Hosting Drupal: i migliori 2021 (lista aggiornata)

Per creare un nuovo sito web con Drupal è necessario scegliere un buon server hosting, così da poter gestire al meglio tutti i contenuti.
Per creare un nuovo sito web con Drupal è necessario scegliere un buon server hosting, così da poter gestire al meglio tutti i contenuti.

Quando creiamo un sito web è necessario scegliere anche un gestore dei contenuti (o CMS) in grado di fornire tutti gli strumenti necessari per poter gestire ogni aspetto del sito, dalla scrittura di articoli per le guide fino alla vendita al dettaglio dei prodotti realizzati dall’azienda. Tra i migliori CMS che è possibile installare sul proprio sito troviamo Drupal, un gestore dei contenuti open source e gratuito facilmente adattabile a qualsiasi scopo e a qualsiasi necessità, anche grazie ai numerosi moduli con cui è possibile espanderlo.

Leggendo la seguente guida è possibile trovare tutte le informazioni per poter compiere una scelta sul miglior hosting Drupal, così da creare subito il sito web desiderato, sfruttare al massimo il CMS open source e importare il sito da hosting non performanti ottenendo allo stesso tempo stabilità, velocità di connessione, scalabilità delle risorse e sicurezza.

➤ Consulta e confronta i migliori Hosting

Come scegliere l’hosting Drupal

drupal_panel

Scegliere un buon hosting per il CMS Drupal è di fondamentale importanza: anche se il gestore dei contenuti non è pesante di per , una volta installato e personalizzato richiede comunque delle buone risorse hardware per poter gestire le pagine web o per poter gestire i prodotti o i contenuti che decidiamo di utilizzare, in particolare se abbiamo esteso le sue funzionalità con i numerosi moduli aggiuntivi disponibili (una delle caratteristiche più importanti di Drupal).

Scegliere un buon hosting fin da subito vi metterà al riparo in caso di elevata espansione delle visite del sito: se il sito creato con Drupal ha un grande successo fin da subito è necessario avere un hosting web in grado di scalare velocemente le risorse a disposizione e reggere il carico di utenti previsto dal sito o dal progetto web, così da non rallentare la visita al sito e permettere a tutti gli utenti di accedervi senza problemi di connessione o di banda.

Conviene  quindi leggere nel dettaglio tutti i capitoli che seguono, così da poter scegliere con attenzione il nuovo servizio di hosting web su cui basare il successo del sito che stiamo allestendo con Drupal.

Migliori hosting Drupal 2021

Per allestire un buon sito web basato sul CMS Drupal è possibile scegliere uno degli hosting presenti qui in basso, così da avere il massimo supporto per questo CMS e ottenere tutta una serie di vantaggi durante l’allestimento del sito o del forum scelto. Tutti i prezzi che vi indicheremo sono IVA esclusa, visto che di solito chi crea siti web dispone di partita IVA o esercita come libero professionista; se siamo dei cittadini privati dobbiamo applicare il 22% di IVA su tutti i prezzi indicati, così da ottenere il prezzo finale per il consumatore (ottenibile anche durante il pagamento dell’abbonamento, ma solo per alcuni siti di hosting).

SiteGround

Siteground_panel

Tra i migliori servizi di hosting per Drupal è possibile provare SiteGround, che offre un hosting  economico e pieno di funzionalità per la gestione dei contenuti web mirati. Tra le caratteristiche di rilievo segnaliamo l’installazione gratis di Drupal, supporto per la gestione della sicurezza dei moduli Drupal, Database MySQL illimitati, dominio gratuito (solo il primo anno), domini parcheggiati e sottodomini illimitati, sitebuilder drag & drop Weebly gratuito, archiviazione SSD, SuperCacher, sistema anti-hacking, backup giornaliero automatico e  applicazione automatica di update e patch proattivi.

L’abbonamento più economico, denominato StartUp, disponibile a 5,99 € al mese (IVA esclusa); per ottenere funzionalità maggiori è possibile puntare anche su GrowBig (da 9,99 € al mese IVA esclusa) e GoGeek (da 13,99 € al mese IVA esclusa).

>> Verifica i prezzi dei pacchetti Hosting di Siteground

Aruba

Aruba: pannello di controllo

 

Altro servizio di hosting Drupal su cui è possibile puntare è Aruba, molto famoso in Italia e con un abbonamento dedicato davvero molto interessante. Questo abbonamento include installazione con un click,  analisi e monitoraggio del sito, supporto al Drag and Drop, gestione utenti avanzata, backup giornaliero dei dati, assistenza gratuita 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, server Linux con SSD e sistema operativo CentOS, accesso FTP, volume di traffico illimitato, spazio su disco illimitato, certificato SSL DV e dominio personalizzato incluso.

Il costo del hosting Drupal con Aruba è di 19,99 € + IVA per il primo anno, con i rinnovi successivi fissati a 50 € + IVA.

>> Vai alle offerte di Aruba

Serverplan

Serverplan panel

 

Altro servizio molto interessante per l’hosting Drupal è Serverplan, che offre svariati molto convenienti e ricchi di caratteristiche come: dominio personalizzato incluso, sistema di trasferimento velocizzato del sito da altri hosting, traffico illimitato, sistema di backup giornaliero, certificato SSL Let’s Encrypt, web server Apache 2.4, installazione automatica di Drupal (escluso l’abbonamento StarterKit), aggiornamenti automatici delle componenti, server subito localizzato in italiano, assistenza H24, minimo 5GB di spazio su disco SSD, almeno un 1 database MySQL su SSD, 5 account email, prevenzione Brute Force, firewall e scansione malware.

Per questo servizio di hosting sono presenti vari abbonamenti: il più conveniente è STARTERKIT da 24 € all’anno (IVA esclusa), passando per quello più acquistato STARTUP da 69 € all’anno (IVA esclusa). Per gli utenti che vogliono gestire più siti o è necessario puntare su un maggior numero di risorse è possibile provare anche i pacchetti ENTERPRISE e ENTERPRISE PLUS, con un maggior numero di risorse dedicate.

>> Vai al sito di Serverplan per verificare le offerte

A2Hosting

A2Hosting Drupal

Per chi cerca un servizio hosting Drupal conveniente può puntare su A2Hosting, che per gli abbonamenti a 3 anni offre prezzi difficilmente riscontrabili nella concorrenza, anche per i pacchetti più costosi. Con A2Hosting avremo a disposizione 1 dominio personalizzato, almeno 100 GB di spazio SSD, sistema di migrazione facilitato da altri hosting, sistema soddisfatti o rimborsati (valido 30 giorni),  99.9% di uptime garantito, Drupal preinstallato su una  configurazione hardware spinta (per il massimo delle performance),  protezione DDoS, sistema HackScan Protection contro hacker e ingressi non autorizzati e supporto H24.

Con A2Hosting i pacchetti più convenienti sono quelli relativi agli abbonamenti triennali: il più economico STARTUP viene venduto a 2,99 dollari al mese (IVA esclusa), mentre il pacchetto DRIVE con un numero di siti illimitato è disponibile a soli 4,99 dollari al mese (IVA esclusa). Per chi cerca performance superiori è possibile puntare sui pacchetti TURBO BOOST e TURBO Max, disponibili rispettivamente a 9.99 dollari al mese e 14,99 dollari al mese (sempre escludendo l’IVA dal conto).

>> Per ulteriori dettagli controlla le offerte di A2 Hosting

OVH

OVH Drupal

Tra i servizi di hosting che è possibile sfruttare per Drupal troviamo anche OVH, che fornisce vari pacchetti per qualsiasi esigenza. Tutti i pacchetti abbonamento includono un dominio personalizzato (gratuito per il primo anno), protezione anti-DDoS, SQL privato o condiviso, sistema di backup e ripristino, gestione multi dominio, certificato SSL, installazione automatica di Drupal e aggiornamenti automatici del core e dei moduli utilizzati.

Il pacchetto base di OVH per Drupal è il Personal, disponibile a 1,99 € al mese (IVA esclusa); il pacchetto più equilibrato è senza dubbio il Cloud Web, disponibile a 9,99 € al mese (IVA esclusa); per chi cerca il massimo delle prestazioni OVH può puntare su Performance, disponibile a 9,99 € al mese (IVA esclusa) e include anche 1000 account email e 500 GB di spazio su disco SSD.

>> Per ulteriori dettagli controlla le offerte di OVH

Hostinger

Hostinger Drupal

Per chi cerca un abbonamento economico a scadenza mensile può puntare su Hostinger, una delle migliori scelte per i siti basati su Drupal. Con questo hosting avremo a disposizione 1 dominio personalizzato, almeno 30 GB di memoria SSD, almeno un account email, certificato SSL gratis, Google Ads Credit, larghezza banda illimitata, database Illimitati, accesso GIT e accesso SSH.

Il pacchetto più interessante è senza ombra  di dubbio il Premium Web Hosting, disponibile a 1,99 € al mese; per chi vuole risparmiare o è agli inizi con i siti web può puntare anche su Single Web Hosting a 0,99 € al mese; se invece cerchiamo qualcosa ottimizzato per le piccole e medie imprese può puntare su Business Web Hosting, disponibile a 2,99 € al mese.

>> Verifica le offerte Hosting di Hostinger

Keliweb

Keliweb

Tra i servizi per il web hosting generici (su qui è possibile installare qualsiasi CMS) vi segnaliamo Keliweb, tra i migliori per gestire un sito con Drupal grazie a 20 GB di spazio web su SSD, email illimitate, database illimitati, sitebuilder incluso, servizio Antivirus & Antispam, HTTP-2 e certificato SSL inclusi, supporto MultiPHP e Node.js, Backup automatico 24h, sistema Cron Jobs e accesso SSH.

L’abbonamento è unico e il prezzo varia in base alla durata scelta: per l’abbonamento annuale il prezzo è di 59,90 € (IVA esclusa);  per l’abbonamento a due anni il prezzo è di 93.90 € (IVA esclusa), mentre per l’abbonamento triennale il prezzo è di 123.90 € (IVA esclusa).

>> Per ulteriori dettagli consulta le offerte di Keliweb

VHosting

VHosting

Altro servizio di web hosting generico su cui è possibile puntare è VHosting, adattabile senza troppi problemi anche ai siti con Drupal grazie alle sue caratteristiche: dominio personalizzato gratuito, Apache HTTP Server con NGINX Cache, caselle email illimitate, database illimitati, backup automatico, certificato SSL gratuito, accesso SSH e garanzia SODDISFATTI O RIMBORSATI valida per 30 giorni.

L’abbonamento più conveniente è Hosting Low Cost, un hosting condiviso con al costo di 26 € all’anno (IVA esclusa); se invece cerchiamo maggiori prestazioni è possibile puntare sul pacchetto Hosting Semidedicato, disponibile a 225 € all’anno (IVA esclusa) o su uno dei pacchetti server virtuali (VPS).

>> Controlla il listino e le offerte di VHosting

Bluehost

Bluehost: pannello di controllo

 

Tra i servizi di hosting web condiviso che è possibile utilizzare per Drupal segnaliamo anche Bluehost, che fornisce pacchetti pluriennali molto convenienti che includono siti illimitati, spazio storage SSD illimitato, tema personalizzato, un dominio personalizzato gratuito (per il primo anno), CDN inclusa, certificato SSL gratuito, Microsoft 365 gratis per 30 giorni e backup automatici.

Il pacchetto raccomandato per Drupal è CHOICE PLUS, disponibile a 5.93 € al mese (IVA esclusa); per chi vuole risparmiare può puntare sul pacchetto BASIC da 3,37 € al mese (IVA esclusa), mentre per chi vuole sempre il meglio può puntare sul pacchetto PRO da 11.90 € al mese (sempre IVA esclusa).

>> Controlla le offerte sul sito di Bluehost

Netsons

Netsons

Altro servizio di web hosting generico che è possibile utilizzare anche per Drupal è Netsons, che fornisce numerosi pacchetti tra cui scegliere e presenta caratteristiche adatte a qualsiasi tipo di sito: certificato SSL gratuito, un dominio personalizzato incluso, almeno 10 GB di spazio web, almeno 5 caselle email, supporto ai database MariaDB/MySQL, sistema antivirus e antispam.

Il pacchetto più economico è Hosting Web 10, disponibile a 2,20 € al mese (IVA esclusa); se cerchiamo un buon compromesso è possibile puntare sul pacchetto Hosting Web 100 a 3,10 € al mese (IVA esclusa), mentre se cerchiamo il massimo delle performance è possibile sottoscrivere Hosting Web 500 e Hosting Web 1000, disponibili rispettivamente a 6,84 € al mese e 12,93 € al mese (IVA esclusa).

>> Verifica i prezzi dei pacchetti Hosting di Netsons

Hosting Drupal? Gli aspetti da valutare

Prima di scegliere uno dei servizi visti in alto assicuriamoci di dare il giusto peso alle caratteristiche dell’hosting, così da evitare amare sorprese in un secondo momento, evitare problemi nella configurazione del sito e poter gestire il sito Drupal senza ripercussioni dal punto di vista delle visite e dei contenuti sponsorizzati che vogliamo piazzare sulla SERP di Google (che spesso risente anche della configurazione del sito e delle performance di cui disponiamo).

Performance

Lato performance  il web hosting scelto deve disporre di uno spazio storage basato su SSD o meglio ancora su M.2 NVMe, così da poter garantire la massima velocità nella scrittura e nella lettura del database su cui il sito si baserà.

La scelta di un hosting web condiviso abbasserà il prezzo finale e permetterà di scalare velocemente in caso di aumento delle visite al sito, ma limiterà il quantitativo di RAM e di vCPU a disposizione; puntando invece su soluzioni VPS o hosting dedicati avremo fin da subito un quantitativo di risorse hardware ingenti ad un costo decisamente superiore (almeno 50€ all’anno).

Sicurezza

La sicurezza è un aspetto molto importante per la scelta di hosting Drupal. I cardini della sicurezza per un sito moderno sono: sistema anti-DDoS (a volte indispensabile per rendere fruibile il sito senza problemi), un sistema anti-brute force (per impedire gli attacchi degli hacker) e, se prevediamo di gestire anche delle credenziali d’accesso e dei sistemi di pagamento elettronici, cifratura totale delle connessioni e dei database che ospitano dati sensibili.

Spesso alcune opzioni di sicurezza vengono offerte solo come aggiunte all’abbonamento principale: il consiglio che vi possiamo dare è di attivare più opzioni di sicurezza possibile, così da prevenire ogni possibile problema quando le visite del sito diventeranno consistenti.

Risorse

Le risorse dedicate all’hosting Drupal possono essere condivise, semidedicate, dedicate e VPS. La scelta delle risorse impegnate va di pari passo con l’esigenza delle performance richieste e la prospettiva di crescita del sito, quindi conviene programma con largo anticipo la quantità di risorse da impegnare per evitare di dover spendere subito troppo per scalare le risorse.

Per chi inizia a creare un nuovo sito web l’hosting condiviso è la giusta scelta, economica e facilmente scalabile; chi invece ha già un sito e vuole spostarlo su un hosting ottimizzato per Drupal conviene scegliere fin da subito le semidedicate o le dedicate, così da reggere il carico di utenti standard e supportare anche le nuove visite. Per chi realizza dei server aziendali o ha un sito con milioni di visite al mese la scelta più saggia è la VPS (o Server Privato Virtuale), così da avere tutte le risorse necessarie per gestire grandi siti o piattaforme aziendali.

Facilità di gestione

Gestire un sito web complesso non è mai semplice, ma l’hosting web deve fornire comunque dei validi strumenti per rendere semplice operazioni comuni come l’accesso FTP, l’accesso SSH e la gestione dei database. Con Drupal il problema non si pone visto che di natura si presenta come CMS molto semplice da gestire anche con dei semplici copia e incolla o con l’aggiunta dei moduli di servizio.

Cosa da non sottovalutare è la facilità del trasferimento del sito: se abbiamo già un sito su un altro sito di hosting e vogliamo passare ad uno dei servizi visti in alto è necessario sfruttare il più possibile strumenti automatizzati, così da poter portare il database, i contenuti e le personalizzazioni di Drupal in pochi passi, senza perdere nessun contenuto web durante il trasferimento.

Backup

Altro aspetto molto importante nel web hosting in generale è il backup: anche se i servizi di hosting tendono ad essere molto affidabili è necessario disporre di un sistema di backup giornaliero, così da poter ripristinare velocemente il sito in caso di problemi o di disastri al datacenter dell’hosting.

Da questo punto di vista conviene puntare solo sui servizi di hosting che conservano i backup dei siti su un datacenter diverso da quello su cui gira il sito web Drupal, così da poter prevenire qualsiasi incidente ed evitare la perdita irrimediabile del sito. Per i più scrupolosi conviene sempre salvare il database e il CMS Drupal su un backup separato rispetto a quello fornito dall’hosting.

Assistenza

Anche l’assistenza vuole la sua parte nella scelta di un buon servizio di hosting: non c’è nulla di peggio nell’avere un problema con il sito e non riuscire a risolverlo nel giro di pochi minuti, perdendo quindi visualizzazioni, utenti e soprattutto soldi!

Tutti i servizi di hosting citati in alto dispongono dell’assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7 tramite sistema ticket dedicato o tramite email; i più esigenti possono puntare anche sull’assistenza telefonica o via diretta Skype, ma in questo caso gli orari d’accesso sono quelli tipici dell’ufficio (dalle ore 9 alle ore 18) e non sempre sono disponibili tutti i giorni della settimana.

Upgrade

Lato aggiornamenti tutti i servizi di hosting dedicati a Drupal permettono di aggiornare automaticamente il CMS, le componenti principali, i moduli e anche gli altri elementi fondamentali per il funzionamento del sito (come per esempio PHP e Apache).

Se notiamo un boom delle visite del sito è necessario poter scalare velocemente verso risorse più performanti, attivabili con un semplice clic del mouse o tramite assistenza: in questo modo sarà possibile applicare gli upgrade anche per le risorse dedicate al sito e supportare la crescita del sito.

Prezzo

Uno degli aspetti più importanti per i proprietari di un sito web basato su Drupal è il prezzo del servizio di hosting, che deve essere adeguato alle caratteristiche fornite ed essere facilmente ammortizzabile dal numero di visite e dai prodotti messi in vendita sul sito.

Chi crea il primo sito con Drupal conviene puntare sulle soluzioni con prezzi inferiori ai 10 € al mese, così da poter spendere il minimo indispensabile per tenere su il sito e programmare la sua crescita futura; se il sito è ben avviato possiamo puntare su soluzioni mensili comprese tra i 10 e i 20 € o puntare subito sulle offerte in abbonamento annuali (spesso con sconti biennali o triennali), con costi in media sui 50 € all’anno (prezzo più che ragionevole). Le soluzioni dedicate o le VPS costano davvero molto ma offrono prestazioni uniche, quindi conviene prenderle in esame solo se abbiamo un sito ben avviato o intendiamo utilizzare l’hosting per un sito aziendale.

Riepilogo e conclusioni

Scegliere un buon hosting Drupal è tutto sommato molto semplice, visto che praticamente tutti i servizi citati nell’articolo forniscono numerosi strumenti per iniziare subito a lavorare sul sito e gestire anche siti ben avviati e  migrati su hosting più stabili e veloci. Allo stato attuale non esiste un hosting migliore dell’altro, visto che tutti presentano dei pregi e dei difetti: sta a noi scegliere quello più adatto, basandoci sulle indicazioni fornite nella guida e scegliendo non solo in base al prezzo, ma anche in base alle performance offerte, al sistema di backup fornito (che deve essere adeguato!), alla facilità d’uso di tutti gli strumenti forniti e alla scalabilità delle risorse assegnate dall’hosting (aspetto da non sottovalutare se programmiamo di aumentare il numero di visite e di contenuti pubblici disponibili sul web).

I primi hosting segnalati dispongono di ottimizzazioni specifiche per Drupal, facilitando tantissimo il compito durante la configurazione iniziale, la scelta dei moduli da utilizzare e l’avvio dei primi contenuti web pubblici; accanto agli hosting ottimizzati per Drupal è possibile trovare anche degli hosting web generici, che offrono ottime risorse per poter gestire qualsiasi tipo di CMS senza problemi (ovviamente è richiesto un livello d’esperienza superiore, visto che dovremo configurare a mano tutto).

Gli utenti alle prime armi con i siti web e con Drupal conviene puntare su hosting economici con risorse condivise, un dominio personalizzato gratuito e sistemi di creazione dei siti semplificati (SiteBuilder o simili), così da poter tirare su un bel sito con conoscenze informatiche e di programmazione minime; per gli utenti più esperti o per gli amministratori web di lungo corso conviene puntare invece su server semidedicati, server dedicati o su VPS, così da avere carta bianca per poter personalizzare ogni aspetto del sito (sia lato backend sia lato frontend), sfruttare al massimo Drupal per gli scopi prefissati, avere la quantità di risorse necessaria per gestire un gran numero di utenti e poter migrare anche un sito di grandi dimensioni senza troppi problemi di connessione (cosa comunque inevitabile per i trasferimenti di siti web attivi da molti anni).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 04 2021
Link copiato negli appunti