Huawei rinuncia agli Stati Uniti

L'azienda sacrifica la proprie mire d'espansione per non compromettere le relazioni tra Cina e USA. Se gli States non hanno fiducia in Huawei, c'è sempre il resto del mondo

Roma – Se gli Stati Uniti ritengono che Huawei e le sue origini cinesi costituiscano un rischio per la sicurezza nazionale, certo Huawei non insisterà per elemosinare la fiducia del mercato americano, non al prezzo di compromettere le relazioni diplomatiche tra le due potenze.

Ad anticipare un assaggio di quelle che sembrano essere le strategie per il prossimo futuro del colosso cinese del networking è il fondatore e CEO Ren Zhengfei. Avrebbe dichiarato ai media francesi parole che emergono però con nettezza solo nelle trascrizioni rimbalzate in cinese: “Se Huawei si trova nel mezzo delle relazioni tra USA e Cina – queste le parole riportate dalle cronache del paese asiatico – non ne vale la pena”. Huawei, infatti, è spesso stata messa all’angolo in importanti gare d’appalto per la realizzazione di infrastrutture telematiche di grande importanza, proprio per le sue origini: colpita da indagini , accuse e provvedimenti , la sfiducia nei confronti di Huawei è maturata nonostante non siano emerse prove di collaborazionismo con Pechino per eventuali intenti spionistici e nonostante la disponibilità mostrata dall’azienda in termini di trasparenza .

“Abbiamo deciso di lasciare il mercato statunitense”, avrebbe dunque annunciato il CEO Ren Zhengfei, rinunciando a puntare sul mercato del networking ma non su quello della telefonia consumer, deciso a non creare ulteriori punti di attrito nelle relazioni tra USA e Cina.

Del resto Huawei sembra poter fare a meno del mercato statunitense: nonostante la diffidenza degli States rappresenti un ostacolo all’espansione del proprio business, l’azienda cinese resta il maggiore produttore di apparecchiature dedicate alle infrastrutture mobile a livello globale.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Dr Doom scrive:
    tanto c'erano i sorgenti
    ormai non serviva più, tutti si erano ricompilati il kernel aggiornato :D
  • ... scrive:
    nessuna spiegazione viene data
    LA do io:"salve, siamo i tipi di D-Link, abbiamo fatto una figura di XXXXX, e facciamo di tutto per far passare la cosa sotto siulenzio il piu' possibile. Ci vergognamo come ladri: non della backdoor, figurarsi, ma del fatto che ci abbiate sgamati. Faremo di tutto per picchiarvi dentro una backdoor molto piu' nascorsa ed insidiosa, per il momento beccatevi 'sta finta patch per accontentare gli allocchi, smettete di scassarci i XXXXXXXX che 'ste XXXXXXXte sulla privacy e sopratutto comprate i nuovi modelli, XXXXXXXX!!!!"
Chiudi i commenti