WhatsApp, quota 700 milioni

L'app di messaggistica istantanea cresce senza posa: aumentano gli utenti, aumentano i messaggi scambiati. E per il 2015, la promessa di migliorarsi

Roma – Oltre 700 milioni di utenti attivi al mese, oltre 30 miliardi di messaggi scambiati al giorno: il CEO di WhatsApp comunica i successi della propria azienda e promette per l’anno appena iniziato il massimo impegno per continuare a migliorare il servizio di messaggistica.

La vertiginosa crescita dei numeri di WhatsApp, che nel mese di agosto annunciava il raggiungimento dei 600 milioni di utenti mensili dopo il traguardo dei 500 milioni tagliato nel mese di aprile, non appare affatto rallentata dall’acquisizione miliardaria da parte di Facebook, annunciata nel mese di febbraio e conclusa nel mese di ottobre: le apprensioni riguardo alla privacy degli utenti, che minacciavano di abbandonare il servizio intimoriti dalla sete di dati del colosso in blu, sono evidentemente state temperate da migliorie tecniche e nuove funzioni .

Facebook, tra WhatsApp e Instagram, tra il proprio social network e l’ app collaterale dedicata alla messaggistica, si ritrova così a poter contare su servizi che vantano una base di utenza invidiabile . Se non è ancora prevista una strategia di monetizzazione dedicata a WhatsApp non mancano però le prospettive per il futuro, tra le anticipazioni di una versione desktop e l’attesa per le chiamate vocali .

“Vi promettiamo che continueremo a lavorare sodo per rendere WhatsApp ancora migliore”, ha annunciato Koum senza entrare nei dettagli. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • max scrive:
    il futuro
    ma infatti il senso è SOPRATTUTTO nei paesi in via di sviluppocomunque il riciclaggio è una cosa fondamentale dovrebbero spostarsi tutte le aziende in favore di questa idea... non il vendere e il produrre a iosa...
  • ristorente scrive:
    nota la notizia
    Ma non è recente la notizia che in inghilterra un autobus si muove spinto da energia creata con feci umane?
    • surak 2.0 scrive:
      Re: nota la notizia
      Sì, ma l'autobus non è che bruci direttamente il letame, ma usa il biogas prodotto in un apposito impianto.Quella è roba (poi migliorata) che si faceva già negli anni '50 ma con il letame di animali (mucche, maiali,ecc)e non certo per mandarci un autobus (molto più comodo usare il gasolio) fino a che non è diventato di moda inventarsi pseudo soluzioni
  • leguleio il gaio scrive:
    Mariuccia
    asilo mariuccia proprio il titolo..
  • il filantropo scrive:
    windows
    Alla fine si tratta di un inceneritore, solo che al posto dei rifiuti ci metti la m***a e prima di bruciarla te la distilli. Anche nel trattamento dei rifiuti viene prodotta corrente e la parte non reciclabile del trattamento delle acqua viene incenerita.Poi lui e filantropo è ha trovato il modo di fare soldi anche da l'ultima versione di windows che fa c****e.
    • Nicola a Ramoso scrive:
      Re: windows
      Ti pareva che ci fosse qualche nerd represso che pure in queste notizie deve trovare la critica inutile e sterile.Manco se finanziasse con sucXXXXX la cura per il cancro e per l'AIDS stareste zitti.
  • surak 2.0 scrive:
    Dubbi
    Dubito che basti la combustione degli escrementi (anche secchissimi) per raggiungere i mille gradi che si citano ed un motore sfrutta il calore, non lo crea (attriti a parte), quindi ipotizzo che prima si faccia una qualche elettrolisi e si ottenga idrogeno (per esempio) e bruciando quello poi s'innesca tutto il meccanismo oppure producendo in qualche modo metano (quando la fiamma è blu, dovrebbe raggiungere quelle temperature).Insomma il trucco deve essere più complicato di come si descrive.Se non consuma energia e non costa molto, non vedo perchè non dovrebbe essere usato pure in città (vere, tipo New York, Tokyo, Il Cairo, Mosca...) per ridurre i traporti ed i consumi.I residui quali sono (non diventa certo tutto acqua e fumi)
    • iRoby scrive:
      Re: Dubbi
      - Scritto da: surak 2.0
      I residui quali sono (non diventa certo tutto
      acqua e fumi)Se ho capito bene genera una piccola parte di concime.
  • prova123 scrive:
    Ma con questo sistema
    quanto costa la produzione di un litro d'acqua e di 1 Kwh ? ... manutenzione del sistema inclusa ....
  • MegaJock scrive:
    Niente di nuovo
    Gli utenti di PI sono grandi fecalisti e fautori dell'esistenza coprocentrica.
  • Curioso scrive:
    com' è?...
    ...è buona? :D
    • Leguleio scrive:
      Re: com' è?...
      Non vorrei che fosse un pesce d'aprile anticipato, una metafora nemmeno troppo nascosta dei prodotti della Microsoft, perché la barzelletta alla base è molto vecchia. Eccola:Un importante ministro visita lo stabilimemto di produzione del burro... sì dalla XXXXX, come qui. "È un elemento che ha tutte le componenti grasse del burro", spiega l'inventore, e gli mostra gli stabilimenti: qui i nostri tecnici la disinfettano, qui i nostri tecnici la rendono omogenea, qui i nostri tecnici fanno assumere al burro la colorazione e la consistenza di quello di mucca. Alla fine il ministro chiede di fare un bel pane e burro, per concludere la visita: "Ma sa di XXXXX!"."Eh..." risponde l'inventore "quello è l'unico inconveniente che non siamo stati in grado di risolvere". :|Barzelletta almeno degli anni Settanta.
      • ... scrive:
        Re: com' è?...
        - Scritto da: Leguleio
        Un importante ministro visita lo stabilimemto di
        produzione del burro... sì dalla XXXXX, come qui.
        "È un elemento che ha tutte le componenti
        grasse del burro", spiega l'inventore, e gli
        mostra gli stabilimenti: qui i nostri tecnici la
        disinfettano, qui i nostri tecnici la rendono
        omogenea, qui i nostri tecnici fanno assumere al
        burro la colorazione e la consistenza di quello
        di mucca. Alla fine il ministro chiede di fare un
        bel pane e burro, per concludere la visita: "Ma
        sa di
        XXXXX!".
        "Eh..." risponde l'inventore "quello è l'unico
        inconveniente che non siamo stati in grado di
        risolvere".
        :|[img]https://asdaman.files.wordpress.com/2014/11/dbmser.jpg[/img]
      • ... scrive:
        Re: com' è?...
        - Scritto da: Leguleio
        Un importante ministro visita lo stabilimemto di
        produzione del burro... sì dalla XXXXX, come qui.
        "È un elemento che ha tutte le componenti
        grasse del burro", spiega l'inventore, e gli
        mostra gli stabilimenti: qui i nostri tecnici la
        disinfettano, qui i nostri tecnici la rendono
        omogenea, qui i nostri tecnici fanno assumere al
        burro la colorazione e la consistenza di quello
        di mucca. Alla fine il ministro chiede di fare un
        bel pane e burro, per concludere la visita: "Ma
        sa di
        XXXXX!".
        "Eh..." risponde l'inventore "quello è l'unico
        inconveniente che non siamo stati in grado di
        risolvere".
        :|
        [img]http://asdaman.files.wordpress.com/2014/11/dbmser.jpg[/img]
      • nome e cognome scrive:
        Re: com' è?...
        - Scritto da: Leguleio
        Non vorrei che fosse un pesce d'aprile
        anticipato, una metafora nemmeno troppo nascosta
        dei prodotti della Microsoft, perché la
        barzelletta alla base è molto vecchia.Mah se questa è o meno una barzelletta non lo so pero' l'idea di reinventare le toilette per evitare di buttare 10 litri d'acqua potabile ogni scarico e materiali che, se trattati correttamente diventano una risorsa, non è sicuramente un'idea stupida.
        • ephestione scrive:
          Re: com' è?...
          E' l'uovo di colombo, non è neppure geniale, ma se funziona davvero è una cosa strepitosa. Quello che "puzza" (battuta non cercata) è che lo propongano solo per i paesi in via di sviluppo, quando invece come dicevano anche altri, sarebbe una manna dovunque.
          • Leguleio scrive:
            Re: com' è?...

            E' l'uovo di colombo, non è neppure geniale, ma
            se funziona davvero è una cosa strepitosa. Quello
            che "puzza" (battuta non cercata) è che lo
            propongano solo per i paesi in via di sviluppo,
            quando invece come dicevano anche altri, sarebbe
            una manna
            dovunque.Credo che il rapporto costi/benefici sia positivo solo nei Paesi in via di sviluppo.Dove non c'è penuria di acqua, e dove le infrastrutture sono già presenti e fortemente automatizzate, non c'è bisogno di molto personale per farle funzionare, l'acqua e l'energia prodotte in questo modo costerebbero di più di adesso.
Chiudi i commenti