Windows 10: Segoe UI Variable è il nuovo font di sistema

Segoe UI Variable è il nuovo font di Windows 10

Ideato per adattarsi a schermi di ogni dimensione e per migliorare la leggibilità su quelli più piccoli, ecco il nuovo font di sistema per Windows 10.
Ideato per adattarsi a schermi di ogni dimensione e per migliorare la leggibilità su quelli più piccoli, ecco il nuovo font di sistema per Windows 10.
Guarda 5 foto Guarda 5 foto

Gli utenti impegnati al fianco del gruppo di Redmond per il test delle versioni di anteprima di Windows 10 hanno ora modo di osservare Segoe UI Variable sui lori monitor. Il nuovo font è stato introdotto oggi con il rilascio della Build 21376, distribuita attraverso il Dev Channel. Ecco quanto si legge sulle pagine del blog ufficiale.

Storicamente, i font per i testi piccoli sono stati progettati in modo diverso da quelli per i testi grandi. Segoe UI è stato ideato in origine per funzionare a 9 pt, il che lo rende un ottimo carattere per quella dimensione, ma presenta limiti a dimensioni più grandi e la leggibilità è compromessa a dimensioni inferiori. Segoe UI Variable risolve il problema utilizzando una nuova versione di Segoe che fa leva su una tecnologia offrendo dinamicamente una leggibilità elevata a piccole dimensioni e uno stile impeccabile a dimensioni elevate.

Windows 10 cambia font: ecco Segoe UI Variable

Segoe UI Variable è studiato in modo da adattarsi al meglio a schermi di tutte le dimensioni, requisito fondamentale per una piattaforma come W10 che mira a essere presente su ogni tipologia di prodotto (ha già raggiunto 1,3 miliardi di dispositivi nel mondo). Un restyling del classico Segoe UI, a sua volta successore di Tahoma e con alle spalle ormai quasi due decenni di integrazione nei prodotti Microsoft.

Segoe UI Variable è il nuovo font di Windows 10

Come scritto, l'obiettivo è anche quello di migliorare la leggibilità, soprattutto quando gli spazi si fanno stretti, come nel caso dei pannelli integrati sui form factor più compatti e portatili. Come sempre accade il rollout sarà progressivo e graduale, partendo dalle build di anteprima come quella oggetto dell'annuncio di oggi, per arrivare poi a interessare ogni componente del sistema operativo e per tutti.

La nuova versione di Windows 10 rilasciata agli Insider non contiene altre novità degne di nota, bugfix a parte. Ricordiamo che Microsoft ha annunciato di recente la volontà di cambiare font anche per l'interfaccia del pacchetto Office, dicendo addio a Calibri. Sono cinque le proposte al vaglio, visibili nella galleria di immagini qui sopra: Tenorite (di Erin McLaughlin e Wei Huang), Bierstadt (di Steve Matteson), Skeena (di John Hudson e Paul Hanslow), Seaford (di Tobias Frere-Jones, Nina Stössinger e Fred Shallcrass) e Grandview (di Aaron Bell).

Fonte: Windows
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti