MPAA punta al sorgente di isoHunt

I filtri hanno le maglie troppo larghe: Hollywood vuole analizzarne il codice per dimostrare la cattiva fede pirata del motore di ricerca per file torrent
I filtri hanno le maglie troppo larghe: Hollywood vuole analizzarne il codice per dimostrare la cattiva fede pirata del motore di ricerca per file torrent

Le precauzioni che isoHunt è stato costretto a mettere in campo per prevenire le violazioni del diritto d’autore sono inefficaci, denuncia l’industria del cinema: MPAA ha ufficialmente richiesto che isoHunt consegni il codice del sistema di filtering, affinché possa dimostrare l’intenzione del sito di sfuggire alla giustizia.

Questo non è che l’ultimo atto di un annoso confronto tra il servizio di ricerca di file torrent e gli studios, con l’uno a tentare di dimostrare la propria natura neutrale di semplice motore di ricerca, gli altri a collezionare successi nel convincere i tribunali della lucrosa illegalità che si nasconde dietro un servizio di indexing che offre link a contenuti che fluiscono fra le macchine degli utenti. Ad isoHunt è più volte stato imposto di approntare un sistema di filtri capace di rendere irrintracciabili i contenuti indicati dai colossi del video. Un sistema osteggiato, al quale il fondatore del servizio Gary Fung si è rassegnato a cedere .

testimonianza MPAA

Ma non è una resa che ha soddisfatto MPAA che, armata di screenshot che testimoniano la reperibilità di link a file torrent che puntano a contenuti pirata, ora chiede alla corte californiana che sta analizzando il caso di imporre a isoHunt di rendere disponibile il codice del proprio sistema di filtri . “I problemi di filtraggio di IsoHunt Lite sono troppo sistematici e mirati per essere un semplice problema di errori innocenti e di inevitabili falle nel filtri”, accusano i detentori dei diritti. I filtri, prosegue MPAA, sarebbero stati “progettati deliberatamente per assicurare che siano inefficaci nel prevenire l’accesso alle opere protette”, e per permettere così al sito di continuare a spremere il fruttuoso meccanismo di advertising parassita rispetto a link offerti illegalmente.

Per questo motivo MPAA vuole le prove della cattiva fede di isoHunt, e auspica di ottenerle analizzando il codice dei filtri del motore di ricerca. Sarà il giudice a decidere se acconsentire alla richiesta dell’industria del cinema e se lasciare che MPAA possa utilizzare il sorgente come elemento su cui fare leva per formulare la propria richiesta di risarcimento.

Gaia Bottà

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 07 2013
Link copiato negli appunti