Windows 10X prima sui laptop, poi sui dual screen

Con un post firmato da Panos Panay il gruppo di Redmond conferma che la nuova versione del sistema operativo arriverà sui dispositivi con uno schermo.
Con un post firmato da Panos Panay il gruppo di Redmond conferma che la nuova versione del sistema operativo arriverà sui dispositivi con uno schermo.

Un nuovo intervento pubblicato sul blog di Microsoft e firmato da Panos Panay fa chiarezza su quella che sarà la roadmap per il rilascio di Windows 10X, nuove edizione del sistema operativo presentata nell’autunno scorso e indirizzata inizialmente a dispositivi dual screen (o pieghevoli) come Surface Neo: in breve, la piattaforma arriverà prima sui laptop e sui modelli che l’azienda definisce “single screen”.

Microsoft conferma Windows 10X per i laptop

Le tempistiche non sono state confermate, ma non è da escludere che la distribuzione possa avvenire nell’ultima metà dell’anno, forse in concomitanza con il secondo aggiornamento semestrale di Windows 10. Il primo dei due, il May 2020 Update, arriverà entro le prossime settimane (quasi certamente il 28 maggio) portando con sé una serie di importanti novità a livello di feature. Tornando a 10X, sono queste le parole di Panay in merito alla distribuzione che fanno riferimento diretto all’impiego delle tecnologie cloud.

Con Windows 10X ci siamo concentrati sulla flessibilità e la flessibilità ci ha permesso di dirigere il nostro focus verso i dispositivi con un singolo schermo che fanno leva sulle potenzialità del cloud per aiutare i nostri clienti nel loro lavoro, nello studio e per intrattenersi in nuovi modi. Questi device rappresenteranno la prima espressione di Windows 10X fornita agli utenti. Continueremo insieme ai nostri partner OEM a stabilire il giusto momento per portare i dispositivi dual screen sul mercato.

Maggiori informazioni in merito arriveranno in occasione dell’evento Build 2020 in scena dal 19 al 21 maggio. Un appuntamento 100% digitale, com’è ovvio che sia in questo periodo: Microsoft ha già confermato che sarà così almeno fino al luglio 2021 per tutelare la salute dei propri dipendenti, dei partecipanti e di tutti.

Fonte: Windows
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti