Windows Vista è nato

Dopo cinque lunghi anni di sviluppo Microsoft ha finalmente messo la parola fine allo sviluppo di Windows Vista, confermando il lancio delle edizioni consumer per la fine di gennaio. Tutti i particolari

Redmond (USA) – “It’s time”, è l’ora!. È con queste tre sole parole che ieri Jim Allchin, co-president della Platform and Services Division di Microsoft , ha comunicato sul proprio blog il raggiungimento di uno dei traguardi più importanti, travagliati, e attesi della storia di Microsoft: il completamento di Windows Vista .

Il parto è stato ufficializzato con il rilascio della tradizionale versione release to manufacturing (RTM), la stessa che nei prossimi giorni Microsoft distribuirà ai propri partner e che il prossimo 30 novembre, data di lancio ufficiale del nuovo Windows, verrà utilizzata per la stampa dei DVD commerciali.

Allchin ha anche confermato quello che ormai tutti davano per scontato, ossia che il debutto di Windows Vista sul mercato al dettaglio avverrà il prossimo 30 gennaio : ciò significa che il 99% dei comuni mortali potrà mettere le mani sul nuovo sistema operativo a partire da febbraio. Microsoft afferma che i produttori di hardware e di software hanno ora a disposizione 10 settimane per testare il nuovo sistema operativo e mettere a punto eventuali driver.

Secondo Allchin, Windows Vista supporta un numero di periferiche sensibilmente maggiore rispetto a Windows XP, ed eventuali driver mancanti verranno messi a disposizione attraverso il servizio Windows Update: servizio che, come noto, è accessibile esclusivamente agli utenti che possiedono una copia autentica del sistema operativo.

L’erede di Windows XP è frutto di cinque interminabili anni di lavoro , un arco di tempo costellato da molteplici rinvii, ripensamenti, cambi di percorso, e contrattempi tecnici. In questo stesso periodo si è assistito alla nascita e alla maturazione di Mac OS X, al timido ingresso di Linux sul mercato desktop, all’alba del Web di nuova generazione, alla diffusione delle tecnologie di virtualizzazione nel mercato mainstream, allo sviluppo di una nuova cultura della sicurezza digitale, e all’affermazione dei web service come naturale estensione delle odierne piattaforme software.

Nello sviluppo di Windows Vista, BigM ha dovuto tenere in conto questi e moltissimi altri cambiamenti e trend, e contemporaneamente contrastare la rapida obsolescenza di un sistema operativo, Windows XP, destinato a rimanere sul mercato ben più a lungo di quanto inizialmente previsto dallo stesso gigante americano. Allchin afferma che Windows Vista è assai più affidabile e sicuro del suo predecessore, Windows XP, e questo grazie soprattutto all’esperienza maturata da Microsoft nello sviluppo del Service Pack 2 per XP, di Windows Server 2003 e del neonato Internet Explorer 7 , che insieme a Windows Media Player 11 fa parte di Vista.

“Windows Vista è la versione di Windows dalla qualità più elevata che abbiamo mai creato”, ha affermato Sven Hallauer, release manager and director of program management di Microsoft, in questa intervista pubblicata sul sito di Microsoft. “Il programma di beta testing di Vista ha coinvolto il più alto numero di beta tester nella storia di Windows, e ha ricevuto in cambio un’inedita quantità di preziosi feedback”.

IDC prevede che entro il suo primo anno di vita Windows Vista verrà installato su più di 100 milioni di PC : un numero che impressiona solo in parte se si considera che oggi Windows gira su almeno il 90% dei computer di tutto il mondo. In questo stesso arco di tempo Microsoft ha pronosticato che Vista girerà sul 20% dei PC installati presso le grandi aziende : questa stima non fa certo gridare al miracolo, tuttavia bisogna tenere conto che ad un anno dal suo debutto Windows XP aveva catturato solo il 10% di questo lucroso settore.

La versione RTM di Vista è arrivata a pochi giorni di distanza da quella di Office 2007 : i due prodotti, insieme a Exchange Server 2007, verranno lanciati sul mercato business il prossimo 30 novembre . Microsoft ha sottolineato come questa sia la prima volta che le nuove major release di Windows, Office ed Exchange vengono lanciate in contemporanea.

Su Windows Vista sono apparsi su Punto Informatico questi recenti approfondimenti:
Installazione Vista, nessun limite di licenza
L’ecosistema della sicurezza di MS
Da XP a Vista con pochi clic
Windows Vista, partono gli incentivi
Windows Vista? Un dormiglione
Windows Vista, i pirati rimarranno senza bottino
Vista, ecco i prezzi USA ufficiali
Speciale/ La sicurezza di Windows Vista
Windows Vista addomestica i crash

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    aspetta..
    aspetta e spera...che si fa sera!
  • claudio75 scrive:
    Concessione frequenze Wimax
    E' ora che il governo si svegli e che Gentiloni in primus si affretti a fare sviluppare questa tecnologia attualmente bloccata perchè il ministero della difesa non cede le frequenze al ministero delle comunicazioni.Ci sono in Italia milioni di utenti internet scoperti dalla banda larga dove Telecom non la metterà mai, l'unica speranza è il WiMax .
Chiudi i commenti