Wikipedia fuori dalle scuole

In alcune del New Jersey l'enciclopedia libera è bandita. Il fatto che chiunque ne possa modificare le voci trae in inganno gli studenti: non verificano quanto scritto negli articoli

Roma – Diciamo no a Wikipedia , questo il monito che campeggia sugli schermi dei computer di una biblioteca scolastica di un istituto americano. Più infida della droga , coacervo di opinioni viziate da pregiudizi e faziosità, Wikipedia è stata bandita da diverse scuole americane.

“Non crediamo che sia una fonte affidabile”, ha sentenziato la direttrice della biblioteca del Centenary College , New Jersey. Poco importa che Wikipedia sia stata valutata da Nature più autorevole dell’autorevole Enciclopedia Britannica. Poco importa che Wikipedia sia sempre più citata nei tribunali americani, o che alcuni insegnanti la considerino un ottimo sussidio didattico , utile a far comprendere agli studenti il valore della partecipazione a un progetto universale per la condivisione del sapere.

Sono gli stessi punti di forza di Wikipedia – il controllo tra pari, la collaborazione dei netizen , la libera condivisione della cultura – a renderla invisa a numerosi istituti del New Jersey. Chiunque può accedere a Wikipedia, chiunque può rielaborare e aggiungere contenuti, chiunque può sferruzzare intessendo articoli il cui valore è tutto da verificare : motivazioni che inducono docenti e bibliotecari a bandirne l’accesso e ad invitare i ragazzi a diffidare.

Le prove portate a suffragio della faziosa imprecisione di Wikipedia sono numerose: nonostante i wikipediani siano chiamati a partecipare mantenendo un punto di vista neutrale , docenti e studenti della Warren Hills Middle School si sono imbattuti in articoli che fornivano informazioni errate , piegate a propagandare concetti razzisti o politicamente orientati. È successo per la biografia di Martin Luther King sulla quale aveva agito un utente per inneggiare a presunte supremazie della razza bianca; è successo per l’articolo dedicato alla Guerra del Vietnam , nel quale un wikipediano aveva scientemente ridimensionato il numero della vittime.

“I ragazzi prendono gli articoli di Wikipedia per oro colato – ha spiegato un’insegnante – questa la mia preoccupazione”. Ma l’ errore risiede proprio nell’ atteggiamento dei ragazzi , spiegava il fondatore Jimmy Wales, a cui ha fatto eco Sandra Ordonez, a capo del settore comunicazione di Wikimedia Foundation : “Non è una fonte di prima mano e al college è sconsigliabile citare un’enciclopedia”. Conferma, la direttrice della biblioteca del Centenary College: “i ragazzi gravitano intorno alle cose più facili”, è un arduo compito insegnare loro a compiere ricerche accurate e approfondite.

“Il migliore modo di utilizzare Wikipedia – ha spiegato Ordonez – è usarla per farsi un’idea generale degli argomenti”. Approfondimenti e verifiche sono a carico dei ragazzi che, oltre a svolgere i compiti assegnati dagli insegnanti, potrebbero contribuire ad affinare le voci dell’enciclopedia libera, rimettendo in circolo quanto imparato.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti