Green Pass: come funziona la Certificazione Verde?

Green Pass: come funziona la Certificazione Verde?

Come funziona il Green Pass (Certificato Verde), obbligatorio a partire dal 6 agosto per l'accesso ad alcuni luoghi pubblici e attività.
Come funziona il Green Pass (Certificato Verde), obbligatorio a partire dal 6 agosto per l'accesso ad alcuni luoghi pubblici e attività.

Che lo si chiami Green Pass, Certificazione Verde o Certificato Verde, poco cambia: tra un paio di settimane sarà requisito essenziale per non rimanere fuori da locali pubblici ed eventi. A partire dal 6 agosto sarà obbligatorio averlo con sé per l'ingresso a ristoranti, spettacoli, musei, palestre e altre attività (rimandiamo all'approfondimento dedicato per l'elenco completo).

Come funziona il Green Pass?

Vediamo come funziona. È sempre buona norma, in questi casi, far riferimento al sito ufficiale e istituzionale per reperire informazioni e aggiornamenti.

  • Vaccinazione, test, guarigione: la persona che è stata vaccinata contro il COVID-19 o ha ottenuto un risultato negativo al test molecolare/antigenico o è guarita da COVID-19 può ottenere la Certificazione Verde COVID-19.
  • Notifica dal Ministero della Salute: l'emissione della Certificazione viene notificata via posta elettronica, SMS o tramite app IO. E da quel momento puoi scaricarla accedendo alle piattaforme digitali dedicate. Riceverai l'email da “Ministero della Salute”(noreply.digitalcovidcertificate@sogei.it) o il messaggio SMS da “Min Salute”.
  • Codice QR: la Certificazione Verde COVID-19 contiene un codice a barre bidimensionale (QR code) con una firma digitale del Ministero della Salute per impedirne la falsificazione. Il certificato può essere stampato.
  • Controllo autenticità: la validità della certificazione è verificata in Italia attraverso l'app nazionale VerificaC19. I dati personali del titolare non vengono registrati dall'app a tutela della privacy.

Il Green Pass nell'applicazione IO

La verifica di autenticità e validità avviene con l'applicazione VerificaC19 (rimandiamo al nostro approfondimento per tutti i dettagli).

VerificaC19: l'app del Ministero per leggere il Certificato Verde (Green Pass)

La versione digitale può essere conservata nei propri dispositivi sotto forma di file, all'interno delle applicazioni IO (vedi come) o Immuni (vedi come) e presto anche nel Fascicolo Sanitario Elettronico. È possibile scaricarlo anche dal sito istituzionale effettuando l'accesso con SPID o Carta d'Identità Elettronica.

Chi non dispone di strumenti digitali può recuperare e conservare il Green Pass in versione cartacea (qui sotto un esempio) con la Tessera Sanitaria e l'aiuto di un intermediario: medico di medicina generale, pediatra di libera scelta, farmacista.

La versione cartacea del Green Pass

Ricordiamo che l'emissione è gratuita per tutti. La Certificazione è disponibile in italiano e in inglese e, per i territori dove vige il bilinguismo, anche in francese o in tedesco.

Per quanto concerne la durata della validità (rimandiamo all'approfondimento dedicato) sono da prendere come riferimento le seguenti tempistiche.

  • In caso di vaccinazione: 270 giorni a completamento del ciclo di somministrazione (una o due dosi a seconda della tipologia);
  • in caso di tampone negativo: 48 ore dal momento del prelievo;
  • in caso di guarigione da COVID-19: 180 giorni.

Va inoltre sottolineato che fino al 12 agosto sarà possibile viaggiare in Europa senza Certificato Verde, ma solo esibendo l'esito di completamento del ciclo vaccinale, di guarigione o di avvenuto test.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti