Blackberry spera nella potatura

L'azienda canadese taglia per tornare a crescere, nonostante il colossale ridimensionamento degli anni passati abbia iniziato a dare i propri frutti. Nel mentre, si levano le solite voci che prospettano l'acquisizione

Roma – Blackberry ha dichiarato di voler crescere: per farlo, ha scelto di tagliare sui dipendenti. Quella che l’azienda canadese non presenta come una strategia di riduzione dei costi, ma come una soluzione per “creare efficienza nella gestione della forza lavoro” è un ridimensionamento dei dipendenti a cui deve ancora attribuire la portata.

Blackberry, solo lo scorso anno, aveva comunicato la fine della propria crisi, dopo i drastici tagli operati a partire dal 2012 che hanno determinato una riduzione del personale da 16mila a poco più di 6mila dipendenti: l’ottimismo che sembrava essere confermato dal ritorno in positivo dell’ultima trimestrale lascia ora spazio ad una propositiva cautela.

La divisione dedicata ai dispositivi, nonostante le nuove proposte sul mercato, verrà così ridimensionata in termini di forza lavoro, affinché torni al profitto. Al contempo, Blackberry si ripropone di aumentare i fatturati per il comparto software, dedicandosi ai mercati della sicurezza e della IoT, e per il licensing delle proprie soluzioni enterprise: saranno queste le divisioni per cui l’azienda canadese investirà con nuove assunzioni.

Insieme allo spettro dei licenziamenti, su Blackberry torna ad aleggiare anche la prospettiva dell’acquisizione, ipotesi ventilata ufficialmente nel mese di agosto 2013 e archiviata con un ribaltone assestato ai vertici e alla strategia aziendale. Le indiscrezioni che riemergono ora citano la solita Lenovo, il cui andamento le consentirebbe di mettere a segno un’operazione periodicamente chiacchierata e puntualmente smentita, ma anche Microsoft, il cui destino è già appaiato con quello della canadese in ambito automotive , e le cinesi Xiaomi e Huawei.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Rimbambification
    Hanno ragione. L'armata di robot che ci sterminerà e soppianterà non saranno scatoloni metallici o androidi plasticosi o svarzenenggheri, ma teneri peluche morbidosi e assassini :D
  • mario scrive:
    progetto
    Non ho capito se il progetto è di Google o della NSA
    • Funz scrive:
      Re: progetto
      - Scritto da: mario
      Non ho capito se il progetto è di Google o della
      NSAnon ho capito il senso della domanda.La risposta mi pare ovvia...
  • lilliput scrive:
    Americani
    Americani sempre piu' ridicoli sono costretti a brevettare gli orsachiotti perche' di fatto non producono quasi piu' niente nelle loro terre basta entrare in un walmart qualsiasi per rendersene conto, rischiano di perdere tutti i loro commerci brevetto o non brevetto.
  • ... scrive:
    ahahah
    se solo qualcuno avesse provato a proporre una cosa del genere 20 anni fa, l'avrebbero sbattuto in cella e buttato le chiavi...Ah, ma adesso arriva il solito genio del forum che 'basta non comprarli'. (rotfl)
    • c1p8 scrive:
      Re: ahahah
      - Scritto da: ...
      se solo qualcuno avesse provato a proporre una
      cosa del genere 20 anni fa, l'avrebbero sbattuto
      in cella e buttato le
      chiavi...

      Ah, ma adesso arriva il solito genio del forum
      che 'basta non comprarli'.
      (rotfl)"la' fuori e' pieno di XXXXXXXXX, basta approfittarne: e se non sai approfittarne, significa che sei uno di loro."Questo e' il mantra di google, apple, microsoft, samsung, ecc
Chiudi i commenti