Red Hat e Ubuntu: pessimo l'accordo MS-Novell

I vertici di due tra le più importanti distro Linux criticano l'avvicinamento dei due mondi. E il patron di Ubuntu tenta di reclutare sviluppatori della comunità di OpenSUSE vicina a Novell


Roma – Lo storico accordo tra Microsoft e Novell continua a dividere e far discutere l’intera comunità del software open. In risposta alla lettera aperta alla community pubblicata da Novell, Mark Webbink, CEO di Red Hat , replica con molte critiche, paragonando l’intesa al patto di Monaco del 1938 che, nonostante le intenzioni di pacificazione dei suoi promotori, portò di fatto all’annessione della Cecoslovacchia alla Germania Nazista.

Nella stessa maniera, riporta tra gli altri Ars Technica , Webbink sostiene che Novell abbia svenduto la comunità open source ai padroni del codice chiuso nell’interesse di una promessa vana, denunciata anche da Bradley Kuhn , quella di una maggiore interoperabilità tra Windows e Linux.

Webbink sostiene che Hovsepian omette di dire tutta la verità sul sistema di tutela dei brevetti compreso dall’accordo. Nella lettera aperta, secondo Webbink Novell afferma il proprio impegno nel voler proteggere la tecnologia open source, mentre per contrasto l’intesa sostiene che l’azienda “userà i propri brevetti per proteggere se stessa contro reclami rivolti contro il kernel Linux o i programmi open source inclusi nell’offerta di Novell” e, appunto, solo di quella. Il presidente di Red Hat insiste: “Novell vuol farci credere che la sua posizione nei confronti dell’open source e dei brevetti software non è cambiata. Sto avendo grossi problemi nel tentare di crederci”.

Una critica, quella di Webbink, che risponde indirettamente anche a Eben Moglen , secondo cui Red Hat è tra due fuochi e costretta a stringere a sua volta accordi con Microsoft per difendere la propria posizione di mercato e la sicurezza del proprio business .

Nel mentre, una nuova iniziativa del patron di Ubuntu , Mark Shuttleworth, mette in luce quanto l’accordo MS-Novell divida e preoccupi i principali responsabili delle aziende che lavorano con il codice libero e la GPL.

Il messaggio di “chiamata alle armi” contro il patto è stato inviato da Shuttleworth alla mailing list del progetto OpenSUSE , e ha mandato su tutte le furie molti degli sviluppatori iscritti alla lista. Shuttleworth, in sostanza, si è reso protagonista di un tentativo di reclutamento di quei coder scontenti dell’accordo , descrivendolo come “profondamente irrispettoso nei confronti dei contributi di migliaia di programmatori GPL e SUSE”. Per coloro che fossero alla ricerca di una “nuova casa” per il proprio codice, questo il succo del messaggio, le porte di Ubuntu (ma anche di Gentoo, Debian e delle altre distro Linux ancora “libere”) sono sempre aperte.

Nella comunità open, alcuni hanno bollato una simile tattica di reclutamento come trolling , e molti membri di OpenSUSE hanno risposto con sdegno alle parole di Shuttleworth. Corey Burger, rispettato rappresentante della famiglia di Ubuntu, si è distanziato dal messaggio scusandosi pubblicamente a nome degli sviluppatori. Alcuni contributori di OpenSUSE, come Andreas Jaeger, hanno altresì ribattuto con tolleranza alla mail, cercando di descrivere il tentativo di Shuttleworth come un invito alla collaborazione attiva fra le due distribuzioni piuttosto che una competizione creata dal disaccordo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alessandrox scrive:
    Questa vicenda ha molto a che vedere...
    con la questione della neutralita' della rete; questa, tra l' altro, garantisce contro le rendite di posizione e consente una piu' corretta competizione. Chi e' contro questo principio e' certamente in malafede.
  • Anonimo scrive:
    GOOGLE dovrebbe...
    GOOGLE dovrebbe buttarsi nel settore della telefonia:compra NOKIA,compra VODAFONEe fa poi quel che vuole.Telefonini GOOGLE con linux !
    • Anonimo scrive:
      Re: GOOGLE dovrebbe...
      - Scritto da:
      GOOGLE dovrebbe buttarsi nel settore della
      telefonia:

      compra NOKIA,
      compra VODAFONE

      e fa poi quel che vuole.


