Windows 11: requisiti minimi e download, tutti i dettagli

Windows 11: ecco i PC che possono averlo

I requisiti minimi hardware richiesti e come ottenere in download l'aggiornamento gratuito da Windows 10 al nuovo sistema operativo Windows 11.
I requisiti minimi hardware richiesti e come ottenere in download l'aggiornamento gratuito da Windows 10 al nuovo sistema operativo Windows 11.
Guarda 22 foto Guarda 22 foto

È ormai tutto pronto per il lancio di Windows 11: il nuovo sistema operativo farà il suo debutto ufficiale nella giornata di domani, 5 ottobre 2021, anche sotto forma di aggiornamento gratuito per coloro che sono in possesso di un PC o dispositivo con specifiche tecniche in grado di soddisfare i requisiti minimi richiesti. L'elenco delle caratteristiche necessarie per eseguire il passaggio è stato rivisto nel corso degli ultimi mesi, vediamo cosa include quello definitivo e come eseguire il passaggio all'ultima evoluzione della piattaforma in modo totalmente gratuito.

Windows 11: requisiti e download

In più occasioni, Microsoft ha sottolineato e ribadito che alcuni paletti sono stati fissati in modo da garantire alla piattaforma un livello adeguato di affidabilità, sicurezza e compatibilità, non rischiando dunque che l'esperienza utente offerta possa essere inficiata o compromessa da hardware datati o potenzialmente vulnerabili. Di seguito l'elenco dei requisiti di sistema, per ulteriori dettagli rimandiamo alle pagine del sito ufficiale.

  • Processore: almeno 1 GHz  con due o più core su un processore a 64-bit compatibile o System-on-a-Chip (consulta la lista delle CPU approvate);
  • RAM: almeno 4 GB;
  • archiviazione: almeno 64 GB;
  • firmware: UEFI compatibile con Avvio Protetto (consulta l'approfondimento sulla configurazione);
  • Trusted Platform Module: versione 2.0 (consulta le istruzioni su come abilitarlo);
  • scheda video: compatibile con DirectX 12 o versione successiva con driver WDDM 2.0;
  • schermo: ad alta definizione (720p) con una diagonale superiore a 9 pollici, 8-bit per canale di colore;
  • connessione Internet: accesso alla Rete e account Microsoft necessari per la configurazione della versione Home.

Il modo più rapido per sapere se il proprio computer è pronto ad accogliere Windows 11 è costituito dallo strumento Controllo Integrità PC, rilasciato direttamente da Microsoft (link diretto al download): non bisogna far altro che lanciarlo, premere il pulsante “Controlla ora” e attendere pochi istanti. Se il messaggio restituito è quello seguente, buone notizie, è tutto in regola per l'aggiornamento.

Windows 11: Controllo Integrità PC

In caso contrario, vengono mostrati dettagli in merito alle specifiche tecniche non conformi ai requisiti minimi.

Windows 11 - verifica requisiti

Una volta certi che il proprio dispositivo abbia tutte le carte in regola per ricevere l'aggiornamento gratuito a Windows 11, come scaricare il nuovo sistema operativo? Verrà distribuito direttamente attraverso Windows Update, proprio come avviene con i pacchetti continuamente rilasciati dalla software house. Un consiglio: non si esegua l'operazione se si ha fretta di tornare a lavorare con il PC, potrebbe richiedere più tempo del previsto.

Molto probabilmente, il download e l'installazione di Windows 11 richiederanno più tempo di un tipico aggiornamento delle funzionalità di Windows 10. Mentre è in corso il download di Windows 11 puoi utilizzare il tuo PC. Successivamente, potrai pianificare l'installazione in un orario specifico, ad esempio quando prevedi di non utilizzare il PC.

Anche in caso di esito positivo del check sui requisiti minimi, il passaggio a Windows 11 potrebbe non essere disponibile fin da subito. In altre parole, nella giornata di domani (martedì 5 ottobre 2021) prenderà ufficialmente il via la fase di rollout, ma il suo completamento è previsto solo entro la prima parte del 2022. Si tratterà dunque di una distribuzione graduale, un'opzione scelta da Microsoft per assicurarsi che tutto vada per il verso giusto, evitando di dover poi fare i conti con l'insorgere di problemi dalla portata troppo estesa.

Ricordiamo infine che gli utenti non soddisfatti da Windows 11 avranno a disposizione 10 giorni per tornare a Windows 10.

Dopo aver installato l'aggiornamento a Windows 11, per un periodo di 10 giorni potrai tornare a Windows 10, conservando i file e i dati che hai trasferito. Trascorsi 10 giorni, per tornare a Windows 10 dovrai eseguire il backup dei tuoi dati ed effettuare una installazione pulita.

Fonte: Microsoft
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti