Navigazione in Incognito: Guida Completa ai Browser (Mac e PC)

Navigare in incognito: La Guida Completa per PC e Mac

Navigazione in incognito? Vediamo browser e strumenti per proteggere la propria privacy durante la navigazione sul web.
Navigare in incognito: La Guida Completa per PC e Mac
Navigazione in incognito? Vediamo browser e strumenti per proteggere la propria privacy durante la navigazione sul web.
Giuseppe Vanni
Pubblicato il 22 feb 2024 - Aggiornato il 24 apr 2024

La navigazione in incognito è sempre più usata per tutelare la propria privacy online. Tutti i principali browser come Chrome, Safari, Firefox e Microsoft Edge, dispongono di questa funzionalità per rendere private le attività e limitare la quantità di dati memorizzati sul dispositivo. Quando viene attivata infatti i browser non salvano la cronologia, i cookie e altre informazioni.

In questa guida troverai dei tutorial semplici ed efficaci per attivare la navigazione in incognito sia su PC (o Mac) che su smartphone.

Navigare in incognito ha molti vantaggi (che spiegheremo nel dettaglio) ma non garantisce un anonimato completo, se questo è l’obiettivo bisogna considerare strumenti aggiuntivi come VPN o antivirus con funzioni di privacy. Abbiamo individuato i migliori prodotti adatti allo scopo.

Con una combinazione di conoscenza tecnica e buone pratiche, potrai sfruttare al meglio questa funzionalità e proteggere la tua privacy online.

Le migliori offerte VPN del mese

La navigazione in incognito è una modalità da attivare quando si vuole usare internet anonimamente, senza essere intercettati o lasciare traccia delle proprie attività.

Generalmente si usa questo termine per indicare la funzionalità presente nei browser che crea una sessione di navigazione separata e temporanea.

Attivando la modalità di navigazione in incognito si ottiene:

  1. Maggiore privacy: il browser non memorizza la cronologia di navigazione o i dati di ricerca;
  2. Nessun salvataggio dei cookie, che vengono eliminati al termine di ogni sessione e non vengono sfruttati da terze parti per la profilazione;
  3. Nessun salvataggio della cache.

Tutto questo si traduce in benefici concreti, ad esempio le proprie informazioni non vengono utilizzate a fini di marketing, non si ricevono annunci personalizzati e si può risparmiare sugli acquisti online.

La modalità in incognito dei browser nasconde diverse informazioni ma non garantisce un anonimato completo, per nascondere al 100% le proprie attività si devono abbinare delle protezioni aggiuntive come le virtual private network (o VPN) che riescono a mascherare anche l’indirizzo IP.

 

Differenza tra navigazione in incognito e navigazione anonima

Come anticipato, navigazione in incognito non è sinonimo di navigazione anonima.

La navigazione in incognito (o “modalità di navigazione privata” come è indicata in alcuni browser) è una funzione dei browser che crea una sessione di navigazione separata e temporanea che non registra dati di ricerca o cookie. Questa modalità però non nasconde le tue attività in maniera totale perché i provider di servizi internet o i siti web visitati possono comunque monitorare quello che fai.

Quando parliamo, invece, di navigazione anonima ci riferiamo a un livello più elevato di privacy. In cui, ad esempio, vengono mascherati anche gli indirizzi IP che i provider di servizi internet o i siti difficilmente riescono a rintracciare.

Con la navigazione in incognito intendiamo l’insieme delle tecnologie orientate alla privacy dell’intero dispositivo o dell’intera rete, usando due o più software dedicati allo scopo.

 

Tutti i modi per navigare in incognito

Per navigare in incognito da qualsiasi dispositivo (che sia un laptop o uno smartphone) è possibile utilizzare uno dei seguenti modi, tutti con pro e contro:

  • Navigazione anonima del browser: ovvero la protezione di base, fornita dal browser attivando la modalità specifica. Non fa salvare la cronologia e i cookie di navigazione, ma non cifra la connessione in entrata e in uscita ed espone comunque l’indirizzo IP della linea in uso.
  • Virtual Private Network (VPN): il metodo più efficace per ottenere una vera navigazione in incognito. Questo strumento crea un tunnel cifrato tra il dispositivo e il server scelto, nascondendo il traffico di rete dietro un indirizzo IP fittizio non associabile a nessun altro utente (cosa che rende ogni navigazione senza traccia).
  • Server proxy web: un server proxy funziona come un filtro tra la connessione di rete e il sito web che si sta visitando, fornendo un indirizzo IP fittizio. Meno efficace del sistema VPN e spesso anche più lento, ma resta ancora adesso uno dei metodi più utilizzati per navigare in incognito.
  • Rete Tor: si tratta di una rete di computer che partecipano su base volontaria che cifra la connessione su numerosi “rimbalzi” prima di arrivare al sito o al servizio richiesto. La connessione alla rete Tor è sicura ma i numerosi rimbalzi (casuali) non permettono di ottenere una buona velocità di connessione.

In generale abbinando la funzione navigazione anonima dei browser e una VPN si ottiene un ottimo livello di privacy e anonimato.

 

Attivare navigazione in incognito da PC o Mac

Vediamo ora dei brevi ed essenziali tutorial per attivare la navigazione in incognito con principali browser, sia per i PC e Mac che per gli smartphone. Questa procedura è il primo passo per ottenere immediatamente un po’ di privacy online.

Google Chrome

navigazione in incognito google chrome

Per iniziare va visto subito Google Chrome, senza dubbio tra le piattaforme più popolari sia su Mac che su computer Windows. Per abilitare la suddetta modalità basterà semplicemente avviare il programma, cliccare sull’icona con tre puntini presente in alto a destra e subito dopo scegliere la voce “Nuova finestra di navigazione in incognito”.

Una buona scorciatoia da tastiera da tenere sempre in mente è CTRL+MAIUSC+N, che attiva subito la modalità anonima sul browser senza dover passare dal menu delle impostazioni.

Apple Safari

Safari è invece il browser più utilizzato su Mac. Proprio per questo motivo, vedremo solo i passaggi necessari da seguire sui computer di casa Apple. Bisognerà prima di tutto avviare il browser, subito dopo cliccare sulla voce “File” in alto a sinistra nella barra dei menu e continuare con “Nuova finestra privata”.

Mozilla Firefox

navigazione privata mozilla firefox

Dopo aver aperto Firefox, fai clic sull’icona a forma di tre linee orizzontali nell’angolo in alto a destra della finestra del browser. Nel menu a tendina, seleziona “Nuova finestra privata”. Questo aprirà una nuova finestra di Firefox in modalità di navigazione in incognito.

La scorciatoia da tastiera è Ctrl+Shift+P per Windows e Shift+Cmd+P per Mac.

Microsoft Edge

come navigare in modalità in incognito con microsoft edge

Per attivare la navigazione in incognito su Microsoft Edge bisogna aprire il browser e cliccare sull’icona con i tre punti orizzontali nell’angolo in alto a destra della finestra. Il menù a tendina mostrerà l’opzione “Nuova finestra InPrivate”.

La scorciatoia da tastiera per PC è Ctrl+Shift+N, per Mac è Shift+Cmd+N.

Opera

Dopo aver avviato Opera dal desktop (dal dock per Mac) o sdalla cartella delle applicazioni, è sufficiente cliccare  sull’icona a forma di “O” nell’angolo in alto a sinistra della finestra del browser per visualizzare il menù a tendina. Da lì bisogna selezionare “Nuova finestra privata”.

I comandi da tastiera rimangono gli stessi visti per gli altri browser.

Con Opera si può attivare una virtual private network nativa con funzioni di base, sempre utile come sicurezza in più.

 

Attivare navigazione in incognito da cellulare

Anche sugli smartphone è possibile attivare la modalità di navigazione anonima, utilizzando sia i browser inclusi all’interno dei telefoni sia scaricando il browser preferito e cercando questa funzione tra quelle presenti. La procedura è molto simile per tutti i principali browser, per un tutorial completo leggi la guida sulla navigazione in incognito per smartphone.

In generale bisogna scaricare l’applicazione del browser preferito e attivare una nuova scheda in incognito cliccando sulle impostazioni della finestra (i famosi “tre puntini” in alto a destra).

 

Togliere la navigazione in incognito

Per togliere la navigazione in incognito sia da computer che da smartphone è sufficiente chiudere la finestra di navigazione e riaprire di nuovo il browser.

In alternativa si può modificare la modalità direttamente dalle Impostazioni del browser. Per Chrome ad esempio va selezionato nel menù a tendina “Privacy e sicurezza”, poi “Navigazione in incognito” e successivamente “Disabilita la navigazione in incognito”. A questo punto il browser disattiverà la funzione.

 

I browser più attenti alla privacy

Oltre a Safari, Chrome e ai browser citati in precedenza esistono alcune piattaforme meno conosciute, ma che possono vantare delle maggiori attenzioni in tema sicurezza e tutela dei dati personali. Molti utenti potrebbero quindi preferirli rispetto alle controparti più popolari.

Tor Browser

Tor Browser è un browser nato con l’intento di mettere in primo piano la sicurezza e la privacy dei suoi utenti. Oltre ad offrire, ovviamente, la navigazione in incognito, si preoccupa anche di bloccare tutti i plugin aggiuntivi e indesiderati, come Flash, RealPlayer, QuickTime e altri ancora, i quali potrebbero essere manipolati da alcuni siti per rivelare l’indirizzo IP del dispositivo.

Epic Browser

Epic è progettato con il codice sorgente di Chromium, lo stesso di Google Chrome e Microsoft Edge, ma pensato per garantire maggiore privacy per l’utente. Il suddetto browser risulterà sempre e costantemente in modalità privata e ogni volta che si uscirà dal programma, tutti i dati utilizzati verranno completamente eliminati.

SRWare Iron Browser

Anche Iron, come Epic, è basato sul codice sorgente di Chromium, e anche in questo caso, tutte le sue caratteristiche sono in ottica privacy e sicurezza. Questo tenderà infatti a rimuovere totalmente l’uso del monitoraggio, impedendo, ad esempio, a siti web come quello di Google di connettersi ai Server dell’azienda per utilizzare le informazioni di navigazione.

 

Quanto è sicura la navigazione in incognito?

La navigazione in incognito, se applicata con i giusti programmi o app, permette di ottenere un livello di privacy impareggiabile a livello domestico. Bisogna comunque considerare che non si tratta di una protezione assoluta.

Attivando la navigazione in incognito sul tuo browser puoi proteggere la tua privacy locale, ad esempio chi usa il tuo stesso dispositivo non può visualizzare la cronologia di ricerca. Questa inaccessibilità non è garantita quando si tratta dei fornitori della connessione Internet o certi siti web.

La navigazione in incognito non sempre riesce a bloccare il tracciamento delle informazioni personali (quelle utilizzate a scopi di marketing), e anche la posizione geografica può essere rintracciata in maniera approssimativa.

Infine, questa modalità non protegge da eventuali file dannosi scaricati: con la navigazione in incognito i dispositivi rimangono vulnerabili da potenziali minacce.

Per una protezione completa bisogna affidarsi a strumenti aggiuntivi come le virtual private network, di cui approfondiremo il funzionamento nel prossimo paragrafo.

 

Per tutelare realmente la propria privacy online, insieme alla modalità in incognito è necessario scegliere da subito un buon servizio VPN.

Questi strumenti creano una connessione cifrata (con le più potenti crittografie) tra il proprio tra traffico Internet e i loro server. In altre parole, il traffico viene oscurato e reso non rintracciabile da terzi. La connessione è quindi protetta da i provider di servizi internet, i siti web o gli hacker pronti ad intercettare i dati.

Con una VPN viene cambiato il proprio indirizzo IP originario, sostituito con uno proveniente dai server utilizzati e posizionati in diverse aree geografiche. In questo modo sembrerà che la tua connessione Internet arrivi, ad esempio, dagli Stati Uniti invece che dall’Italia.

Esistono diverse reti virtuali private in commercio, abbiamo selezionato le migliori in questa guida. Qui puoi trovare una recensione veloce della nostra top 3.

NordVPN

NordVPN

🌍 Server: 6300+ server in 111 paesi

📱 Massimo dispositivi: 10

📍 IP dedicato: ✔

🆓 Versione Free: Garanzia rimborso di 30 giorni

💻 Compatibilità: Windows, macOS, Android, iOS

🔐 Sicurezza: IKEv2/IPsec, OpenVPN, NordLynx

👨‍💻 Assistenza 24/7: ✔

🏢 Sede legale: Panama

🔥 Offerte attive: SCONTO fino al 63%

NordVPN si distingue per: libertà di navigazione, sicurezza online, connessione cifrata e sicura, certificazione no-log (ovvero si impegna a non registrare o conservare informazioni personali) e protezione contro annunci pubblicitari e tracker.

Gli abbonamenti partono da 3,69€ al mese con un piano biennale.

 

Surfshark

Surfshark VPN

🌍 Server: 3200+ in 100 paesi

📱 Massimo dispositivi: illimitati

🆓 Versione Free: Garanzia rimborso di 30 giorni

💻 Compatibilità: Windows, macOS, Android, iOS

🔐 Sicurezza: OpenVPN, IKEv2, Shadowsocks, Wireguard e L2TP

👨‍💻 Assistenza 24/7: ✔

🏢 Sede legale: Isole Vergini britanniche

🔥 Offerte attive: SCONTO fino all’82% + 4 mesi gratis 🔥

Altro servizio VPN che è possibile utilizzare su PC e su dispositivi mobile è SurfShark. Anche in questo caso possiamo contare su protocolli di sicurezza e crittografia di alto livello (WireGuard), nonché sulla certificazione no-log. Il servizio ha un ottimo rapporto qualità-prezzo e con un solo abbonamento può essere installato su un numero infinito di dispositivi.

Prezzi da 2,29€ al mese con piano di 2 anni.

 

Gli antivirus che integrano la protezione per la navigazione

Con l’evoluzione della tecnologia, cresce anche la pericolosità dei malware e dei virus. Proprio per questo motivo per proteggere la navigazione non solo dal punto di vista della privacy ma anche contro le minacce informatiche, è bene installare uno dei migliori antivirus.

Un malware ben sviluppato potrebbe infatti riuscire ad intrufolarsi all’interno di un dispositivo e possedere un software pensato proprio per evitare che ciò accada potrebbe risultare la risposta definitiva.

Gli antivirus spesso integrano anche funzioni per la navigazione anonima, ecco tre opzioni scelte per la loro efficacia e protezione.

Norton

Norton 360

Massimo dispositivi: 10

Versione Free: prova gratuita di 30 giorni

Sistemi Operativi: Windows, macOS, Android, iOS

Dark Web Monitoring: ✔

Protezione minori: ✔

VPN: ✔

Offerte attive: SCONTO fino al 66% (per il primo anno) 🔥

Norton 360 è indubbiamente l’antivirus più utilizzato e richiesto e probabilmente anche quello più consigliato per la protezione di computer.

Questo infatti, oltre a garantire tutte le caratteristiche necessarie per evitare che il dispositivo utilizzato si infetti, dispone di due opzioni utili per la privacy online: una VPN avanzata e anche un servizio di protezione per le Webcam installate sul PC.

 

Kaspersky

Kaspersky Antivirus

💻 Sistemi Operativi: Windows, MacOS, Android, iOS

🌍 VPN: ✔

🛡️ Firewall: ✔

📨 Scansione Mail: ✔

📷 Protezione Webcam: ✔

🔑 Password Manager: ✔

👦 Parental Control: ✔

📲 Numero Dispositivi: 1-10

💰 Versione Free: ✔

🔥 Offerte attive: SCONTO fino al 60%

Anche Kaspersky propone un’ottima suite di sicurezza per difendersi dai malware, dai ransomware e dagli attacchi informatici, grazie a svariati strumenti per proteggere la navigazione online.

A spiccare sono le caratteristiche offerte dalla Kasperky VPN Secure Connection, la quale offrirà ad un account utente e fino a 5 dispositivi in simultanea, privacy, sicurezza e libertà di navigazione tramite i tantissimi server a disposizione in tutto il mondo.

 

Panda antivirus

Panda Antivirus

💻 Sistemi Operativi: Windows, MacOS

🌍 VPN: ✔

🛡️ Firewall: ✔

📨 Scansione Mail: ✔

📷 Protezione Webcam: ❌

🔑 Password Manager: ✔

👦 Parental Control: ✔

📲 Numero Dispositivi: illimitati

💰 Versione Free: ✔

🔥 Offerte attive: SCONTO fino al 50%

Anche la versione Essential di Panda Antivirus dispone di tutte le caratteristiche essenziali per migliorare la privacy e la sicurezza online, grazie soprattutto alla VPN compresa nel pacchetto e ad una scansione continua delle reti Wireless in cerca di possibili attacchi informatici.

 

Altri consigli per la navigazione anonima

Oltre a usare gli strumenti di privacy che possono rendere le tue ricerche private, come la modalità “navigazione in incognito” o le VPN, puoi seguire alcuni consigli extra:

  1. Disabilita i cookie di tracciamento o utilizza estensioni che li bloccano.
  2. Evita di effettuare accessi o fornire informazioni personali: se navighi in modo anonimo, è bene non effettuare accessi ad applicazioni o siti. O, in generale, fornire dati sensibili.
  3. Mantieni i software aggiornati: sistema operativo, browser e applicazioni vanno sempre aggiornati con le ultime patch di sicurezza, che possono proteggere da eventuali vulnerabilità.
  4. Disattiva plugin o estensioni che possono raccogliere dati sulle attività online e condividerli con terze parti.
  5. Usa motori di ricerca o sistemi operativi incentrati alla privacy.
  6. Fai sempre attenzione ai siti web che visiti, è sempre meglio evitare quelli non sicuri o sospetti che potrebbero nascondere minacce e sottrare i tuoi dati sensibili.
  7. Proteggi la rete Wi-Fi da possibili intercettazioni (tramite VPN), sia quando ti connetti a una pubblica che quando sei collegato a quella di casa. Alcune virtual private network possono essere installate anche sui router.
  8. Usa un dispositivo separato per la navigazione anonima, ovvero un device che non contiene dati sensibili o privati.

 

Considerazioni conclusive

La navigazione anonima dei browser non è sufficiente per poter garantire la privacy degli utenti durante la navigazione. Sono gli stessi browser a mettere in guardia dai rischi che si corrono ad affidarsi solo a questo sistema, considerando che l’indirizzo IP resta comunque esposto e qualsiasi richiesta di connessione può essere registrata dal provider o da altri enti.

A un ottimo browser con modalità di navigazione anonima è possibile affiancare quindi una virtual private network, scegliendo tra quelle premium citate in questa guida.

Domande frequenti sulla navigazione anonima

Le VPN permettono di navigare totalmente in incognito?

I servizi di VPN consentono di mascherare completamente il proprio indirizzo IP, così da garantire un anonimato pressoché completo. Ma per evitare anche i cookie e la cronologia è consigliato utilizzare anche la navigazione in incognito.

Come attivare la modalità incognito sul telefono?

Per attivare la modalità incognito sul telefono è sufficiente utilizzare la modalità in incognito inclusa nei browser moderni (Chrome o Safari) e abbinarci un’app di connessione VPN. 

Usando questi due metodi il traffico Internet risulterà totalmente anonimo, i siti otterranno solo un indirizzo IP fittizio e nessuno potrà mai sapere quali siti o quali servizi si utilizzano durante la navigazione dal telefono, sia in Wi-Fi che su rete dati cellulare.

Chi vede le mie ricerche in incognito?

Se si attiva solo la modalità anonima senza VPN le ricerche in incognito possono essere spiate dal motore di ricerca, dal provider Internet, dai siti web e dai malintenzionati.

Se si attiva la modalità anonima e la VPN sulla connessione in uso, le ricerche non potranno essere indicizzate o monitorate anche dai motori di ricerca più famosi, ottenendo solo dati anonimi su chi effettua le ricerche.

Come navigare in incognito su LinkedIn?

Per navigare in incognito su LinkedIn basterà avviare la modalità anonima del browser, avviare una VPN e accedere al sito o al profilo desiderato. Va ricordato che non sempre il profilo è visibile in modalità anonima, essendoci delle opzioni del social che impediscono la visualizzazione senza aver effettuato l’accesso, sbloccando solo una visualizzazione parziale del profilo e della pagina. In ogni caso non si lasceranno tracce del proprio passaggio, anche su un social che tiene traccia di ogni interazione con le pagine e con in profili (come appunto LinkedIn).

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.