      Telefonini GOOGLE con linux !Sì poi però magari ti salva le chiamate e non saprai mai cosa ci farà con quei dati... un pò come fa con le ricerche sul suo sito...
      • Anonimo scrive:
        Re: GOOGLE dovrebbe...
        - Scritto da:



        Telefonini GOOGLE con linux !

        Sì poi però magari ti salva le chiamate e non
        saprai mai cosa ci farà con quei dati... un pò
        come fa con le ricerche sul suo
        sito...Perchè tu sai cosa fa Vodafone con i tuoi dati ???
        • Anonimo scrive:
          Re: GOOGLE dovrebbe...


          Sì poi però magari ti salva le chiamate e non

          saprai mai cosa ci farà con quei dati... un pò

          come fa con le ricerche sul suo

          sito...
          Perchè tu sai cosa fa Vodafone con i tuoi dati ???Offerte mirate, controllo dei minuti di chiamate, di quanto spendi, di chi chiami, quanto chiami...controllano tutto già ora. Che cambia se a controllare uno o un altro?
      • Anonimo scrive:
        Re: GOOGLE dovrebbe...

        Sì poi però magari ti salva le chiamate e non
        saprai mai cosa ci farà con quei dati... un pò
        come fa con le ricerche sul suo
        sito...Quindi?
    • Anonimo scrive:
      Re: GOOGLE dovrebbe...
      - Scritto da:
      GOOGLE dovrebbe buttarsi nel settore della
      telefonia:

      compra NOKIA,
      compra VODAFONE

      e fa poi quel che vuole.
      Telefonini GOOGLE con linux !Con Mac Os X...almeno c'è lo stesso management.:)Poi Google usa cose semplici, linux non è proprio tra queste.
      • Anonimo scrive:
        Re: GOOGLE dovrebbe...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        GOOGLE dovrebbe buttarsi nel settore della

        telefonia:



        compra NOKIA,

        compra VODAFONE



        e fa poi quel che vuole.


        Telefonini GOOGLE con linux !
        Con Mac Os X...almeno c'è lo stesso management.
        :)
        Poi Google usa cose semplici, linux non è proprio
        tra
        queste.Ah? Oibò!
  • Anonimo scrive:
    che bastardi
    Ma io dico.. se sono un azienda e creo un qualcosa di utile e che piace a tutti.. e tutti lo usano.. perchè devo rendere conto agli altri?? non è mica colpa loro se gli utenti utilizzano google!! Questa cosa non fa altro che rallentare lo sviluppo!!! Se devo creare qualcosa prima dovrò chiedere conferma altrimenti mi dicono.. sei troppo bravo adesso ti denunciamo!! Legge di merda. schifo.
    • teobaz scrive:
      Re: che bastardi
      - Scritto da:
      Ma io dico.. se sono un azienda e creo un
      qualcosa di utile e che piace a tutti.. e tutti
      lo usano.. perchè devo rendere conto agli altri??
      non è mica colpa loro se gli utenti utilizzano
      google!! Questa cosa non fa altro che rallentare
      lo sviluppo!!! Se devo creare qualcosa prima
      dovrò chiedere conferma altrimenti mi dicono..
      sei troppo bravo adesso ti denunciamo!! Legge di
      merda.
      schifo.leggi di merda antidemocratiche!Anche il discorso di vodafone sul voip:perché, cazzo, se è vero che possono fare prezzi inferiori come dicono, non lo fanno e basta?Hanno paura di fallire?Ma che vadano a cagare!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: che bastardi
      - Scritto da:
      Ma io dico.. se sono un azienda e creo un
      qualcosa di utile e che piace a tutti.. e tutti
      lo usano.. perchè devo rendere conto agli altri??
      non è mica colpa loro se gli utenti utilizzano
      google!! Questa cosa non fa altro che rallentare
      lo sviluppo!!! Se devo creare qualcosa prima
      dovrò chiedere conferma altrimenti mi dicono..
      sei troppo bravo adesso ti denunciamo!! Legge di
      merda.
      schifo.Rallentare lo sviluppo? Benvenuto al mondo!Lo sai che quando inventarono le luci al neon ci fu una campagna denigratoria contro tale sistema da parte delle compagnie che producevano lampade ad incandescenza? Lo sviluppo va bene solo se sei tu a portalo avanti, se lo fanno gli altri, a spese tue... via con gli avvocati!
      • frk scrive:
        Re: che bastardi
        Tanto per fare un esempio più recente... Lo sapete di cosa si lamenta ora la lobby dei tabaccai? Del fatto che il governo ha in mente di concedere anche a chi fa un largo uso di marche da bollo (studi notarili, avvocati, etc.) la macchina che consente in via telematica la stampa delle marche (non so se lo sapete ma ora tutti i tabaccai ce l'hanno in modo da non essere costretti a rifornirsi di marche ogni volta e averle sempre pronte da stampare).E' una semplice innovazione, possibile grazie agli strumenti moderni! E loro cosa fanno? Minacciano casini se no perdono il "monopolio" delle marche!
        • Anonimo scrive:
          Re: che bastardi

