quando, all'inizio degli anni Ottanta, a causa di
          un avvelenamento vennero sequestrati su tutto il
          territorio nazionale le bottiglie dell'analcolico
          biondo, allegria più fantasia più simpatia più
          più più (Elio e le storie tese ci fecero anche
          una canzone), gli utenti vennero privati anche di
          quelle che non contenevano veleno, per una
          settimana circa. Niente più aperitivo al bar con
          i salatini. E
          quindi?Magari se il danno l'ha fatto il analcolico biondo e sequestri l'analcolico biondo nessuno a niente da ridire, ma se per fermare il biondo sequestri anche la spuma bionda e la cambusa amaricante, magari questi ultimi avrebbero qualche diritto da far rivalere..
          • Leguleio scrive:
            Re: E quindi...


            Quando, all'inizio degli anni Ottanta, a causa
            di

            un avvelenamento vennero sequestrati su tutto il

            territorio nazionale le bottiglie
            dell'analcolico

            biondo, allegria più fantasia più simpatia più

            più più (Elio e le storie tese ci fecero anche

            una canzone), gli utenti vennero privati anche
            di

            quelle che non contenevano veleno, per una

            settimana circa. Niente più aperitivo al bar con

            i salatini. E

            quindi?
            Magari se il danno l'ha fatto il analcolico
            biondo e sequestri l'analcolico biondo nessuno a
            niente da ridire, Ha niente da ridire, con l'H. Mah, dovrei riguardarmi la vicenda per controllare l'epilogo. A memoria, mi pare che non conclusero un bel niente. Impossibile sapere se il veleno proveniva effettivamente dall'interno della bottiglietta oppure se era stato messo nel bicchiere prima di versarci l'analcolico biondo.
            ma se per fermare il biondo
            sequestri anche la spuma bionda e la cambusa
            amaricante, magari questi ultimi avrebbero
            qualche diritto da far
            rivalere..Invece potrebbe accadere, se il pubblico ministero ritiene che l'avvelenamento sia avvenuto da parte dell'imbottigliatore, una ditta esterna a cui viene delegata questa fase, e se questo imbottigliatore imbottiglia i due prodotti che hai citato.
          • TuttoaSaldo scrive:
            Re: E quindi...


            Invece potrebbe accadere, se il pubblico
            ministero ritiene che l'avvelenamento sia
            avvenuto da parte dell'imbottigliatore, una ditta
            esterna a cui viene delegata questa fase, e se
            questo imbottigliatore imbottiglia i due prodotti
            che hai
            citato.Il leguleio dovrebbe cercarli i cavilli non risolverli :-)Il parallelo per me è più contorto non ci riesco con le bottiglie..I mezzi della procura quali sono?Se l'imbottigliatore è all'estero si blocca tutto quello che passa da quella strada?Stile blocco degli IP?Senza un'autorità non nazionale si possono solo punire gli utenti.
          • Leguleio scrive:
            Re: E quindi...


            Invece potrebbe accadere, se il pubblico

            ministero ritiene che l'avvelenamento sia

            avvenuto da parte dell'imbottigliatore, una
            ditta

            esterna a cui viene delegata questa fase, e se

            questo imbottigliatore imbottiglia i due
            prodotti

            che hai

            citato.


