I migliori POS per liberi professionisti e PMI del 2024

I migliori POS per liberi professionisti e PMI del 2024

In questa guida vedremo quali sono i migliori POS per liberi professionisti e PMI, analizzando vantaggi, svantaggi e caratteristiche principali.
I migliori POS per liberi professionisti e PMI del 2024
In questa guida vedremo quali sono i migliori POS per liberi professionisti e PMI, analizzando vantaggi, svantaggi e caratteristiche principali.
Michelangelo Ricupati
Pubblicato il 15 giu 2023 - Aggiornato il 8 feb 2024

Al giorno d’oggi, avere un POS per professionisti è essenziale se si possiede una piccola azienda o un negozio, soprattutto se si vuole facilitare la gestione delle transazioni e offrire ai propri clienti un’alternativa di pagamento comoda e pratica.

Il POS aziendale, inoltre, è ormai un requisito obbligatorio, e chiunque è tenuto ad averne almeno uno all’interno della propria attività. Visto che esistono tantissime soluzioni valide sul mercato, però, scegliere quello più giusto per le proprie esigenze potrebbe risultare un po’ complicato.

Per chiarire le idee, in questa guida verranno illustrati i migliori POS per professionisti e PMI, analizzando vantaggi, svantaggi e caratteristiche principali di ciascuna opzione.

Migliori POS per liberi professionisti e PMI confronto veloce

Caratteristiche
Commissioni
Prezzo terminale
Caratteristiche:
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete GPRS, Wifi, 4G
  • Stampante
  • Accrediti su qualsiasi conto
Commissioni: 1%
Prezzo mensile: 100€
Caratteristiche:
  • Canone mensile 17€+IVA
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete GPRS, Wifi, 4G
  • Stampante
  • Accrediti su qualsiasi conto
Commissioni: 0%*
Prezzo mensile: Gratis
Caratteristiche:
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete 3G/4G
  • Conto myPOS gratuito
  • Carta Business VISA gratuita
Commissioni: 1.20% + 0.05€
Prezzo mensile: 39€
Caratteristiche:
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete 3G/4G
  • Stampante
  • Conto myPOS gratuito
  • Carta Business VISA gratuita
Commissioni: 1.20% + 0.05€
Prezzo mensile: 249€
Caratteristiche:
  • Serve l'app SumUp
  • Collega via Bluetooth
  • Conto Aziendale SumUp gratuito
Commissioni: 1,95%
Prezzo mensile: 39€
Caratteristiche:
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete 4G e Wifi
  • Conto Aziendale SumUp gratuito
Commissioni: 1.95%
Prezzo mensile: 79€
Caratteristiche:
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete 4G e Wifi
  • Stampante
  • Conto Aziendale SumUp gratuito
Commissioni: 1.95%
Prezzo mensile: 129€
Caratteristiche:
  • Rete Wifi, 4G
  • Assistenza 24/7
  • Accrediti su qualsiasi conto
Commissioni: 1.89%
Prezzo mensile: 149€
Caratteristiche:
  • Connettività Bluetooth
  • Assistenza 24/7
  • Serve l'app Nexi
  • Accrediti su qualsiasi conto
Commissioni: 1,89% (+0,50% Visa e Mastercard)
Prezzo mensile: 19€

*17€+IVA al mese per chi incassa fino a 10.000€ all’anno, mentre il prezzo sale a 22€+IVA mensili per chi fattura fino a 30.000€ all’anno. Oltre i 30.000 € di transato viene aggiunto un costo di commissione dell’1% + IVA per l’importo eccedente la soglia dei 30.000 €, da sommare al canone mensile di 22 € + IVA.

Che cos’è e come funziona un POS

L’acronimo POS sta ad indicare il point of sale, ovvero un “punto” di pagamento che permette al cliente di pagare elettronicamente un prodotto o un servizio. Grazie a questo strumento l’esercente non ha bisogno di maneggiare contanti, e l’utente finale può scegliere tra diversi metodi di pagamento.

Il POS si collega al registratore di cassa, e permette di utilizzare bancomat, carte prepagate, carte di credito e altre forme di pagamento, come ad esempio tramite smartphone. Vista la sua utilità e per limitare l’uso del contante, il POS è obbligatorio dal 2022 per artigiani e per tutti gli altri lavoratori autonomi o possessori di un’attività fisica che hanno bisogno di effettuare transazioni.

Oggi, peraltro, è possibile avvalersi di soluzioni che garantiscono la massima comodità come i POS portatili, ovvero dispositivi che accettano pagamenti in mobilità, essendo connessi al registratore di cassa via wireless.

POS: per chi è obbligatorio

Disporre di un POS per ditta individuale, fino a circa dieci anni fa, era una scelta che dipendeva dal professionista o, comunque, dall’erogatore del servizio. Di conseguenza, il commerciante era libero di non avere un terminale di pagamento per i pagamenti elettronici.

Tuttavia, dal 1° gennaio 2014 è entrato in vigore l’obbligo del POS per liberi professionisti. Inizialmente l’obbligo era limitato solo a coloro che avevano un certo fatturato, ma nel tempo si è esteso verso le altre categorie di professionisti.

Dal 30 giugno 2022, in particolare, l’obbligo del POS è stato esteso a chiunque eserciti attività da professionista o commerciante, motivo per cui è bene conoscere tutte le alternative sul mercato.

Miglior POS per liberi professionisti e PMI del 2024

Il POS per liberi professionisti, al giorno d’oggi, è uno strumento essenziale che può apportare un valore aggiunto alla propria attività.

Il POS, infatti, non va comprato solo perché è obbligatorio per un lavoratore autonomo, per avvocati e commercianti, ma anche perché alcuni modelli dispongono di funzioni utili che possono rendere la vita lavorativa più semplice. Di seguito un elenco dei migliori POS per liberi professionisti e PMI, utile per scegliere con facilità la soluzione più adatta alle proprie necessità.

Axerve Easy POS a canone

Axerve Easy POS a canone

💶  Prezzo terminale: Gratis

💰 Canone: 17€ o 22€ + IVA al mese*

💸 Costi di attivazione: Bollo 16€

📲  App obbligatoria: Si

🔋  Batteria: 2.300 mAh

☎️  Sim Card: Si

🖨️  Stampante integrata: Si

📟  Touch screen: Si

🔌  Tipo di ricarica: Micro USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 176 x 78 x 57 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

* Oltre i 30.000 € di transato viene aggiunto un costo di commissione dell’1% + IVA, da sommare al canone mensile di 22 € + IVA

Tra i migliori POS per liberi professionisti e PMI, l’Axerve Easy POS è sicuramente quello che si guadagna il primo posto in classifica, in quanto rappresenta la soluzione più indicata per la maggior parte dei lavoratori.

Si tratta di un dispositivo compatto, dalle dimensioni di 17,5 x 8,2 x 6,2 cm e un peso di appena 410 grammi, dotato di connessione WiFi + 4G e sistema operativo Android per una facile gestione.

Per chi incassa fino a 10.000€ l’anno, il POS costa 17€ al mese + IVA, mentre per fatturati tra 10.000€ e 30.000€ il prezzo è di 22€ al mese + IVA. La dashboard è molto intuitiva, e consente di monitorare le transazioni, visualizzare e scaricare le fatture, stampare lo scontrino e molto altro.

L’Axerve Easy POS risulta il POS per liberi professionisti migliore in commercio, in quanto semplice da richiedere, usare e gestire, soprattutto se non si generano fatturati troppo importanti e adatto anche a chi non lavora tutto l’anno.

Pro
Contro
Pro
  • dashboard intuitiva
  • nessun vincolo di reso o sostituzione
  • assistenza dedicata (Lun-Sab 7:30-22:00; domenica 8:00-20:00)
  • SIM multi operatore per connettersi a Internet
Contro
  • commissioni aggiuntive se si superano i 30.000€ di fatturato
  • funzioni limitate ad un uso di base

 

Axerve Easy POS a commissioni 

Axerve Easy POS a commissioni

💶  Prezzo terminale: 100 €

💸 Costi di attivazione: Bollo 16€

📲  App obbligatoria: Si

🔋  Batteria: 2.300 mAh

☎️  Sim Card: Si

🖨️  Stampante integrata: Si

📟  Touch screen: Si

🔌  Tipo di ricarica: Micro USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 176 x 78 x 57 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

L’Axerve POS a commissioni è la soluzione alternativa di Axerve riservata a coloro che non vogliono avere a che fare con spese fisse mensili. Difatti, a differenza della soluzione a canone, l’Axerve Easy POS a commissioni prevede l’acquisto del dispositivo fisico al costo di 100€ + IVA, a cui vanno poi aggiunti 16€ per l’attivazione.

Nello specifico, si acquista il POS Android PAX A910, un modello con schermo touch, connettività 4G e GPS integrato, senza dimenticare l’intuitivo sistema operativo Android. Si tratta di un prodotto innovativo e sicuro, che sfrutta la certificazione PCI PTS 5.x e include una SIM per collegarsi a Internet in qualsiasi occasione.

La differenza principale con la soluzione a canone riguarda chiaramente i costi. In questo caso, infatti, le spese da sostenere sono:

  • 100€ + IVA, a cui aggiungere 16€ di imposta di bollo;
  • 1% sulle commissioni di transazione.

Questa soluzione conviene sicuramente per chi vuole usare il dispositivo nel lungo periodo. Difatti, con un incasso di 10.000€, la soluzione a canone avrebbe un costo di 204€ annui + IVA (17€+IVA x 12 mesi), mentre la soluzione a commissioni costerebbe 216€ + IVA (100 + IVA + 16€ + 1% di 10.000€).

Tuttavia, dopo il primo anno chi opta per un Axerve POS a commissioni e incassa 10.000€ pagherebbe all’incirca 100€ ogni 12 mesi, ovvero solamente l’1% sulle commissioni di transazione (senza limiti di transato).

Pro
Contro
Pro
  • Nessun canone mensile
  • Commissioni di transazione contenuti
  • Intuitivo e con numerose funzionalità
  • Molto economico nel lungo periodo
Contro
  • Consigliabile per chi ha bassi volumi di fatturato con carta, entro i 10-15.000€
  • Si devono sostenere spese iniziali per l’acquisto del terminale

 

myPOS Go 2

myPOS Go 2

💶  Prezzo terminale: 39 €

💸 Costi di attivazione / installazione: 0€

📲  App obbligatoria: No

🔋  Batteria: 1500 mAh 3,7 V a lunga durata

☎️  Sim Card: Si

🖨️  Stampante integrata: No

📟  Touch screen: No

🔌  Tipo di ricarica: Micro USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 136,6 x 67,6 x 21 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Tra i prodotti myPOS, il myPOS Go 2 rappresenta l’evoluzione del loro prodotto di punta, una versione avanzata del vecchio myPOS Go. Si tratta di un modello compatto con tastiera elegante e resistente, dalle misure comparabili a quelle di un qualsiasi smartphone moderno.

L’involucro è piccolo e leggero, l’ideale per portare il POS con sè per accettare i pagamenti elettronici. Tra le funzioni innovative rispetto alla vecchia versione c’è la possibilità di tenere traccia delle prestazioni individuali dello staff, suddividendo le mance tra tutti i dipendenti.

In più, la SIM integrata con traffico consente di eseguire le transazioni anche fuori dalla propria attività, per una flessibilità davvero elevata. Per quanto riguarda le commissioni a carico degli esercenti previste da questo POS, infine, queste ammontano all’1,20% dell’importo, a cui si aggiungono 0,05€ per transazione. Il costo del terminale, invece, è di 39,00€, quindi si tratta di un buon POS per regime forfettario o per lavoratori autonomi con un fatturato non troppo elevato.

Pro
Contro
Pro
  • possibilità di inviare ricevute digitali via SMS o e-mail
  • compatibile con pagamenti Contactless, Chip&PIN e banda magnetica
  • non necessita di collegarsi allo smartphone
  • nessun canone mensile o vincolo contrattuale
Contro
  • presenza di batteria, che va quindi caricata di tanto in tanto
  • assenza di schermo touch screen

 

myPOS Go Combo

myPOS Combo

💶  Prezzo terminale: 189 €

💸 Costi di attivazione / installazione: 0€

📲  App obbligatoria: No

🔋  Batteria: 2.300 mAh

☎️  Sim Card: Si

🖨️  Stampante integrata: Si

📟  Touch screen: No

🔌  Tipo di ricarica: Cavo o base di ricarica

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 162.5 x 80 x 56 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Tra i migliori POS per liberi professionisti e PMI c’è sicuramente il myPOS Go Combo, un dispositivo completo dedicato a commercianti che hanno bisogno di funzioni avanzate e che gestiscono transazioni dall’importo più elevato rispetto alle soluzioni viste sopra.

Il design è robusto, e si possono addirittura personalizzare le ricevute con il logo del proprio negozio, per risultare ancora più professionali e fidelizzare i clienti. Lato commissioni si paga l’1,20% dell’importo transato, a cui si aggiungono 0,05€ di commissione fissa.

Pro
Contro
Pro
  • canone mensile gratuito
  • possibilità di gestire il POS tramite smartphone
  • stampante termica ad alta velocità integrata
  • si collega al registratore di cassa e non necessita di connettersi allo smartphone
Contro
  • costo del terminale elevato rispetto ad altri prodotti in commercio
  • adatto a professionisti con un alto volume di fatturato

 

Nexi Mobile POS

Nexi Mobile POS

💶  Prezzo terminale: 29 €

💸 Costi di attivazione / installazione: 0€

📲  App obbligatoria:

🔋  Batteria: 1.180 mAh

☎️  Sim Card:

🖨️  Stampante integrata:

📟  Touch screen:

🔌  Tipo di ricarica: USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 133 x 71 x 19 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Molti cercano un POS gratuito per professionisti, ma spesso si finisce per trovare soluzioni poco efficienti che non sono in grado di soddisfare le esigenze degli utenti. Questo però non vale con il Nexi Mobile POS, uno strumento da poter posizionare nel proprio negozio per accettare pagamenti elettronici senza spendere una fortuna.

Il Nexi Mobile POS, infatti, è un POS per liberi professionisti a canone gratuito che, al solo costo di attivazione, consente di gestire pagamenti in modo intuitivo ed efficiente. Si tratta di un dispositivo compatto, dalle dimensioni di 13 x 7 x 1,9 cm e un peso di soli 180 grammi, che può essere portato praticamente ovunque.

Lo schermo misura 2,4”, e la risoluzione da 240 x 320 p a colori permette di vedere tutto chiaramente in fase di digitazione, grazie anche alla tastiera retroilluminata.

Pro
Contro
Pro
  • assistenza dedicata disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7
  • assenza di commissioni per pagamenti fino a 10€ con Visa, Mastercard e PagoBANCOMAT
  • canone gratuito
  • possibilità di inviare ricevute tramite e-mail e SMS
Contro
  • va utilizzato necessariamente con lo smartphone
  • presenza di un’applicazione dedicata, che però ha qualche bug
  • necessità di connessione Bluetooth sempre attiva

 

Nexi SmartPOS Mini

Nexi SmartPOS Mini

💶  Prezzo terminale: 149 €

💸 Costi di attivazione / installazione: 0€

📲  App obbligatoria:

🔋  Batteria: 1.900 mAh + base 3.300 mAh

☎️  Sim Card:

🖨️  Stampante integrata:

📟  Touch screen:

🔌  Tipo di ricarica: USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 20 x 73 x 156 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Un buon POS per studio legale o per aziende in cui devono essere eseguite poche transazioni è senza dubbio il Nexi SmartPOS Mini, un modello molto compatto dedicato a coloro che hanno solamente bisogno di accettare qualche pagamento con carta.

