Twitter: è possibile fissare in alto le chat DM

Twitter: è possibile fissare in alto le chat DM

Twitter offre a tutti una nuova funzione che permette di fissare in alto le conversazioni private preferite per accedervi più velocemente.
Twitter offre a tutti una nuova funzione che permette di fissare in alto le conversazioni private preferite per accedervi più velocemente.

Negli ultimi giorni Twitter sembra essere investito da un tumulto di novità. Basti pensare all’invio dei DM direttamente dalla timeline, alle opzioni per cambiare la velocità di riproduzione dei video e all’etichetta per contrassegnare i bot. A tutto ciò, va adesso a sommarsi un’ulteriore nuova feature che di certo potrà fare la felicità di molti: la possibilità di fissare in alto le conversazioni private fatte con gli altri utenti.

Twitter: i DM preferiti si possono “pinnare”

Da notare che la funzione era precedentemente disponibile solo per gli abbonati a Twitter Blue, l’abbonamento mensile a pagamento lanciato a novembre dello scorso anno che offre l’accesso esclusivo a funzioni premium di Twitter in alcuni paesi selezionati, ma ora può essere usata da chiunque, tramite la versione Web del servizio e mediante le app per Android e iOS/iPadOS.

Fissare in cima una chat privata è abbastanza semplice. Per riuscirci, è sufficiente scorrere da destra verso sinistra sulla conversazione e selezionare il pulsante con il segnaposto che compare, in modo tale da spostare la chat nella sezione dedicata alle conversazioni “pinnate” presente nella parte superiore della schermata dedicata ai DM.

Si tratta senza dubbio alcuno di un modo molto pratico e utile per rendere facilmente accessibili le conversazioni considerate di maggiori rilievo, anche se purtroppo c’è un limite: si possono contrassegnare solo sei conversazioni per volta.

Da notare che pur essendo stata attivata ufficialmente, la nuova funzione potrebbe ancora non essere disponibile per tutti in quanto in fase di roll-out. Ad ogni modo non c’è di che preoccuparsi, è soltanto questione di ore e chiunque potrà servirsene.

Fonte: The Verge
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 18 feb 2022
Link copiato negli appunti