          E' una semplice innovazione, possibile grazie
          agli strumenti moderni! E loro cosa fanno?
          Minacciano casini se no perdono il "monopolio"
          delle
          marche!È anche vero però che quello è un lavoro in cui oltre a sigarette, marche e lotto non si vende.E se da una parte ti fanno le leggi per ridurre il numero di fumatori, dall'altra allargano l'uso delle marche togliendo il monopolio e dall'altra ancora sono minacciati da Internet che di fatto elimina il monopolio sui giochi d'azzardo, mi dici tu che cazzo possono poi vendere in tabaccheria? :@
          • Anonimo scrive:
            Re: che bastardi
            - Scritto da:

            E' una semplice innovazione, possibile grazie

            agli strumenti moderni! E loro cosa fanno?

            Minacciano casini se no perdono il "monopolio"

            delle

            marche!
            È anche vero però che quello è un lavoro in cui
            oltre a sigarette, marche e lotto non si
            vende.
            E se da una parte ti fanno le leggi per ridurre
            il numero di fumatori, dall'altra allargano l'uso
            delle marche togliendo il monopolio e dall'altra
            ancora sono minacciati da Internet che di fatto
            elimina il monopolio sui giochi d'azzardo, mi
            dici tu che cazzo possono poi vendere in
            tabaccheria?
            :@Possono sempre cambiare mestiere come ho dovuto fare io quando l'azienda in cui lavoravo non riusciva più ad andare avanti a causa della crisi Fiat.Ciao.
          • HomoSapiens scrive:
            Re: che bastardi
            - Scritto da:
            Possono sempre cambiare mestiere come ho dovuto
            fare io quando l'azienda in cui lavoravo non
            riusciva più ad andare avanti a causa della crisi
            Fiat.

            Ciao.sante parole..
  • lucamascaro scrive:
    Bobby Rao ci ha visto giusto
    buttare via le paure e giocare con le regole del mercato, in questo modo ci sarà il vantaggio maggiore per i consumatori... speriamo solo che il costo sociale in posti di lavoro non sia eccessivo ma così è il libero mercato
    • Anonimo scrive:
      Re: Bobby Rao ci ha visto giusto
      - Scritto da: lucamascaro
      buttare via le paure e giocare con le regole del
      mercato, in questo modo ci sarà il vantaggio
      maggiore per i consumatori... speriamo solo che
      il costo sociale in posti di lavoro non sia
      eccessivo ma così è il libero
      mercatoComincino a togliere i costi di ricarica sulle prepagate quelli di vodafone prima di parlare...
      • lucamascaro scrive:
        Re: Bobby Rao ci ha visto giusto

        Comincino a togliere i costi di ricarica sulle
        prepagate quelli di vodafone prima di
        parlare...Quella è una cosa tutta italiana che non esiste nel resto del mondo... ma qui non stiamo parlando di vodafone italia che ha ben altri manager :(
Chiudi i commenti