Si tratta di uno strumento con schermo touch da 5”, connettività WiFi e un peso ridotto di appena 270 grammi, ricaricabile tramite cavo USB e con tanto di doppia fotocamera e lettore QR Code.

Il sistema operativo è Android, quindi si può usare senza troppe difficoltà anche mentre ci si muove, dato che si tratta di un modello portatile.

Pro
Contro
Pro
  • possibilità di pagamento tramite link
  • dispositivo compatto e leggero
  • funzione mance integrata e possibilità di generare buoni sconto
  • raccolta recensioni e fidelizzazione clienti
Contro
  • nessuna stampante integrata
  • costo d’acquisto un po’ alto rispetto ad altri POS per lavoratori autonomi

 

SumUp Air

SumUp Solo Lite

💶  Prezzo terminale: 39 € + IVA

💸 Costi di attivazione / installazione: 0€

📲  App obbligatoria: Si

🔋  Durata Batteria: 1.000 transazioni

☎️  Sim Card: No

🖨️  Stampante integrata: No

📟  Touch screen: No

🔌  Tipo di ricarica: USB-C

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica, Google Pay, Apple Pay

📦  Dimensioni: 8,4 x 8,4 x 2,3 cm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Esistono POS per liberi professionisti sempre in movimento che permettono di accettare i pagamenti anche se si lavora fuori casa. Un esempio lampante è il SumUp Air, un dispositivo ultracompatto utilizzato da lavoratori come rider, corrieri e professionisti che hanno bisogno di spostarsi e accettare pagamenti fuori dal proprio negozio.

Essendo completamente portatile, il SumUp Air è un ottimo POS per lavoratori autonomi che non vogliono sostenere grossi costi di gestione e non hanno bisogno di elaborare troppe transazioni. Il prezzo del dispositivo è di 29,99 €.

Pro
Contro
Pro
  • commissioni all’1,95% dell’importo della transazione
  • assenza di canone
  • app dedicata
Contro
  • mancanza di un’assistenza 24/7 (disponibile solo dal lunedì al venerdì)
  • modalità di fatturazione elettronica un po’ basilari

 

SumUp Solo

SumUp Solo

💶  Prezzo terminale: 79 € + IVA

💸 Costi di attivazione / installazione: 0€

📲  App obbligatoria: No

🔋  Durata Batteria: 100 transazioni

☎️  Sim Card: Si

🖨️  Stampante integrata: No

📟  Touch screen: Si

🔌  Tipo di ricarica: USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 8,3 x 8,3 x 1,7 cm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Il SumUp Solo è uno dei POS per commercianti più utilizzati in assoluto, sia per i costi ridotti sia per la facilità d’uso. Ad un costo di soli 79€, infatti, è possibile portarsi a casa un POS con SIM inclusa e schermo touch screen, da utilizzare per tutte le transazioni della propria attività.

Le dimensioni sono di appena 83 x 83 x 17 mm, mentre lato tecnologie sono disponibili sensori NFC per pagamenti con smartphone, chip e banda magnetica per le carte di credito o di debito.

Inoltre, essendo un POS WiFi con traffico illimitato, si può portare in giro per il negozio senza problemi, risultando utile per un piccolo ristorante, un pub o qualsiasi altro tipo di attività al pubblico.

Pro
Contro
Pro
  • dashboard semplice e intuitiva
  • possibilità di inviare ricevute per e-mail o SMS
  • assenza di canone e nessun vincolo contrattuale
  • possibilità di accredito pagamenti su conto corrente
Contro
  • commissioni poco vantaggiose oltre un certo fatturato
  • assenza della stampante

 

POS per liberi professionisti e PMI: le caratteristiche da valutare per scegliere

Da quando è entrato in vigore l’obbligo di POS per liberi professionisti, sono stati tantissimi i lavoratori che hanno deciso di comprarne uno per la propria attività, in modo da poter essere in regola con le leggi vigenti e offrire più flessibilità ai propri clienti.

Visto che ormai esistono tantissime soluzioni valide in commercio, tuttavia, prendere una decisione potrebbe risultare un po’ complicato. Di seguito, quindi, un elenco delle principali caratteristiche da valutare per scegliere un POS per liberi professionisti efficiente, ma allo stesso tempo conveniente, e con tante funzioni a disposizione.

Costi

Il primo elemento da valutare quando si deve comprare un nuovo POS aziendale è rappresentato sicuramente dai costi. Questi possono essere di vari tipi, in quanto non ci sono soltanto quelli relativi al canone, ma anche quelli legati alle commissioni di transazione per gli esercenti previste per ciascun POS.

Alcuni POS, soprattutto quelli mobili, non hanno alcun canone mensile, e prevedono solo il pagamento del prodotto e delle commissioni di transazione. In media, le cifre per il terminale variano da circa 30€ per un prodotto di base, fino a circa 200€ per prodotti più completi.

In alternativa è possibile optare per un POS a canone mensile come l’Axerve Easy POS, che con appena 17€ al mese + IVA consente di svolgere tutte le proprie operazioni in piena tranquillità.

Chiaramente vanno valutate anche le commissioni di transazione, che con soluzioni economiche come l’Axerve ammontano solamente all’1%. Altre alternative, invece, applicano commissioni che vanno dall’1,20% all’1,80%, a cui potrebbe essere aggiunta una commissione fissa di 0,05€.

Caratteristiche tecniche

Dopo aver valutato i costi del nuovo terminale di pagamento elettronico, è consigliabile analizzare a fondo le caratteristiche tecniche, partendo dalle dimensioni. Alcuni POS, chiamati POS mobili, sono infatti grandi quanto uno smartphone, e possono essere portati in giro dentro o fuori il negozio senza troppe difficoltà.

Altri, invece, sono POS fissi che risultano chiaramente più ingombranti, ma integrano spesso elementi come stampanti termiche per rilasciare una copia fisica delle ricevute.

Tipologie di pagamenti accettate

Appurate le caratteristiche tecniche e i costi del POS per liberi professionisti e PMI, è il momento di valutare le tipologie di pagamenti accettate. Alcuni POS, infatti, funzionano solamente con circuiti internazionali come Visa e Mastercard, mentre altri sono abilitati al funzionamento con Maestro e PagoBANCOMAT.

Molti POS moderni accettano anche pagamenti contactless e tramite app, elemento comodissimo per piccoli importi in quanto non viene richiesto il PIN al cliente. In aggiunta, i modelli più avanzati possono anche essere in grado di generare un link da inviare al cliente, che a sua volta potrà cliccare per effettuare il pagamento.

Tipologie di connessione

Molto importante è tenere in considerazione anche le tipologie di connessione del POS per liberi professionisti, in quanto da esse dipenderà una maggiore o minore stabilità in fase di pagamento.

Alcuni POS, infatti, dispongono di una SIM integrata con traffico dati al suo interno, un ottimo modo per poter eseguire le transazioni anche in assenza di connessione WiFi. In alternativa, infatti, bisogna collegarsi alla rete della propria attività per effettuare le operazioni.

A tal proposito, i migliori POS per PMI sono quelli che dispongono sia della SIM che della connessione WiFi, poiché sono pronti per qualsiasi evenienza. Per quanto riguarda la velocità della connessione, la maggior parte dei modelli utilizza il 4G, anche se alcuni prodotti top di gamma sono compatibili con il 5G.

Eventuali app integrate

Una volta che si sono prese in considerazione le principali caratteristiche del POS, ovvero i costi, i tipi di connessione e le tipologie di pagamenti accettate, bisogna dare uno sguardo anche ad eventuali app integrate nel dispositivo.

