Internet Festival 2020

Internet Festival torna a Pisa nei giorni 8-11 ottobre 2020 per riportare al centro del discorso l'innovazione e le forme di futuro che determina. La nuova edizione sarà la numero 10, organizzata nella piena osservanza delle prescrizioni sanitarie per consentire alla kermesse di portare i propri approfondimenti con la solita modalità "diffusa" tra le strade di Pisa.
Internet Festival torna a Pisa nei giorni 8-11 ottobre 2020 per riportare al centro del discorso l'innovazione e le forme di futuro che determina. La nuova edizione sarà la numero 10, organizzata nella piena osservanza delle prescrizioni sanitarie per consentire alla kermesse di portare i propri approfondimenti con la solita modalità "diffusa" tra le strade di Pisa.

Internet Festival è un evento diffuso che propone approfondimento, divulgazione e coinvolgimento culturale alle persone in cerca delle forme che assumerà il futuro.

Grazie al raffinato lavoro di un prestigioso comitato scientifico, il festival si conferma anno dopo anno come uno dei principali momenti di approfondimento sul tema dell’innovazione organizzati in Italia: un evento a porte aperte, accessibile per chiunque, che si dipana tra le vie della città e all’interno di alcune delle più prestigiose location della città di Pisa.

Punto Informatico, media partner dell’evento, è presente anche in questa nuova edizione per raccogliere gli spunti di maggior prestigio emergenti dagli innumerevoli incontri che costituiscono il tessuto culturale del festival. In questa unica pagina potrete sfogliare tutti i principali contenuti elaborati “live” dalla sede del festival.

 

Internet Festival 2020

L’edizione 2020 di Internet Festival si tiene a Pisa tra giovedì 8 e domenica 11 ottobre. Attorno al tema cardine della nuova edizione sarà in seguito costruita la fitta trama di incontri, approfondimenti, percorsi didattici e presentazioni con cui si tornerà a riflettere sull’importanza dell’innovazione in quest’epoca di rapido cambiamento.

Tema della nuova edizione: #Reset

Reset

Così come l’edizione 2018 ha affrontato il tema dell’Intelligenza e l’edizione 2019 ha approfondito il tema delle regole, l’edizione 2020 è uno spartiacque che necessita un cambio di prospettiva completo. O meglio: “Reset“, per spegnere e riavviare, per ricominciare e reimmaginare. Come sempre le parole non sono scelte a caso e il tema dell’edizione si configura come la chiave di lettura dell’intera kermesse.

Internet Festival 2020

Reset è un moto a procedere, è un’azione che vuol essere al tempo stesso un momento per fermarsi e contemporaneamente un gesto per rilanciarsi. Reset perché non si può fare altrimenti dopo un inizio di annata di questo tipo, ma al contempo si cancella temporaneamente quel che è stato con l’unico obiettivo di riscrivere il destino di quel che verrà.

Inevitabilmente grande attenzione viene posta alle regole sanitarie che andranno a permeare l’intera organizzazione, ma la natura diffusa dell’evento è ideale per potersi conformare al meglio attorno alla disciplina imposta dalle attuali linee guida per il contenimento dei contagi. Gli eventi saranno distribuiti sulla città (con baricentro nel Centro Congressi Le Benedettine) e grande attenzione sarà offerta ad esercenti e attività economiche di una città che ancora una volta si mette a disposizione per ospitare questa grande kermesse di approfondimento culturale.

L’evento è organizzato da fondazione Sistema Toscana in collaborazione con Regione Toscana, Comune di Pisa, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Registro.it, Istituto di Informatica e Telematica, Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna, Università di Pisa, Scuola Normale Superiore, Camera di Commercio di Pisa, Provincia di Pisa e Festival della Scienza. La direzione è in mano a Claudio Giua, spalleggiato dalla Project Leader Adriana De Cesare.

Il programma

Il programma sarà presto dettagliato. Fin da ora sono tuttavia confermati i primi ospiti della nuova edizione:

Tra gli ospiti attesi a Pisa durante la quattro giorni di ottobre: il fisico informatico tra i maggiori esperti di epidemiologia computazionale Alessandro Vespignani, alcuni nomi di punta della task force anti Covid del ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione come Paolo De Rosa, Dino Pedreschi Fosca Giannotti, il professore di etica delle tecnologie della Pontificia Università Gregoriana Paolo Benanti, la filosofa Barbara Carnevali, lo scrittore Antonio Moresco, l’esperto di culture digitali Tiziano Cancelli, la studiosa di Artificial Intelligence Francesca Toni, il responsabile del laboratorio di Data Science and Complexity all’Università di Venezia Ca’ Foscari Walter Quattrociocchi, l’architetto Massimo Roi, i giornalisti Alberto Flores D’Arcais, Anna Masera, Carlo Bartoli, Emiliano Bos, la book influencer Giovanna Burzio. Panel dal vivo, da seguire anche in streaming, e iniziative online si alterneranno per esplorare tematiche particolarmente attuali, come la necessità di ridefinire lo spazio pubblico emersa con la pandemia, tra invasioni domestiche di scuola e lavoro e luoghi pubblici diventati poco funzionali, ma anche quella di imparare a leggere i Thick Data nei Big Data, ovvero l’interpretazione dei dati attraverso uno sguardo sociologico e antropologico. Il ruolo dei social sarà analizzato per l’influenza su Informazione e Democrazia, anche attraverso Infodemia, intervista condotta direttamente dal direttore di IF2020, Claudio Giua con diversi ospiti.