Modalità incognito del browser: è davvero privata?

Modalità incognito del browser: è davvero privata?

Spesso utilizziamo la modalità di navigazione in incognito del browser con la convinzione che la privacy sia preservata: ma è davvero così?
Spesso utilizziamo la modalità di navigazione in incognito del browser con la convinzione che la privacy sia preservata: ma è davvero così?

Un pensiero molto comune è quello di credere che la modalità di navigazione in incognito del browser sia privata, immune al tracciamento online. Ma è davvero così? In questo articolo parleremo di privacy e non solo: scopriamo, insieme al team di Atlas VPN, come difenderci realmente dalle minacce e come evitare che le nostre attività online vengano tracciate dai siti web attraverso tracker o i più semplici cookie.

La navigazione in incognito è davvero più privata?

La risposta è… . Secondo il team di Atlas VPN, infatti, la privacy della modalità incognito è piuttosto discutibile, poiché permetterebbe alle attività di tracciare ugualmente il comportamento dell’utente attraverso un attento monitoraggio con strumenti di analisi o annunci. È vero che la cronologia non viene salvata nel browser, ma i dati di navigazione non spariscono per sempre e possono essere recuperati tramite DNS. Inoltre, tutta questa presunta privacy sparisce nel momento in cui viene effettuato l’accesso tramite credenziali a un sito web.

Perciò è corretto affermare che la modalità in incognito funziona principalmente contro le violazioni della privacy quando vi è un accesso fisico alla cronologia del browser, come in caso di familiari o conviventi che condividono lo stesso PC. Ciò non significa, però, che le aziende non potranno più trovarti online.

incognito browser

Come proteggersi online?

Ma se la navigazione in incognito non è realmente privata, è possibile proteggere ugualmente la propria privacy online? Fortunatamente, sì: ecco cosa puoi fare per “sparire” agli occhi del tracciamento via web:

  • Utilizza un browser più privato, dotato di protezioni integrate contro il tracciamento o cookie;
  • Prova un nuovo motore di ricerca: Google raccoglie le query di ricerca per personalizzare la tua esperienza, ma ci sono alcune alternative che mantengono un certo livello di privacy;
  • Riduci al minimo le estensioni, che potrebbero aiutare ad identificare il tuo dispositivo;
  • Leggi i pop-up dei cookie e accetta solamente quelli necessari;
  • Connettiti a una VPN prima di accedere a Internet. Una VPN può migliorare la tua esperienza in rete e portarla a un livello superiore: il suo scopo è infatti quello di crittografare il traffico attraverso un tunnel virtuale. Nemmeno il tuo provider dei servizi sarà in grado di vedere che cosa fai online. Inoltre, una VPN è in grado di mascherare il tuo indirizzo IP, in modo tale che i siti web non possano riconoscerti.

Se il tuo obiettivo è quello di ottenere il massimo della privacy, ti consigliamo Atlas VPN: uno dei servizi VPN più economici e dal miglior rapporto qualità/prezzo. Coloro che sottoscriveranno un abbonamento – il più conveniente al momento è il piano biennale a soli 1,81 euro al mese – potranno accedere a oltre 750 server ad alta velocità, beneficiando di protocolli di sicurezza WireGuard e IKev2/IPSec abbinati a crittografia AES-256. L’offerta include, inoltre, garanzia soddisfatti o rimborsati entro 30 giorni dall’acquisto. Maggiori informazioni su funzionalità e modalità di acquisto sono disponibili a questo link.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 4 ott 2022
Link copiato negli appunti