Alcuni POS per forfettari e alcuni POS per aziende di media entità, infatti, dispongono di piattaforme dedicate tramite le quali è possibile gestire le proprie entrate e monitorare le transazioni eseguite.

In questo modo è possibile farsi un’idea dei volumi di fatturato e capire se potrebbe essere vantaggioso cambiare piano o meno. In più, ciò aiuta a tenere con precisione la contabilità e venire a conoscenza di eventuali errori o mancati pagamenti.

In aggiunta, le app servono spesso per collegare il POS e metterlo in funzione, consentendo all’utente di eseguire la maggior parte delle operazioni anche dallo smartphone.

 

Pagamenti POS: principali vantaggi per i professionisti

Che si tratti di un POS per avvocati, un POS per psicologi o un POS per aziende, i vantaggi di questi prodotti sono molteplici, a partire dalla flessibilità che si può offrire ai propri clienti per effettuare i pagamenti.

Le transazioni, infatti, possono essere eseguite sia all’interno che all’esterno della propria attività, un’opzione molto comoda anche per lavoratori autonomi come i rider o i fattorini.

A ciò si aggiunge il fatto che, grazie alla presenza di tecnologie moderne, è possibile accettare non solo pagamenti su circuiti come Mastercard, Visa, PagoBANCOMAT e Maestro, ma anche pagamenti contactless e tramite app su smartphone, per una flessibilità unica.

Come se non bastasse, le commissioni di transazione dei migliori POS del 2024 per gli esercenti sono abbastanza basse rispetto a quelle che si dovevano pagare in passato, motivo per cui sono diventati la scelta prediletta dai possessori di partita IVA e i piccoli imprenditori.

Infine, è possibile scegliere la soluzione più indicata per le proprie esigenze optando per un POS per liberi professionisti a canone mensile o un POS senza canone da pagare una tantum, su cui si pagheranno poi solamente le commissioni di transazione.

Conclusioni

Quelli appena visti sono i migliori POS per liberi professionisti, forfettari e PMI attualmente, ciascuno con caratteristiche specifiche e vantaggi e svantaggi. Chiaramente, la scelta va fatta con cognizione di causa, sapendo che un POS a canone mensile come per esempio Axerve Easy POS potrebbe essere utile per chi si sta cimentando da poco nella vita imprenditoriale, o per chi non ha intenzione di lavorare con il POS tutto l’anno, come nel caso delle attività stagionali. Come anticipato, il consiglio per effettuare la propria scelta è quello di considerare prima i costi e le commissioni, valutando poi caratteristiche tecniche, tipologie di connessione ed eventuali app integrate.

Domande frequenti sui migliori POS per liberi professionisti e PMI

Che succede se non si ha il POS?

Chi non ha un POS e si rifiuta di farlo utilizzare ai propri clienti, secondo l’articolo n.23 del DL n.124/2019 è punibile con una sanzione di 30 euro a cui si somma il 4% dell’importo da pagare. La regola vale per qualsiasi tipo di pagamento e di importo, anche per somme al di sotto dei 5€.

È possibile avere un POS senza partita IVA?

Sì, chi non ha partita IVA può ricevere senza problemi pagamenti con POS, in quanto non è presente alcuna normativa in tal senso. Chiaramente, chi ha un’attività e supera una certa soglia di fatturato, deve possedere una partita IVA per operare in conformità con le leggi in vigore.

Dove posso comprare un POS?

Un POS può essere comprato presso un negozio fisico, se presente nelle vicinanze, oppure online, dov’è possibile trovare i migliori POS per liberi professionisti e PMI. Tra questi c’è sicuramente l’Axerve Easy POS, che secondo noi è il migliore in commercio.

Come avere un POS da privato?

Per avere un POS da privato basta acquistarne uno presso i siti ufficiali delle case produttrici e configurarlo. Generalmente non vengono richiesti documenti particolari, ma può essere utile tenere a portata di mano quelli relativi alla propria attività, come nel caso di un B&B occasionale.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.