Green Pass nei luoghi di lavoro: la posizione dei sindacati

Green Pass nei luoghi di lavoro: i sindacati

I vertici di CGIL, CISL e UIL a confronto con Mario Draghi per discutere delle modalità di impiego del Certificato Verde nei luoghi di lavoro.
I vertici di CGIL, CISL e UIL a confronto con Mario Draghi per discutere delle modalità di impiego del Certificato Verde nei luoghi di lavoro.

Nei giorni che anticipano l'ormai imminente introduzione del Green Pass obbligatorio, si intensifica il confronto sul tema tra il Governo e le parti sociali. Sul tavolo c'è anche la non semplice definizione delle regole che andranno a stabilire le modalità di impiego del Certificato Verde all'interno dei luoghi di lavoro. A tal proposito, è da segnalare l'incontro avvenuto nella giornata di ieri a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi e i vertici dei sindacati.

Governo e sindacati, il confronto sul Green Pass

Riportiamo di seguito le parole di Maurizio Landini, segretario generale della CGIL, raccolte al termine del colloquio che ha visto partecipare anche CISL e UIL. La posizione è condivisa dalle tre sigle: sì al Green Pass come strumento efficace per frenare l'andamento della curva epidemiologica, no al suo utilizzo per legittimare discriminazioni o licenziamenti.

Non abbiamo nulla in contrario all'estensione del Green Pass, ma non può diventare uno strumento usato dalle imprese per discriminare e licenziare. Contemporaneamente, abbiamo ribadito che in ogni caso, anche se i lavoratori sono vaccinati e con il Green Pass, bisogna sempre mantenere tutte le norme di sicurezza previste dai protocolli in questo senso, il che vuol dire la mascherina, il distanziamento e vuol dire la sanificazione.

Si è discusso anche dell'eventuale obbligo di vaccino da imporre ai lavoratori (ipotesi al vaglio anche per il mondo della scuola): ad oggi non vi è alcun fondamento giuridico, servirebbe una legge ad hoc, non è da escludere possa essere presa in considerazione dall'esecutivo.

Ricordiamo che l'obbligo del Green Pass scatterà venerdì 6 agosto. Entro un paio di giorni sono attesi i necessari chiarimenti anche in merito a trasporti e alberghi, altri due tasti parecchio delicati considerando il periodo, nel pieno della stagione estiva. Intanto, in tema turismo, gli addetti ai lavori ritengono il Certificato Verde utile al rilancio del settore.

Fonte: Collettiva
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti