Macworld e CES, PI vola negli USA

Dalle ore 18 del 6 gennaio 2009, in diretta il keynote del Macworld. Per raccontare tutte le novità presentate sul palco del Moscone Center. E poi a Las Vegas, per la più grande fiera dell'elettronica di consumo del mondo

Roma – Ci sarà Steve Jobs, non ci sarà Steve Jobs. Ci sarà senz’altro Phil Schiller sul palco alle 9 del mattino (le 18 ora italiana) del Moscone Center a San Francisco, per dirigere l’ ultimo storico keynote del Macworld dell’ era Apple . Punto Informatico sarà in sala per raccontare momento per momento tutte le novità che faranno la loro apparizione sul palco: e, alla vigilia, non sembrano novità da poco.

Al Macworld 2009 probabilmente farà il suo debutto ufficiale Snow Leopard , l’attesa nuova major release di Mac OS X: pensato come il diretto successore del 10.5, il nuovo sistema operativo sarà tutto incentrato sulla transizione definitiva ai 64bit, sull’impiego delle più recenti tecnologie GPGPU per sfruttare l’enorme potenzialità delle VGA più moderne, sul miglioramento della grafica e della gestione del sistema grazie ad una riscrittura di grosse parti dell’interfaccia. E assieme a lui potrebbe fare capolino anche la nuova versione della suite di sistema iLife.

Durante il keynote faranno forse la loro prima apparizione attesi aggiornamenti a modelli ormai storici dell’azienda di Cupertino, come iMac e Mac Mini. Non dovrebbero mancare novità anche per Mac Pro, Xserve, le nuove versioni dei Cinema Display e magari anche una nuova incarnazione del MacBook Pro da 17 pollici. Sempre che Apple non abbia in serbo qualche sorpresa con un MacBook mini da 11 pollici da contrapporre alla fiorente schiera dei netbook, o chissà quale trovata per rivitalizzare una mai del tutto decollata Apple TV.

A San Francisco non si parlerà solo di Apple: sono centinaia le aziende che hanno già confermato la loro presenza tra gli stand del Macworld, e Punto Informatico racconterà l’ecosistema nato e sviluppatosi attorno al marchio della mela. Soluzioni alternative , spesso poco conosciute ma non per questo meno interessanti: una carrellata ad ampio spettro per tentare di capire il fenomeno Apple e comprendere quale futuro abbiano progetti come iPhone e AppStore, ma anche idee innovative che prendono le mosse dai prodotti Apple e si spingono oltre.

Su tutto aleggerà lo spettro delle decisioni di Steve Jobs : lascerà Apple? Resterà, ma con sempre meno spazio e meno potere all’interno dell’azienda che lui stesso ha prima fondato e poi salvato dal fallimento? Oppure tutta la faccenda del keynote del Macworld ha molto a che vedere con la politica aziendale e la comunicazione, e poco con le sue condizioni di salute? Non resta che fare un salto qui, su queste stesse pagine, dalle 17:30 del 6 gennaio : per le due ore e mezza successive gli aggiornamenti saranno continui e particolareggiati, per non perdersi neppure una delle novità del Macworld 2009.

Archiviata la parentesi San Francisco, Punto Informatico si sposterà a Las Vegas per il CES : la più importante fiera annuale dedicata all’elettronica di consumo, dove tutti i marchi fanno a gara per presentare le loro ultime creazioni. Attese dunque succulente novità per Intel, Microsoft, AMD, Nvidia , Toshiba , VIA, Palm e molte altre ancora: ancora aggiornamenti in diretta dagli stand, con fotografie e interviste, per raccontare istante per istante lo stato dell’arte della tecnologia e magari immaginare quali saranno i suoi sviluppi durante tutto il 2009.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giovanni Buonaluce scrive:
    altri siti
    Innanzi tutto mi pare utile completare questa notizia con il link di Influnet, cioe' il portale analogo gestito dall'Istituto Superiore di Sanita', che si basa su dati forniti dai medici sentinella:http://www.iss.it/iflu/risu/cont.php?id=141&tipo=5da questo sito mi pare che ben difficilmente sia prevedibile un picco per la fine di dicembre.Noto inoltre che per quanto Influnet sia aggiornato meno frequentemente e non possa 'catturare' i casi di chi si cura da se' (e non ha bisogno di un certificato per il datore di lavoro), per ora mi sembra di gran lunga di qualita' migliore.Non posso che augurare ad Influweb di raggiungere presto e superare i risultati di Influnet.
  • Den Lord Troll scrive:
    boh
    serve mobilitare una cosa del genere per vedere se un noto frutto sta bene ???? Basta osservarne la colorazione :)E ricordo che le vere Chiquita (non queste di scarsa imitazione) non devono manco attendere l'approvazione degli Uomini del Monte ^^
    • pippo poppo scrive:
      Re: boh
      - Scritto da: Den Lord Troll
      serve mobilitare una cosa del genere per vedere
      se un noto frutto sta bene ???? Basta osservarne
      la colorazione
      :)


      E ricordo che le vere Chiquita (non queste di
      scarsa imitazione) non devono manco attendere
      l'approvazione degli Uomini del Monte
      ^^Ma che cazzo stai dicendo?
      • zip scrive:
        Re: boh
        - Scritto da: pippo poppo
        - Scritto da: Den Lord Troll

        serve mobilitare una cosa del genere per vedere

        se un noto frutto sta bene ???? Basta osservarne

        la colorazione

        :)





        E ricordo che le vere Chiquita (non queste di

        scarsa imitazione) non devono manco attendere

        l'approvazione degli Uomini del Monte

        ^^

        Ma che cazzo stai dicendo?Infatti, mi sa che hai sbagliato sicussione...
Chiudi i commenti