Una Xbox per ogni scolaro?

Microsoft scommette sul gaming per la formazione: la matematica e le scienze si impareranno con un videogioco. Ci lavorano i ricercatori di Redmond e un manipolo di università statunitensi con tre milioni di dollari
Microsoft scommette sul gaming per la formazione: la matematica e le scienze si impareranno con un videogioco. Ci lavorano i ricercatori di Redmond e un manipolo di università statunitensi con tre milioni di dollari

Instillare la tecnologia nella scuola, infilarsi fra i banchi scolastici per insegnare con il gioco: Microsoft investe sui nativi digitali e investe nella videoludica educativa. Non bastano i libri e le spiegazioni degli insegnanti per stimolare gli scolari: è così che Redmond medita di rivoluzionare il sistema scolastico dispensando videogiochi mirati all’apprendimento.

A comunicare le modalità e gli obiettivi del progetto è Craig Mundie, nell’ambito di una conferenza organizzata presso la New York University : la scommessa di Redmond si concretizza in un milione e mezzo di dollari di investimenti nel Games for Learning Institute (G4LI), un centro al quale faranno capo gli esperti di Microsoft Research, i ricercatori della NYU e di un ventaglio di altre università statunitensi. L’obiettivo di G4LI è quello di sondare il terreno, di indagare sulle strategie di insegnamento e sui modelli di apprendimento dei ragazzi in età scolare, di sviluppare percorsi educativi a cavallo tra istruzione e gioco, di valutare i risultati scolastici dei ragazzi che abbiano appreso a mezzo gaming.

Il denaro investito da Microsoft, insieme ad un altro milione e mezzo di dollari, servirà a foraggiare le attività dei primi tre anni di ricerca, durante i quali, a mezzo studi sul campo, ci si occuperà di ritagliare per i computer un ruolo nella formazione degli studenti delle scuole medie per quanto attiene alle materie scientifiche. “La tecnologia ha il potenziale di aiutare a reinventare il processo educativo e di stimolare e ispirare i giovani studenti ad abbracciare la scienza, la matematica e le tecnologie – ha spiegato Mundie – il Games for Learning Institute è un grande esempio di come la tecnologia possa cambiare il modo in cui gli studenti apprendono, rendendo il tutto molto più naturale ed intuitivo”.

“Miriamo a qualsiasi cosa possa rendere un ambiente attrattivo e divertente” ha spiegato Jan Plass, docente della New York University: si indagheranno i modi per incuriosire i ragazzi , per stimolarli con delle sfide, per meravigliarli con immagini ed effetti speciali. Plass ricorda che la letteratura scientifica dimostra che i game non sono affatto nocivi: possono sviluppare abilità cognitive e visive , possono stimolare la capacità organizzitiva , possono addestrare i gamer a svolgere certe attività e supportarli nell’ apprendimento . Esistono inoltre studi che testimoniano come l’introduzione di console come Nintendo DS e di giochi come il Dr. Kawashimàs Brain Training costituiscano un allenamento cognitivo che frutta nelle aule scolastiche e nel percorso di formazione dei ragazzi.

Il ricercatore ammette però che non esistono studi che documentino quali sono gli elementi del gioco che stimolano l’interesse per l’apprendimento: di questo si occuperà il braccio pedagogico del G4LI, che trasferirà all’industria del game design gli elementi su cui lavorare. È ancora da stabilire il ruolo di Microsoft nell’impiego dei risultati che emergeranno dalle ricerche del G4LI: certo è che la scuola, ambito nel quale il colosso di Redmond investe molto , sta per essere investita da una transizione verso nuove forme e nuovi metodi . Che, passando per i bambini, potrebbero conquistare diverse generazioni.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 10 2008
Link copiato negli appunti