Canon: così le fotocamere EOS diventano webcam

Da Canon gli accessori ufficiali per trasformare le fotocamere della linea EOS in webcam, per riunioni e videochiamate senza compromessi.
Da Canon gli accessori ufficiali per trasformare le fotocamere della linea EOS in webcam, per riunioni e videochiamate senza compromessi.

L’esigenza di lavorare da remoto in smart working  ha spinto nell’ultimo periodo alcuni grandi nomi del mondo imaging a sviluppare e distribuire soluzioni software in grado di trasformare le fotocamere in webcam. Ci hanno pensato Fujifilm, Nikon, Panasonic, GoPro, Olympus e anche Canon con un applicativo dedicato. Quest’ultimo ha deciso di spingersi oltre, arrivando a proporre kit di accessori dedicati allo scopo.

Canon EOS: da fotocamere a webcam con i kit ufficiali

Quelli presentati sono tre, distinti per compatibilità con i modelli del catalogo. Tutti includono un cavo USB per la connessione del dispositivo EOS al computer, una batteria e il cavo di alimentazione. È bene precisare che nessuno include un treppiede.

Il lancio dei kit è in un primo momento riservato agli Stati Uniti, ma con tutta probabilità arriverà poi a interessare altri territori. La fase di preordine è già stata avviata e la consegna delle prime unità è prevista entro la fine del mese. Per quanto riguarda i prezzi, si parte da 89,99 dollari per quelli compatibili con le mirrorless della linea EOS M (M50, M50 Mark II e M200) e con le reflex EOS Rebel (T3, T5, T6 e T7), mentre per le mirrorless full frame EOS RP la spesa sale a 159,99 dollari.

Il Canon Webcam Accessories Starter Kit per fotocamere EOS M

Ovviamente il software a cui affidarsi rimane Canon EOS Webcam, sviluppato e aggiornato per garantire il supporto a decine di modelli e con funzionalità che includono la registrazione diretta del flusso audio-video acquisito con salvataggio nella scheda di memoria inserita.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti