Italia, il WiMax è alle porte

L'annuncio dell'avvio ufficiale dei negoziati tra ministero della Difesa e ministero TLC per la migrazione verso il WiMax sottrae chi spera nella connettività wireless allo stigma di utopista. I dettagli

Roma – Era nell’aria da qualche tempo ed ora è ufficiale: il Ministero della Difesa ha annunciato l’avvio di un tavolo di lavoro con il Ministero delle Comunicazioni imperniato sul “progressivo spostamento in frequenza dei propri radar e sistemi di telecomunicazioni dalla banda 3,5 GHz, richiesta per lo sviluppo sul territorio dei servizi supportati dalla tecnologia WiMax”.

Dietro questa fredda descrizione si cela quello che alcuni considerano il primo vero passo del nostro paese verso l’attivazione reale e diffusa della connettività WiMax: il fatto che la Difesa stia completando la propria opera di ristrutturazione delle frequenze al punto da poter studiare un cammino di transizione con il ministero delle Comunicazioni viene vissuto con grande speranza da chi da lungo tempo attende un concreto segnale di novità. WiMax significa prima di tutto, infatti, nuova estensione territoriale della copertura a banda larga.

Lo si attendeva, si è detto, perché da qualche mese si sono moltiplicati i segnali di una qualche accelerazione. Lo stesso ministro alle TLC, Paolo Gentiloni, recentemente aveva dichiarato “sul WiMax ci muoveremo entro la fine dell’anno. Abbiamo sollecitato una soluzione al problema delle frequenze al ministero della Difesa, e quindi speriamo di arrivare presto a delle decisioni”.

Siamo ancora ben lontani dagli obiettivi sperati, dalla messa in campo di un vero e proprio mercato competitivo sul WiMax, un fronte sul quale l’Italia ha accumulato ritardi: la tecnologia è entrata nei programmi di produzione delle aziende nel 2004 e la sperimentazione nostrana ha mosso i primi passi nell’estate dell’anno scorso . Un cammino lento, considerando il fatto che, da allora ad oggi, il WiMax è diventato realtà aperta e disponibile agli operatori, tanto in zone tecnologicamente avanzate come gli USA , quanto in Paesi che non vantano il grado di industrializzazione dell’Italia, come Pakistan e Thailandia . Al momento, nella corsa al WiMax, il nostro Paese viene giudicato arretrato persino rispetto a paesi come la Malaysia .

A dare il senso di una svolta in corso il fatto che un mese fa Agcom abbia attivato la consultazione pubblica sul WiMax. Anche questo è un passo decisivo: è ciò che porterà verso la regolamentazione del settore, essenziale per lo sviluppo del mercato.

Ne sono consapevoli i due ministeri che ora aprono il nuovo tavolo di consultazione. Nella nota diffusa ieri, infatti, si legge che “il Ministero della Difesa congiuntamente al Ministero delle Telecomunicazioni danno impulso all’iniziativa, riconoscendo l’importanza che il WiMax riveste per il sistema delle comunicazioni civili nazionali e per l’ampio comparto industriale ad esso associato”. Sono peraltro molte le aziende e gli operatori che in questi mesi hanno dato vita ad iniziative locali, spesso con risultati lodevoli.

“Il tavolo – conclude la nota della Difesa – sta definendo tempi, modi e contorni finanziari del progetto per un rapido avvio del WiMax sul territorio, a partire dalle aree ove è più urgente la realizzazione di nuove infrastrutture, garantendo comunque la continuità dei vitali sistemi di telecomunicazione e sorveglianza radar della Difesa a tutela dei livelli di sicurezza nazionale”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Garson Poole scrive:
    Il Metamondo - Hacker TV
    http://www.youtube.com/watch?v=QgMOSB5yg_4
  • Anonimo scrive:
    piccolo errorino
    "Una strategia affine a quella che John Carmack ha disposto per il codice sorgente del motore dei giochi di idSoftware, che ha saputo alimentare pietre miliari della videoludica quali Half-Life." half-life non è della idsoftware ma della valve..
    • deltree scrive:
      Re: piccolo errorino
      Hai frainteso la frase, cmq anche nell'accezione che ha è comunque scorretta. Half Life fu sviluppato su tecnologia Id regolarmente acquistata. L'open sourcing GPL è avvenuto molto tempo dopo solo quando gli engine erano obsoleti e di scarsa utilità pratica.- Scritto da:
      "Una strategia affine a quella che John Carmack
      ha disposto per il codice sorgente del motore dei
      giochi di idSoftware, che ha saputo alimentare
      pietre miliari della videoludica quali
      Half-Life." half-life non è della idsoftware ma
      della
      valve..
      • Anonimo scrive:
        Re: piccolo errorino
        - Scritto da: deltree
        Hai frainteso la frase, cmq anche nell'accezione
        che ha è comunque scorretta. Half Life fu
        sviluppato su tecnologia Id regolarmente
        acquistata. L'open sourcing GPL è avvenuto molto
        tempo dopo solo quando gli engine erano obsoleti
        e di scarsa utilità
        pratica.Più che altro è che i sorgenti di Carmack sono un macello da decifrare.
        • deltree scrive:
          Re: piccolo errorino
          Guarda già sui sorgenti di Quake 1 di Carmack c'è meno di quello che si narra nelle leggende da forum. Alla fine lui è il presidente di Id e sebbene abbia sempre ricoperto il ruolo di lead programmer non è che si mettesse esattamente a programmare i giochi, per lo più faceva tech demo dimostrativi da passare al resto dello staff (circa una 20ina di persone contando gli intern) che poi lo integravano.Lo ha pure ribadito in una recente intervista.La cripticità del codice è data dal fatto che id non segue alcun modello di software engineering, andando avanti a vista sui loro progetti (chi ricorda i .plan sullo sviluppo di quake 3 sa a cosa mi riferisco) e ultimamente ha pagato a caro prezzo il costo della loro inefficienza nella progettazione del software. - Scritto da:

          - Scritto da: deltree

          Hai frainteso la frase, cmq anche nell'accezione

          che ha è comunque scorretta. Half Life fu

          sviluppato su tecnologia Id regolarmente

          acquistata. L'open sourcing GPL è avvenuto molto

          tempo dopo solo quando gli engine erano obsoleti

          e di scarsa utilità

          pratica.

          Più che altro è che i sorgenti di Carmack sono un
          macello da
          decifrare.
  • deltree scrive:
    Attenzione: Nevrax non è Id!
    I loro tool e librerie sono disponibili da subito, quelli di Id solo quando la loro prospettiva commerciale è ormai tramntata e quando l'utilità nella condivisione dei sorgenti è ormai quasi nulla, dal punto di vista di condivisione del sapere e del riutilizzo per qualcosa di commercialmente valido.Sotto questo punto di vista sarebbe più saggio parlare di Source che, sebbene non GPL, è del tutto pubblico a scopi non commerciali (per quelli commerciali ci si accorda in base alle potenzialità economiche dei soggetti) per chiunque lo voglia. Non sarà GPL come Stallman comanda ma il modello funziona...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 dicembre 2006 11.47-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Io faro' la donazione solo se...
    Come motore grafico useranno Blender3D :-DSarebbe da proprorre.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io faro' la donazione solo se...
      - Scritto da:

      Come motore grafico useranno Blender3D :-D

      Sarebbe da proprorre.Ma non ti basta il sorgente? Guarda che il gioco già c'è, mica è una cosa così semplice passare da un motore grafico all'altro. Si fa prima a fare un altro gioco.
  • Anonimo scrive:
    In quali lingue si gioca?
    ho letto alla pagina linkata l'inglese, il francese e il tedesco. Anche se con le prime due mi arrangio, allo scritto mi prendono per ritardato (grave).Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale per una lingua facile? L'inglese non e' multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili anche per i marziani) o interlingua (comprensione immediata senza studio per i neolatini, in cui sono compresi anche tedeschi e inglesi)?L'informatica unisce, la lingua divide. Sara' una fortuna?!link corti:http://it.wikipedia.org/wiki/Interlinguahttp://it.wikipedia.org/wiki/Esperanto
    • Anonimo scrive:
      Re: In quali lingue si gioca?
      Ormai siamo nel 2006. La gente dovrebbe sapere un minimo di inglese!E se non lo sa un gioco può anche essere un'occasione per migliorare le proprie conoscenze.
    • Anonimo scrive:
      Re: In quali lingue si gioca?
      - Scritto da:
      Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale
      per una lingua facile? L'inglese non e'
      multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili
      anche per i marziani) o interlingua (comprensione
      immediata senza studio per i neolatini, in cui
      sono compresi anche tedeschi e
      inglesi)?

      L'informatica unisce, la lingua divide. Sara' una
      fortuna?!Gli utenti internet che parlano inglese sono 322 milioni.http://www.internetworldstats.com/stats7.htmFattene una ragione e studia inglese.Scoprirai che l'inglese unisce.
      • Anonimo scrive:
        Re: In quali lingue si gioca?
        - Scritto da: [...]
        Gli utenti internet che parlano inglese sono 322
        milioni.[...]Piu` o meno un quinto dei cinesi o un quarto degli indiani...Come ve la cavate ad ideogrammi? :D
        • Anonimo scrive:
          Re: In quali lingue si gioca?
          Per ora a zero, diventassero un requisito indispensabile per la net-life nel futuro li si imparera'
        • Anonimo scrive:
          Re: In quali lingue si gioca?
          - Scritto da:

          - Scritto da:
          [...]


          Gli utenti internet che parlano inglese sono 322

          milioni.
          [...]

          Piu` o meno un quinto dei cinesi o un quarto
          degli indiani...No attento, confondi capelli con cappelli.Se parliamo di UTENTI INTERNET, questi sono i dati.% of all Internet UsersEnglish 29.7 %Chinese 13.3 %Internet Users by LanguageEnglish 322,600,837Chinese 144,301,513Se parliamo di lingua parlata, gli angolofoni sono undici tredicesimi circa di chi parla cinese.Infatti gli anglofoni sono stimati essere oltre un miliardo.World Population 2006 Estimate for the LanguageEnglish 1,125,664,397Chinese 1,340,767,8Gli anglofoni quindi non sono per nulla un quinto dei parlanti cinese, pur essendo meno.
          Come ve la cavate ad ideogrammi? :DBene grazie.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quali lingue si gioca?

            World Population 2006 Estimate for the Language

            English 1,125,664,397
            Chinese 1,340,767,8

            Gli anglofoni quindi non sono per nulla un quinto
            dei parlanti cinese, pur essendo
            meno.fatemi capire, gli inglesi sono di piu' quindi non devono impare una lingua straniera? il cinese si parla di meno quindi tutti i cinesi devono imparare l'inglese? in italiano i cinesi tolgono la R, in inglese non so. ma che discorsi sono? troviamo una soluzione razionale che rispetti le varie culture, no?
          • Anonimo scrive:
            Re: In quali lingue si gioca?
            - Scritto da:

            World Population 2006 Estimate for the Language



            English 1,125,664,397

            Chinese 1,340,767,8



            Gli anglofoni quindi non sono per nulla un
            quinto

            dei parlanti cinese, pur essendo

            meno.

            fatemi capire, gli inglesi sono di piu' No sono di meno, sono piu' presenti su internet.
            quindi
            non devono impare una lingua straniera?Studia comunque, e' sempre utile.
            il cinese
            si parla di meno quindi tutti i cinesi devono
            imparare l'inglese?E perche' mai? La tua provocatoria proposta non ha nessuna logica.
            in italiano i cinesi tolgono
            la R, in inglese non so. ma che discorsi sono?Non lo so, li stai facendo tu da solo. Io ho solo corretto una proporzione espressa in modo errato. Dati alla mano. Mentre tu stai partendo in quarta come se io abbia detto "l'inglese e' tutto". Mi spiace, hai capito malissimo.Proprio nulla anzi.
            troviamo una soluzione razionale che rispetti le
            varie culture,
            no?Usa la tua lingua oppure studiane un altra.Se non puoi comunicare con la tua, cerca di usare quella che maggiormente ti sembra utile ed adeguata alle tue esigenze.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quali lingue si gioca?

            Usa la tua lingua oppure studiane un altra.
            Se non puoi comunicare con la tua, cerca di usare
            quella che maggiormente ti sembra utile ed
            adeguata alle tue
            esigenze.oppure studiamone una facile che permetta anche a te di capire qual'era il senso del suo discorso. non era cosi' ermetico. dubito che la saccenza venga eliminata da una lingua straniera.
          • Anonimo scrive:
            Re: In quali lingue si gioca?
            - Scritto da:

            Usa la tua lingua oppure studiane un altra.

            Se non puoi comunicare con la tua, cerca di
            usare

            quella che maggiormente ti sembra utile ed

            adeguata alle tue

            esigenze.
            oppure studiamone una facile che permetta anche a te di capire qual'era il senso del suo discorso.Va bene, come piu' ti pare. Come ho detto, cerca di usare quella che maggiormente ti sembra utile ed adeguata alle tue esigenze.Se ti sembra adeguata una facile, allora prego, studiala.
            non era cosi' ermetico.Infatti, anzi era molto terra terra, a parte quando delirava su cosa dovrebbero fare inglesi e cinesi, avanzando provocatorie proposte incongruenti.
            dubito che la saccenza
            venga eliminata da una lingua
            straniera.Ne dubitiamo tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: In quali lingue si gioca?
      - Scritto da:
      ho letto alla pagina linkata l'inglese, il
      francese e il tedesco. Anche se con le prime due
      mi arrangio, allo scritto mi prendono per
      ritardato
      (grave).
      Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale
      per una lingua facile? L'inglese non e'
      multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili
      anche per i marziani) o interlingua (comprensione
      immediata senza studio per i neolatini, in cui
      sono compresi anche tedeschi e
      inglesi)?

      L'informatica unisce, la lingua divide. Sara' una
      fortuna?!

      link corti:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Interlingua
      Leggo su wikipedia:"Il vocabolario dell'Interlingua è il vocabolario comune del mondo occidentale, armonizzato in una struttura linguistica coerente. Le lingue su cui si basa maggiormente sono l'inglese, l'italiano, il francese, lo spagnolo e il portoghese."Ma dall'esempio ripostato poco sotto del Padre Nostro direi che somiglia di più a un misto di italiano, latino e... sardo? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: In quali lingue si gioca?
      - Scritto da:
      Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale
      per una lingua facile? L'inglese non e'
      multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili
      anche per i marziani) o interlingua (comprensioneTu non pensi in modo quadridimensionale :DPerche' invece non cacciarci dentro un sistema di traduzione al volo? Una cosa del genere renderebbe davvero universale la fruibilita' della Rete.SF trekkiana?k1
      • Anonimo scrive:
        Re: In quali lingue si gioca?
        Prova a far tradurre qualunque testo di + di 2 righe a babelfish e poi mi dirai se l'idea ti sembra applicabile :P
      • deltree scrive:
        Re: In quali lingue si gioca?
        Minchia quanto siete disinformatiò sta cosa c'era nel primo Ultima Online, powered by Systran. Si rivelò un fiasco.Penso che tu abbia visto i traduttori automatici. Te la sentiresti di sottoscrivere un negoziato che ti impegna per 3-4 mesi di tempo di gioco (parliamo di span simili, in Ryzom) con un sistema che non si sa come tira fuori le frasi?Potrebbe andare bene per WOW e altri grinder simili, amesso che ci sia qualcuno che comunichi realmente, ma non per un gioco dove l'interazione sociale va oltre il LFG...- Scritto da:

        - Scritto da:


        Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale

        per una lingua facile? L'inglese non e'

        multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili

        anche per i marziani) o interlingua
        (comprensione

        Tu non pensi in modo quadridimensionale :D

        Perche' invece non cacciarci dentro un sistema di
        traduzione al volo?

        Una cosa del genere renderebbe davvero universale
        la fruibilita' della
        Rete.

        SF trekkiana?

        k1
        • Anonimo scrive:
          Re: In quali lingue si gioca?
          - Scritto da: deltree
          Minchia quanto siete disinformatiò sta cosa c'era
          nel primo Ultima Online, powered by Systran. Si
          rivelò un
          fiasco.Interessante. Non l'ho visto.
          Penso che tu abbia visto i traduttori automatici.Hehe, e qui casca l'asino. :DVolevo appunto far risaltare come una tecnologia fondamentale come un traduttore automatico affidabile sia ancora loooontana.Eppure tempo fa leggevo di sperimentazioni in un aeroporto giapponese (Narita?), addirittura con riconoscimento vocale e traduzione vocale sintetizzata.k1
          • Anonimo scrive:
            Re: In quali lingue si gioca?

            Volevo appunto far risaltare come una tecnologia
            fondamentale come un traduttore automatico
            affidabile sia ancora
            loooontana.gia', sarebbe veramente una bella cosa, ma ancor piu' bello sarebbe poter esprimere il proprio pensiero autonomamente senza intermediari, magari con una lingua semplice che e' possibile imparare in poche decine di ore, e che non appartenga a nessuna regione ma che sia di tutti.Quando dico lingua non intendo un "altra" lingua, ma una lingua semplice e statica (ma creativa), che non dia origine a dialetti e metta gli interlocutori sullo stesso piano.A 40 anni imparare l'inglese o un'altra lingua viva e' sempre una bella cosa, ma non ci si puo' illudere che la si parlera' come un madrelingua, con una lingua semplificata si. Penso al mio amico che parla marocchino, francese e un po' d'inglese, ora parla anche italiano, da due anni e' qui', ma la qualita' e' quella che e'.
    • deltree scrive:
      Re: In quali lingue si gioca?
      Perdonami ma questo è il tipico approccio opensorciaro che ho criticato il 27 Novembre nei riguardi del free ryzom project... Se i presupposti sono quelli di cambiare le cose in modo che "funzionino" tanto poi la gente si adegua, non ci siamo proprio. Di MMOG GPL ne esistono un mondo, molti sono anche carini, ma peccano tutti di arroganza, imponendo la visione di quattro sfigati al resto del mondo.I MMOG sono trainati dalle comunità, quella di Ryzom stava morendo nonostante Nevrax soddisfasse tutte le richieste degli utenti. La dura realtà è che a nessuno interessano i mondi virtuali, a meno che non ci siano sesso e perversioni di mezzo. Le persone preferiscono l'MMOG che ti prende per mano e ti dice cosa fare esattamente ed in ogni situazione. L'esperienza lineare è l'unica che l'uomo di strada comprende: uno che non prende iniziative nella vita e si conforma ad eseguire ordini farà lo stesso online. Le produzioni sono ormai così dispendiose che senza l'uomo di strada il progetto non sta in piedi...- Scritto da:
      ho letto alla pagina linkata l'inglese, il
      francese e il tedesco. Anche se con le prime due
      mi arrangio, allo scritto mi prendono per
      ritardato
      (grave).
      Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale
      per una lingua facile? L'inglese non e'
      multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili
      anche per i marziani) o interlingua (comprensione
      immediata senza studio per i neolatini, in cui
      sono compresi anche tedeschi e
      inglesi)?

      L'informatica unisce, la lingua divide. Sara' una
      fortuna?!

      link corti:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Interlingua

      http://it.wikipedia.org/wiki/Esperanto
      • Anonimo scrive:
        Re: In quali lingue si gioca?
        - Scritto da: deltree
        Perdonami ma questo è il tipico approccio
        opensorciaro che ho criticato il 27 Novembre nei
        riguardi del free ryzom project...


        Se i presupposti sono quelli di cambiare le cose
        in modo che "funzionino" tanto poi la gente si
        adegua, non ci siamo proprio. Di MMOG GPL ne
        esistono un mondo, molti sono anche carini, ma
        peccano tutti di arroganza, imponendo la visione
        di quattro sfigati al resto del
        mondo.

        I MMOG sono trainati dalle comunità, quella di
        Ryzom stava morendo nonostante Nevrax soddisfasse
        tutte le richieste degli utenti. La dura realtà è
        che a nessuno interessano i mondi virtuali, a
        meno che non ci siano sesso e perversioni di
        mezzo. Le persone preferiscono l'MMOG che ti
        prende per mano e ti dice cosa fare esattamente
        ed in ogni situazione.


        L'esperienza lineare è l'unica che l'uomo di
        strada comprende: uno che non prende iniziative
        nella vita e si conforma ad eseguire ordini farà
        lo stesso online. Le produzioni sono ormai così
        dispendiose che senza l'uomo di strada il
        progetto non sta in
        piedi...Giudizio: corretto.
    • Anonimo scrive:
      Re: In quali lingue si gioca?

      Anche se con le prime due
      mi arrangio, allo scritto mi prendono per
      ritardato
      (grave).
      Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale
      per una lingua facile? L'inglese non e'
      multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili...ma tanto l'italiano a che serve? in europa ci sono un sacco di lingue inutili, insegnamo inglese alle elementari e parliamo quello.Io voto perche' punto informatico venga scritto in inglese, tanto hanno il correttore automatico e se sbagliano qualcosa nessuno li prende per ritardati. L'inglese lo sanno tutti e poi e' facile.L'italiano e' inutile, neanche dante scriveva in italiano ...
      • deltree scrive:
        Re: In quali lingue si gioca?
        Non capisco questo accanimento verso la globalità di internet. Non vuoi usare internet in inglese? Liberissimo, accontentati di quello che passa il convento e di leggere una notizia in "anteprima" con almeno una settimana di scarto rispetto al mondo reale (io personalmente ho commentato questa iniziativa nel mio blog il 27 Novembre, in inglese), trova solo contenuti parziali e di seconda mano ed escluditi dai dibattiti alla fonte, aspettando che il furbone di turno fa il sitarello in italiano di qualche progetto software famoso tanto per mietere i soldi degli ad da fessi come te.Nessuno sta dicendo che la lingua deve sparire ma che, in ambito internet, è logico scegliere un mezzo di comunicazione comune e già ragionevolmente diffuso, in quanto è un mezzo globalizzato e globalizzante (non nell'accezione che i radicali di sinistra danno al termine, fortunatamente). Se non ti piace sei libero di usare solo i domini .it, ma per favore non alzare stupidi e sterili polemiche su temi la cui portata neanche comprendi.- Scritto da:

        Anche se con le prime due

        mi arrangio, allo scritto mi prendono per

        ritardato

        (grave).

        Prime votazioni democratiche nel mondo virtuale

        per una lingua facile? L'inglese non e'

        multipiattaforma! tipo esperanto (Regole facili
        ...

        ma tanto l'italiano a che serve? in europa ci
        sono un sacco di lingue inutili, insegnamo
        inglese alle elementari e parliamo
        quello.

        Io voto perche' punto informatico venga scritto
        in inglese, tanto hanno il correttore automatico
        e se sbagliano qualcosa nessuno li prende per
        ritardati. L'inglese lo sanno tutti e poi e'
        facile.

        L'italiano e' inutile, neanche dante scriveva in
        italiano
        ...
        • Anonimo scrive:
          Re: In quali lingue si gioca?
          - Scritto da: deltree
          Non capisco questo accanimento verso la globalità
          di internet. Non vuoi usare internet in inglese?
          Liberissimo, accontentati di quello che passa il
          convento e di leggere una notizia in "anteprima"
          Il bravo utente di internet deve adeguarsi alla massa, accettare la lingua che è maggiormente usata, lo standard che viene scelto per lui, usare solo programmi open che sono più che sufficenti. Fanno eccezione i sistemi operativi dei quali più ce ne sono meglio è per evitare il continuare di un monopolio che impedisce la libera scelta.
    • MIX scrive:
      Re: In quali lingue si gioca?
      L'esperanto per me e' una buona lingua ma non ho mai capito una sua incompatibilita' informatica :alcune lettere hanno cappelli sopra tipo ^.1) non fanno parte dell' ASCII 1272) non sono presenti in molte tastiere esistono modi per scriverle aggiungendo la h alla fine ma cio' va contro lo scopo della lingua di associare ad ogni lettera un solo suonosecondo voi come e' risolvibile tale problema?(troll) 1009 (troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: In quali lingue si gioca?
        - Scritto da: MIX
        L'esperanto per me e' una buona lingua ma non ho
        mai capito una sua incompatibilita'
        informatica :

        alcune lettere hanno cappelli sopra tipo ^.
        non e' incompatibilita', e' che e' stato codificato un secolo fa, ora l'esperanto senza internet non sopravviverebbe, se vuoi toglierti qualche curiosita' scaricati un comodo programmino:http://www.cursodeesperanto.com.br/bazo/index.html?it
        • Anonimo scrive:
          Re: In quali lingue si gioca?
          - Scritto da:

          - Scritto da: MIX

          L'esperanto per me e' una buona lingua ma non ho

          mai capito una sua incompatibilita'

          informatica :



          alcune lettere hanno cappelli sopra tipo ^.



          non e' incompatibilita', e' che e' stato
          codificato un secolo fa, ora l'esperanto senza
          internet non sopravviverebbe, se vuoi toglierti
          qualche curiosita' scaricati un comodo
          programmino:
          http://www.cursodeesperanto.com.br/bazo/index.htmlCosi' giovane e gia' vecchio...
      • Francesco C scrive:
        Re: In quali lingue si gioca?
        Io ho installato open office, ma l'unic modo in cui mi aiuta è quando scrivi alcune parole diman... lui ti corregge aggiungendo dimanc^o.sto cercando di capire se sia possibile scrivere, dal mio computer scrivo in più lingue, ma questa non è tra le lingue disponibili dal pannello di controllo di windows!(naturalmente?)Tu hai risolto il problema?contattami da www.parracomumangi.virtuale.comCiao!
  • Anonimo scrive:
    con 77mila dollari....
    si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.
    • Anonimo scrive:
      Re: con 77mila dollari....
      - Scritto da:
      si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.
      Con quello che tu paghi mensilmente di ADSL ci puoi vaccinare 10 bambini in Africa e salvargli la vita.Eppure sei ancora connesso...M.
      • Anonimo scrive:
        Re: con 77mila dollari....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.



        Con quello che tu paghi mensilmente di ADSL ci
        puoi vaccinare 10 bambini in Africa e salvargli
        la
        vita.

        Eppure sei ancora connesso...

        M.
        Bellissima ... anche io ... !!!!!???
      • Anonimo scrive:
        Re: con 77mila dollari....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.



        Con quello che tu paghi mensilmente di ADSL ci
        puoi vaccinare 10 bambini in Africa e salvargli
        la
        vita.

        Eppure sei ancora connesso...

        M.
        E sarebbe utile vaccinare 10 bambini africani, con 6 miliardi di persone tendenti alla crescita?Io toglierei i vaccini pure qua.
        • Alucard scrive:
          Re: con 77mila dollari....
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.






          Con quello che tu paghi mensilmente di ADSL ci

          puoi vaccinare 10 bambini in Africa e salvargli

          la

          vita.



          Eppure sei ancora connesso...



          M.




          E sarebbe utile vaccinare 10 bambini africani,
          con 6 miliardi di persone tendenti alla
          crescita?
          Io toglierei i vaccini pure qua.Ora ti accuseranno di essere pazzo e nazista :D
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da: Alucard

            - Scritto da:



            - Scritto da:





            - Scritto da:



            si sarebbe potuto fare qualcosa di piu'
            utile.









            Con quello che tu paghi mensilmente di ADSL ci


            puoi vaccinare 10 bambini in Africa e
            salvargli


            la


            vita.





            Eppure sei ancora connesso...





            M.








            E sarebbe utile vaccinare 10 bambini africani,

            con 6 miliardi di persone tendenti alla

            crescita?

            Io toglierei i vaccini pure qua.
            Ora ti accuseranno di essere pazzo e nazista :DNo solo di essere stronzo....vorrei vedere se tu fossi in quelle condizioni che faresti ad uno che parla come te.http://gilean.medusanetwork.com
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            Più che altro vorrei vedere se tuo figlio fosse affetto da una malattia per cui non c'è vaccino.O peggio ancora, il vaccino c'è ma tu non te lo puoi permettere.
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da:
            Più che altro vorrei vedere se tuo figlio fosse
            affetto da una malattia per cui non c'è
            vaccino.

            O peggio ancora, il vaccino c'è ma tu non te lo
            puoi
            permettere.
            se non puoi permetterti di prendertene cura non lo fai un figlio, non come quei cazzoni in africa che non hanno di che sostentare se stessi ma si mettono a fare 10 figli a coppia (di cui ne muore il 90% quando va bene).
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Più che altro vorrei vedere se tuo figlio fosse

            affetto da una malattia per cui non c'è

            vaccino.



            O peggio ancora, il vaccino c'è ma tu non te lo

            puoi

            permettere.



            se non puoi permetterti di prendertene cura non
            lo fai un figlio, non come quei cazzoni in africa
            che non hanno di che sostentare se stessi ma si
            mettono a fare 10 figli a coppia (di cui ne muore
            il 90% quando va
            bene).madonna che ragionamento del ca**o....
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da:

            se non puoi permetterti di prendertene cura non

            lo fai un figlio, non come quei cazzoni in
            africa

            che non hanno di che sostentare se stessi ma si

            mettono a fare 10 figli a coppia (di cui ne
            muore

            il 90% quando va

            bene).

            madonna che ragionamento del ca**o....ottima risposta, pregna di argomentazioni! mi hai convinto
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da:
            ottima risposta, pregna di argomentazioni! mi hai
            convintone sono felice.
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da:
            se non puoi permetterti di prendertene cura non
            lo fai un figlio, non come quei cazzoni in africa
            che non hanno di che sostentare se stessi ma si
            mettono a fare 10 figli a coppia (di cui ne muore
            il 90% quando va
            bene).Seguendo il tuo ragionamento i tuoi non avrebbero dovuto metterti al mondo visto che evidentemente non sono stati in grado di prendersi cura di te ... devi aver avuto una triste triste vita.
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....

            se non puoi permetterti di prendertene cura non
            lo fai un figlio, non come quei cazzoni in africa
            che non hanno di che sostentare se stessi ma si
            mettono a fare 10 figli a coppia (di cui ne muore
            il 90% quando va
            bene).ah ecco, lo sospettavo, ma me ne hai dato conferma:sei un nullcranico...
          • Alucard scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da:

            se non puoi permetterti di prendertene cura non

            lo fai un figlio, non come quei cazzoni in
            africa

            che non hanno di che sostentare se stessi ma si

            mettono a fare 10 figli a coppia (di cui ne
            muore

            il 90% quando va

            bene).

            ah ecco, lo sospettavo, ma me ne hai dato
            conferma:
            sei un nullcranico...Secondo me ha ragione °°Che senso ha fare figli se poi "vivranno" una vita di inferno? Molti di quei bambini non avranno neanche di che mangiare.
          • Alucard scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da:

            - Scritto da: Alucard



            - Scritto da:





            - Scritto da:







            - Scritto da:




            si sarebbe potuto fare qualcosa di piu'

            utile.












            Con quello che tu paghi mensilmente di ADSL
            ci



            puoi vaccinare 10 bambini in Africa e

            salvargli



            la



            vita.







            Eppure sei ancora connesso...







            M.












            E sarebbe utile vaccinare 10 bambini africani,


            con 6 miliardi di persone tendenti alla


            crescita?


            Io toglierei i vaccini pure qua.

            Ora ti accuseranno di essere pazzo e nazista :D


            No solo di essere stronzo....vorrei vedere se tu
            fossi in quelle condizioni che faresti ad uno che
            parla come
            te.

            http://gilean.medusanetwork.comOk, allora ti riporto una citazione legata al sovraffolamento terrestre"quando l'ultimo animale sarà stato cacciato,quando l'ultimo pesce sarà stato pescato,quando l'ultima pianta sarà stata colta,ci accorgeremo solo allora che i soldi non si possono mangiare"quando tutto ciò sarà accaduto come andranno avanti tutti quei miliardi di umani? Non siamo mica una specie in via di estinzione, anzi, se fosse per me inizierei già da ora a sgombrare il pianeta e a porre limiti alle coppie.
          • Anonimo scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da: Alucard

            "quando l'ultimo animale sarà stato cacciato,
            quando l'ultimo pesce sarà stato pescato,
            quando l'ultima pianta sarà stata colta,
            ci accorgeremo solo allora che i soldi non si
            possono
            mangiare"

            quando tutto ciò sarà accaduto come andranno
            avanti tutti quei miliardi di umani?E si scopri' che la carne umana non aveva poi questo brutto sapore.
          • FDG scrive:
            Re: con 77mila dollari....
            - Scritto da: Alucard

            Io toglierei i vaccini pure qua.
            Ora ti accuseranno di essere pazzo e nazista :DMa quale nazista, è solo uno stupido troll.
    • Anonimo scrive:
      Re: con 77mila dollari....
      - Scritto da:
      si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.Queste osservazioni si fanno facilmente con i soldi altrui... meno con i propri quando si comprano scemenze.
      • Anonimo scrive:
        Re: con 77mila dollari....
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.

        Queste osservazioni si fanno facilmente con i
        soldi altrui... meno con i propri quando si
        comprano
        scemenze.sante parole
    • Anonimo scrive:
      Re: con 77mila dollari....
      - Scritto da:
      si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.
      Tipo pagare a 007 la licenza di azzopparti a vita?
    • Anonimo scrive:
      Re: con 77mila dollari....
      - Scritto da:
      si sarebbe potuto fare qualcosa di piu' utile.
      A parte che predichi bene, ma come razzoli non si sa, quando Ryzom era a pagamento i suoi utenti sborsavano di sicuro ben di più ogni mese.
      • deltree scrive:
        Re: con 77mila dollari....
        Beh, io ho giocato a ryzom per anni e non mi pare di aver visto sta gran mole di giocatori, ad essere onesto.
    • Anonimo scrive:
      Non data da mangiare ai troll
      come da oggetto
  • Anonimo scrive:
    free software e bancarotta
    leggo spesso questi due termini assieme. Perchè?
    • Anonimo scrive:
      Re: free software e bancarotta
      - Scritto da:
      leggo spesso questi due termini assieme. Perchè?...pensa a Blender !!
    • Pisky scrive:
      Re: free software e bancarotta
      - Scritto da:
      leggo spesso questi due termini assieme. Perchè?Leggi l'articolo, pirla. Ryzom non era free software.
    • Anonimo scrive:
      Re: free software e bancarotta
      - Scritto da:
      leggo spesso questi due termini assieme. Perchè?perché in genere si cerca di salvare il salvabile, tipo i fallimenti prodotti dal modello di sviluppo chiuso...
    • Anonimo scrive:
      Re: free software e bancarotta
      - Scritto da:
      leggo spesso questi due termini assieme. Perchè?Se non diventasse free software quel gioco probabilmente verrebbe trascinato nell'oblio assieme alla compagnia fallita, così sopravviverà.Leggile meglio le notizie.
    • Anonimo scrive:
      Re: free software e bancarotta
      - Scritto da:
      leggo spesso questi due termini assieme. Perchè?forse perchè altri non investirebbero per salvare un progetto come un giochino.forse perchè ryzom non era free software.forse perchè è ciò che avviene anche in borsa.
    • Anonimo scrive:
      Re: free software e bancarotta
      - Scritto da:
      leggo spesso questi due termini assieme. Perchè?xchè non sai leggere...
Chiudi i commenti