            Il leguleio dovrebbe cercarli i cavilli non
            risolverli
            :-)Basta leggere attentamente le cronache dei sequestri, di ogni tipo, per comprendere che quando le procure si muovono sono schiacciasassi, non sono cesellatori.Non ho detto che accadrà o che è accaduto, ma i presupposti legali ci sono tutti. Saperlo prima è meglio che scoprirlo poi.
            Il parallelo per me è più contorto non ci riesco
            con le
            bottiglie..Pazienza. La realtà va avanti anche senza di te.Anche se c'entra poco con l'esempio precedente, qui c'è un bel sequestro di bibite in due province campane perché... non hanno l'etichetta in italiano:http://avellino.ottopagine.net/2011/12/13/maxi-sequestro-di-bibite-della-finanza/La realtà va accettata, negarla è solo un meccanismo psicologico di difesa; e alla lunga provoca più guai che vantaggi.
            I mezzi della procura quali sono?Sequestro preventivo, accertamenti, perizie di parte, interrogatori...
            Se l'imbottigliatore è all'estero si blocca tutto
            quello che passa da quella
            strada?Non è escluso, ma normalmente non è necessario arrivare a tanto. Il trasportatore di quelle bottiglie è noto, ci si limita a fermare gli autocarri della compagnia e a controllare le bolle di accompagnamento.Se la merce è già entrata in italia, si può solo ordinare il sequestro presso i rivenditori.
            Stile blocco degli IP?Stile blocco degli IP. sì.Che poi è quello di cui stiamo discutendo <B
            realmente </B
            , senza dirlo. Gli altri aspetti dell'AgCom descritti nell'articolo interessano davvero poco.
            Senza un'autorità non nazionale si possono solo
            punire gli
            utenti.Mah, "punire"... Io ritiro dal commercio il DDT perché nuoce alla salute, e subito insorge qualcuno che dice che si puniscono gli utenti nella loro lotta contro le zanzare. :|Signori, ci sono spray al piretro! Che "punizione" sarebbe mai quella di bloccare qualche sito, e lasciare intatto il resto del web?
        • bubba scrive:
          Re: E quindi...
          - Scritto da: Leguleio

          Per il resto basta guardare la relazione alla

          Camera per vedere quel che si dice sempre (o

          almeno che dico io)

          ...



          - contorcimenti legali paurosi (a quando un

          reset e creazione di un corpus organico di

          norme??)

          Non puoi avere leggi semplici per una materia
          complessa.MOLTO piu semplici di quelle attuali, sicuro. Anche perche' si va avanti da decenni a patch...

          - chiodo FISSO dell'enforcement

          In italiano esercizio coattivo.
          Se non ti interessa la tutela di un bene non fai
          nemmeno la legge, ti pare? Non ho mai visto leggi
          approvate per dire che va tutto bene, e nulla va
          cambiato.
          :)la keyword e' "chiodo fisso". Parlavo della relazione alla camera, ma anche in generale sulle azioni legislative... So che e' strano per i parlamentari delle major, ma legiferare NON significa escogitare nuove punizioni, ma sopratutto eliminare storture e semplificare la giungla balzellare e burocratica (dai bordero', all'opacita' delle collecting sino ai 1000 anni di protezione) .

          - straw argument e balle mascherate da
          'giusti

          intendimenti'

          E no! :@ L'argomento dell'uomo di paglia è una
          mia prerogativa. Non puoi affibbiarlo a tutti,
          inflazioneresti
          l'accusa.ahha te piacerebbe eh sto privilegio :) ma i campioni mondiali, quasi per mission istituzionale, sono i politici e gli avvocati.



          --- da nessuna parte, in realta', si esclude
          ne

          si puo escludere gli 'utenti

          finali'

          Gli utenti sono esclusi dalle sanzioni, non dalle
          conseguenze dei blocchi. Almeno, io quel
          paragrafo l'ho inteso
          così.nella narrazione... nelle leggi ovviamente si parla di "chiunque commetta". Penso che sia il solo art.171ter, che con " È punito, se il fatto è commesso per uso non personale", fa pensare vagamente ad escludere l'utente... qualunque cosa voglia dire 'personale'... probabilmente legato al 'diritto alla copia personale' aka dumparsi il proprio dvd... se no non avrebbe alcun senso. Il 99% della gente copia per uso personale.. la contraffazione e' tutt'altra bestia... E tra l'altro l'utente/downloader tecnicamente nei citcuiti p2p e' anche uploader, ecc. ecc.

          --- la pratica di filtraggio preventivo si fa

          eccome, anche se 'mascherata'... quando
          piazzi
          un

          dns redirect (o peggio un sequestro),
          stronchi

          anche una marea di roba non in violazione

          (ammesso che ce ne sia, perche -


          Certo che sì. Non è che l'utente è così
          importante che eventuali siti con lo stesso
          dominio vanno scartati dal filtro o dal
          sequestro.
          Quando, all'inizio degli anni Ottanta, a causa di
          un avvelenamento vennero sequestrati su tutto il
          territorio nazionale le bottiglie dell'analcolico
          biondo, allegria più fantasia più simpatia più
          più più (Elio e le storie tese ci fecero anche
          una canzone), gli utenti vennero privati anche di
          quelle che non contenevano veleno, per una
          settimana circa. Niente più aperitivo al bar con
          i salatini. E
          quindi?quindi e' un fake :) A parte la "leggera" differenza tra avvelenamento alimentare e link su un forum, c'e' un altro dettaglio.. che la roba "avvelenata" sanno con precisione qual'e' (e nel caso del forum - index & co, sanno anche che NON e' li'. Ma procedono ugualmente)

          --- hanno nella testa (bacata) questa idea
          che
          un

          forum con dei LINK o anche un tracker sia una

          violazione (altra cosa i cloud disk)... ma il

          materiale oggetto di violazione NON C'E'.

          C'è il materiale che consente la violazione. Alla
          legge basta
          quello.no, e' molto piu sfumata la cosa. Tant'e' che eliminare un link in un forum, non consente di eliminare il perpetuarsi di QUELLA supposta violazione. Cioe' e' un provvedimento inutile per lo scopo che si prefigge. E' invece dannoso per gli admin e gli utenti del forum. Ergo molto sproporzionato.

          E

          invece e' proprio "dai singoli

          utenti"

          Finché i singoli utente si tengono i link su un
          file sul proprio PC, nessuno viene a
          guardarci.
          Diventa illecito, eventualmente, quando viene
          pubblicato.ma il link NON viola alcun diritto d'autore! E' con sta razzo di interpretazione balenga che si va avanti a giustificare cose sballate...Il bello e' che -orrore- pure gente come l'Associazione di televisioni locali e di radio (pur dal loro angolo visivo) la vede cosi'.... (cfr : http://www.fulviosarzana.it/blog/no-all-agcom-per-regolamentare-il-web-parola-di-radio-e-televisioni/ )
          • Leguleio scrive:
            Re: E quindi...



            - chiodo FISSO dell'enforcement



            In italiano esercizio coattivo.

            Se non ti interessa la tutela di un bene non fai

            nemmeno la legge, ti pare? Non ho mai visto
            leggi

            approvate per dire che va tutto bene, e nulla va

            cambiato.

            :)
            la keyword La parola-chiave.
            e' "chiodo fisso". Parlavo della
            relazione alla camera, ma anche in generale sulle
            azioni legislative... So che e' strano per i
            parlamentari delle major, ma legiferare NON
            significa escogitare nuove punizioni, ma
            sopratutto eliminare storture e semplificare la
            giungla balzellare e burocratica (dai bordero',
            all'opacita' delle collecting sino ai 1000 anni
            di protezione)Fatti eleggere tu al parlamento, e anziché pensare all'esercizio coattivo penseranno all'eliminazione delle storture. Poi in base alle tue parole la pirateria scomparirà quasi del tutto, perché era solo una questione di storture.

            E no! :@ L'argomento dell'uomo di paglia è una

            mia prerogativa. Non puoi affibbiarlo a tutti,

            inflazioneresti

            l'accusa.
            ahha te piacerebbe eh sto privilegio :) ma i
            campioni mondiali, quasi per mission
            istituzionale, sono i politici e gli
            avvocati.I campioni nell'accusa invece sono i commentatori maldestri. Quando si trovano con le spalle al muro per aver scritto una frase o aver svolto un ragionamento che non dovevano scrivere, altro non hanno che inventarsi qualche fallacia logica per controbattere. Tanto chi le capisce?!? :PControbattere sul punto è impossibile, ormai il ragionamento oppure la frase è lì sul forum, la possono leggere tutti.

            Gli utenti sono esclusi dalle sanzioni, non
            dalle

            conseguenze dei blocchi. Almeno, io quel

            paragrafo l'ho inteso

            così.
            E tra
            l'altro l'utente/downloader tecnicamente nei
            citcuiti p2p e' anche uploader, ecc.
            ecc.Infatti. Ma volendo si può disabilitare quella funzione, scaricare e basta. Solo che pochi lo desiderano.

            Certo che sì. Non è che l'utente è così

            importante che eventuali siti con lo stesso

            dominio vanno scartati dal filtro o dal

            sequestro.

            Quando, all'inizio degli anni Ottanta, a causa
            di

            un avvelenamento vennero sequestrati su tutto il

            territorio nazionale le bottiglie
            dell'analcolico

            biondo, allegria più fantasia più simpatia più

            più più (Elio e le storie tese ci fecero anche

            una canzone), gli utenti vennero privati anche
            di

            quelle che non contenevano veleno, per una

            settimana circa. Niente più aperitivo al bar con

            i salatini. E

            quindi?
            quindi e' un fake :) La vicenda dici? No, è vera. Purtroppo per i produttori dell'analcolico biondo. L'unico dubbio è sul chi abbia messo il veleno, in quale fase.
            A parte la "leggera"
            differenza tra avvelenamento alimentare e link su
            un forum, c'e' un altro dettaglio.. che la roba
            "avvelenata" sanno con precisione qual'e' (e nel
            caso del forum - index & co, sanno anche che NON
            e' li'. Ma procedono
            ugualmente)Non la stabilisci tu la leggerezza dei reati, bubba.E nemmeno stabilisci cosa possono fare i giudici su internet. Il link nudo e crudo è sufficiente per un'ordinanza di sequestro ormai da diversi anni. È da invasati immaginare una realtà diversa.


            --- hanno nella testa (bacata) questa idea

            che

            un


            forum con dei LINK o anche un tracker sia
            una


            violazione (altra cosa i cloud disk)... ma
            il


            materiale oggetto di violazione NON C'E'.



            C'è il materiale che consente la violazione.
            Alla

            legge basta

            quello.
            no, e' molto piu sfumata la cosa. Tant'e' che
            eliminare un link in un forum, non consente di
            eliminare il perpetuarsi di QUELLA supposta
            violazione. Magari non la elimina, ma la fonte, la causa scatenante della violazione non c'è più. Avanti col prossimo sito da oscurare (o sequestrare).Senza nemmeno un link su tutto il web, scaricare col P2P contenuti protetti non è più possibile. Chi li ha scaricati finché c'erano se li tiene, ovviamente. Gli altri rimangono a bocca asciutta.
            Cioe' e' un provvedimento inutile per
            lo scopo che si prefigge. E' invece dannoso per
            gli admin e gli utenti del forum. Ergo molto
            sproporzionato.Di nuovo, non la stabilisci tu la sproporzione fra il danno arrecato ai detentori di diritti e il danno arrecato alla Rete. È di competenza del legislatore.Tolto che alla storiella dei forum che ospitano link a film e musica credo molto poco. Mi ricorda le attività lecite delle famiglie dei mafiosi per meglio coprire quelle illecite. È un camuffamento.


            E


            invece e' proprio "dai singoli


            utenti"



            Finché i singoli utente si tengono i link su un

            file sul proprio PC, nessuno viene a

            guardarci.

            Diventa illecito, eventualmente, quando viene

            pubblicato.
            ma il link NON viola alcun diritto d'autore! La magistratura è di diverso avviso.
            E'
            con sta razzo di interpretazione balenga che si
            va avanti a giustificare cose
            sballate...Solo in Italia, però.Il fatto che ThePirateBay sia bloccato in una ventina di Paesi, fra cui la Gran Bretagna, è dovuto al fatto che il sito ospita molto materiale contro i governi legittimi, e probabilmente anche molti scritti antiislamici, perché è bloccato anche là. I link non c'entrano nulla. L'idea di bloccare pagine con i link è unica al mondo, ed è esclusivamente italiana.E il mattino ha l'oro in bocca.E il mattino ha l'oro in bocca.E il mattino ha l'oro in bocca.E il mattino ha l'oro in bocca.E il mattino ha l'oro in bocca.....................................
            Il bello e' che -orrore- pure gente come
            l'Associazione di televisioni locali e di radio
            (pur dal loro angolo visivo) la vede cosi'....
            (cfr :
            http://www.fulviosarzana.it/blog/no-all-agcom-per-1) Tutti la vedono così.2) Le leggi rimangono così. 3) Le ordinanze dei giudici che le fanno applicare sono sempre le stesse.Visto che queste tre affermazioni non possono essere altrettanto vere contemporaneamente, trovare l'affermazione sbagliata fra queste tre. Io l'ho trovata. ;)È un interessante esercizio di logica, dovresti farlo più spesso.
          • Leguleio scrive:
            Re: E quindi...

            Ma io rispondevo a questo (wheew
            che fatica, con questi taglincolla un po'
            pilotati) : "Fatti eleggere tu al parlamento, e
            anziché pensare all'esercizio coattivo penseranno
            all'eliminazione delle storture". E, ripeto, le
            storture non riguardano solo la cosidetta
            pirateria.Ai commentatori di PI interessa solo la pirateria. Quindi cerchiamo di non fare tanto gli ipocriti, e attaccarci ad aspetti ignoti ai più come azione diversiva, e concentriamoci sula pirateria.

            E sappiamo benissimo tutti di cosa si occuperà,
            nel

            caso ad AgCom venga data questa delega.
            eh lo sappiamo. : la malattia oltre che nel
            merito (provvedimento rapido bypassando blabla VS
            iter canonico) sta sopratutto all'origine. Ossia
            sul "cosa" dovrebbe vigilare.. alias violazioni
            che da tempo dovrebbero essere eliminate perche
            anacronistiche.No, le violazioni e le relative sanzioni non verranno eliminate finché non ci sarà il 50 % +1 che è d'accordo per eliminarle.


            ossia che non ha risolto niente...



            Quando hai la responsabilità di salvare

            dall'avvelenamento migliaia di persone che ogni
            irrilevante non credi? :) si parlava di link su
            un forum. non proprio vitale. Per la legge lo sono, che vuoi che ti dica? I tempi in cui la disseminazione di centinaia o migliaia di link a contenuti protetti era punita come una multa per sosta vietata sono finiti da un pezzo. Oggi si va in carcere.
            Se rilevo un file in un harddisk, anche se i tomi
            legali e il giudice della Corte Suprema Astrale
            dice che non c'e', esiste comunque. E viceversa.
            il giudice non piega la Fisica. Purtroppo la
            "giurisprudenza + legislatore" puo'
            autoalimentare e autocertificare la
            distorsione....Ah, ecco. Ora è chiaro. Un grave dilemma di epistemologia e di fisica, sì sì. :D

            A leggere commentatori come te, sembra che

            qualsiasi gestore di sito o di forum potrebbe

            vedersi bussare alla porta la polizia una

            mattina...
            infatti potrebbe. E DOVREBBE. In modo da avere
            1'500'000 imputati. Finalmente certificando in
            piazza il nonsense di gran parte della
            legislazione
            sull'enforcement.E invece la maggior parte dei gestori di siti e di weblog inseriscono contenuti propri, se aggiungono immagini le scelgono attentamente fra quelle in CC o di pubblico dominio, oppure le creano loro, e vivono felici.Nessuno ha voglia di fare la rivoluzione per conto terzi.
            I 171xx li hai letti vero?No, e non so cosa siano.

            Se la fonte non è raggiungibile attraverso link,

            è come se non ci fosse.
            non vedo piu' il link dal forum che hai oscurato.
            Ma lo vedo in un altro, o nella cache di google,
            nella chat di facebook e via cosi. Finche il seed
            viene alimentato (parlando del bittorrent ma non
            ci son solo loro), esiste
            :)Alla legge basta fare sparire i link dal web.Le conversazioni private in chat e le e-mail private non sono coperte. E nemmeno le conversazioni al bar: "ah aspetta, ti scrivo su questo pezzo di carta il link al bittorrent dell'intera discografia di Diana Est. L'ho dato a così tanta gente che lo so a memoria".

            Esiste un limite tecnico al numero di siti da
            far

            oscurare? Non mi

            risulta.

            È necessaria giusto quella settimana per

            firmare un miliardo di ordinanze o poco più, e

            poi si

            procede.
            sarebbe bello. Poi ci sarebbero un miliardo di
            cause penali pendenti in corso. (perche non e'
            arbitraria censura preventiva, no? e' un reato..
            quindi si fa un
            proXXXXX)No, non è automatico. La procura ordina un sequestro preventivo per evitare che le conseguenze di un reato siano protratte. Poi indaga anche per identificare i responsabili, ma non è scontato che vi riesca, potrebbero essere all'estero. Il sequestro rimane valido.

            Ci dobbiamo tenere dei parlamenti fatti da

            portacarte.

            Che fino a prova contraria funzionano meglio dei

            parlamenti fatti di pensatori

            utopisti.
            allora questi 'pensatori' pensano veramente
            male... perche' gli attuali parlamenti
            democratici sono (tristemente) sempre piu'
            invisi. non solo in Italia. Sara' mica perche'
            sono sempre piu' passacarte di oligarchi
            vari?I parlamenti non sono affatto invisi. Se c'è la fila per candidarsi alle elezioni in certi partiti, significa che la "professione" ha ancora il suo fascino. Ti ho già detto più volte, credo, che bisogna saper distingure fra quello che <B
            uno dice </B
            e quello <B
            che uno pensa </B
            . L'esponente scarmigliato dell'antipolitica e dei forconi contro il potere centrale è il deputato eletto con molti voti nelle elezioni l'anno successivo. Funziona sempre così.
            a parte che le intime intenzioni sono un po'
            difficili da usare come prove d'accusa... certo
            non sono tutti ignari, ma la cosa e' molto
            variegata... faccio un forum di fan di tali
            musicisti, la gente posta il testo, qualcuno un
            link mp3 ,altri le cover. Per documentare una
            discografia completa. E si chiacchiera tra fan.
            Non ci sono pacchi di Cdrom in iso9660 hostati o
            roba del genere. Pero' sia testo, che cover e
            addirittura il link, sono violazioni. Esatto.
            La
            percezione di tale cotanto atroce reato e'
            near-zero. Lo vedi anche su fakebook... Vero. Ma non credo che chi gestisce quello spazio, un forum, sia ignaro.Come non lo é Zuckerberg, e infatti molti video su feissbuc vengono bloccati o rimossi.
            Ed e'
            near-zero perche', ahem, non dovrebbe esistere (o
            SICURAMENTE non nelle forme
            attuali).Tutti gli utenti comuni sono totalmente ignari della legge, bubba. Me ne accorgo ogni giorno, e non solo su questo forum.Diverso è chi gestisce un forum di una certa dimensione.
            se mi dai la presidenza di Univideo ci provo :)Te la devi conquistare, come se la sono conquistata loro. Tolto che una volta al vertice ti accorgeresti che non esiste cosa più labile del potere, e che qualsiasi tua mossa si scontrerà contro soggetti ancora più potenti, che ti impallineranno prima tu riesca a combinare alcunché. Ma ovviamente sto parlando per assurdo, non riusirai mai ad arrivare al vertice.
            in effetti se ci fosse un norimberga, i
            portaborse RIAA e MPAA verrebbero sicuramente
            condannati. In parte lo sono stati dalla gente
            (cfr. pirateparty, stampa, XXXXXX coi giudici..
            ). Ovviamente e'
            poco.Mettiti in lista per far parte della giuria questa prossima Norimberga contro RIAA, MPAA e SIAE. Ma non scriverlo più qui, tanto ormai mi pare cosa nota.
    • trullo scrive:
      Re: E quindi...
      io non mi stupirei se i membri del agcom (almeno qualcuno) se li scegliesse direttamente la siae o chi ha interessi in quei contesti.
Chiudi i commenti